Il tuo browser non supporta JavaScript!

Biblohaus

Saba, Trieste, il calcio. Capricci e divagazioni sulle cinque poesie per il gioco del calcio

di Alberto Brambilla

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2019

pagine: 114

Le Cinque poesie per il gioco del calcio sono tra i testi più noti di Saba. Spesso inseriti nelle antologie scolastiche, appaiono di solito sottovalutati e mai sono stati analizzati a fondo. Attraverso una pluralità di approcci, e in particolare quello che l'autore definisce "filologia sportiva", tali poesie sono qui finalmente indagate nei loro risvolti più segreti. Sotto la pacifica superficie del testo si nascondono infatti degli enigmi sorprendenti, in parte ancora irrisolti. Questo saggio tenta di ascoltare in profondità la voce di Saba, senza farsi ingannare dalle apparenze.
15,00

Storia grafica di una città. La collezione Nicola D'Arcangelo per una lettura iconografica di una nuova provincia: Pescara 1927

di Giovanna Millevolte

Libro: Copertina rigida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2019

pagine: 72

La nascita della nuova Provincia di Pescara (1927), qui ricostruita nei suoi aspetti politico-amministrativi, economici e di costume, può anche essere occasione per una rinnovata lettura critica della produzione grafica di un geniale stampatore d'arte pescarese come Nicola D'Arcangelo, il cui prezioso fondo archivistico è conservato presso l'ateneo aquilano. Questo incontro tra storia locale, politica, commercio e grafica pubblicitaria consente allo studioso di far dialogare documenti d'archivio, opere di grafica e testimonianze in maniera contrappuntistica, in una sinergia ormai sempre più necessaria tra discipline diverse, in modo da offrire livelli di lettura critica, e in questo caso anche iconografica, sempre più ricchi e suggestivi.
20,00

Libri per uomini semplici. Bibliografia illustrata dell'universale economica della cooperativa del libro popolare

di Aldo Lo Presti

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2019

pagine: 94

La storia illustrata della collana editoriale "Universale Economica" della milanese Cooperativa del Libro Popolare (Colip), rappresenta un primo tentativo di riassumerne le vicende, inseguendone le tracce dalla nascita (1949) alla scomparsa dagli scaffali delle librerie (1954), cercandone l'anima e l'essenza attraverso i nomi dei suoi autori e dei suoi collaboratori, tra i quali figurano, come fiori all'occhiello, Moravia e Montale. Ma un nome su tutti giganteggia: quello di Giangiacomo Feltrinelli che della Colip fu dapprima il perfetto animatore, poi il robusto finanziatore, ed infine il "padrone di casa" in ombra, sino all'epilogo che fu tutt'altro che triste però, dal momento che ne acquisì senza alcun tentennamento il nome (e oggi l'"Universale economica" Feltrinelli ha superato lo stupefacente numero di 9000 titoli!) e il logo (l'insostituibile "Canguro"), saltando il numero 200 ad omaggiarne il "ricordo", come poi farà Elvira Sellerio per i numeri centenari della collana blu "La memoria" nel nome di Leonardo Sciascia che tale collezione aveva curato dai suoi inizi suggerendone col "titolo" la stessa "sostanza".
15,00

Ditelo con cartellonismo

di Aguinaldo Perrone

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2019

pagine: 80

"Sono sempre stata affascinata dall'attività artistica di Aguìn, caratterizzata da forme geometriche essenziali che, con linee e sfere, riescono a creare una sorprendente tridimensionalità. Trovo molto originale, nei suoi lavori, che la stessa scrittura entri a far parte della composizione come elemento artistico, creando immediatezza comunicativa. Questo libro mi conferma che l'arte di Aguin è anche frutto di una intensa e appassionata ricerca che l'autore ha fatto sulle più significative espressioni del cartellonismo del Novecento." (Dall'introduzione di Fusako Yusaki)
15,00

Librai, librerie et amicorum. Appunti per una bibliografia futura

di Massimo Gatta

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2018

pagine: 618

Da Nicolò Franco (1539) a Pasquale Langella (2017) migliaia di schede, di librai e di librerie per cercare di raccontare un mondo meraviglioso, "appunti" in vista di una bibliografia che mai sarà completa com'è di ogni bibliografia che si rispetti. La nuova edizione, completamente rivista e aggiornata rispetto alla prima del 2008, di una bibliografia ancora unica nel suo genere.
25,00

La signora in rosso. Un secolo di guide del Touring Club Italiano

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2013

pagine: 340

18,00
15,00

Il curioso caso del Sidereus Nuncius M-L

di Owen Gingerich

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2019

pagine: 66

Il saggio pubblicato da Gingerich nel 2009 [...] conteneva una dimostrazione folgorante che i cinque disegni delle lune contenuti nella «New York copy» erano necessariamente falsi. Non potevano che essere falsi, sulla base di un confronto calibrato e sistematico fra due tempistiche storiche: la tempistica delle osservazioni astronomiche compiute da Galileo, all'«occhiale di canna», a partire dall'autunno del 1609, e la tempistica della lavorazione delle bozze del "Sidereus Nuncius", quali Galileo aveva approntate, con il tipografo veneziano Tommaso Baglioni, nelle ultime settimane dell'inverno 1610, il più febbrile e il più esaltante della sua vita. In "The curious case", Owen Gingerich lo scienziato muoveva da una ricostruzione notte per notte, ora per ora, quasi minuto per minuto, delle osservazioni telescopiche di Galileo, con luna crescente o con luna calante, con cielo sereno o con cielo nuvoloso, a crateri visibili o a crateri invisibili, per ragionare del modo in cui Galileo stesso poteva o non poteva avere disegnato le fasi lunari da lui inquadrate con il cannocchiale.
20,00

Libri nel borgo. Ovvero aprire una piccola libreria e vivere ugualmente felici

di Bruno Sabelli

Libro: Copertina morbida

editore: Biblohaus

anno edizione: 2019

pagine: 262

"[...] Dunque, questo canone ben codificato viene del tutto incrinato da questo magmatico, corposo (direi anche sugoso come un buon ragù bolognese) libro scritto dal professore Bruno Sabelli, il quale, congedatosi dal mirabolante mondo accademico ha deciso di entrare, in punta di piedi, in quello altamente pericoloso e a volte polemico dei librai antiquari. E lo fa non con un catalogo di libri ma con un volume... [...] Vi è alla base un'eleganza dell'intelligenza o, meglio, direbbe Alberto Savinio, una felicità dell'intelligenza (una maturità dell'esperienza e del vissuto). Ogni brano è una stazione biografica, letteraria, libraria, geografica [...]" Dalla prefazione di Simone Volpato.
15,00

L'Aldo degli scrittori. La figura e l'opera di Aldo Manuzio nell'immaginario narrativo (secoli XVI-XXI)

di Massimo Gatta, Ludovica Gatta

Libro: Libro in brossura

editore: Biblohaus

anno edizione: 2018

pagine: 84

Un padre e sua figlia si spingono sulle tracce collaterali di un "altro" Aldo Manuzio; lo rintracciano in racconti, romanzi, graphic novel e perfino nei fumetti. Lui è il medesimo stampatore e umanista ma declinato in generi letterari che ne hanno come diversificato il genio tipografico e lo spessore culturale. "L'Aldo degli scrittori" è quindi un piccolo viaggio lungo cinque secoli, alla ricerca di quelle testimonianze letterarie, anche marginali, che hanno contribuito a rendere il celebre bassianese figura centrale del suo, come del nostro tempo.
15,00

La biblioteca di Virgilio Giotti e il suo sodalizio con la libreria di Umberto Saba

di Simone Volpato, Marco Menato

Libro: Libro in brossura

editore: Biblohaus

anno edizione: 2018

pagine: 312

Una biblioteca di viaggiatore del Settecento o dell'Ottocento (e Giotti aveva molto viaggiato in gioventù per approdare, dal 1919, a una vita triestina più raccolta) che accoglieva i classici, come l'edizione delle Odi del Parini, del 1799, regalo di Saba, su cui, con Simone Volpato, sarà importante tornare, ma anche le edizioni ottocentesche di Bettoni e Silvestri, e le più recenti Sansoni e Barbèra che forse avevano fatto compagnia all'apprendistato letterario di Giotti negli anni Dieci. Ad altro scaffale era dedicato il mondo contemporaneo, a partire da un piccolo gruppo di libri del periodo fiorentino tra cui, fondamentale, la seconda edizione delle Poesie di Salvatore Di Giacomo (Ricciardi, 1909), dono dell'amico Hans Alva per il Natale 1910, il libro che offre a Giotti, già poeta, la certezza delle possibilità liriche del dialetto, seguito, poco dopo, nel gennaio del 1911, dal Teatro del grande napoletano. Premessa di Anna Modena.
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.