Collana Attese - Ultime novità | P. 3

66thand2nd: Attese

I mastini di Dallas

di Peter Gent

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2013

pagine: 382

Ogni mattina Phil Elliott si sveglia con le narici piene di sangue e le giunture bloccate dall'artrite. Phil ha le "migliori mani di tutta la Nfl", il corpo devastato dai placcaggi e il problema di riprendersi il posto da titolare nell'attacco dei North Dallas Bulls. Pur di giocare è disposto a convivere con "paura e dolore2, imbottirsi di codeina e fabbricarsi protezioni artigianali, più sottili della norma, in modo da recuperare la velocità che ha perso per via degli infortuni. Dopotutto il football è la sua vita. Ma il "vero divertimento" va in scena nell'attesa tra una partita e l'altra, con le groupie e i parassiti che circondano il club, le rivalità tra i giocatori, il braccio di ferro con i dirigenti, i postumi di un matrimonio fallito, le dosi di speed e mescalina per tirare avanti: un vortice di autodistruzione da cui Phil sembra poter fuggire solo grazie a Charlotte, una vedova di guerra incontrata per caso in uno dei deliranti festini della squadra. Percorso dalle canzoni di Bob Dylan e dei Rolling Stones e dal soffio libertario della controcultura, "I mastini di Dallas" racconta l'altra faccia dello sport, mettendo a nudo le logiche del business milionario dietro le carriere degli atleti. Nel mondo del football Gent proietta con effetti grotteschi - come fa DeLillo in "End Zone" - le paranoie e le distorsioni di quel "complesso tecnomilitare" che era l'America ai tempi del Vietnam.
18,00

The fan

di Peter Abrahams

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2012

pagine: 378

Qualcosa si è inceppato nella vita di Gil e Bobby. Il primo, piazzista di coltelli e grande appassionato di baseball, viene licenziato proprio quando l'attesa per la nuova stagione è finalmente giunta al termine; il secondo, ultimo ambito acquisto dei Sox, non riesce più a battere come faceva un tempo, vittima delle aspettative alle quali lo inchioda un contratto stellare. Per Gil, Bobby è un idolo del diamante, l'incarnazione del successo. Per Bobby, Gil è un signor nessuno, uno di quegli ammiratori senza volto che in cuor suo detesta. Le vite dei due uomini scorrono apparentemente distanti fino a quando Gil, caduto in un vortice di delirio e disperazione, comprende che la sorte di Bobby è nelle sue mani e che la rinascita del campione è anche la sua ultima possibilità di "avere il coltello dalla parte del manico". Un'occasione da sfruttare a qualsiasi prezzo. Pubblicato per la prima volta in Italia nel 1995 (L'idolo, Sperling & Kupfer) e portato sul grande schermo da Tony Scott e Robert De Niro, The fan - con la sua scrittura lacerante e sincopata appartiene alla tradizione del thriller compulsivo americano in cui si riversano la violenza, le ossessioni e le inquietudini della società statunitense.
17,00

Un gioco da grandi

di Benjamin Markovits

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2012

pagine: 306

Ben è alto quasi due metri, ha poco più di vent'anni e nella vita vorrebbe fare lo scrittore. A caccia di esperienze, lascia l'America e sbarca in Baviera, nella desolata cittadina di Landshut, per giocare a basket con la formazione locale degli Yogurt. Relegato in panchina, Ben divide il suo tempo tra gli allenamenti, l'attesa che precede le partite e le incursioni solitarie nel quartiere di Monaco dove una volta viveva il ramo ebraico della sua famiglia. E mentre gli altri giocatori si trasformano pian piano nei protagonisti della storia che anni dopo sarebbe diventata un libro - questo -, Ben conosce Anke, l'ex moglie di un compagno di squadra. È la scossa che cercava: per la prima volta è costretto a mettersi in gioco. In bilico tra narrativa e memoir, e immerso nell'atmosfera esaltante e transitoria dei campionati di provincia, "Un gioco da grandi" e il racconto dei tormenti di un ragazzo che non teme di misurarsi con la sconfitta, né di scoprire la distanza che separa i propri sogni dalla realtà delle cose.
16,00

