E-mail   Password        Password dimenticata? Come ordinare   Trova la tua Libreria-Point   Registrati    Contatti   Privacy Policy
 
     
> Ricerca avanzata Borsa della spesa Visualizza
 
intervista. I 70 italiani che resteranno (L')   € 19,50
 
  Aldo Cazzullo
       
 
ISBN   9788804675143
     
Editore   Mondadori
     
Genere   Studi culturali (Cultural studies)
     
Pubblicazione   2017
     
Disponibilità   In commercio, di facile reperibilità

Cerca la libreria più vicino a casa!
Digita la città o la sigla della tua provincia.
  Francesco Cossiga racconta i segreti del caso Moro, e Vasco Rossi la sua esperienza con la droga e il carcere. Silvio Berlusconi si confessa nel giorno in cui lascia per sempre Palazzo Chigi, e Andrea Bocelli confida i suoi amori. Sandro Mazzola rivela le combine ai Mondiali del 1970 e del 1974, e Gianni Rivera dice di essere stato juventino e amico di Brera. Dalla ventenne Bebe Vio, che vince la medaglia d'oro paraolimpica con le sue braccia e gambe nuove, a Rita Levi Montalcini, intervistata il giorno del suo centesimo compleanno, Aldo Cazzullo costruisce una straordinaria galleria dei personaggi che hanno fatto la storia degli ultimi trent'anni. Dall'intervista rubata a Giulio Andreotti quand'era ancora al potere sino all'esilarante chiacchierata con Checco Zalone, si alternano sulla scena capi di Stato e uomini di spettacolo, Bill Gates e Renato Zero, Mario Vargas Llosa e Laura Pausini. Renzo Arbore e Pippo Baudo vanno insieme da Padre Pio che li tratta malissimo, Paolo Sorrentino rievoca per la prima volta l'incidente in cui morirono i genitori; Andrea Camilleri viene portato in trionfo dalla rete per il suo No al referendum, mentre Massimo Bottura subisce un linciaggio digitale; Edgardo Sogno rivela di aver davvero preparato un colpo di Stato, Dino Zoff invita la Juve a rinunciare agli scudetti di Moggi; Ennio Morricone sente scoppiare la bomba di via Rasella, Alessandro Gassman rivendica le sue radici ebraiche; Bettino Craxi dice di voler morire ed essere sepolto in Tunisia, Umberto Bossi torna in campo dopo l'ictus; Dolce&Gabbana spiegano come hanno raccontato ai genitori di essere gay, Renato Vallanzasca come è sopravvissuto alle botte dei secondini; Piercamillo Davigo lamenta che i politici non hanno smesso di rubare ma solo di vergognarsi, Giuliano Pisapia denuncia le torture ai no global di Genova; Franca Valeri racconta come ha beffato i nazisti, J-Ax come ha sconfitto la cocaina. Parlano grandi vecchi riservatissimi come Giovanni Bazoli e Gianluigi Gabetti, e blogger adolescenti da due milioni di seguaci; Beppe Grillo gocciolante dopo la traversata a nuoto dello Stretto, e gli eterni duellanti della sinistra italiana, demoliti da Francesco De Gregori; e poi Riccardo Muti e Renzo Piano, Paolo Conte e Paolo Poli, Carlo De Benedetti e John Elkann, Romiti e il cardinal Martini, Celentano e Jovanotti...
       
Recensione a cura di: IL COMPASSO I libri di Aldo Cazzullo sono piuttosto letti perché sono scritti piuttosto bene. Si tende spesso a sorvolare su questo aspetto essenziale. Esistono autori che scrivono in modo algido e oscuro per la loro combriccola di iniziati. Non arrivano al pubblico perché non ne sono capaci o perché lo disprezzano (forse non ne sono capaci perché lo disprezzano). Cazzullo invece ama i lettori, e si sente. Li ama in quel suo modo generoso e bulimico di affrontare la vita, che lo porta a fare mille cose tutte insieme, agitato dal sospetto che le altre novecentonovantanove siano decisamente più interessanti di quella che sta facendo in questo momento. La raccolta di interviste apparse negli anni su «La Stampa», «Corriere della Sera» e su «Sette», ora in libreria, è un’autobiografia mascherata. L’intervista, come Cazzullo spiega nella prefazione, rimane un genere balordo, difficilissimo. L’intervistatore deve scomparire per mettere al centro della scena l’intervistato. E poiché l’ego di un intervistatore che si rispetti è sempre piuttosto sviluppato, non vi sfuggirà l’entità dell’impresa. Di più: l’intervistatore è una specie di Socrate, chiamato a estrarre dall’altro quello che l’altro non vorrebbe mai dirgli e che spesso ignora persino di ricordare. Però non può permettersi né il tempo né l’insolenza del filosofo ateniese. Ha bisogno di trovare rapidamente una chiave di accesso per penetrare la corazza dell’intervistato. Per indurlo a fidarsi e, fidandosi, ad aprirsi. M.Gramellini
 
 
 
 
Aldo Cazzullo

Donne erediteranno la terra. Il nostro sarà il secolo del sorpasso (Le)


Mondadori
2017

€ 13,50

In commercio, di facile reperibilità
 
 
Aldo Cazzullo,Rossana Cazzullo Maletto,Francesco Cazzullo Maletto

Metti via quel cellulare. Un papà. Due figli. Una rivoluzione


Mondadori
2017

€ 17,00

In commercio, di facile reperibilità
 
 
Aldo Cazzullo

Possa il mio sangue servire. Uomini e donne della Resistenza


Rizzoli
2016

€ 9,90

Attualmente non disponibile
 
 
Aldo Cazzullo

donne erediteranno la terra. Il nostro sarà il secolo del sorpasso (Le)


Mondadori
2016

€ 17,00

In commercio, di facile reperibilità