Il tuo browser non supporta JavaScript!

Cacucci

L'Azienda. Finalità - Struttura - Amministrazione

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2019

pagine: 324

30,00

Gli appalti in house. Il caso delle sanità service

di Emanuela Resta

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 191

Un particolare tipo di società a partecipazione pubblica è rappresentato dalle società "in house", società affidatarie dirette di servizi di interesse generale, la cui legittimità trova ora un preciso ancoraggio normativo. Le società "in house", che costituiscono un ircocervo in cui convivono istituti privatistici con regole di dichiarata origine pubblicistica, fondano la propria legittimità da un lato nella stretta osservanza dei principi posti tanto dal Testo Unico quanto dal codice dei contratti pubblici, dall'altro nel rispetto del principio di efficienza, efficacia e buon andamento della pubblica amministrazione. Per cui la pubblica amministrazione è legittimata a ricorrere all'affidamento diretto del servizio di interesse generale alla propria partecipata solo ove tale modalità di gestione si prefiguri come maggiormente conveniente rispetto alla esternalizzazione del servizio stesso. Il modello dell'affidamento "in house" ha trovato nel tempo applicazione anche in campo sanitario. Numerose aziende sanitarie locali, infatti, hanno affidato alcuni servizi di-interesse generale (in particolar modo servizi strumentali quali le pulizie, la custodia, ecc..). L'affidamento "in house" da parte di aziende del servizio sanitario pone inediti interrogativi relativamente al rispetto, oltre dei principi innanzi ricordati, delle regole in materia di trasparenza e tutela della concorrenza. Questo lavoro, che è un aggiornamento della tesi di laurea-specialistica in Consulenza professionale per le aziende di Emanuela Resta, si è interessato dell'evoluzione normativa e giurisprudenziale in materia, evidenziando le criticità ed i possibili pericoli sia sotto il profilo strettamente efficientistico, sia sotto il profilo del diritto della concorrenza. Prefazione di Ugo Patroni Griffi.
20,00

Crisi transfrontaliera di impresa: orizzonti internazionali ed europei. Atti del Convegno (LUISS, Roma, 3-4 novembre 2017)

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 226

Il presente volume raccoglie gli atti del convegno "Crisi transfrontaliera di impresa: orizzonti internazionali ed europei", organizzato il 3-4 novembre 2017 dalla LUISS School of Law nell'ambito del Master in Prevenzione e Gestione della Crisi di impresa. Il convegno ha rappresentato un proficuo momento di riflessione sull'attuale contesto normativo internazionale ed europeo relativo alla crisi di impresa, nonché sulla adeguatezza del «sistema Italia» rispetto alle sfide lanciate da organismi internazionali come UNCITRAL e UNIDROIT, e dall'Unione europea. Le relazioni sono state tenute dai principali esperti italiani e stranieri della materia, molti dei quali appartengono al Gruppo di studio Cross-border Insolvency and National Legal Orders, istituito dalla sezione italiana dell'International Law Association, nonché all'International Insolvency Institute: enti, questi, che, in varia guisa, hanno sostenuto l'iniziativa. Articolato in tre sessioni, l'incontro ha affrontato dapprima le politiche internazionali ed europee in materia di crisi di impresa, avendo riguardo anche alla proposta di Direttiva sulla ristrutturazione preventiva e agli effetti della Brexit nel campo delle ristrutturazioni. La seconda sessione si è soffermata sul regolamento (UE) 2015/848 del 20 maggio 2015 relativo alle procedure di insolvenza, rivolgendo particolare attenzione ai rapporti con la libertà di stabilimento di matrice europea, con la proposta di Direttiva sulla ristrutturazione preventiva, e con altri regolamenti adottati dall'Unione nel settore della cooperazione giudiziaria in materia civile e commerciale. L'ultima sessione si è soffermata su profili specifici nei quali dimorano ulteriori sfide che l'operatore italiano deve affrontare per gestire efficacemente una crisi transfrontaliera di impresa attenendosi alle policies, alle tecniche e agli strumenti normativi esaminati nelle prime due sessioni. I testi di alcuni interventi sono in lingua inglese.
24,00

Lezioni di contabilità pubblica. La responsabilità amministrativa e contabile. Vol. 1

di Vittorio Raeli

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 210

Il libro è il primo di due tomi dedicati alla contabilità pubblica, avente a oggetto la responsabilità amministrativa e contabile innanzi alla Corte dei conti, di cui vengono delineati gli aspetti essenziali sul piano della disciplina positiva e della ricostruzione giurisprudenziale. Presentazione di Pier Luigi Portaluri.
22,00

Compendio di contabilità di Stato

di Andrea Monorchio, Lorenzo G. Mottura

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 556

Dal punto di vista giuridico, per contabilità pubblica s'intende il sistema delle norme che regolano le attività di acquisizione, conservazione e impiego delle risorse da parte delle amministrazioni pubbliche, l'insieme delle procedure di formazione dei documenti di bilancio nonché i relativi criteri di contabilizzazione e controllo delle operazioni. Il termine "contabilità", dunque, non viene assunto nel significato di "tenuta dei conti", ma nel senso di "dare conto" che la gestione delle risorse pubbliche avvenga nel rispetto delle procedure e, più in generale, delle norme previste dall'ordinamento. In quest'ottica, il campo d'indagine del presente Compendiosi estende: alla individuazione dei soggetti destinatari delle disposizioni in materia di contabilità pubblica (capitolo I); alla gestione del bilancio e quindi all'esame dei modelli contabili a contenuto finanziario e con funzioni previsionali ed autorizzatone (capitolo V); alla gestione economica, intesa come sistema di contabilità economica per centri di costo, che consente di seguire l'andamento dell'azione amministrativa e di valutarne i risultati in termini di efficienza, efficacia ed economicità (capitolo VI); ai vincoli economici e finanziari derivanti dall'ordinamento dell'Unione europea, con riguardo al Patto di stabilità e crescita, alla procedura nei casi di disavanzi eccessivi, al «Fiscal Compact», agli altri strumenti europei di coordinamento ex onte delle politiche economiche e di bilancio degli Stati membri e al Meccanismo Europeo di Stabilità (capitolo III). Viene altresì esaminato il conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche (capitolo VII), il cui saldo è assunto quale parametro di riferimento per l'obiettivo che gli Stati membri devono assumere per assicurare l'equilibrato sviluppo dell'economia europea; al debito pubblico e alle garanzie pubbliche, con particolare riferimento a quelle concesse a favore del sistema del credito e a salvaguardia della stabilità della moneta unica (capitolo Vili); alla gestione del patrimonio, con riguardo sia alla redazione degli inventari dei beni pubblici e alla relativa rappresentazione nel conto generale del patrimonio, sia all'amministrazione degli stessi (capitolo IX); all'attività contrattuale che la pubblica amministrazione pone in essere per perseguire gli interessi pubblici, nel rispetto di procedure che garantiscano la concorrenzialità, la non discriminazione, l'imparzialità nella scelta della controparte e, più in generale, il buon uso del denaro pubblico (capitolo X); ai controlli necessari per verificare che l'azione amministrativa sia svolta nel rispetto della legge e dei canoni dell'efficienza, dell'efficacia e dell'economicità (capitolo XI); alle responsabilità e i conseguenti obblighi di risarcimento del danno patrimoniale causato dai soggetti cui è demandata la gestione di risorse pubbliche (capitolo XII); all'ordinamento contabile e finanziario degli enti diversi dallo Stato, alle disposizioni in materia di coordinamento ed armonizzazione dei sistemi contabili di regioni ed enti locali (capitolo XIII). Raccogliere gli argomenti sopra accennati, coordinare l'universo delle disposizioni che li disciplinano e tracciarne i fondamenti è quanto si è cercato di fare con il presente Compendio; un compito che continua ad entusiasmarci ed a sedurci e che, senza alcuna pretesa di esaustività, sottoponiamo agli studenti e a quanti vogliano esplorare i fenomeni oggetto di indagine.
38,00