Ho battuto Berlusconi! Racconto in due tempi (più supplementari e rigori)

di John G. Davies

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2012

pagine: 114

Origini cattoliche irlandesi, sposato con due figli, il duplicatore di chiavi Kenny Noonan è prima di tutto un tifoso del Liverpool, squadra dal glorioso passato segnato dalle tragedie sugli spalti. Vent'anni dopo la notte nera dell'Heysel, il Liverpool è di nuovo in finale di Champions League: questa volta l'avversario è il Milan, la stellare corazzata di Silvio Berlusconi. Per Kenny potrebbe essere l'ultima occasione di tornare bambino e così, nonostante i debiti e il terzo figlio in arrivo, si procura un biglietto e vola a Istanbul per la sfida decisiva. La sorte gli riserverà la rimonta più rocambolesca mai vista su un campo da calcio, nonché un incontro ravvicinato con il furibondo premier italiano. Basato sulla storia (forse) vera di un autentico tifoso dei Reds, "Ho battuto Berlusconi!" e un monologo che affonda le radici nell'anima ribelle di Liverpool, nella sua vasta e discriminata comunità irlandese, nel "declino manovrato" della città voluto dal governo Thatcher, nelle vite dei portuali e dei minatori che allo stadio hanno atteso a lungo una rivincita contro l'arroganza e i trasformismi del potere. Un racconto scoppiettante che passa sotto la lente d'ingrandimento dell'umorismo fatti e personaggi, non solo inglesi, degli ultimi trent'anni, dal neoliberismo alla guerra in Iraq.
10,00

Non c'è ritorno

di Jim Shepard

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2012

pagine: 244

Una squadra di spericolati alpinisti polacchi tenta la scalata invernale del Nanga Parbat. Il difensore Velibor Vasovic, figlio di partigiani jugoslavi, attraversa la cortina di ferro per unirsi all'Ajax di Cruyff, l'architetto del calcio totale. Alla vigilia della rivoluzione di Castro, tre americani squinternati vanno a giocare a baseball a Cuba. Un pilota di idrovolanti visita il fiordo di Lituya Bay, in Alaska, teatro del più violento tsunami della storia. Un piccolo e irrequieto campione di football vuole sapere dove si è nascosto suo padre. I fratelli Prushinsky rivivono la notte del disastro alla centrale nucleare di Chernobyl. Una galleria di personaggi tormentati, ingenui e orgogliosi, colti in uno stato di "perpetuo stupore" di fronte alla potenza della natura e alla difficoltà delle sfide che hanno scelto di affrontare, in attesa di una rivelazione non sempre possibile, e a volte neanche cercata. Postfazione di Eraldo Affinati.
16,00

Gli All-Star di Mosè

di Charley Rosen

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2012

pagine: 515

America, anni Trenta. Aaron, giocatore di basket in crisi con la moglie, decide di accettare la proposta di Leo, nei guai con gli scommettitori, e mettere su una squadra itinerante per una tournée che da New York li porterà fino a Los Angeles. Sono tempi duri e in ballo ci sono molti soldi, così all'impresa decidono di unirsi anche Brooks e Mitchell, gli amici di sempre, Ron, un rapinatore di banche, e i due "pivelli" Kevin e Saul. I sette giocatori - tutti ebrei, o quasi - si imbarcano su un carro funebre con una stella di David dipinta sulla fiancata e cominciano il loro viaggio nel cuore di un paese sconvolto dalla Grande Depressione. Sul campo da gioco sfideranno squadre tutte al femminile, galeotti di Sing Sing, pii uomini di chiesa e le prime formazioni di colore, che nel giro di qualche decennio finiranno per soppiantare il basket dei bianchi introducendo un nuovo modo di giocare, più atletico e spettacolare, che sarà poi quello della moderna Nba. In fuga dal passato e dai propri demoni, ma anche dai gangster che danno la caccia a Leo, questi Harlem Globetrotters con barba e kippah affrontano coraggiosamente ogni genere di sfida, combattendo a loro modo il razzismo in attesa di una società migliore e più giusta.
18,00

