Editore Hobby & Work Publishing - Ultime novità

Hobby & Work Publishing

Quattro battaglie una guerra

di Francesco Ficarra

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 350

13,90

Le strade di sera

di Enrico Luceri

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 280

15,00

Chiunque io sia

di Biagio Proietti

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 200

16,50
16,50

Il segno dei due

di Walter Satterthwait

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 360

Nell'estate del 1921, una nuova moda affascina l'alta società inglese: l'occultismo. Capofila della corrente "spiritualista" è il medico-scrittore Sir Arthur Conan Doyle, il creatore di Sherlock Holmes; leader dei "razionalisti" è invece il mago Houdini, per cui tutto è trucco, illusione, gioco. E l'aspetto forse più paradossale è che i due, così diversi in tutto, sono amici per la pelle. Capita, così, che un giorno Conan Doyle e Houdini vengano invitati in un maniero del Devon per una seduta spiritica. Il padrone di casa è un ambiguo aristocratico old style, l'ultimo della sua dinastia. Ma mentre i tavolini traballano, si ode uno sparo e si scopre il cadavere del padrone di casa: un mistero troppo ghiotto per Conan Doyle e Houdini.
6,90

Il secondo delitto. Dopo il caso Matteotti, l'altro omicidio «eccellente» che fece tremare il fascismo

di Ermanno Mariani

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 208

Ottobre 1924, nei pressi di Piacenza: un uomo viene trovato con la testa fracassata a bastonate. Negli spasmi dell'agonia tenta di pronunciare il nome dell'assassino, ma non ci riesce. I giornali parlano di delitto passionale, poi di vendetta privata, quasi volessero coprire qualcuno o qualcosa. Infine emerge la pista politica: la vittima, Ercole Lertua, era uno squadrista della "Santa Vandea", una fazione del Partito Nazionale Fascista opposta ai "socialisti in camicia nera" del potentissimo Bernardo Barbiellini Amidei. Le indagini sono affidate a Pilade Lanero, un giudice che non guarda in faccia a nessuno e tira coraggiosamente dritto, come dimostrano gli atti della sua istruttoria, secretati per più di ottant'anni. Il delitto Matteotti, il primo delitto eccellente commesso in quello stesso 1924, mettendo in crisi il Duce consente a Lanero di proseguire le sue indagini, fino ad arrivare al mandante dell'omicidio - un nome scottante, deputato alla Camera e gerarca di primissimo piano - e alla richiesta al Parlamento di un'autorizzazione a procedere nei suoi confronti (caso unico nella storia del Regime). È l'inizio di un incredibile, tesissimo, epico braccio di ferro tra un piccolo giudice di provincia e il vertice del potere mussoliniano. Un braccio di ferro che, dopo innumerevoli colpi di scena degni di un legai thriller, avrà una conclusione sconcertante...
7,90

Le prime tredici stelle. L'alba di una superpotenza: gli Stati Uniti d'America

di Alfredo Venturi

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 203

In principio è solo un dibattito giuridico: può un parlamento tassare i cittadini che non rappresenta? Il parlamento è quello di Londra, i cittadini tartassati vivono tremila miglia più in là, nelle tredici colonie dell'America del Nord. Forse la contesa può essere risolta in modo pacifico, ma presto la situazione degenera. Londra opta per le maniere forti e spedisce laggiù le sue truppe. Eppure i quattro quinti dei coloni sono così convinti dei loro diritti che si dichiarano indipendenti, raccolgono un esercito improvvisato e ne affidano il comando a un piantatore virginiano, George Washington. Comincia così la rivoluzione americana, il big bang di quell'universo febbrile che ha nome Stati Uniti. Per gli altezzosi ufficiali di Sua Maestà britannica dovrebbe essere uno scherzo, rispedire a casa quei soldati male in arnese. E invece... In questo libro si racconta la vicenda di un Paese che superando ogni localismo si scrolla di dosso la soggezione coloniale e impone una clamorosa svolta alla geopolitica dell'intero pianeta. Un Paese che nasce col peccato originale degli schiavi e degli indiani privi di diritti, ma che stimolato da alcune fortissime personalità offre lo spettacolo del dibattito permanente, appassionato, su tutti i temi d'interesse collettivo. Persino sulla scelta dell'emblema nazionale: Benjamin Franklin vorrebbe assegnare questo ruolo al pacifico tacchino del Thanksgiving, ma i suoi concittadini preferiscono l'aquila, la grande aquila americana dalla testa bianca...
16,50

La Russia da Fatima al riarmo atomico. Politica ed esoterismo all'ombra del Cremlino

di Giorgio Galli

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2012

pagine: 240

Mosca, agosto 1991. Un "comitato d'emergenza" cerca di rovesciare Mikhail Gorbaciov. I carri armati sferragliano per le strade, il mondo trattiene il fiato, finché interviene Eltsin che, con un magistrale coup de theatre, sventa il golpe, liquidando contemporaneamente Gorbaciov. Fu vera gloria? No, in realtà si trattò di una colossale truffa politico-mediatica, un falso golpe organizzato dallo stesso Eltsin per sbriciolare il Partito comunista e, con la scusa delle riforme liberal-democratiche, lanciare verso il Cremlino una nuova leva di autocrati, tutti legati a filo doppio al Kgb e al neo-capitalismo rampante. Tra costoro c'era anche un giovanotto di buone speranze e metodi piuttosto disinvolti. Di nome Vladimir Putin, farà molta strada. Russia, inverno 2007. Il regime di Putin è ormai una realtà consolidata. Mentre si attendono le elezioni presidenziali del marzo 2008, l'antica patria dei Soviet si propone agli occhi del mondo come inquietante ibrido tra Stato autoritario e consorteria capitalistica allo stato puro. Benedetto dalla Chiesa ortodossa, lo "zar Vladimir" gestisce il potere con metodi polizieschi che imbarazzano le cancellerie europee. Eppure, malgrado le proteste per la costante violazione delle libertà civili, l'Occidente è costretto a misurarsi con l'aggressiva Russia putiniana, alla ricerca di una possibile coabitazione geo-politica.
7,90

Uccidete il duce! La congiura degli «Amici del Popolo» e gli attentatia Mussolini

di Roberto Festorazzi

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2011

pagine: 311

"Uccidete il Duce!" è un grande affresco storico con un focus ben preciso, cioè le congiure contro Mussolini capo del governo. Partendo dal racconto dettagliato dei quattro attentati che il Duce subì nel 1925-26, Festorazzi dimostra come queste trame siano quasi sempre riconducibili a filoni della massoneria internazionale (francese e "giustinianea"), interessata a destabilizzare l'Italia e a far succedere a Mussolini un regime più "accondiscendente" agli interessi di Francia e Inghilterra. Di particolare interesse, soprattutto perché sostanzialmente inedito al grande pubblico, risulta il complotto degli "Amici del Popolo" del 1924, nel quale il filone massonico appare intrecciato al potenziale sovversivo del Partito comunista. Tale congiura si sviluppò come un vero e proprio golpe teso a rovesciare il governo fascista con un colpo di Stato a regia massonica e con forze comuniste militarmente inquadrate, quasi tutte provenienti dagli "Arditi del Popolo". Questo complotto, giudicato poi dallo stesso Mussolini ad alto grado di pericolosità, fallì per una serie di circostanze fortuite. Peraltro, alcuni dei cospiratori del 1924 li ritroveremo, nel 1945-50, al servizio delle attività clandestine del gruppo dirigente del Pci.
16,50

Il morso della lucertola

di Giancarlo Pagani

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2011

pagine: 382

Milano, periferia settentrionale della metropoli, ai giorni nostri. Un cadavere completamente carbonizzato; una ragazza nuda, nessun vestito addosso, niente che possa aiutare a riconoscerla. Sulla scena del crimine, sotto una pioggia battente che rischia di cancellare ogni indizio, gli inquirenti raccolgono però la tessera di un locale di lap dance. Ma anche una strana stelletta di ottone a otto raggi. Che cos'è? Ad aiutare Gaetano Rescigno, il capitano dei ROS che segue l'indagine (a dispetto degli angosciosi fantasmi privati che lo ossessionano), si affianca un'amica, Cristina Luna, odontoiatra forense. Che presto qualcuno cercherà di estromettere... Come mai, se proprio dai denti potrebbe uscire il nome della vittima? E per quale motivo i servizi segreti cercano di infiltrarsi nell'inchiesta? Si dipana così quello che all'apparenza sembrerebbe soltanto uno degli innumerevoli casi quotidiani di cronaca nera, tanto efferato quanto banale. Ma presto la storia e l'intrigo si amplificano in una inquietante metafora della società del terzo millennio, dei nostri sogni mancati, delle nostre preoccupazioni e paure, ma soprattutto dei vizi dei protagonisti, che sono i vizi di oggi, di questo neomorale codice di condotta che, in nome del profitto e del piacere egoista, ormai giustifica ogni nefandezza.
18,00

Hitler, un bilancio

di Guido Knopp

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2011

pagine: 240

A oltre un sessantennio dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, Guido Knopp torna indietro nel tempo, al terribile dodicennio del Terzo Reich, per tentare un bilancio di quell'epoca funesta. Fu il popolo tedesco vittima impotente del "grande seduttore" austriaco, oppure il seme dell'ideologia nazista venne piantato in un terreno fertile? "Hitler, un bilancio" prende le mosse da questo problema ancora irrisolto, sviluppando una sorta di "inchiesta sul campo" densa di sorprese, approfondimenti, considerazioni illuminanti. A metà strada tra il saggio storico e il reportage giornalistico, particolareggiato fin nei minimi dettagli e raccontato con senso della suspense, "Hitler, un bilancio" ricostruisce scrupolosamente i fatti e gli eventi conosciuti, ma soprattutto quelli meno noti della persona di Hitler, della sua politica, dei suoi crimini e dei loro esecutori. Il libro rielabora dunque un tema di enorme complessità, permettendo anche ai lettori più giovani di avvicinarsi con spirito critico a un periodo che ha segnato per sempre la vita dei loro padri e dei loro nonni.
7,90

Storia dello sbarco in Normadia. D-Day: il giorno più lungo

di Andrea Molinari

Libro: Copertina morbida

editore: Hobby & Work Publishing

anno edizione: 2011

pagine: 221

Uno sbarco che rappresentò una svolta decisiva per la libertà di interi popoli europei. Uno sbarco che decise le sorti dell'umanità intera. Il 6 giugno 1944 ebbe luogo l'operazione bellica più importante del secondo conflitto mondiale. Con questa si decisero le sorti non solo della guerra ma della stessa storia del genere umano. Gli Alleati, grazie a questa operazione, assestarono un colpo mortale alle forze armate naziste incuneandosi nel cuore della Francia e dell'Europa stessa. La vittoria arrise così ai liberatori dell'Europa, ma a quale prezzo? Lo sbarco in Normandia fu, infatti, estremamente costoso in termini di uomini e mezzi: molte le azioni eroiche, immortalate anche da pellicole documentarie e film, di valorosi soldati che diedero la propria vita in nome della libertà. Questo volume esamina in dettaglio le fasi cruciali dei preparativi e dello sbarco, quali corpi vi presero parte e con quali mezzi.
7,90

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.