In Riga Edizioni

Manuale d'uso i colori della luce. Uso di immagini d'arte nella clinica e nella relazione d'aiuto

di Conny Leporatti

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 187

Il manuale è il risultato del lungo percorso realizzato da Conny Leporatti, a partire dagli Anni Novanta, sull'uso delle immagini d'arte in psicoterapia e in mediazione familiare, in costante e fertile dialogo con colleghi italiani e stranieri. Il testo muove dai fondamentali concetti teorici che caratterizzano gli attuali sviluppi della terapia sistemica: la dimensione storica e transgenerazionale, la valorizzazione della soggettività e la ricerca dell'attribuzione di significato, l'importanza del linguaggio metaforico e analogico in terapia. Presenta poi alcune significative riflessioni sull'evoluzione del concetto di narrazione in psicoterapia, sulla conoscenza relazionale implicita e sulle acquisizioni delle neuroscienze che consentono nuovi approfondimenti della relazione terapeuta-paziente e danno nuova linfa alla co-costruzione di nuove storie e alla co-lettura delle esperienze e dei vissuti del paziente. Entra quindi nel vivo della tecnica dell'uso delle immagini d'arte in terapia, di cui vengono illustrate le procedure nel campo della terapia individuale, della terapia di coppia, della terapia familiare e della mediazione attraverso una serie di casi.
25,00
3,00

Statistica propedeutica e probabilità

Libro

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

5,20

Ripasso finale per la CCNA

di Marco Paganini

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 555

36,00

Raccontiamoci. Storie per momenti difficili

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 60

"Raccontiamoci" è un insieme di tre storie illustrate pensate per aiutare i bambini a esprimere il proprio mondo interiore, soprattutto in alcuni momenti delicati della loro crescita. All'interno del libro troverete molte attività da proporre proprio durante la lettura. Perché le storie sono qualcosa da leggere e ascoltare, ma servono anche da ponte per dare forma a ciò che il bambino vive dentro di sé. Nel libro troverete La tempesta che andò in fumo, dove il gelido vento del nord costringerà tutti gli abitanti del paese a un isolamento forzato; ma con un po' di coraggio e con la creatività del piccolo Ugo, tutto il paese riuscirà a sconfiggere la paura e tornerà ad abbracciarsi. In Dario e i troll, un bambino si troverà a combattere con piccoli esserini pericolosi, ma grazie a un buon aiutante magico, riuscirà a ritrovare la serenità e a costruire il suo posto sicuro, dove i troll non lo potranno più spaventare. Infine, in Bea, troverete un modo semplice e giocoso per sconfiggere la paura, grande o piccola che sia, ma quella paura che a volte non ci fa dormire tranquilli. Questo libro è stato realizzato dal laboratorio Biblio Co.Me.Te dell'Associazione Nazionale Co.Me.Te
15,00

La gestione delle risorse umane

di Paola De Vito Piscicelli

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

La selezione, l'orientamento e la valutazione del personale sono tre classici problemi della "gestione delle risorse umane", termine con il quale si intende un'attenzione alle diverse dimensioni organizzative dentro e fuori il lavoro. Una gestione delle risorse organizzative efficace è infatti quella che ottimizza sia il rendimento lavorativo che il benessere individuale. Nonostante questi temi costituiscano un argomento classico della psicologia del lavoro e dell'organizzazione non si può dire, a tutt'oggi, che esista una gestione delle risorse umane consapevole e scientifica. Sono ancora molti i casi in cui la selezione è puramente un processo di verifica della affiliazione e sono ancora molti coloro che pensano che dietro ad un test si celino imbrogli o procedure casuali. Affrontare seriamente il problema della selezione significa invece analizzare l'accettazione o il rifiuto di un individuo in relazione a una cultura aziendale o a una mansione da svolgere.
16,00

Organizzazioni associative e contrattuali delle imprese

di Pietro Zanelli, Micol Sottani

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 106

Il presente studio nasce dall'idea emersa esaminando il fenomeno delle reti di imprese, secondo cui la prima funzione attribuita dal legislatore alle associazioni imprenditoriali e codificata in una legge è proprio quella di asseverare i progetti di rete. Dopo un'analisi storica dell'associazionismo, si analizzerà quindi, in generale, la collocazione delle associazioni delle imprese nel nostro sistema imprenditoriale quali strutture di supporto alle imprese. È vero che nell'epoca della globalizzazione è necessario un riequilibrio normativo delle posizioni delle parti sociali, ma non sembra opportuno che nelle regole legali a supporto della contrattazione sia da sottolineare una diversa libertà organizzativa collettiva per le imprese e per i lavoratori. In quest'ultimo caso si otterrebbe, infatti, un effetto opposto a quello voluto, perché negare o limitare la libertà organizzativa degli imprenditori significherebbe perdere la dimensione collettiva della sede del confronto e del contratto.
20,00