Il curioso caso di Sidd Finch

di George Plimpton

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2012

pagine: 317

Florida, 1985. Robert Temple, ex reporter di guerra con il blocco dello scrittore, ha deciso di rintanarsi in un cottage sul mare per isolarsi dal mondo e fuggire dai fantasmi del Vietnam. Una mattina d'inverno, però, a seguito di una gita fuori programma a bordo di un dirigibile, scopre che nel ritiro dei Mets è appena arrivato un ragazzo inglese, aspirante monaco buddhista, che ha trascorso gli ultimi otto anni sulle montagne dell'Himalaya. Si fa chiamare Sidd, con due "d" in omaggio a Siddhartha, ed è un maestro nell'"arte del lancio". Il suo movimento è infallibile, la velocità straordinaria: un talento prodigioso che rischia di sconvolgere l'essenza del gioco del baseball. Tuttavia il ragazzo non ha ancora deciso se diventare un atleta. Potrebbe ritirarsi a meditare in un monastero oppure abbracciare la carriera musicale come virtuoso del corno francese. Mentre il mondo sportivo e i media fremono nell'attesa, Sidd, Robert e Debbie Sue, una giovane e affascinante surfista, vivono una coinvolgente amicizia che li aiuterà a decidere liberamente del loro futuro. Perché come nel tiro con l'arco, dove il bersaglio da colpire è l'arciere stesso, anche il segreto del "lancio perfetto" risiede nella mente e nel cuore del lanciatore.
17,00

Il colosso d'argilla

di Budd Schulberg

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2011

pagine: 411

Eddie Lewis desidera sfondare a Broadway con un dramma sulla boxe, ma si deve accontentare di lavorare come ufficio stampa: suo il compito di esaltare sui giornali e far luccicare sui tabelloni delle arene i pugili di Nick Latka, un manager senza scrupoli. Quando il capo gli chiede di pubblicizzare le doti di un gigante argentino senza talento, El Toro Molina, "il Colosso delle Ande", che Nick vuole trasformare in un fenomeno mediatico, Eddie pensa che sia arrivata la sua occasione : deve solo fare il proprio dovere, ritirare la percentuale e poi mollare tutto per scrivere il suo dramma. L'operazione Molina, però, si rivela molto più pericolosa del previsto, e la tournée di incontri truccati, da Los Angeles al tempio del Madison Square Garden, si trasforma tappa dopo tappa in un viaggio nei gironi infernali della boxe, la nobile arte corrotta dagli impresari, dalle scommesse, dalle borse milionarie, dalla sete di sangue delle folle adoranti.
20,00

Pesci poeti e cari ricordi

di Sherwood Kiraly

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2011

pagine: 250

Rollie Zerbs è sempre stato un personaggio fuori dagli schemi, come tutti gli Zerbs di LaPorte. I suoi concittadini lo hanno eletto l'uomo più bizzarro del Missouri. Scapolo per scelta, Rollie ha dedicato la sua vita a un'unica ossessione: controllare una macchina da scrivere fissata al pontile davanti casa, con una lenza legata a ogni tasto, in attesa che la parola poetica dei pesci si riveli dalle acque del Mississippi. Negli ultimi tempi, però, la situazione è peggiorata. Colpito dal morbo di Alzheimer, senza un soldo e incapace di badare a sé stesso, rischia di finire in un istituto. Ma Rollie Zerbs non ci sta ad abbandonare il suo "lavoro", e chiama in soccorso il nipote, Cooper, un redattore di fumetti di Chicago affetto da vuoti di memoria a causa di un trauma cranico. I due hanno un asso nella manica: una vecchia figurina dei Cubs del 1909, che può valere una fortuna tra gli appassionati di baseball. E così la strana coppia di "smemorati", in compagnia di un'ex fiamma di Cooper e una galleria di alcolisti, antiquari e spogliarelliste, intraprende un viaggio picaresco per difendere la libertà di zio Rollie.
16,00

