Editore Armando Dadò Editore - Ultime novità | P. 10

Armando Dadò Editore

La voce del lago

di Roberto Genazzini

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 112

"Avrebbe voluto chiamare sua nipote, sempre appiccicata al telefonino, ma era mezzanotte passata. Avrebbe voluto dirle che quelle faccine che lei metteva un po' dappertutto, per dichiarare quand'era contenta, quei due punti davanti a una parentesi chiusa, non erano un'invenzione tecnologica. Anche la natura se ne serviva, avrebbe proprio dovuto vederli, i due cigni e il riflesso ricurvo: anche il lago sorrideva." Una giornata di volontariato dedicata alla pulizia delle acque del Ceresio davanti a Gandria porta alla luce molti oggetti buttati, persi o dimenticati, ognuno con una storia da raccontare. Sono storie di ieri e di oggi, di uomini e donne legati in un modo o nell'altro al lago, elemento naturale attorno al quale ruotano le vite dei personaggi di questi racconti commoventi e divertenti, profondi e leggeri insieme. Dalla vedova che ha perso il marito annegato alla rumena in cerca di una vita migliore, dai bambini che sfidano la gravità per giocare a palla al celebre scrittore di Zorba il greco che s'innamora di Gandria, l'autore ricompone un mosaico fatto delle mille sfaccettature della vita.
16,50

Il buio tra le montagne

di Silvio Huonder

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 224

Inizio del XIX secolo, Canton Grigioni: saccheggiato dalle truppe napoleoniche, il paese soffre la povertà, è ostaggio di una giustizia arbitraria e degli abusi dei potenti. Due dozzine di gendarmi al comando del giudice istruttore barone Johann Heinrich von Mont devono fronteggiare bande di disertori, ladri, vagabondi, riscossori delle imposte abusivi, chirurghi improvvisati. Quando nell'estate del 1821 il mulino dello stagno nei pressi di Bonaduz diventa il teatro di un triplice omicidio, il barone svolge le indagini con l'aiuto di due reduci mercenari. La ricerca dell'assassino nelle valli difficilmente accessibili e nei villaggi, a piedi o a cavallo, è di estrema difficoltà. Per i montanari è più facile convivere con la paura di un criminale a piede libero piuttosto che fidarsi dei tutori della legge giunti dalla capitale. Tuttavia il barone von Mont e i suoi uomini riescono a scovare diversi sospetti e a portarli davanti alla corte criminale di Coira. Basandosi su un fatto storico mai completamente chiarito, Huonder crea un romanzo avvincente sugli esordi della criminologia.
16,50

Un viaggio in immagini sul Monte Generoso

di Kurt Baumgartner

Libro: Copertina rigida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 176

"La passione per la collezione di cartoline illustrate, e in particolare di quelle della nostra regione, il Mendrisiotto, mi ha stimolato e portato ad approfondire lo studio sull'origine delle cartoline illustrate, sulle tecniche di stampa, sulla loro diffusione e, non da ultimo, sul servizio postale, che veniva svolto per permetterne l'inoltro ai destinatari. Il presente lavoro si concentra sul Monte Generoso, la montagna detta anche «Il Rigi della Svizzera italiana» per la bellezza dei suoi panorami, dei suoi alberghi e ritrovi, della sua flora e fauna, e della sua ferrovia a cremagliera. A partire dal 1893 il Monte Generoso, gli alberghi e i panorami sono stati riprodotti su oltre 1200 cartoline differenti. La catalogazione dei bolli postali e privati in uso sul Monte Generoso, presentati in questo lavoro, non ha la pretesa di essere completa e sarò grato per ogni comunicazione sul ritrovamento di nuovi bolli e le relative date." (Dall'introduzione dell'autore)
21,00

Amore di fondo

di Piergiorgio Morgantini

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 104

E c'era l'amore al fondo di ogni cosa: stupore, splendore, spicciolo di petali d'onda, vortice di valzer ballato su tacchi altissimi, cadute, voce e mutismo; urlo e canzone, abbraccio come d'ala d'angelo, respiro che ci teneva attaccati a qualche senso della vita là dove non si vede. E d'estate c'era sempre il fiume col suo eterno movimento; alcuni pesci avevano l'abitudine di girarsi su un fianco mostrando le scaglie dai riflessi metallici della pancia prima di sparire scintillando nel mistero dei fondali.
15,00

Morcote. Il più bel villaggio del mondo

di Paolo Poma

Libro

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 224

21,00

Fernando Gianella (1837-1917). Bleniese di multiforme ingegno

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 256

Due autrici e due autori scandagliano la vita e l'opera di Ferdinando Gianella, ingegnere bleniese attivo tra la metà dell'Ottocento e gli inizi del Novecento, potendo contare su una ricca e originale documentazione di prima mano.
21,00

Il federalismo svizzero. Attori, strutture e processi

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 248

La Svizzera incarna il federalismo meglio di qualsiasi altro paese. Ma nonostante la rilevanza del caso elvetico per capire il fenomeno federalismo in quanto tale, il sistema svizzero rimane tanto ammirato quanto mal compreso. Questo saggio si propone quindi di analizzarne sistematicamente le origini e le strutture istituzionali. Esamina inoltre i meccanismi e le dinamiche che da esso scaturiscono e le problematiche e le sfide che si trova ad affrontare. I contributi riuniti nel presente volume inquadrano il federalismo svizzero in una prospettiva internazionale e comparata, e ne isolano le caratteristiche peculiari. Trattano l'evoluzione dei rapporti orizzontali e verticali fra i diversi livelli istituzionali - Confederazione, Cantoni, Comuni - e mettono in relazione il federalismo con altre dimensioni socio- politiche del paese, quali le diversità culturali e linguistiche, gli strumenti di democrazia diretta, l'assetto economico e la perequazione finanziaria, i rapporti fra zone urbane e periferiche, l'apertura internazionale in ambito formativo.
20,00

Lettere iperboliche

di Francesco Chiesa

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 128

Pubblicate sulle pagine di una smilza rivista locale alla fine dell'Ottocento, le «Lettere iperboliche» di Francesco Chiesa sono state di volta in volta interpretate come un pamphlet scagliato da un giovane «enragé» contro la classe dirigente del tempo, come una radiografia impietosa e sarcastica del malcostume ticinese, come un abbozzo di antropologia culturale. Le «Lettere» - che l'autore, successivamente, preferì affidare alla critica roditrice dei topi - meritano ancora oggi un'attenta lettura, non foss'altro perché taluni vizi sono rimasti incistati tra le articolazioni della società, come la proliferazione della «classe avvocatesca» (categoria alla quale lo stesso Chiesa apparteneva per formazione), l'ampollosità dei proclami, la retorica dei discorsi politici, le logiche di stampo familistico. Spesso citate ma raramente lette, queste «Lettere» ritornano oggi riviste e corredate di una serie di note esplicative.
16,50

Nicolas Bouvier. Parole del mondo, del segreto e dell'ombra

di Anne-Marie Jaton

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 214

Il ginevrino Nicolas Bouvier (1929-1998) cresce in una famiglia colta e agiata. A 17 anni intraprende il suo primo viaggio in Borgogna e, finito il liceo, un secondo a Firenze. Frequenta l'università, scrive per i giornali e si mette di nuovo in cammino, questa volta per la Lapponia, che percorre per giorni in totale solitudine. Viaggiare diventa per lui una scelta di vita. La prima avventura ha luogo nel 1951 con due amici: Ginevra, Venezia, Belgrado, Atene e Istanbul scoprendo la musica zigana e slava. Nel 1953, dopo la laurea, con l'amico Thierry Vernet e la sua Fiat Topolino un lungo viaggio lo porta fino a Kabul; attraversa da solo l'India, si ferma a lungo a Ceylon per motivi di salute; poi soggiorna un anno in Giappone, dove ritornerà più volte. Altre mete seguiranno: Corea del Sud, isola di Chedju, isole di Aran, Jugoslavia, Romania, negli anni Ottanta la Cina in veste di guida culturale e infine l'America del Nord. Da queste esperienze sono nati diversi libri, il più conosciuto è "L'usage du monde", 1963 (La polvere del mondo).
16,50

Il Gottardo

di Carl Spitteler

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 272

Nel 1894, dodici anni dopo l'inaugurazione di quello che ormai è il vecchio tunnel, Carl Spitteler ricevette dalla Società Ferroviaria del Gottardo l'incarico di scrivere un libro che illustrasse le bellezze e le attrattive turistiche della zona, senza tuttavia rinunciare al valore squisitamente artistico. Il volume, uscito due anni dopo, rimane oggi più che mai un prezioso documento storico e una delle testimonianze più vive, originali e letterariamente pregevoli dedicate al Gottardo inteso non solo come luogo geografico, ma anche in senso più ampio come spazio umano e culturale. Il futuro premio Nobel per la letteratura, lucernese d'adozione, descrive la zona del Gottardo percorrendola prima in ferrovia e poi a piedi, fornisce consigli per escursioni e passeggiate, si sofferma sulle caratteristiche climatiche e di luce, si addentra in alcune valli laterali e ricostruisce il significato e l'importanza del Gottardo nella storia.
16,50

Giornalismo nella Svizzera italiana (1950-2000). Vol. 2

di Enrico Morresi

Libro: Copertina rigida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 328

Degli anni successivi al secondo dopoguerra gli storici parlano come delle «trente glorieuses», per il Ticino di una «età dell'oro», del «paradiso della crescita economica» (Angelo Rossi). In quel periodo, nella piccola Svizzera italiana, è morta la tipografia di Gutenberg, alla radio si è aggiunta la televisione, il giornalismo è diventato una professione, il numero degli addetti si è decuplicato, è scomparsa la stampa quotidiana di partito e si discute se i giornali ormai si leggeranno sul web. Di questa stagione intensa e appassionante è stato riferito finora con saggi parziali, limitati per esempio alla crescita della radiotelevisione di servizio pubblico o alla storia di singoli giornali. Il lavoro di Enrico Morresi ha l'ambizione di leggere tale periodo da un punto di vista originale: la nascita, lo sviluppo e il consolidarsi di una professione - il giornalismo - dotata di proprie specificità, ideali e sistemiche.
29,00

Vedova con bambino

di Daniel Maggetti

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Dadò Editore

anno edizione: 2017

pagine: 144

In pieno XIX secolo, don Tommaso Barbisio, un raffinato prete piemontese, cade in disgrazia e viene relegato in una parrocchia di paese nella Svizzera italiana, in fondo a una valle remota. Qui prende a servizio Anna Maria, un'anziana vedova che vive sola con un bambino, della quale progressivamente scoprirà il passato misterioso. Se il personaggio di don Tommaso è frutto della fantasia dell'autore, Anna Maria invece è realmente esistita. Così come suo marito, i cui misfatti sono all'origine di una leggenda che si tramanda da generazioni, discende da un albero genealogico frondoso quanto un nocciolo mai potato, e i suoi contrasti con la nuora hanno lasciato traccia nell'archivio dell'emigrazione ticinese in Australia. Sul crinale tra racconto storico e invenzione romanzesca, Vedova con bambino mette in scena due personaggi enigmatici e profondamente umani, le cui vite saranno segnate dal loro incontro.
16,50

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento