Editore Castelvecchi - Ultime novità

Castelvecchi

La regola del bucaneve

di Grazia Di Michele

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 128

Dafne ha vent'anni, vive in un prefabbricato con la madre e i fratelli, e ha imparato ad arrangiarsi, da buona abitante di Tor Furbara. In una piccola comunità come la loro si è un po' tutti complici, se qualcuno si mette in traffici poco leciti, e si è tutti un po' famiglia. La sua migliore amica è Carola, la vicina con la roulotte. Fragile e disperata, è la preda perfetta del perbenismo borghese, che si presenta nella persona di Andrea: l'uomo della "Roma bene", che la umilia con una violenza inspiegabile. La condizione di Carola diventa il pretesto perché Dafne e la famiglia vadano in cerca del loro riscatto. Grazia Di Michele ha scritto un romanzo metropolitano sul mondo che vive ai margini e sull'istinto di sopravvivenza, popolandolo di personaggi vivi che - a modo loro - si battono contro l'indifferenza.
1.500,00

Autobiografia di Alice Toklas

di Gertrude Stein

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 232

«Autobiografia» per gioco letterario, quella che Gertrude Stein scrive assumendo il punto di vista della compagna Alice Toklas è il racconto di vita dell'una e dell'altra, il romanzo di una coppia, la vista unica e suggestiva della Rive Gauche negli anni d'oro degli artisti americani a Parigi, tra il 1903 e il 1932. «I geni venivano e stavano con Gertrude Stein; le mogli, con me» avrebbe ricordato Alice Toklas. Audace, sardonica, sempre sicura di sé, nella vita come nella prosa, Stein, tra Rue de Fleurus e le feste del sabato sera con Picasso e «la sua sonora risata spagnola a nitrito», Cézanne e Matisse, Hemingway e Fitzgerald, visse esperienze come in «un caleidoscopio che si rivolga adagio», e fu protagonista di un pezzo di letteratura del Novecento.
18,50

Quattro passi con Nietzsche

di Giuliano Campioni

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 184

Lungo il Po a Torino oppure tra i colli della riviera ligure, Nietzsche camminava almeno otto ore al giorno. Pur non apparendo come la persona più facile con cui passeggiare, fare quattro passi insieme a lui può rivelare molto di un autore frainteso e svilito, marchiato di "ultragermanismo", e ridotto ai concetti di superuomo e volontà di potenza. Il Nietzsche raccontato da Giuliano Campioni perde i tratti del filosofo isolato per assumere quelli del vivace e originale interlocutore della discussione europea, che critica e supera i nazionalismi della sua epoca e si interessa delle novità parigine, dagli psicologi più raffinati ai romanciers dei boulevard, a cominciare da Paul Bourget. Sempre sotto il segno della ragione classica francese, in forte opposizione all'ideologia germanica di Wagner e al diffuso antisemitismo. "Quattro passi con Nietzsche" è un'approssimazione a un pensatore di straordinaria ricchezza, per cercare di rivelarne appieno la singolarità.
19,50

L'arma del desiderio

di Tiziana Della Rocca

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 80

Il desiderio, la più tenace ed enigmatica delle forze che animano uomini e donne, cerca la sua impossibile soddisfazione nei modi più bizzarri e brutali; con esiti sempre diversi. Può innescare la tragedia come la commedia, può suscitare la rabbia, la gelosia, l'ilarità, «mortificare o vivificare chi lo prova e chi ne è oggetto». Lo dimostrano le figure esemplari che costellano questo libro: personaggi storici, mitologici e letterari, protagonisti della cronaca nera, volti della politica, star del cinema. Da Casanova al Monsieur Verdoux di Chaplin, da Leonarda Cianciulli la "saponificatrice" alle donne fatali della Bibbia, Giuditta e Ester; e poi la Medea del mito greco, Victor e Adèle Hugo, Clinton e Lewinsky, le streghe di Salem e le "streghe" del nostro tempo, le coppie hollywoodiane con i loro intrighi. "L'arma del desiderio" conduce al cuore del ragionamento sui moti indecifrabili delle pulsioni umane, provocando ora un sorriso di fronte alla loro assurdità, ora un brivido per la loro violenza.
10,00