Bologna dei Teatri. Alla ricerca del teatro perduto a sud della via Emilia

di Maria Chiara Mazzi

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 62

Attraverso le parole documentate in modo puntuale e appassionato di Maria Chiara Mazzi, il lettore è invitato a immergersi nella Bologna di ieri, una città in cui i Teatri hanno un ruolo di primo piano. Ed ecco quindi che ognuno di noi può vedere in controluce stagliarsi, d'innanzi ai suoi occhi, la facciata di un edificio settecentesco o ottocentesco, entrarvi virtualmente, prender posto in platea o in galleria, sentire l'eco delle voci dei grandi che vi hanno calcato la scena in nome della Rivoluzione o della Restaurazione, ma sempre dell'Arte e della città.
10,00

La danza dell'anima

di Angelina Filice

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 72

Pubblico ora questa raccolta, in un momento della mia vita in cui mi sento serena e fiduciosa. Una raccolta di pensieri irruenti che èvstato a un certo punto impossibile continuare a tenere chiusi in una cartella del computer. Qualcosa dentro di me mi ha convinta che sarebbe stato giusto condividerli. Scrivere mi ha aiutata a vivere!Poter trasformare a mio modo in prosa o poesia quelli che sono stati i miei più profondi sentimenti mi è stato di grande conforto nei momenti più cupi della mia esistenza e ha enfatizzato i preziosi periodi di felicità. Cosa mi aspetto da questa condivisione nonsaprei dirlo, ma la vita mi ha già sorpreso tante volte, chissà!
12,00

Sapori della mente. Dizionario di gastronomia potenziale

di Raffaele Aragona

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 264

Il volume, con un rapido accenno alla storia e alle tematiche della letteratura à contrainte, contiene testi di carattere gastronomico: i laboratori dell'Oulipo e dell'Oplepo, però, non producono nuovi prodotti gastronomici né diverse procedure culinarie, bensì assemblaggi, combinazioni il cui legame non è necessariamente quello del gusto e dei sapori ma un nesso d'altro tipo. Vengono così fuori storie gastronomiche e menu caratterizzati esclusivamente da una unicità cromatica, da riferimenti letterari o cinematografici, dal rispetto di regole che non hanno a che fare con la cucina ma con la retorica, non con i fornelli ma con la combinatoria, non con i tempi di cottura ma con la metrica, non grammi ma lipogrammi, non crostacei ma acrostici, non pasticci ma bisticci, non glasse ma glosse, non ossibuchi ma ossimòri. Del resto lo stesso "D'une théorie culinaire" di Noël Arnaud poneva l'attenzione su tutto quanto vi fosse di commestibile nell'universo incommestibile, esaltando una cucina di eccezioni. Non è detto, però, che le pietanze, esito di queste strane ricette o elencate nei sorprendenti menu potenziali, non siano immediatamente edibili né che non lo diventino col tempo...
22,00

Bologna nelle storie della musica. Un itinerario in otto tappe per una visita al Museo della Musica

di Maria Chiara Mazzi

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 180

In appendice: La musica in Bologna. Discorso di Gaetano Gaspari (1858). A guardare la storia musicale della città di Bologna dal Cinquecento in poi, ci accorgiamo che forse il momento più splendido è quello del grande barocco, tra la seconda metà del Seicento e il primo Settecento. È quello il momento in cui vengono fondate grandi istituzioni, alcune ancora vivissime ancora oggi come l'Accademia Filarmonica; è quello il momento in cui il magnifico apparato della religiosità controriformistica trova nelle basiliche della seconda città dello Stato pontificio la massima espressione; è quello il momento nel quale iniziano la loro attività i teatri per l'opera. Successivamente, nella seconda metà del secolo, la città sembra invece quasi ritirarsi su se stessa, in attesa di un Ottocento che cambierà e in quale modo allargherà persino i luoghi di incontro e le occasioni per la musica. Tuttavia, in quella 'quiete sotto la cenere', brilla un faro che consente a Bologna di rimanere un polo d'attrazione per tutta l'Europa musicale. Questo faro si chiama Giovanni Battista Martini. È nel nome di questo musicista sapiente che compiremo il nostro viaggio dentro al Museo della Musica di Bologna
10,00

Quattro passi nei salotti di cultura nella Bologna del primo Ottocento

di Maria Chiara Mazzi

Libro: Copertina morbida

editore: In Riga Edizioni

anno edizione: 2020

È un mondo culturale ricchissimo, quello della Bologna tra la fine del secolo XVIII e la prima metà del secolo successivo: a fianco dell'Università più antica del mondo troviamo un giovanissimo Liceo Musicale e una recentissima Accademia di Belle Arti. Ma poi la città è ricca di teatri per l'opera e per la prosa e di Accademie private, e vi si stampano giornali e periodici, specializzati e non, che presentano e recensiscono gli avvenimenti artistici e musicali. Infine, o innanzitutto, questo contesto così ricco sul piano culturale gode anche della fitta presenza di luoghi che a noi oggi possono sembrare collaterali, ma che erano allora importantissimi per la conoscenza e la diffusione della cultura in città: i salotti. Parleremo del ruolo dei salotti a Bologna dalla fine del Settecento a metà dell'Ottocento: apriremo le porte di questi ambienti tra l'epoca giacobina (fine '700) e gli anni del Risorgimento compresi tra i moti del '20 e la prima guerra d'Indipendenza. E ci fermeremo qui, perché nella Bologna del secondo Ottocento e in quella post-unitaria le prospettive culturali e sociali cambieranno completamente.
10,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.