Le coincidenze

di Ivan Polidoro

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2011

pagine: 233

Napoli, Milano, provincia di Torino, l'Italia degli ultimi cinquant'anni filtrata attraverso un catalogo di personaggi schiacciati nei cliché di una normalità che fa spavento. Non c'è un protagonista in "Le coincidenze" ma un coro e una trama modulata dai personaggi stessi con le loro storie fatte di niente che ti si appiccicano addosso : i personaggi sono la trama, la vita in presa diretta. Il romanzo si dispiega così, a episodi, come una macchina del tempo e dello spazio imbizzarrita - i personaggi che tornano, la stessa storia raccontata da più punti di vista. Un adolescente che si fa prete per salvare il padre, una puttana per scelta, i sogni di un pugile di talento, un operaio in pensione che si affeziona al pugile di prima che, ormai fallito, gli porta le pizze, un canottiere che tradisce il migliore amico e il senso stesso dello sport, legante inconsueto di tutta la narrazione. L'equilibrio, la normalità sono lì a un passo, ma basta un attimo, un'increspatura che le aspirazioni si polverizzano e la realtà diventa un paesaggio allo sfascio. Si ride, si piange, si legge nell'attesa che qualcosa si ricomponga, ma è un'attesa spesso vana.
15,00

Il sogno di Walacek

di Giovanni Orelli

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2011

pagine: 176

Il 19 aprile 1938, pochi giorni dopo l'Anschluss che annette l'Austria alla Germania nazista, il pittore Paul Klee strappa la pagina 13 della National Zeitung e si serve del foglio per dipingere un quadro che rappresenta le lettere dell'alfabeto e alcuni geroglifici. Sul foglio è riportata la cronaca della finale di Coppa Svizzera giocata il giorno precedente, tra il Grasshoppers di Zurigo e il Servette di Ginevra. La grande lettera O dipinta da Klee trancia di netto il nome di Genia Walacek, mezzala del Servette e della nazionale elvetica; Walacek sarà uno dei protagonisti della storica vittoria della Svizzera contro la Germania ai mondiali di Francia del 1938. Sul significato di quella O dibatte un gruppo di avventori in un'osteria; accanto a figure di fantasia come il Sonnecchia e il professor Vetraio, compaiono Schopenhauer, Bertrand Russell, lo stesso Klee e il calciatore austriaco Sindelar. Il linguaggio poetico di Orelli conduce in un labirinto di storie e riflessioni che spazia dall'arte alla psicanalisi, dalla politica al calcio. Un labirinto senza uscita, oppresso dalla follia del nazismo, che lascia senza speranza dotti e ignoranti, artisti e manovali. Tutti in attesa del sogno liberatorio di Walacek, che non si volta a guardare quanto di terribile lo insegue nel 1938, ma scatta in avanti, assecondando finalmente "fantasia e inventiva a confondere tutti i quartier generali, i tiranni sordo-muti alla vita, alla vita".
14,00

Il mio nome è Jackie Robinson

di Scott Simon

Libro: Copertina morbida

editore: 66thand2nd

anno edizione: 2011

pagine: 170

Nel 1945, mentre le truppe americane si apprestano a rientrare in patria, un coraggioso dirigente dei Brooklyn Dodgers, Branch Rickey, decide di ingaggiare il ventiseienne giocatore nero Jackie Robinson. Fino a quel momento il grande baseball delle Major Leagues era segregato: soltanto i bianchi vi potevano giocare. Ma nel campionato del 1947 Robinson infrange la barriera del colore e diventa il primo afroamericano a giocare nelle Major Leagues. "Il mio nome è Jackie Robinson" ripercorre le tappe di questa prima esaltante stagione di Robinson nei Dodgers. È il racconto di una pagina di storia che ha illuminato le contraddizioni dell'America del secondo dopoguerra, oltre che il toccante affresco di una Brooklyn d'epoca. Ma è soprattutto il ritratto di un grande atleta che ha dovuto affrontare insulti, discriminazioni e minacce di morte solo per poter giocare a uno sport in cui eccelleva. E per questo - l'attesa dell'integrazione sui campi da gioco - che la figura di Robinson ha trasceso la dimensione dello sport per trasformarsi in un'icona della cultura americana. Non a caso il presidente Barack Obama lo include tra i tredici grandi personaggi che con il loro esempio hanno cambiato il corso della storia: "Jackie Robinson ci ha mostrato come trasformare la paura in rispetto".
14,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento