Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bompiani

Ora dimmi di te. Lettera a Matilda

di Andrea Camilleri

Libro: Copertina rigida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 116

Che cosa rimarrà di noi nella memoria di chi ci ha voluto bene? Come verrà raccontata la nostra vita ai nipoti che verranno? Andrea Camilleri sta scrivendo quando la pronipote Matilda si intrufola a giocare sotto il tavolo, e lui pensa che non vuole che siano altri - quando lei sarà grande - a raccontarle di lui. Così nasce questa lettera, che ripercorre una vita intera con l'intelligenza del cuore: illuminando i momenti in base al peso che hanno avuto nel rendere Camilleri l'uomo che tutti amiamo. Uno spettacolo teatrale alla presenza del gerarca Pavolini e una strage di mafia a Porto Empedocle, una straordinaria lezione di regia all'Accademia Silvio D'Amico e le parole di un vecchio attore dopo le prove, l'incontro con la moglie Rosetta e quello con Elvira Sellerio... Ogni episodio è un modo per parlare di ciò che rende la vita degna di essere vissuta: le radici, l'amore, gli amici, la politica, la letteratura. Con il coraggio di raccontare gli errori e le disillusioni, con la commozione di un bisnonno che può solo immaginare il futuro e consegnare alla nipote la lanterna preziosa del dubbio.
12,00

21 lezioni per il XXI secolo

di Yuval Noah Harari

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 560

In un mondo alluvionato da informazioni irrilevanti, la lucidità è potere. La censura non opera bloccando il flusso di informazioni, ma inondando le persone di disinformazione e distrazioni. "21 lezioni per il XXI secolo" si fa largo in queste acque torbide e affronta alcune delle questioni più urgenti dell'agenda globale contemporanea. Perché la democrazia liberale è in crisi? Dio è tornato? Sta per scoppiare una nuova guerra mondiale? Che cosa significa l'ascesa di Donald Trump? Che cosa si può fare per contrastare l'epidemia di notizie false? Quali civiltà domineranno il pianeta: l'Occidente, la Cina, l'islam? L'Europa deve tenere le porte aperte ai migranti? Il nazionalismo può risolvere i problemi causati dalla disuguaglianza e dai cambiamenti climatici? In che modo potremo difenderci dal terrorismo? Che cosa dobbiamo insegnare ai nostri figli? Miliardi di noi possono a stento permettersi il lusso di approfondire queste domande, perché siamo pressati da ben altre urgenze: lavorare, prenderci cura dei figli o dare assistenza ai genitori anziani. Purtroppo la storia non fa sconti. Se il futuro dell'umanità viene deciso in vostra assenza, poiché siete troppo occupati a dar da mangiare e a vestire i vostri figli, voi e loro ne subirete comunque le conseguenze. Certo è parecchio ingiusto; ma chi ha mai detto che la storia è giusta? Un libro non può dare alla gente né cibo né vestiti, ma può fare e offrire un po' di chiarezza, contribuendo ad appianare le differenze nel gioco globale. Se questo libro servirà ad aggiungere al dibattito sul futuro della nostra specie anche solo un ristretto gruppo di persone, allora avrà raggiunto il suo scopo.
16,00

Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo

di Svetlana Aleksievic

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 464

"Per me non è tanto importante che tu scriva quello che ti ho raccontato, ma che andando via ti volti a guardare la mia casetta, e non una ma due volte". Così si è rivolta a Svetlana Aleksievic, congedandosi da lei, una contadina bielorussa. La speranza di avere affidato il racconto della propria vita a qualcuno capace di vero ascolto non poteva essere meglio riposta. Far raccontare a donne e uomini, protagonisti, vittime e carnefici, il dramma corale delle "piccole persone" coinvolte dalla Grande Utopia comunista è il cuore del lavoro letterario dell'autrice e questo libro, sullo sfondo della grande tragedia collettiva legata al crollo dell'Unione Sovietica e della tormentosa e problematica nascita di una nuova Russia, costituisce il coronamento ideale di un lavoro di trent'anni. Qui sono decine i protagonisti-narratori che raccontano cos'è stata l'epocale svolta tuttora in atto: contadini, operai, studenti, intellettuali, nonché misconosciuti eroi sovietici i quali non sanno rassegnarsi al tramonto degli ideali e a un'esistenza che esclude i deboli e gli ultimi. È uno spaccato della tramontata civiltà sovietica, quasi un'enciclopedia dei sogni dell'uomo rosso, fecondata dal dono che ha l'autrice di saper penetrare l'anima di coloro che hanno vissuto quell'epoca anche esaltante e stentano oggi ad adattarsi a un "tempo di seconda mano".
20,00

Sillabario di genetica per principianti

di Guido Barbujani

Libro: Copertina rigida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 224

Il nostro genoma è un testo: un messaggio che viene dal passato e insieme un libretto d'istruzioni, quelle che permettono alla cellula uovo fecondata di moltiplicarsi fino a formare l'organismo complesso che siamo noi. Da qualche anno scoprire cosa c'è scritto nel genoma è tecnicamente possibile, con poca spesa e su larga scala. Di questo testo immenso (ogni nostra cellula contiene l'equivalente di oltre seimila volumi dei Promessi sposi) noi comprendiamo l'alfabeto - quattro lettere, A, C, G e T, cioè le molecole che formano i cromosomi; ne comprendiamo il lessico, cioè cosa significano le singole parole che lo compongono, i geni; siamo invece lontani dal capirne la sintassi, cioè il modo in cui ogni gene risponde al funzionamento degli altri geni e ai messaggi provenienti dall'ambiente. È per questo che oggi riusciamo a prevedere se un neonato avrà la fibrosi cistica, perché basta controllare un solo gene che sappiamo bene dove cercare; per capire invece se ci verrà il diabete, il cancro o il Parkinson, malattie complesse, dovremmo controllare decine o centinaia di geni, in buona parte sconosciuti. Per chi fa ricerca medica, per chi studia l'evoluzione, oggi la sfida è orientarsi in questa formidabile complessità.
18,00

Diventare don Giovanni

di Marino Niola

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 240

"Esistono tre tipi d'uomini. Quelli che credono di essere Don Giovanni, quelli che credono di essere stati Don Giovanni e quelli che credono che avrebbero potuto esserlo ma non lo hanno voluto". Lo diceva Ortega y Gasset. Ma forse la categoria più numerosa è composta da quelli che avrebbero voluto ma non hanno potuto. Nell'epoca del narcisismo di massa e in una società di single, eternamente giovani, il dongiovannismo sta diventando virale, una condizione diffusa. Ma chi è don Giovanni, e qual è la forza di questo personaggio letterario o mito? È noto come seduttore ma questa è solo una piccola parte della sua interessante figura, che attraversa temi profondi legati alla spiritualità e all'amore della ragione filosofica. Marino Niola ci guida in questo viaggio in tutta Europa alla ricerca delle tracce del "dissoluto punito"
12,00

Taccuino di una donna timida

di Orsola Nemi

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 176

Raccolta di bozzetti, saggi e poemetti, scritti tra il 1955 e il 1965, estratti dal taccuino personale dell'autrice, che ha sempre vissuto in case grandi, zeppe di libri e di gatti, con ampi giardini dove la sua fantasia ha avuto grande spazio per esprimersi. Negli anni cinquanta vive con il marito in una casetta in mezzo alla natura dove osserva avvenimenti del mondo vegetale e animale che paragona agli uomini, sui quali fa profonde riflessioni. Ma Orsola osserva, fa suoi e annota anche i grandi avvenimenti mondiali, che commenta e interpreta al pari di quelli della vita quotidiana. Orsola evoca ricordi, descrive sogni e visioni. A volte più realistica, altre più trasognata, ma sempre per mezzo di un linguaggio prezioso.
13,00

I giorni innocenti della guerra

di Mario Fortunato

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 192

Centro Italia, alla vigilia del secondo conflitto mondiale. La vita di un gruppo di ragazzi e ragazze si trova nel pieno di quella che presto diventerà una guerra civile. Fra loro c'è Stefano Portelli, avvocato di belle speranze con la testa gonfia di utopie innamorato di Eleonora. E c'è la cognata Nina, legata in segreto a Sergio, capo partigiano quasi adolescente. Altre esistenze corrono parallele, incrociandosi poi in maniera imprevista: quella di Alastair Ormiston, pilota inglese della RAF, che adora i libri di Virginia Woolf e sogna il compagno ideale. E quella di Edna, l'amica del cuore che, in una Londra bombardata dai nazisti, scopre se stessa e la felicità. Se queste vite si incroceranno in maniera imprevista, rimescolando le carte della grande Storia, sarà per opera di un destino che le supera, bruciandole in un falò dove tutto si consuma - gioia e dolore insieme.
12,00

Noi tre

di Mario Fortunato

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 178

"Noi tre" è la storia di Pier Vittorio Tondelli, di Filippo Betto e dell'autore di questo romanzo - tre ragazzi che volevano essere scrittori. Venivano dalla provincia, avevano pochi mezzi e "consideravano la letteratura il loro mondo segreto, oltre che la principale ragion d'essere". E poiché avevano quasi tutto in comune, "si amarono come ci si ama da ragazzi, senza remore morali né pietà". L'Italia è quella degli anni Ottanta del secolo scorso. Un Paese opulento, di colpo incline a scrollarsi di dosso le molte ipocrisie della tradizione cattolica e di quella comunista. L'Italia che dissipò se stessa nell'ubriacatura del consumismo, ma anche una nazione che finalmente si affacciava alla modernità. Nella musica pop trionfavano le band neoromantiche. In letteratura si riscopriva il minimalismo. Nell'arte tornava l'uso dei pennelli e della tela. La pubblicità - Andy Warhol era ancora vivo usciva dal dominio dell'economia per entrare in quello dell'estetica. Pier, Filippo e Mario inventarono un linguaggio quotidiano di amicizia, complicità, erotismo. E quella fu la loro "età del jazz" formato tascabile. Erano giovani, si sentivano liberi e persero tutto. Pier incontra subito la notorietà letteraria, pagandola a caro prezzo. Filippo è il più giovane: possiede il distacco dei fratelli minori, ma l'inquietudine lo divora. Mario, che dei tre si direbbe il più forte, è tuttavia il meno sicuro di sé.
10,00

Amore, romanzi e altre scoperte

di Mario Fortunato

Libro

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 192

Un' ideale autobiografia dell'autore, la scoperta di sé e la conquista di un proprio spazio nel mondo grazie a romanzi indimenticabili, il passaggio dalla provincia del sud a Roma attraverso gli anni settanta e i primi anni ottanta. Le storie di ragazzi che introducono ogni brano letterario scelto compongono il mosaico di un'educazione sentimentale, rappresentano un incontro, un giro di vite, ognuno di loro conosce se stesso e la vita grazie all'amore per i libri. Un continuo rimando tra persone vere e personaggi letterari, il ricordo dell'intensa amicizia con Tondelli, l'amore, la sessualità, il dolore, la diversità - pennellate di un quadro che partendo da Proust riassume tutto il XX secolo.
12,00

Vittoria Accorombona

di Ludwig Tieck

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 400

Romanzo storico di ambientazione cinquecentesca con protagonista Vittoria Accorombona, nobildonna italiana, femminista ante-litteram. Una donna coraggiosa che sfida i preconcetti del tempo pagando le sue scelte con la morte. Sullo sfondo un mondo al tramonto, dove lo stato di diritto sembra eclissato. Le tematiche, in parte comuni a quelle del primo Romanticismo, sono trattate in modi inediti e attuali: una decisa critica dell'ipocrita morale vigente a favore dell'autodeterminazione dell'individuo, elementi fantastici e l'importanza del sogno, l'autonomia dell'artista in conflitto con le pressioni del potere dominante. Testamento poetico dell'autore, è il romanzo storico in lingua tedesca più riuscito nella tradizione di Scott.
18,00

Le voci di Berlino

di Mario Fortunato

Libro

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

Raccontava Christopher Isherwood - alla cui esperienza si ispirò il film "Cabaret" - che a fine anni Venti, alla vigilia della grande crisi economica antesignana di quella attuale, si precipitò a Berlino perché la città era considerata "il luogo più vizioso dai tempi di Sodoma". Sessantanni dopo e con le stesse motivazioni, il narratore di questo libro, allora giovane, segue le orme dello scrittore inglese e una sera giunge in quella che è una capitale divisa in due, vivendovi un'avventura tanto pericolosa quanto memorabile. Dall'episodio, che potrebbe figurare in una spy story di Le Carré, se non fosse che i protagonisti sono due ragazzi imbevuti di poesia, e cioè piuttosto goffi, ha inizio "Le voci di Berlino", narrazione corale e imprevedibile di "una città che non è, ma continuamente diventa", un luogo dove la letteratura, a furia di inseguire la realtà, la raggiunge. La storia di una metropoli è un romanzo sotto mentite spoglie. Se poi la metropoli è stata il cuore di una monarchia imbelle, di una repubblica litigiosa, di due dittature, e infine è diventata il centro politico dell'Europa odierna, il romanzo rischia di trasformarsi in una categoria dello spirito. È appunto in questa chiave che il libro spazia dalla Berlino sfrontata di Isherwood e Auden, ricostruita con materiali inediti, a quella degli iniziali bagliori dell'incendio nazista; dalla città distrutta dopo la caduta del Terzo Reich in cui i due figli di Thomas Mann, Erika e Klaus, tentano di riannodare il filo della memoria.
11,00

Gli affamati e i sazi

di Timur Vermes

Libro: Copertina morbida

editore: Bompiani

anno edizione: 2019

pagine: 258

In un futuro non troppo lontano, in Germania è finita l'era di Angela Merkel e il nuovo governo ha messo in atto una serie di provvedimenti per bloccare l'immigrazione: insieme agli altri paesi europei paga gli stati del Nord Africa perché tengano sotto stretta sorveglianza i loro confini e non permettano a nessuno di passare. Oltre il Sahara si stanno costruendo enormi campi dove milioni di rifugiati aspettano, così a lungo che si potrebbe andare a piedi se non fosse una condanna a morte certa. Quando la star della tv tedesca Nadeche Hackenbusch fa visita al più grande di questi campi, il giovane Lionel capisce di avere un'opportunità unica: con centocinquantamila rifugiati usa l'attenzione del pubblico televisivo e inizia a marciare verso l'Europa. La bella presentatrice e i migranti diventano campioni di ascolti. E mentre l'emittente televisiva gioisce per la cronaca dal vivo, i record di telespettatori e le entrate milionarie della pubblicità, la politica tedesca volge lo sguardo altrove, minimizza e aspetta. Ma più il corteo si avvicina, più il ministro dell'interno Leubl deve impegnarsi. E tanto più urgente diventa per lui e per il popolo tedesco decidere cosa fare: accoglierli o fermarli?
22,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.