Il tuo browser non supporta JavaScript!

Alpes Italia: Il Politecnico

Il Politecnico. Le scienze, le arti e le artiterapie

di PERSICO

Libro: Copertina morbida

editore: Alpes Italia

anno edizione: 2018

pagine: 71

Il riconoscimento delle emozioni attraverso quali vie e moduli operativi si costruisce, si confronta e si misura con la propria esperienza soggettiva postural-emozionale? E come avviene, a livello individuale, la percezione e la riproduzione postural-emozionale in modo analogo a quelle percepite negli altri? In altri termini, come avviene la costruzione integrata del processo psicofisiologico del vissuto soggettivo emozionale dell'Io e dell'Altro? Le variazioni tonico-muscolari reafferentate ed unificate percettivamente costituiscono ciò che il senso comune chiama sentimento. L'emozione si riferisce a tutto il processo dallo stimolo al sentimento; il sentimento rappresenta l'elemento fondamentale, "sine qua non", dell'esperienza emozionale di cui la letteratura cerca i correlati (Ruggieri ED., 2011).
12,00

Il Politecnico. Le scienze, le arti e le artiterapie

di RUGGIERI

Libro: Copertina morbida

editore: Alpes Italia

anno edizione: 2018

pagine: 146

Questo numero raccoglie alcuni passaggi dell'avventura delle Arti-Terapie segnata da riflessioni ed esperienze concrete cliniche e sperimentali che hanno dato vita a una modellistica che costituisce l'impalcatura della pratica arte-terapeutica psicofisiologica. L'avventura ha avuto inizio in un dialogo con la rivista Arti-Terapie e col suo direttore Rolando Renzoni e nella didattica e i laboratori di Psicofisiologia Clinica dell'Università di Roma La Sapienza condotti dal prof. Vezio Ruggieri.
20,00

Politecnico. Le scienze, le arti e le artiterapie (2013) (Il). Vol. 1-2: Note sullo sguardo

Libro: Copertina morbida

editore: Alpes Italia

anno edizione: 2015

pagine: 66

La definizione tradizionale dello sguardo come "specchio dell'anima" è stata oggetto di osservazioni scientifiche sperimentali nel contesto di una più ampia teoria psicofisiologica. Più recentemente abbiamo definito lo sguardo come "il primo processo cognitivo ed emozionale" in quanto pre-organizza lo stile intellettuale ed emozionale con cui il soggetto si pone in relazione con l'ambiente. L'interesse psicofisiologico allo studio dello sguardo si fonda sull'analisi fenomenologica delle componenti anatomo-fisiologiche che lo caratterizzano, costituite dall'interazione della motilità oculare e della muscolatura mimico-espressiva del distretto fronto-oculare, che si collegano direttamente all'altro processo fondamentale della percezione costituito dall'attenzione e dai suoi differenti livelli. L'orientamento dello sguardo, insieme alla "messa a fuoco" dell'oggetto osservato, che sul piano mimico espressivo coinvolge anche gli atteggiamenti della muscolatura del distretto fronto-oculare (muscolo frontale, palpebre, etc.), costituisce un pattern che può indicare le diverse forme di attenzione. Su quale oggetto si poggia lo sguardo? Con quale concentrazione attentiva?
20,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.