Collana Fuorifuoco - Ultime novità | P. 5

DeriveApprodi: Fuorifuoco

Fiere di essere puttane

di Maîtresse Nikita, Thierry Schaffauser

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2009

pagine: 129

"No, non abbiamo papponi. No, non siamo state violentate da piccole, né dopo. No, non siamo tossicodipendenti. No, non siamo mai state costrette a prostituirci. No, non soffriamo di sindrome post-traumatica. No, non siamo infelici. Sì, abbiamo una vita sentimentale. Sì, abbiamo amiche e amanti. Sì, lottiamo contro le discriminazioni. Sì, esercitiamo un mestiere stigmatizzato. Sì, abbiamo scelto questa professione. Sì, vogliamo gli stessi diritti degli altri cittadini". Un libro che sfata i luoghi comuni che di volta in volta indicano nella prostituzione una forma di asservimento, una piaga sociale, un'emergenza da gestire come ordine pubblico. Un testo scritto da due prostitute, protagoniste di un movimento che si vuole erede dei movimenti femministi e omosessuali, per chiedere rispetto e diritti per quelle e quelli che hanno scelto di esercitare questa professione. Qui le prostitute prendono parola in prima persona e trasformano l'insulto in orgoglio.
12,00

Vento del meriggio. Insorgenze urbane e postmodernità nel Mezzogiorno

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2008

pagine: 227

Negli ultimi anni, dal Sud Italia riaffiora un fenomeno antico: le città rurali diventano soggetti politici capaci di decidere al di fuori e contro l'autorità costituita. Esse attingono la loro potenza da comportamenti di massa pubblicamente illegali, volti a riappropriarsi dei territori sottraendoli al controllo dello Stato. Si tratta di una profonda sovversione delle categorie della politica moderna. La rivalsa dei luoghi, lungi dal proporsi come guerra civile, si svolge piuttosto nella forma dell'insurrezione di massa che paralizza l'apparato del dominio statale, semplicemente ponendolo in contatto con il corpo dei cittadini attivi. Sono le stesse forme della sovversione che abbiamo visto all'opera nei paesi dell'ex blocco dell'Est. Ma ricordano anche le insurrezioni meridionali dell'Ottocento, quelle "insorgenze di massa banditesche" contro i francesi prima e i piemontesi poi. Scanzano, Cosenza, Acerra, Serre: nell'immaginario dei giovani meridionali sono nomi che rievocano esperienze comuni di difesa e risarcimento dei luoghi dalle offese e le ferite che la modernizzazione ha inflitto loro.
13,00

L'esercito del surf. La rivolta degli studenti e le sue vere ragioni

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2008

pagine: 66

"La marea sale. L'onda cresce. Imbracciamo le tavole. Siamo l'esercito del surf. Siamo quelli che credevate assopiti. Quelli disposti a tutto per un posto nel mondo. Che credevate timorosi, impauriti, docili a ogni riforma. Bamboccioni, fuori corso, perditempo, inetti. E invece eccoci qui, a fare surf nelle piazze, nelle scuole, nelle stazioni, nelle università. A fare surf sulle riforme, sul ministro, sulla crisi, sui ricatti, sul nostro presente e il vostro futuro. Facciamo surf sull'anti-politica, perché l'unica politica possibile è il nostro surf. Facciamo surf sui percorsi formativi, sugli avviamenti professionali, sui muretti delle discipline, sugli steccati delle conoscenze. Sulla miseria di oggi, sulla precarietà di domani."
5,00

Storie di Assalti Frontali. Conflitti che producono banditi

di Militant A

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2007

pagine: 205

L'universo dei movimenti antagonisti dagli anni Ottanta a oggi, raccontati nella lingua della "strada". Repressione, droghe, crisi di identità, conformismo. Di contro il "no future punk", l'occupazione e l'autogestione dei primi Centri sociali. Un'esistenza concentrata negli affetti dell'unica solidarietà possibile: quella di "banda". La lenta costruzione di una cultura alternativa: il rap, l'incontro col movimento studentesco della Pantera all'inizio degli anni Novanta. Tutta di corsa, la vicenda di Onda Rossa Posse prima e di Assalti Frontali poi. I concerti con decine di migliaia di giovani, l'autoproduzione come critica della dilagante mercificazione culturale. E ancora, la presenza nel movimento new global internazionale, annunciato dalla rivolta zapatista in Messico nel 1994 e rivelato in Italia nelle giornate genovesi del 2001. Assalti Frontali è ancora qui. Testimonianza di un impegno artistico che è principio etico: sereno, limpido, rivoluzionario. Questa è la sua storia. In appendice l'intera serie dei testi degli album di Onda Rossa Posse e di Assalti Frontali.
12,00

Possibilmente freddi. Come l'Italia esporta cultura (1964-1980)

di Douglas Mortimer

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2006

pagine: 92

Gli anni Settanta sono stati l'ultimo periodo in cui la cultura italiana ha occupato un ruolo centrale a livello internazionale. La provocatoria tesi di questo libro è che questo fu possibile proprio in virtù di un estremo livello di conflittualità politica e sociale. Sembra, d'altra parte, proprio della tradizione italiana, dal Rinascimento agli anni Settanta del Novecento passando per le avanguardie dei primi anni del secolo scorso, far nascere su questo terreno il dinamismo creativo della sua cultura. Non a caso, a partire dalla metà degli anni Ottanta, con la scomparsa del conflitto politico, la cultura italiana, come era già accaduto in altri periodi storici, torna ad avere un ruolo periferico e marginale nel contesto internazionale.
11,00

Breviario di estetica audiovisiva amatoriale. Natura, immagine, etica

di Fabrizio Ferraro

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2006

pagine: 62

Dobbiamo liberarci dalle immagini e non essere ostaggi di esse. Liberarsi dalle immagini vuol dire riuscire a collocare le nostre percezioni visive in un processo di composizione tra la percezione e la conoscenza, tra l'immagine e l'intelletto, tra la materia e lo spirito. Le immagini sono necessarie alla formazione dei concetti, anche le nostre astrazioni immaginative non possono che essere prodotte dall'immagine, ma dobbiamo chiarire un punto, che l'immagine non è un concetto e non rappresenta la natura, ma un contatto con il mondo naturale, un proseguimento di relazione materiale. Partire dalla percezione visiva per sottrarsi all'apparente verità del visivo.
7,00

Gli sbirri alla lanterna. La plebe giacobina bolognese (1792-1797)

di Valerio Evangelisti

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2005

pagine: 158

Nella Bologna di fine Settecento, con i primi riflessi locali della Rivoluzione francese si fa spazio presso le classi subalterne una chiara percezione di sé come soggetto politico e sociale autonomo. In un sistema economico chiuso, che costringe la popolazione a condizioni di vita intollerabili, fanno la loro comparsa congiure, complotti e rivolte. Una sorta di "giacobinismo" plebeo, rudimentale, violento, che ha il merito di strappare la politica al Palazzo e di radicarla nella quotidianità popolare. La narrazione di Valerio Evangelisti, autore della celebre serie di Eymerich, è sostenuta da un poderoso impianto di fonti documentarie.
12,00

Della natura umana. Invariante biologico e potere politico

di Noam Chomsky, Michel Foucault

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2005

pagine: 140

Questo libro è il frutto di una conversazione tra Noam Chomsky, famoso linguista e politologo americano, e Michel Foucault, noto filosofo e storico francese. Questa conversazione fu il primo e ultimo confronto pubblico tra i due pensatori e avvenne nel 1971, in Olanda. Tema del dibattito era il problema del potere, della giustizia e della natura umana. I due autori si confrontano da due prospettive e due punti di vista radicalmente distanti. Eppure entrambi muovono dal comune desiderio di portare una critica severa ai sistemi di asservimento e di dominio.
12,00

Escalation. Anatomia della guerra infinita

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2005

pagine: 287

Dagli anni Novanta la guerra è ricomparsa nelle nostre vite. Gli anni che avrebbero dovuto celebrare il trionfo della pace sotto le insegne della democrazia e del libero mercato hanno visto i bombardieri in azione anche in Europa: Afghanistan 2001, Iraq 2003. E domani? Iran, Siria, Corea del Nord? Quali sono i motivi di questa escalation? E quali le conseguenze? Questo libro cerca di dire come stanno realmente le cose, fornendo un quadro dei presupposti geopolitici ed economici della "guerra infinita" e mettendo in risalto le sue devastanti ricadute sui sistemi democratici degli stessi paesi che la propagano, a cominciare dagli Stati Uniti d'America. Ne viene fuori un quadro molto distante dalle "verità" dell'informazione ufficiale.
14,00

Affinità sovversive. I movimenti sociali americani nella guerra globale

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2005

pagine: 173

Esattamente come durante la guerra in Vietnam, anche per la guerra che le truppe americane stanno combattendo in Iraq si sta consolidando una vasta opposizione. Dagli studenti universitari ai lavoratori delle pulizie, dai militanti per la giustizia ambientale agli avvocati dei diritti civili sono in molti a chiedere a gran voce il ritiro delle truppe e la fine dell'occupazione in Iraq. Ma, diversamente dal Vietnam, queste proteste (comunque spesso ignorate dai media ufficiali) non sempre confluiscono nelle grandi manifestazioni di piazza. I saggi contenuti in questo libro assumono il punto di vista di questi molteplici attori e mostrano come le loro critiche alle politiche americane configurino l'unica alternativa al mondo di violenza.
12,00

Storie migranti. Viaggio tra i nuovi confini

di Federica Sossi

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2005

pagine: 163

Federica Sossi, ricercatrice di Estetica all'Università di Bergamo, presenta un libro di racconti, interviste e conversazioni con alcune figure esemplari e significative che compongono il diversificato universo dei migranti. Ne nasce un reportage che racconta come diverse persone si rapportano, nella loro concreta esistenza, ai numerosi confini che segnano le loro vite: uno Stato che non c'è più e l'obbligo di appartenere a un'etnia, come per l'ex Yugoslavia; un diritto d'asilo che non esiste e l'obbligo di continuare a errare per mare, come nel caso della Cap Anamur; una frontiera di mare invalicabile, come quella che separa la Libia dai paesi europei.
11,50

Il derby del bambino morto. Violenza e ordine pubblico nel calcio

di Valerio Marchi

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2005

pagine: 189

Il 21 marzo 2004 resterà nelle cronache calcistiche e nelle memorie dei tifosi come "il derby del bambino morto", quando, in occasione della partita Lazio-Roma, nelle curve degli ultras si diffuse la notizia della morte di un bambino per opera delle forze dell'ordine. Le curve ritirarono gli striscioni, mentre i calciatori si guardavano attoniti, incapaci di capire cosa stesse accadendo. "Il derby del bambino morto" ha dimostrato che il calcio non è solo quello delle TV satellitari, ma resta ancora, e soprattutto, quello che si vive la domenica negli stadi. Ma sul calcio e sui suoi tifosi da tempo si sperimentano nuove e avanzate tecniche di "ordine pubblico", applicate poi alle rivolte sociali nei contesti metropolitani.
12,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento