Editore LIM - Ultime novità

LIM

Una nuova drammaturgia per l'opera napoletana. L'Arbace di Gaetano Sertor e Francesco Bianchi (1781)

di Davide Pulvirenti

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 260

Nel 1781 il Teatro di San Carlo mette in scena con successo il dramma per musica L'Arbace di Gaetano Sertor e Francesco Bianchi. Un manoscritto inedito conservato presso la Biblioteca Nazionale di Napoli tramanda sia la versione originaria del libretto, sia le modifiche operate dal revisore Luigi Serio. Le sue carte costituiscono un vero e proprio laboratorio dal quale emergono tagli, tentativi appena abbozzati, pezzi incompleti, numeri in più versioni e richieste del compositore. Lo scrutinio di queste tracce rare e preziose ha permesso di entrare nella 'fucina' di Sertor e, insieme, di osservare da vicino il modus operandi di Serio, consentendo di ricostruire in dettaglio la genesi del testo poetico e le tortuose metamorfosi che hanno portato al suo assetto definitivo. Nel volume ampio spazio è riservato all'inquadramento dell'opera all'interno del sistema produttivo partenopeo, nonché alla definizione del profilo dei suoi autori.
25,00
40,00

Una sottintesa complicità. Scritti per Gian Paolo Minardi

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 251

25,00

Teoria delle musiche audiotattili. Una introduzione

di Vincenzo Caporaletti

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 353

Nella prima parte (Teorie) di questo libro è esposta, in una forma organica e sintetica, la Teoria delle musiche audiotattili, un modello teorico musicologico volto a definire in prospettiva tassonomica l'insieme dei sistemi concettuali, pratiche, testi, esperienze, oggetti e comportamenti musicali che hanno dato vita nel corso del secolo XX alle tradizioni del jazz, del rock, della musica pop o world. La portata epistemologica di questo innovativo approccio non è però circoscritta solo a questi repertori, riformulando prospettive estetiche e antropologiche sia della tradizione d'arte occidentale sia delle musiche delle culture tradizionali mondiali. Proprio per rimarcare questo tratto fondativo di ordine più generale, tra gli studi applicativi e analitici (Ricerche) della seconda parte del volume alcuni sono dedicati alle pratiche creative nella musica di tradizione d'arte occidentale: il partimento settecentesco, l'improvvisazione musicale nei secoli XVIII e XIX, la scoperta ed elaborazione creativa dei ritmi del samba da parte di Darius Milhaud all'inizio del XX secolo.
28,00

Acusfere. Suoni culture musicologie. Volume 1

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 178

20,00

Chigiana. Rassegna annuale di studi musicologici. Volume 51

Libro: Copertina morbida

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 263

42,00

Catalogo tematico delle composizioni strumentali di Antonio Salieri

di Francesco Passadore, Franco Rossi

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 119

Il catalogo è dedicato alle musiche strumentali di Antonio Salieri, con l'esclusione delle composizioni che afferiscono ad altri generi: teatrale, cantatistico, oratoriale, musiche di scena, in quanto già censite dal catalogo che Elena Biggi Parodi ha dedicato alla produzione teatrale di Salieri, o oggetto di futuri quanto auspicabili indagini da parte di volonterosi musicologi. Vengono dunque considerate solo quelle composizioni che godono di una propria identità ed autonomia strumentali e che non sono estrapolate da entità più ampie. Si tratta di un corpus di piccole dimensioni, nel cui ambito si annoverano molte fonti autografe, concepito prevalentemente fra gli anni Settanta e Ottanta del XVIII secolo dal musicista legnaghese, che per oltre mezzo secolo lavorò presso la corte imperiale di Vienna, dapprima quale Kammerkomponist e responsabile dell'opera italiana, poi in qualità di Hofkapelmeister, anche grazie alla protezione dell'imperatore Giuseppe II.
20,00

La musica vocale. Metrica, forme, fonetica e dizione

di Guglielmo Pianigiani, Beatrice Fanetti

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 384

Oggetto del manuale sono gli aspetti principali della vocalità italiana, francese e tedesca. Sono prese in esame le forme e i generi fondamentali che attraversano il mondo dell'opera e della musica vocale da camera nel percorso che dal Medioevo porta all'età moderna (Novecento storico compreso). La convinzione che la musica, prima ancora che veicolo emozionale, sia un sistema basato su precisi legami di forma e di struttura, fa sì che gli autori affrontati e alcuni loro brani e testi esemplari vengano analizzati sotto il profilo metrico, retorico e di genere. Il rapporto testo-musica è posto alla base di una visione organica del fatto artistico in cui poeta e compositore collaborano in toto alla resa semantica complessiva. Alle nozioni metriche nelle tre lingue si unisce una considerazione dei generi e delle forme (madrigale, caccia, ballata, sonetto, canzone, Lieder, mélodies, opera, cantata, oratorio), passando attraverso alcune indicazioni di retorica e di retorica musicale per dimostrare la potente funzionalità del discorso poetico e compositivo.
32,00

PAESAGGIO SONORO IL NOSTRO AMBIENTE

di SCHAFER

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

35,00

Jeanne d'Arc au bûcher Scène dramatique

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 55

La lunga e complessa storia di Jeanne d'Arc au bûcher di Franz Liszt ha inizio nel 1845 con la stesura di un brano per voce e pianoforte su testo di Alexandre Dumas père, sottotitolato dal compositore romance dramatique e pubblicato nel 1846 contemporaneamente da Schott a Mainz e da Bernard Latte a Parigi. La romance fu eseguita in prima assoluta dal soprano Elisabeth Ugalde Beaucé il 26 aprile 1846 nella sala Henri Herz di Parigi in occasione di un «grand concert vocal et instrumental» offerto dalla rivista Le Monde musical ai suoi abbonati. Nello stesso periodo sui giornali dell'epoca fu promossa l'edizione a stampa.
18,00

I quaderni della Scarlatti. Nuova serie. Volume 3

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 208

Sergio Taddei Sarrazins, Rodiens et Portugaises. L'avventura oltramontana di una villanella meridionale Gianluca D'Agostino Ancora su musica ed ebraismo a Napoli, fino all'avvento del fascismo (II) Daniela Tortora «Vegliate su voi stessi e su tutto il gregge»: Pizzetti e la Scarlatti Francesco Canessa Caruso nella storia della vocalità Simona Frasca Enrico Caruso, un napoletano americano Stefano Valanzuolo La "musica d'insieme" a Napoli: una piccola rivoluzione da camera Tommaso Rossi Musica in emergenza. Appunti sull'attività dell'Associazione Alessandro Scarlatti durante la pandemia.
30,00

I cori e le orchestre universitarie oggi. Quando fare musica diventa un'esperienza trasformativa

di Antonella Coppi, Johann Van der Sandt

Libro

editore: LIM

anno edizione: 2022

pagine: 470

I Cori e le Orchestre universitarie italiane costituiscono una realtà consolidata del nostro Paese, contribuendo in modo significativo allo sviluppo della produttività culturale delle nuove generazioni. La produzione musicale di valore connessa a tali esperienze, esprime ed interpreta una vocazione antica degli atenei che è quella di essere luoghi di formazione di studenti e delle nuove generazioni a tutto tondo. L'attualità delle Università italiane porta oggi ad un contributo diffuso alla formazione anche in termini di ricongiunzione con la filiera produttiva, le forme di innovazione e sviluppo, di potenziamento della rete economica e sociale del nostro Paese.
35,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.