Il tuo browser non supporta JavaScript!

Guida

Oggi spose. Una storia d'amore e di coraggio

di Maria Cristina Orga

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 290

Le protagoniste, Angela e Maria Cristina, si amano da oltre vent'anni e il 9 maggio 2017 celebrano la loro Unione Civile in forma pubblica per offrire una testimonianza "culturale" ad una società ancora imbarazzata dalle coppie omosessuali e percorsa da mille contraddizioni e atavici, bigotti timori. Contro il pregiudizio e ogni forma di intolleranza e violenza di genere si leva la voce dell'autrice, che senza rivendicazioni, senza volontà di provocare, mette in queste pagine la narrazione di un amore così normale da essere sovversivo. Anche perché Maria Cristina Orga fa l'insegnante, anzi, la maestra elementare, ed è convinta che ai bambini si possa e si debba dire tutto. Prefazione di Monica Cirinnà.
10,00

Se d'autunno nasce una rosa...

di Dora Celeste Amato, Mimmo Sammartino

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 106

Un Lui e una Lei: confessioni, interrogativi, emozioniche, tassello dopo tassello, danno forma ad un racconto. Forse Lui e Lei si sono sfiorati in uno dei tanti crocevia della vita. Di certo, in qualche modo, si sono riconosciuti. Ma in quell'incontro reale non esisteva spazio per nulla, se non per lo stupore. Le parole, tutte la parole, erano destinate al tempo dell'attesa. Tempo di scavo interiore. Tempo di svelamento. Tempo che ha bisogno di ritrovare silenzi e lentezze. Di ritrovare Tempo. Il tempo necessario a Lui e a Lei adesso era quello che richiedeva un altro passo, un indugio, una meditazione, un respiro, una scoperta, uno spazio di libertà per interrogarsi. Per dare un nome alla Cosa. Una dimensione finora incompatibile con la frenesia compulsiva dell'oggi. Eros, Philos, Agape? Quale poteva essere l'emozione che li attraversava? La Cosa poteva esistere a condizione di rinascere sulla pagina bianca. Uno strumento così antico eppure così prezioso per lasciare cantare l'anima: la lettera.
10,00

Mio caro Eduardo. Edoardo De Filippo e Lucio Ridenti. Lettere (1935-1964)

Libro: Libro in brossura

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 218

"Che succede, mio Dio? Tutti i giorni, da tutte le più belle parti del mondo, viene chiesto il mio repertorio: Napoli milionaria, Fantasmi, Natale in casa Cupiello, Filumena Marturano: dalla Svezia e Norvegia, dalla Grecia, dalla Rumenia, dalla Francia e dall'Inghilterra, ora rischiamo di veder rappresentati in America due lavori miei in una sola volta. È troppo bello per esser vero". Così scriveva nel 1947 Eduardo De Filippo a Lucio Ridenti direttore della rivista «Il Dramma». Dalle lettere pubblicate in questo volume emerge la storia del successo delle commedie del drammaturgo partenopeo tradotte e rappresentate in tutto il mondo. Ma lo scambio epistolare restituisce anche l'amicizia tra due uomini di elevato spessore culturale ed umano. Testimonia il percorso artistico di uno dei più grandi interpreti della scena non solo italiana e il ruolo di un finissimo e colto protagonista dell'editoria teatrale del Novecento. Permette di aggiungere un tassello all'indagine sulla storia del teatro, dell'editoria teatrale di un'epoca e crea una sorta di prologo al ricco quanto articolato dialogo che Eduardo, anche attraverso il suo amministratore Guido Argeri, condusse negli anni con editori, traduttori e registi italiani e stranieri. Il volume è stato realizzato grazie alla Fondazione Eduardo De Filippo che, nata nel 2008 per volontà della famiglia De Filippo e del Comune di Napoli e con la successiva adesione della Regione Campania, ha tra i suoi obiettivi la promozione di iniziative che favoriscano la salvaguardia del teatro della tradizione napoletana e lo sviluppo del teatro contemporaneo, la diffusione del patrimonio teatrale come strumento di lavoro, territorio di pensiero aperto anche alle nuove generazioni soprattutto ai ragazzi a rischio. Un impegno civile e culturale che la Fondazione porta avanti, continuando la battaglia di Eduardo e Luca De Filippo a favore delle fasce giovanili svantaggiate con l'intento di collaborare con le Istituzioni per prevenire condizioni di esclusione e favorire un processo inclusivo e di integrazione.
15,00

Mutamenti globali e diritto alla sicurezza. La costruzione della leadership militare nei contesti democratici: la prospettiva sociologica

di Lucia Fontini

Libro: Libro in brossura

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 484

Alla luce dei mutamenti globali, le istituzioni democratiche hanno adattato le loro funzioni alle nuove sfide internazionali, rispondendo ad una richiesta di sicurezza come bene pubblico da parte dei cittadini. Ripensare alle politiche di sicurezza degli Stati in un mondo in cui gli Stati stessi stanno cambiando, vuol dire indagare le direttrici del mutamento in un contesto sempre più multidimensionale, e analizzare obiettivi, modalità di intervento, pratiche e istituzioni. In questa discussione, all'interno della quale la dimensione militare ha assunto uno spazio sempre più ampio soprattutto in tema di antiterrorismo, la riflessione sociologica può assumere un ruolo chiave. Nel volume, la lettura dei cambiamenti organizzativi è stata effettuata attraverso la lente del neo-istituzionalismo, a partire da una esclusiva indagine sul campo presso l'Accademia Aeronautica Militare Italiana. Per ricostruire le pratiche e i processi interni di questa struttura si è ricorso all'osservazione partecipante delle attività e parallelamente sono state raccolte numerose interviste biografiche agli allievi e agli ufficiali superiori, testimoni privilegiati del mutamento e delle scelte. Dal punto di vista metodologico, l'utilizzo della Event Structur Analysis ha evidenziato, anche in una prospettiva di genere, come le diverse esperienze narrate colleghino le condizioni biografiche degli individui ai processi di cambiamento e alle strategie poste in atto dall'Accademia stessa.
18,00

Filosofia di nuovo. Una storia del pensiero filosofico greco dalle origini a Platone

di Giuseppe Santillo

Libro: Libro in brossura

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 123

Filosofia di nuovo non è un manuale scolastico di filosofia, né una collezione di saggi o biografie di filosofi; si tratta, invece, di un testo, anzi un "pretesto", per avviare i lettori, giovani e non solo, al piacere del ragionamento filosofico, accompagnato anche da una serie suggestiva di illustrazioni originali. Scritto in uno stile comprensibile e accattivante, e tuttavia rigoroso sul piano della storiografia filosofica, è animato da numerose citazioni efficaci e puntuali. Primi destinatari, dunque, i ragazzi che, dal biennio delle superiori in su, vogliono allargare il loro orizzonte culturale con un'apertura sulla filosofia e, in particolare, i ragazzi del ginnasio, che ancora non conoscono la filosofia ma già si confrontano con le lingue e le culture classiche. Ma visto che Filosofia di nuovo nasce anche come primo incontro con le origini del pensiero Occidentale, l'invito a un percorso filosofico inedito e talora provocatorio - non a caso la scelta di un limite cronologico dalle origini fino a Platone - è rivolto a tutti gli adulti dotati di entusiasmi e curiosità culturale che non mancheranno di lasciarsi coinvolgere dal gusto dell'autore per la narrazione filosofica, che sfocia, nella parte finale del secondo e del sesto capitolo, in due inaspettate sperimentazioni letterarie: un racconto di fantasy filosofico e una fiaba (filosofica, ovviamente).
12,00