Il Dio sbagliato. Dialogo tra un filosofo, un poeta e un mistico

di Raffaele Luise

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 144

Cosa ne abbiamo fatto di Dio? Un padre assente, un giudice barbuto a capo della "vera religione" che detiene il monopolio della verità. Lo abbiamo tenuto lontano da noi e per tanto tempo è rimasto un «Dio sbagliato»: assoluto ed esclusivo, oppressivo quando non violento. Uscire dalla logica del Dio sbagliato significa sovvertire certezze millenarie, sul divino, sull'uomo e sul mondo, ma è un gesto fondamentale per abitare la nostra epoca e reagire alle sue crisi. Significa dotarci di nuove visioni di unità e pluralità, di un'idea di coabitazione delle religioni con società e politica, di un Dio che sia relazione tra culture ed etiche diverse. Raffaele Luise anima un immaginifico dialogo tra un filosofo, un mistico e un poeta, consapevoli che questa volta tocca all'uomo: «Soltanto noi possiamo salvare Dio». Prefazione di Giacomo Marramao.
16,50

Dante e le stelle

di Piero Boitani

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 48

«E 'l sol montava 'n sù con quelle stelle...». Attraversando i cieli di Dante e incontrando le intelligenze angeliche, Piero Boitani offre un'interpretazione suggestiva e originale dell'armonia delle sfere, dei moti dei corpi celesti e della musica che risuona nei canti del "Paradiso" della "Divina Commedia". Protagoniste di questa escursione critica sono le stelle, che hanno ispirato scrittori e poeti sin dai tempi di Omero e che si presentano già dai primi versi dell'opera dantesca. Il testo di Boitani ci offre un ritratto di Dante regista straordinario e astronauta ante litteram, capace di far sognare il lettore contemporaneo con incomparabili descrizioni del firmamento. Prefazione di Massimo Arcangeli.
7,50

Bella ciao. La storia definitiva della canzone partigiana che dalle Marche ha conquistato il mondo

di Ruggero Giacomini

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 112

Simbolo della lotta partigiana, "Bella ciao" è forse la canzone italiana più famosa al mondo, ormai parte della tradizione dei movimenti di protesta internazionali: da Occupy Wall Street agli scioperi per il clima inaugurati da Greta Thunberg, fino alla sua recente citazione nella serie Netflix "La casa di carta" che sembra averla imposta al grandissimo pubblico come «canto delle Resistenze». A tanta notorietà corrisponde però altrettanta confusione riguardo alle sue origini: c'è chi ha invocato i canti delle mondine della Pianura Padana, chi le ballate popolari, e chi è arrivato a mettere in dubbio ogni legame con la lotta partigiana. Ruggero Giacomini, esperto di storia resistenziale, attraverso testimonianze e fonti inedite, fuga ogni dubbio sul collegamento del canto con i partigiani e ne dimostra l'origine marchigiana, consegnando ai lettori la biografia definitiva di "Bella ciao".
13,50

Essere giovani non è una scusa

di Danilo Lampis

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 212

Quando un operaio sardo viene licenziato dalla fabbrica dove lavorava da più di vent'anni, la vita dei suoi due figli cambia da un giorno all'altro. Alessandro, che cercava il suo futuro a Bologna, vede infrangersi il sogno di una carriera accademica. Francesco, falegname in Sardegna, capisce che il suo lavoro sicuro può garantirgli solo una vita di frustrazioni. Le loro risposte sono alternative, quasi opposte: da un lato la realtà alienante delle consegne a domicilio e dei supermercati h24, dall'altro quella feroce di una strada senza ritorno; ma entrambe sono dettate dalla precarietà e dal desiderio di riscatto. "Essere giovani non è una scusa" è una vivida istantanea dei giovani del nostro tempo, un romanzo sulle aspirazioni, le paure e gli amori della "generazione rider"; una denuncia del presente e insieme, tra realtà e fantapolitica, la visione di un futuro possibile.
16,50

Herr Hitler. Nascita di un Führer

di Paola Sorge

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 288

La sera del 30 gennaio 1933, per le strade di Berlino sfila una fiaccolata di venticinquemila uomini tra SS e SA. Dalle colonne della Porta di Brandeburgo pende lo striscione: «Führer befiehl wir folgen», 'Führer comanda noi obbediamo'. È la fine della Repubblica di Weimar, è l'inizio di uno dei regimi più efferati della storia dell'umanità. Pochi avrebbero mai immaginato di vedere Adolf Hitler così: apparentemente invincibile, tra folle esaltate, festeggiare la nomina a cancelliere. Non i professori che lo bocciarono quando era solo un ragazzino svogliato. Non Reinhold Hanisch, il suo ex coinquilino a Vienna, come lui povero in canna, che coinvolse nella vendita dei propri quadri. E forse nemmeno Helene Bechstein, la donna che intravide in questo goffo provinciale il micidiale oratore che diverrà tristemente noto a tutto il mondo. Giocando sul confine tra la biografia e il romanzo, con molti episodi raccontati in Italia per la prima volta, questa è la storia vera della radicalizzazione e dell'ascesa di Hitler: infanzia, adolescenza e giovinezza, dalle origini dell'odio per gli ebrei agli incontri che contribuirono a formare il più feroce dittatore del Novecento.
17,50

La pietra e il dolore. Michelangelo nei giardini dei Medici

di Karel Schulz

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 584

L'apprendistato nella bottega del Ghirlandaio, l'ingresso nella corte medicea, le prime sculture, gli studi anatomici nel convento di Santo Spirito, la fuga a Bologna, il primo soggiorno romano, la commissione della Pietà e la realizzazione del David... I momenti che si impressero nella vita di Michelangelo riprendono vita nel celebrato romanzo storico di Karel Schulz - che il linguista Josef Be?ka definì «uno dei capolavori della letteratura mondiale» - insieme ai più importanti eventi dell'epoca: la Congiura dei Pazzi del 1478, la politica dell'equilibrio di Lorenzo il Magnifico, la predicazione di Savonarola e la crisi spirituale della Chiesa. Tra realtà e finzione, si dispiega una fitta trama popolata di protagonisti maestosi, dagli amici e familiari dello scultore alle più grandi figure del Rinascimento italiano: Leonardo da Vinci e Poliziano, i Borgia e Machiavelli. Al cuore della storia, un Michelangelo inquieto, sempre in cerca di un posto nel mondo e di una giusta definizione del rapporto tra fede, arte e dolore.
22,00

I diciotto anni migliori della mia vita

di Alessandro De Angelis

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 240

Quando a ventott'anni, nel 1592, Galileo Galilei ottiene la prestigiosa cattedra di matematica all'Università di Padova, la sua fama di scienziato geniale è pari a quella di attaccabrighe. Non ha terminato il corso di laurea, beve troppo, frequenta i bordelli; un poemetto scurrile contro i professori gli è costato il rinnovo a Pisa, mentre a Bologna ha mentito sul curriculum. Eppure - senza trascurare i piaceri della vita, che amerà condividere con l'amico Sagredo -, a Padova Galileo farà il suo ingresso nel milieu della cultura e della politica mondiali; vedrà nascere i suoi tre figli; punterà il "cannone occhiale" verso il cielo nelle sue prime osservazioni, che cambieranno la storia del mondo. Alessandro De Angelis ha rivelato un Galileo poco conosciuto, imperfetto, memorabile, in un romanzo che, poggiando su una rigorosa ricerca storica, gioca sul confine tra fiction e non-fiction e racconta i diciotto anni scapigliati e burrascosi che Galileo definirà i «migliori di tutta la mia età». Con i disegni autografi di Galileo Galilei e le mappe d'epoca.
17,50

Dante, nostro contemporaneo. Perché leggere ancora la «Commedia»

di Marco Grimaldi

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2021

pagine: 48

Il mondo di Dante Alighieri era completamente diverso dal nostro: era un mondo in cui tutti gli uomini sapevano dove avrebbero vissuto, che lavoro avrebbero fatto, quali premi o castighi li avrebbero attesi nell'aldilà. Benché Dante abbia fatto un lavoro diverso da quello che si potevano aspettare i suoi genitori e abbia vissuto in esilio per metà della sua esistenza, aveva delle idee molto precise sulla vita dopo la morte ed era sicuro che fossero condivise dai suoi lettori. Oggi, quando queste certezze non ci sono più, perché leggiamo ancora la Commedia? Perché è bella? Perché parla nella nostra stessa lingua? Perché ci insegna qualcosa del mondo di ieri? Marco Grimaldi cerca di rispondere a queste domande, spiegando cosa ci interessa ancora del contenuto più profondo del poema dantesco.
7,50

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento