E-mail   Password        Password dimenticata? Come ordinare   Trova la tua Libreria-Point   Registrati    Contatti   Privacy Policy
 
     
> Ricerca avanzata Borsa della spesa Visualizza
 
Animali domestici   € 15,00
 
  Bragi Ólafsson,Bragi Ólafsson
       
 
ISBN   9788897462415
     
Editore   La Linea (Bologna)
   
Collana   Tam tam ### Tam tam
     
Traduttore   S. Cosimini,S. Cosimini
     
Genere   Romanzi e Letterature
     
Pubblicazione   2013
     
Disponibilità   In commercio, reperibilità non immediata

Cerca la libreria pił vicino a casa!
Digita la cittą o la sigla della tua provincia.
  Dopo una vincita alla lotteria e un viaggio a Londra per spendere buona parte del denaro in musica, libri e film, Emil torna a Reykjavķk con un unico desiderio: ascoltare finalmente i suoi cd, rivedere gli amici e rilassarsi. Č risaputo, perņ, che il destino ama farsi beffe dei modesti sogni di tranquilla e appartata quotidianitą degli uomini, e con Emil si accanisce in modo particolare. Nelle poche ore spese fra il viaggio aereo e il rientro a casa, alcuni incontri fanno deragliare bruscamente il suo programma. Come in una commedia beckettiana, in breve la casa si trasforma in teatro di una singolare festa e il giovane islandese č indotto, suo malgrado, a trasformarsi in invisibile ospite di una serie di bizzarri personaggi, tra cui uno squinternato linguista, un invadente ex compagno di viaggio e una bionda tutta pepe. Ognuno di loro si carica di un significato che Emil non č in grado di far suo, ma che pure percepisce, e che sa provenire da un repertorio che tocca il suo passato personale, i suoi gusti letterari e musicali e i suoi timori profondi. Da quest'orda umana Emil č messo all'angolo e ricacciato nel posto pił impensabile: per raccontare la sua inabilitą alla vita gli resta solo la voce.
       
Recensione a cura di: La Linea Dovessi consigliare un libro fra quelli usciti in questi mesi avrei davvero pochi dubbi a raccomandare la lettura di questo delizioso e per molti versi sorprendente romanzo. (Ignazio Gulotta, "Distorsioni")