Fisica e metafisica della luce in Leibniz. La realtà tra apparenze ottiche e scienza di visione

di Raffaele Cirino

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 157

Per tutto l'arco del XVII secolo l'ottica, e, più in generale, la scienza della visione, compresa l'anatomia dell'occhio, sono state oggetto di indagine dei maggiori scienziati del periodo: astronomi, fisici, matematici, filosofi e medici. Tra i tanti interessi speculativi perseguiti da Leibniz, l'analisi della propagazione della luce e degli strumenti ottici ad essa connessi risulta centrale per il suo intero sistema filosofico. Scopo del presente lavoro è il tentativo di riconsiderare, attraverso alcune sue opere di ottica e, soprattutto, mediante rapporti epistolari e personali con eminenti pensatori dell'epoca, diversi aspetti della sua metafisica monadologica sulla base di una essenziale ed indispensabile speculazione sulla rifrazione ottica del raggio luminoso.
12,00

Amante colpevole

di Wei Ai

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 388

Otto anni fa Lu Jian è stato accusato ingiustamente di un crimine mai commesso e mandato in prigione. Dopo aver scontato la pena, col cuore colmo di vendetta e rancore, riesce a rintracciare la donna che l'aveva fatto condannare, ma che lui aveva amato segretamente fin da giovane. Inaspettatamente, i sentimenti del passato riaffiorano. Un uomo tormentato e una donna che porta con sé un forte senso di colpa danno inizio a un'intricata storia in bilico tra amore e odio, attrazione e repulsione. Sullo sfondo, la complicata società cinese di oggi, rappresentata in modo diretto, senza pregiudizi e luoghi comuni.
10,00

Costituenti al lavoro. Donne e Costituzione 1946-1947

di Fondazione Nilde Iotti

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 355

Questo libro è un album di famiglia, rievocato dalla Fondazione Iotti, costituita il 31 marzo 2011 con lo scopo principale di far vivere nella società di oggi, soprattutto fra i giovani, l'eleganza della politica e dei valori di libertà, solidarietà e giustizia sociale, così come sono stati e sono interpretati dalle donne e di cui Nilde lotti è stata protagonista eccellente, ma non solitaria. Un album che si apre con le Madri della nostra Repubblica. Donne che hanno combattuto contro il fascismo ed hanno partecipato alla costruzione della Repubblica italiana, donne che pur essendo orgogliosamente democristiane, o comuniste, o socialiste, o liberali, o dell'Uomo qualunque, hanno lavorato in modo unitario per dare alla nostra carta costituzionale dei principi fondamentali che ne fanno una delle più belle costituzioni europee. Non fu solo battaglia parlamentare, istituzionale e legislativa, fu innanzitutto battaglia sociale e culturale (in primo luogo per far ottenere il diritto di voto, attivo e passivo, alle donne) di riforma del costume e della cultura. Alle ventuno donne (su 556 eletti all'Assemblea Costituente) è dedicato questo volume dal quale risulta evidente un modo nuovo di intendere il lavoro e i rapporti politici e umani che quelle donne, seppur poche, vollero non solo come base del loro lavoro ma come lascito ereditario del futuro lavoro politico delle donne. La nuova coscienza di sé produsse materiale importante quanto a diritti, a lavoro e parità salariale, tutela sociale della maternità, e dei figli legittimi e illegittimi, promozione della conciliazione tra vita lavorativa e vita famigliare, democrazia paritaria, valore e innovazione della istruzione. Tutti temi su cui le donne si sono mosse lungo questi settanta anni di storia patria. II libro si articola in voci, una per ogni costituente, tendenti a mettere in rilievo la qualità e la quantità del lavoro svolto e in una seconda parte di riproduzione delle sedute di Commissione o di Aula che rendono bene il tipo di confronto, di rispetto e di forza che quelle se pur poche donne seppero ottenere da colleghi molto più autorevoli di quanto la loro giovane età e la novità della carica non consentisse loro.
20,00

Pensieri all'improvviso. Cantata di prima e dopo

di Lina Sastri

Libro

editore: Guida

anno edizione: 2018

Una raccolta di poesie, pensieri brevi, riflessioni lunghe e brevi, appunti di viaggio in cui la grande artista per la prima volta si confessa a tutto tondo. Confessa le sue fragilità, le sue debolezze, ma anche i grandi amori della sua vita. Ne viene fuori una donna dalla grande personalità, che non ha paura di mostrarsi in tutta la sua umanità. Poesie in dialetto e in italiano, con rime spezzate e rime baciate. Introduzione di Ruggero Cappuccio.
10,00

La controra

di Antonino Nocito Alloni

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 522

È l'inizio del 1888 e da alcuni mesi la diciottenne Anna, orfana di entrambi i genitori, è stata accolta a Portici, in casa dello zio notaio, nel cuore dell'estinto Regno delle Due Sicilie. La quiete della tranquilla cittadina viene turbata dalla morte di un anziano senatore del nuovo Regno. Il notaio ne apre il testamento e s'imbatte in un segreto che il defunto nasconde da ormai cinquant'anni. Carte di valore inestimabile del suo amico di giovinezza, Giacomo Leopardi. Ma non è l'unico segreto che la grande casa in cui il senatore è morto nasconde al suo interno: il primogenito del notaio, Gennaro, durante una ricognizione rinviene delle lettere di tanto tempo prima. I due cugini Anna e Gennaro, e Carolina, la figlia del proprietario del Caffè della piazza, scopriranno lentamente che dietro quelle lettere si cela qualcosa di più delle semplici romanticherie di un soldato dal fronte per la sua amata. Qualcosa che ha condizionato il loro stesso passato. Tra nuovi amici, forestieri, amori e nemici celati, nella controra della loro vita, questi giovani si districheranno tra inopportune ma inevitabili coincidenze e un mistero che aleggia sul loro destino. Tra Napoli, la costiera, fin nell'antico Monferrato e, quindi, sulle Alpi, ad Arco in territorio ancora austriaco, tutto troverà un significato. Delle lettere abbandonate, un calice custodito, un patrimonio dilapidato, la guerra dei briganti, il segreto di una rocca, una favola antica.
18,00

Quando il Sud divenne arretrato

di Pino Ippolito Armino

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2018

pagine: 236

Perché il Mezzogiorno è l'area più arretrata d'Italia e una delle più povere d'Europa? Per spiegarlo è stata avanzata l'ipotesi, mai del tutto accantonata, dell'inferiorità dei Meridionali, una popolazione per natura apatica e un po' imbrogliona, tanto amante della buona vita quanto indisponibile alle fatiche del lavoro. Gli Italiani del Centro-Nord avrebbero ereditato le virtù civiche delle antiche e fiorenti città rinascimentali, generando un divario con il resto della penisola che sarebbe divenuto incolmabile nell'arco di un millennio; ma questo non spiega perché, ad esempio, il Piemonte, una regione che non ha conosciuto l'età rinascimentale, sia oggi una delle più ricche e progredite d'Italia. Almeno per tutto il Settecento Napoli e il Mezzogiorno furono più avanzate di Torino e del Piemonte. Quando allora il Sud è divenuto arretrato? Una facile scorciatoia porta all'unità d'Italia e assolve le classi dirigenti meridionali da ogni responsabilità. Un'analisi storica più attenta conduce, viceversa, alla identificazione di un divario tra le due parti del nostro Paese, che non aveva iniziale natura economica e che ha avuto origine soltanto negli ultimi decenni di storia indipendente del Mezzogiorno.
14,00

Napoli. Vizi e virtù

di Antonio La Gala

Libro: Copertina morbida

editore: Guida

anno edizione: 2017

pagine: 220

Questo libro sul passato di Napoli, agile ma ricco di temi, tenta di differenziarsi dalle altre pubblicazioni di contenuto retrospettivo sulla città. L'autore, mettendo insieme fatti, eventi, personaggi meno abusati dalla pubblicistica corrente, immagini meno diffuse tra cui alcune inedite, va alla ricerca di chiavi di comprensione storica di situazioni che, nel bene e nel male, caratterizzano la realtà napoletana contemporanea.
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.