Minori, radicalizzazione e terrorismo

di Gianna Maria Nanna

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 69

Il lavoro prende spunto dal Master promosso dall'Università degli Studi di Bari, svolto nell'Anno Accademico 2017-2018, avente ad oggetto la prevenzione del terrorismo in Italia, rivolto alla formazione e specializzazione degli operatori della giustizia, delle Forze dell'Ordine e di tutti gli addetti al settore relativo alla protezione dei minori ed alla sicurezza nazionale, nel quale l'autrice ha fornito il proprio contributo, in qualità di docente, con un'esposizione di taglio scientifico ed operativo, offrendo soluzioni sistematiche maturate alla luce delle recentissime evoluzioni normative ed a seguito dell'attenta disamina delle esperienze maturate "sul campo". L'opera si occupa della problematica relativa al coinvolgimento dei minori in pericolose derive di matrice ideologica e religiosa, fino al vero e proprio terrorismo anche nella nuova espressione dei cc.dd. "lupi solitari", dei quali vengono delineate nel dettaglio le caratteristiche e le modalità d'azione. A tal fine, sono analizzati i possibili scenari nei quali il minore subisce l'influenza degli adulti ovvero quando sia portatore autonomo di patologia religiosa, con particolare attenzione alle cause ed alle possibili connessioni fra l'imponente fenomeno migratorio minorile e le allarmanti realtà legate alla criminalità organizzata, al terrorismo ed allo sfruttamento sessuale minorile, fornendo spunti interpretativi e possibili soluzioni, tese alla deradicalizzazione ed al reinserimento sociale del minore, con riferimento alle metodologie inclusive in un'ottica interculturale ed interreligiosa.
10,00

Tecnologie digitali e lavoro agile

di Carla Spinelli

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 198

"L'analisi dei problemi che l'introduzione delle nuove tecnologie digitali pone al diritto del lavoro richiede una preliminare delimitazione dell'ambito di ricerca. Il presente studio si propone, in particolare, di soffermarsi sugli effetti che l'innovazione tecnologica produce sull'organizzazione del lavoro e, conseguentemente, sulle modalità di esecuzione della prestazione di lavoro subordinato. L'indagine si colloca, pertanto, nell'area del contratto individuale di lavoro e intende analizzare il complesso delle norme che lo stato e l'autonomia collettiva elaborano per regolarne il sottostante rapporto, al fine di individuare le potenzialità, ma anche le criticità, che tale disciplina - legale e negoziale - evidenzia. Più precisamente, a suscitare interesse e stimolare la riflessione è lo smart working, una modalità di organizzazione del lavoro e, conseguentemente, di esecuzione della prestazione lavorativa, comunemente definita - sia pure con qualche approssimazione, come si vedrà - come la possibilità di svolgere il lavoro ovunque e in qualsiasi momento (anywhere and at anytime), con l'ausilio delle nuove tecnologie di informazione e di comunicazione, in particolare i dispositivi mobili (smartphone, tablet, computer portatile, etc.)." (Dalla Premessa)
22,00

Decostruzione amministrativa nel governo del territorio

di Giovanni Guzzardo

Libro: Libro in brossura

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 275

L'esercizio di qualsiasi attività imprenditoriale - ove si eccettuino quelle convenzionalmente ricomprese nella ed. "nuova economia" - interseca in modo più o meno diretto il territorio, il cui "governo" condiziona non solo la proprietà ma, soprattutto, l'iniziativa economica privata. La ricerca affronta i nodi problematici più rilevanti inerenti al processo di semplificazione dell'attività amministrativa nell'ordinamento sezionale dell'edilizia, avviato da alcuni anni e spinto fino alla de-costruzione dell'attività amministrativa di settore nell'intento di agevolare il dispiegarsi dell'iniziativa dei privati e, più in generale, delle imprese, al fine di fronteggiare la recente crisi economica globale. Nell'ambito di una regolamentazione definita multilivello la semplicità dell'azione amministrativa evolve profondamente: da metodologia volta ad indurre comportamenti virtuosi dell'Amministrazione, a principio degli ordinamenti dell'Unione europea e di diritto interno, preordinato al risultato del sostegno allo sviluppo. Lo studio prende le mosse dall'analisi della disciplina "semplificata" del governo del territorio e si snoda attraverso la ricostruzione, estesa anche a profili comparatistici, dei tentativi di efficientamento dell'azione amministrativa in materia, affidati a tecniche giuridiche di compattazione delle fasi procedimentali o al potenziamento di fattispecie legali tipiche surrogatorie di valutazioni e accertamenti amministrativi preventivi (silenzio-assenso e s.c.i.a.), evidenziandone le criticità; per approdare al tema dell'ineffettività di istituti che, piegati da discipline giuridiche oggetto di continui interventi legislativi ad esigenze di inveramento della competitività delle imprese, paiono piuttosto risolversi nel ridimensionamento, fino alla mera elisione, dell'esercizio di poteri pubblici che intersechino attività economiche. L'adeguata considerazione dei costi amministrativi ed imprenditoriali indotti dalla "corsa alla semplificazione" dovrebbe indurre a forme di razionalizzazione dell'agire pubblico incentrate sull'efficacia delle strutture organizzative. Ed è nella riscoperta e nel potenziamento della buona organizzazione che - come l'esperienza di taluni Stati europei conferma - sembrano risiedere i cardini essenziali di un rinnovato percorso che, anche nei settori di maggiore impatto economico come l'edilizia, restituisca centralità ad una funzione amministrativa idonea a coniugare tempi e risultato.
32,00

Caratteri, limiti e prospettive dell'Unione bancaria

di Nicola Ruccia

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 167

"L'entrata in vigore del Trattato di Lisbona - che ha lasciato pressoché invariato il quadro giuridico-istituzionale dell'Unione economica e monetaria (UEM) delineato dal Trattato di Maastricht - ha avuto luogo nel contesto di una crisi finanziaria di dimensioni globali. Ancorché innescata negli Stati Uniti dall'insolvenza dei detentori dei c.d. mutui 'subprime', essa, all'interno dell'eurozona si è inizialmente manifestata in Grecia e successivamente in Portogallo, Irlanda, Italia e Spagna, spregiativamente indicati con l'acronimo PIIGS, mettendo in discussione la fiducia nella moneta comune e, per certi versi, nella sostenibilità dell'Unione..."
18,00

La crisi dei partiti e la democrazia in Italia

di Ignazio Lagrotta

Libro: Libro in brossura

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 189

Il lavoro verte su di un tema classico e centrale per la scienza del diritto pubblico e costituzionale, ossia come il sistema politico incide sulla democrazia nella sua effettività. I partiti tradizionali non esistono più e quelli esistenti sono spesso al di fuori del perimetro tracciato dagli artt. 49 e 18 della Costituzione. Non sono più il luogo del confronto e dell'elaborazione del progetto di società ma nella migliore delle ipotesi cartelli elettorali utilizzati per accedere alle cariche pubbliche attraverso scelte poco trasparenti e sempre meno inclusive. I cittadini si identificano sempre meno nell'attuale sistema partitico e sono poco disposti ad impegnarsi nelle loro attività; purtuttavia i partiti sono ancora gli strumenti per raggiungere il controllo delle istituzioni. Studiare i percorsi che caratterizzano la parabola dei partiti politici in Italia e in Europa e in prospettiva le ipotesi di regolamentazione della loro disciplina giuridica consente una riflessione sulla democrazia del presente e del futuro. Il "vuoto" sempre più avvertito tra politica e democrazia popolare sarà colmato, il tema è capire se e come i partiti sapranno assolvere a questa funzione.
22,00

La tutela degli interessi finanziari tra competenze dell'Unione e obblighi degli Stati membri

di Antonietta Damato

Libro: Copertina morbida

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 122

Il presente lavoro è volto a effettuare una ricostruzione organica della tutela degli interessi finanziari dell'UE come risultante dal diritto primario e dagli atti di diritto derivato che ne stabiliscono la tutela penale e amministrativa sotto i profili anzidetti, delineando i caratteri di tale tutela nel contesto giuridico attuale attraverso una trattazione unitaria dei vari aspetti ad essa inerenti.
13,00

Libertà di cura e autonomia del medico. Profili istituzionali

di Arianna Carminati

Libro: Libro in brossura

editore: Cacucci

anno edizione: 2018

pagine: 194

"L'incontro della volontà dei due protagonisti dell'atto terapeutico, il paziente e il medico, è il momento nel quale si saldano, in concreto, due principi fra loro strettamente interconnessi e che, non a caso, la Costituzione contempla in disposizioni poste una di seguito all'altra: la tutela della salute che l'art. 32 Cost. riconosce quale fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e la libertà dell'arte e della scienza che l'art. 33 Cost. pone a garanzia dell'indipendenza e del pluralismo della comunità scientifica. La Costituzione italiana contiene, inoltre, all'art. 9, fra i suoi principi fondamentali, una disposizione che pone lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica fra gli impegni che la Repubblica deve assumere, in positivo, per la piena realizzazione della garanzia di libertà espressa dall'art. 33 Cost..." (Dall'introduzione)
21,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.