Editore Ensemble - Ultime novità
Vai al contenuto della pagina

Ensemble

Non era mia intenzione

Non era mia intenzione

di Francesca Maria Federici

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2023

pagine: 78

13,00
Edgar Allan Poe. L'ultimo incubo

Edgar Allan Poe. L'ultimo incubo

di Aldo Luigi Mancusi

Libro: Copertina morbida

editore: Ensemble

anno edizione: 2022

pagine: 94

7 ottobre 1849. A poche ore dalla morte, Edgar Allan Poe si risveglia durante la sua autopsia, sotto gli occhi allucinati del dottor Steven Harris, l'anatomopatologo che sta indagando sulle cause del decesso. Il grande scrittore americano sembra essere diventato suo malgrado il protagonista di uno dei racconti gotici usciti, in vita, dalla sua penna, tra deliri, fobie e ricerca di verità pericolose. Lì fuori, nella nebbia di Baltimora, il dottor Harris dovrà cercare di far luce sulle ombre che avvolgono la morte di Poe e il suo inquietante risveglio, mentre l'alba tarda misteriosamente ad arrivare... In un romanzo fulminante e visionario, Aldo Luigi Mancusi ripercorre i temi dei più avvincenti racconti di Edgar Alla Poe, indagando il confine spaventoso tra la vita e la morte, tra il sogno (l'incubo) e la realtà.
13,00
L'affascina negli occhi

L'affascina negli occhi

di Silvia Aprile

Libro: Copertina morbida

editore: Ensemble

anno edizione: 2022

pagine: 242

Guardarsi negli occhi può sempre essere rischioso, ma al paese di Rosa, in Lucania, essere fissati dalla persona sbagliata può addirittura far male. Bisogna andare da uno che ne capisce di magia per liberarsi di quello sguardo lì. In dialetto è l'affascina, una forza occulta che agisce attraverso gli occhi e insidia chi la subisce. Rosa è stata affascinata che era ancora bambina, e adesso anche lei ha l'affascina negli occhi. In paese la chiamano 'a cecat', la cecata, perché è molto miope, e il suo sguardo le rende estraneo il mondo e l'amore; li intravede solo strizzando forte gli occhi. Ma per innamorare Saverio è disposta a tutto, anche a rivolgersi a mastro Peppe, il vecchio maciaro del paese. L'incontro con l'uomo traccerà per lei un destino di libertà tormentose e di inaspettate delizie. In un romanzo in cui realismo, magia e follia si incrociano e si fondono come nella vita contadina dei lucani del Novecento, Silvia Aprile ci racconta, con accuratezza storica e stile verista, un mondo arcaico in cui l'incanto è la cura efficace contro la durezza delle montagne.
15,00
Tempeste

Tempeste

di Ada Negri

Libro: Libro in brossura

editore: Ensemble

anno edizione: 2022

pagine: 138

La raccolta poetica di una grande autrice italiana, da riscoprire e approfondire. «Ada Negri, donna, poetessa, scrittrice e insegnante, sarà attraversata dalle passioni e dalla vita. In Tempeste appaiono un alternarsi di tematiche sociali e personali. Sin dai primi versi, dedicati alla madre, Ada si dichiara con un’anima a brandelli ma tenace è la reazione alla sofferenza: “Nulla piega il mio fronte e il mio pensiero. / Io sono forte, è vero, / Io son la quercia che non crolla al vento”. Le questioni che si presentano al lettore, man mano, alternano la sfera amorosa e quella etica, in un miscuglio che a volte rende disgregante il contenuto e, probabilmente, non rimane totalmente fedele all’intento di base del lavoro». Alessia Bronico. - Ada Negri (Lodi, 1870 – Milano, 1945) è stata una poetessa, scrittrice e insegnante italiana. Ha pubblicato diverse opere poetiche e di narrativa. Nel 1940 (prima e unica donna) ha ottenuto il titolo di Accademica d’Italia, dopo che già negli anni Venti aveva sfiorato il Nobel (assegnato invece nel 1926 a Grazia Deledda).
13,00
L'errore della luce

L'errore della luce

di Lucrezia Lombardo

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2022

pagine: 74

Raccolta poetica di Lucrezia Lombardo.
12,00
Dell'amore parlatemi velocemente

Dell'amore parlatemi velocemente

di Sophie Grace Lyon

Libro: Libro in brossura

editore: Ensemble

anno edizione: 2022

pagine: 62

12,00
Alibi. Prima antologia bilingue di poesia italiana nel Regno Unito. Ediz. italiana e inglese

Alibi. Prima antologia bilingue di poesia italiana nel Regno Unito. Ediz. italiana e inglese

Libro: Libro in brossura

editore: Ensemble

anno edizione: 2022

pagine: 330

Alibi - dal latino alĭbi, 'altrove' - è la prima antologia che raccoglie le voci - dislocate, trasferite, trasportate - di poeti italiani viventi, o precedentemente vissuti, nel Regno Unito. In maniera programmatica ma lirica, in forma di elegia e al di là della denuncia, esce all'indomani della Brexit e per invito del poeta albanese italofono Gëzim Hajdari. È un progetto transculturale e bilingue che raccoglie poeti e traduttori di età, città, professioni e stili diversi: c'è chi studia logica matematica e chi lavora la ceramica; chi pratica la terzina dantesca e chi abbraccia l'haiku; chi scrive per dipingere e chi non usa le parole; chi traduce dalla lingua dell'inconscio e del mito; chi compone in inglese, chi si autotraduce e chi usa più lingue, trasgredendo i principi della biunivocità e del binarismo. Così nel libro troverete il fantasma poliglotta dei più grandi poeti della tradizione (e traduzione) italiana, da Dante ad Ariosto e da Petrarca a Leopardi; vi unirete a un'intima (ultima?) danza di amiche e amici, eppure soffrirete l'esilio; rifarete esperienza dello spazio di un grembo e visiterete il vuoto di una tomba; capirete che la distanza è poesia prematura e allo stesso tempo vecchissima. L'italiano antologizzato, a volte nato tradotto e altre volte nato straniero, è lingua della maternità, delle metamorfosi, del postcolonialismo, dell'alterità animale e cosmica, della nostalgia per altri mondi, migrazioni e partenze. È lingua della traduzione, eterna e appena pronunciata, creata per il luogo di nascita e per tutte le altre destinazioni. È la lingua viva e vera, incodificata e decodificata, dei nostri ritorni.
20,00
Il leone e la bambina

Il leone e la bambina

di Stefano Ponti

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2021

pagine: 182

«Solo a Roma, ci si può preparare a comprendere Roma» aveva detto Goethe, durante uno dei suoi soggiorni nella Città eterna. E solo a Roma, "dove tutto è pubblico e niente è privato", ci si può imbattere nella Storia, attraverso le storie della sua gente. E tra il 1939 e il 1943 di storie non possono che essercene tante, soprattutto in quel maledetto sabato 16 ottobre, in cui i nazisti occuparono l'antico Ghetto, città all'interno della città, tracciando una ferita che solo il Tempo potrà, forse, rimarginare. Tina Inguscio è una bella ragazza che si innamora del carismatico Alessandro Moschetti, caporale maggiore dell'Esercito. Quando lei scopre di essere incinta, è consapevole che la sua favola volgerà presto al termine, perché soffre di un cancro incurabile. Laura Borsaroli è una bambina ebrea che, con il terrore negli occhi e la paura di non rivedere più i suoi genitori, trova riparo a casa di Diego Magnaccioni, un ragazzo benestante ma con alcune problematiche fisiche, che ha un'unica grande passione: il buon cibo romano. Le loro storie raccontate anni dopo, tra caffè e dialoghi in romanesco, ci mettono in mano un libro prezioso, capace di emozionare il lettore e, pagina dopo pagina, catturarlo con la sua forza espressiva e la capacità di raccontare l'amore e l'amicizia nelle sue forme più pure.
15,00
La meccanica del divano

La meccanica del divano

di Francesco Dezio

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2021

pagine: 288

Tra gli anni sessanta e gli anni venti del secolo in corso, la classe operaia italiana si è via via accomodata sui divani fabbricati da Natalino Manucci. È lui l’uomo nuovo, è lui il boss dei divani. È partito dal basso, dalla modesta bottega di un tappezziere pugliese e adesso è uno degli imprenditori più ricchi al mondo nel settore arredamento. Ad aiutarlo nel suo sogno americano Made in Puglia sono intervenuti il miracolo economico e i numi tutelari del Capitale: i prototipisti del settore e un coro di amministratori delegati di holding sparse in tutto il globo. L’invidia se li mangia sani sani a Nuccio e Michele, due giovani operai che negli anni ottanta decidono di diventare come lui. I loro strumenti? Obbedienza prona alle leggi del Capo, sfruttamento di manodopera cinese e un’inesauribile voglia di sesso. Con uno stile unico, comico e provocatorio, che impasta dialetto pugliese, gergo aziendale e linguaggio dei social, Francesco Dezio torna alla letteratura postindustriale con la prima rappresentazione tragica del lavoro.
15,00
Stato passivo

Stato passivo

di Sebastiano Martini

Libro: Libro in brossura

editore: Ensemble

anno edizione: 2021

pagine: 108

Jacopo Nuti è un fallito. Non sa proprio dove trovarli i 50mila euro che gli servono per pagare i debiti e riaprire il ristorante. Il freddo curatore fallimentare che segue la pratica di fallimento è Folco Cerri, un avvocato di successo, 64 anni e un matrimonio finito alle spalle. Le vicende dei due si intrecciano e si confondono in una Firenze indifferente allo stato passivo in cui li ha messi la vita. Con una scrittura scorrevole impreziosita da termini legali, l'avvocato-romanziere Sebastiano Martini racconta una storia di sogni infranti e inaspettate riscosse.
12,00
Il mare ha fame

Il mare ha fame

di Kira Wuck

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2021

pagine: 172

La poesia di Kira Wuck è un gioco continuo tra significati e significanti. La sua forza sta nell'immediatezza e nel senso delle immagini, inaspettate e a tratti sconvolgenti, che non sempre si rivelano chiare a una prima lettura; e nel modo in cui l'autrice permette che tutto accada dietro le parole. E dietro queste parole troviamo, come coni d'ombra, i vari aspetti dell'animo dell'autrice: freschezza, allegria, ottimismo, assurdità, malinconia, mestizia, disperazione. Benché immediata, quella di Kira Wuck è una poesia radicata in un profondo sottosuolo. Una lirica che continua a parlare anche nel silenzio del libro chiuso. Questo volume contiene le sue due prime raccolte poetiche ("Ragazze finlandesi" e "Il mare ha fame").
15,00
12 donne e 2 cani

12 donne e 2 cani

di Maria Freschi Borgese

Libro: Libro in brossura

editore: Ensemble

anno edizione: 2021

pagine: 118

Non sono né Anna Karenina né Madame Bovary, le donne che Maria Freschi Borgese raccontava in questa raccolta di novelle del 1935. Non sono scioccherelle annoiate, né disattendono eroicamente i codici del loro genere. Sono donne italiane ritratte durante l'epoca fascista. Sopportano solitudine e pregiudizi, frustrazioni e matrimoni infelici. Dalla rozza contadina presa a servizio in una famiglia di città, alla nobildonna travagliata dalle disillusioni del cuore, vivono tutte nel cono d'ombra di piccoli uomini - i volgari cosi con due gambe di Guido Gozzano - e dei pregiudizi virili di un'epoca. Ognuna di esse, a suo modo a testa alta, schiacciata ma mai annichilita, riflette in sé la resistenza e lo spirito del suo sesso. Due cani litigiosi, sullo sfondo, anch'essi di estrazione sociale diversa - l'uno proprietà di un nobile, l'altro di un contadino - scopriranno infine l'amicizia in una comune sventura canina, quasi a rammentare causticamente la bestiale disgrazia d'esser donna. Prefazione di Carmela Scotti.
10,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.