Editore Lìmina - Ultime novità

Lìmina

Pechino, la città proibita. Storia di un'Olimpiade

di Andrea Baldini

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2011

pagine: 77

Andrea Baldini scopre, fin da subito, il suo talento nel fioretto. Con costanza e determinazione coltiva questa sua passione, che lo porterà a un passo dai Giochi Olimpici di Pechino 2008. Andrea è attento in pedana, nello scoccare la stoccata vincente, ma non lo è stato abbastanza quel giorno in cui, per spezzare il suo sogno, è bastato un sorso d'acqua. Fatica, passione e un'irrefrenabile voglia di vincere lasciano spazio a disperazione, rabbia, delusione. Andrea si trova costretto a combattere battaglie legali e mediatiche per proclamare la sua innocenza. Ma lo scontro più duro è quello con se stesso, per ritrovare la voglia di ricominciare... se ancora è possibile.
18,00

Confessioni di un interista ottimista

di Rudi Ghedini

Libro

editore: Lìmina

anno edizione: 2006

pagine: 131

Essere ottimisti, parlando dell'Inter, che non vince lo scudetto da 16 anni e la Coppa dei Campioni da 40, significa farla finita con le tristezze, il fatalismo e i sensi di inferiorità. Essere dell'Inter significa vivere una passione rovinosa ed esaltante. Significa credere che Moratti, Mancini e Adriano continueranno a essere una incomparabile incubatrice di emozioni.
13,50

E andiamo a vincere. La storia gloriosa degli Abbagnale

di Gian Piero Galeazzi

Libro: Copertina rigida

editore: Lìmina

anno edizione: 2014

pagine: 240

La storia della grande impresa sportiva dei fratelli Abbagnale (Giuseppe, Carmine e Agostino, e senza dimenticarsi di Giuseppe Di Capua) non era stata ancora raccontata. Da dove venivano? Chi li ha scoperti? Come si sono allenati? Come hanno fatto a vincere così tanto? Come sono arrivati al vertice assoluto del canottaggio mondiale? Una sola è la voce che poteva raccontare questa storia: la voce grazie alla quale tutti gli italiani hanno imparato a conoscere e ad amare le gesta dei Fratelloni, quella di Gian Piero Galeazzi. Grazie alla sua competenza, alla sua esperienza, al fatto di essere stato sempre vicino al clan, soltanto lui poteva scrivere questo libro. E soltanto lui poteva riuscire in un'impresa senza precedenti: far parlare Giuseppe La Mura, il Dottore, colui che ha saputo vedere negli Abbagnale un futuro olimpico d'oro, che li ha preparati con metodi rivoluzionari, che li ha seguiti in tutti i momenti di una delle imprese sportive più amate della nostra storia.
18,00

La combattente. Autoritratto di una donna sul ring

di Stefania Bianchini, Antonio Voceri

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2013

pagine: 207

È un talento fiorito sul terreno dell'istinto, quello che ha permesso a Stefania Bianchini di prendere coscienza della propria forza, fisica e interiore, e con la quale si confronteranno formidabili atlete: Regina Halmich, una star per i media tedeschi; l'inglese Cathy Brown, il cui pseudonimo "The Bitch" non lascia affatto tranquilli; Hagar Shmoulefeld, istruttrice dell'esercito israeliano; le italiane Maria Rosa Tabbuso e Simona Galassi e tante altre ancora. In questa autobiografia, che è quasi un romanzo, si racconta una storia di sport e di vita. Dal karaté alla kick boxing, dalla shoot boxe al pugilato, un percorso ricco di titoli italiani, europei e mondiali, ma anche di delusioni e ingiustizie, di amori e disillusioni, di amicizie e di accese rivalità. Pioniera del pugilato femminile, Stefania Bianchini sul ring conquista il mondo. Femmina in un ambiente di maschi, esploratrice di territori mai scontati, mai banali, fuori dal ring vince la sua battaglia per portare la boxe femminile in Italia e consacrarla a sport olimpico. Un gioco d'equilibrio sul crinale che separa il conformismo e l'anticonformismo, l'indole di combattente e l'intima appartenenza di genere, da cui sorge anche il suo incrollabile impegno nella lotta contro la violenza sulle donne.
16,90

Io, l'Inter e il mio calcio mancino

di Mario Corso, Beppe Maseri

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2013

pagine: 161

Per la prima volta Mario Corso, pur con la proverbiale timidezza, si racconta a cuore aperto, con aneddoti e confessioni inedite. Una veloce escursione nella sua vita privata, l'infanzia e la famiglia nel dopoguerra a San Michele Extra ("l'ingrata San Michele"), l'acquisto a 17 anni non ancora compiuti da parte dell'Inter, dove in brevissimo tempo si impone come protagonista indiscusso della Grande Inter euro-mondiale. La scarsa simpatia nei suoi confronti del Mago Helenio Herrera, che ogni anno ne chiedeva la cessione, l'affettuosa ammirazione del presidente Angelo Moratti, la stima da parte dell'immenso Pelé che lo voleva al Santos, il tribolato rapporto con la Nazionale (con la clamorosa ribellione al ct Fabbri) e la lunga, e ingiusta, squalifica internazionale per il fattaccio contro il Borussia Moenchengladbach, il mesto esilio al Genoa (nonostante l'insistenza di Boniperti per averlo alla Juve) dove finisce la carriera per un triplice infortunio alla stessa gamba. Poi allenatore e scopritore di talenti in molteplici squadre, fino a quando Massimo Moratti, che sta progettando la sfida di una nuova gloria nerazzurra, lo rivuole accanto a sé. "Piede sinistro di Dio", "Mandrake", "Paganini", geniale e un po' indolente, Mario Corso - i calzettoni arrotolati sulle caviglie in segno di omaggio al suo idolo Sivori sapeva inventare dribbling irriverenti e traiettorie impossibili (famosa la sua punizione "a foglia morta"), gol e assist straordinari.
16,00

Ho scelto di stare davanti alla porta

di Sandro Mazzola, Marco Civoli

Libro: Copertina rigida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 220

16,00

Sognando il Barça. L'epopea di una squadra e della sua città

di Andrea Fanì

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 197

Un viaggio lungo più di cento anni di una squadra che è "més que un club", molto più di una squadra di calcio. Un'identità calcistica che si è definita attraverso la lotta politica per l'autonomia catalana e l'orgoglio della sua lingua ma facendo del cosmopolitismo dei suoi giocatori leggendari la sua filosofia. Avversaria irriducibile dell'altra grande, il Real, che era bandiera del franchismo in ascesa, la squadra blaugrana ha costruito con lacrime e sangue la sua visione del mondo, tra difficoltà economiche e vittorie in serie, cadute e resurrezioni, mille piccole e grandi storie, dal sogno di Joan Gamper a Paulino Alcantara, l'attaccante che voleva fare il medico, da Suñol, il presidente fucilato dai franchisti, a Kubala, convinto a firmare l'ingaggio dopo una sbronza, a Messi, il bambino che non cresceva, il cui destino si decise nel ristorante di un circolo di tennis... e in mezzo le magie di Pep Guardiola, "figlio" di quel Cruyff che aveva portato in Spagna il suo calcio divino, e ancora le bellissime avventure, finite male, di Maradona e Ronaldo, di Eto'o e Ronaldinho... Una squadra e una città diventate una cosa sola, una sola anima.
16,00

Maledette classifiche. Tra boxe e tennis, vita e imprese di 100 campioni

di Rino Tommasi

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 176

Rino Tommasi, maestro del giornalismo sportivo, ci racconta a suo modo le due passioni che maggiormente ne hanno segnato il percorso professionale: il tennis e la nobile arte. Attraverso una carrellata di profili dei più grandi tennisti e dei più grandi pugili della storia, puntuale e documentata nei minimi particolari, ci racconta l'evoluzione delle due discipline sul piano tecnico e su quello organizzativo. Mettendo in luce le caratteristiche e i punti di forza dei migliori delle varie epoche, delinea la figura dell'inesistente atleta perfetto. Da Joe Louis a Muhammad Ali, da Rocky Marciano a Bob Foster, e ancora da Rod Laver a Björn Borg, Da McEnroe a Rafa Nadal, un'analisi dettagliata e ragionata, scrupolosa fino al limite del verbo tommasiano, dove numeri e cuore si alternano e si bilanciano. Il più grande non esiste, non essendo possibile estrapolare il campione dal contesto storico nel quale si è espresso, ma la grande boxe e il grande tennis sì, e Tommasi è qui a raccontarceli.
16,00

Inseguendo Bolt. Lungo un percorso che conosco

di Pietro Paolo Mennea, Daniele Menarini

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 213

L'uomo più veloce del mondo è una figura mitica, che abita l'immaginario di tutti i popoli della terra in ogni epoca, da Achille ai supereroi. Oggi quel mito ha il volto e il fisico statuario di Usain Bolt, che calamita l'attenzione dei media ben oltre i confini dell'atletica. Anche Pietro Mennea è stato l'uomo più veloce del mondo. Per diciassette anni. Tanto è durato il suo record dei 200 metri (19"72) oggi detenuto dal giamaicano. Due atleti dal fisico diverso che in epoche differenti hanno affrontato da protagonisti la stessa sfida. Una posizione che permette a Mennea di analizzare il fenomeno Bolt da un punto di vista unico: quello di chi è già passato dallo stesso percorso in termini di allenamenti, infortuni, pressione mediatica, polemiche, sfide, successi e sconfitte. E solitudine. Entrambi hanno dominato le rispettive epoche, aprendo una strada totalmente nuova nei metodi di allenamento e imponendo consapevolmente un ruolo del campione sportivo che non si esaurisce nel primato.
16,00

Tutto (o quasi) su mio padre. Con Aldo, due punti di vista paralleli

di Antonella Biscardi

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 133

Un viaggio familiare e professionale a due voci, attraverso il mondo del giornalismo e della televisione in continuo mutamento ed evoluzione. Storie e aneddoti privati e degli innumerevoli personaggi che sono passati nel "bar dello sport" (come Giovanni Arpino definì l'innovativa trasmissione di Aldo Biscardi) o nel salotto di casa, comunque lo si voglia considerare, che è il "Processo di Biscardi". Vizi e virtù di quanti sono stati ospiti, visti da dietro le quinte e davanti alle telecamere, ognuno con la proprie manie, pregi e follie. Chiunque si sia interessato di sport, come addetto ai lavori, o come tifoso illustre è passato nella grande platea del "Processo". Da Falcào a Diego Maradona, ospite per un lungo periodo, con le sue strambe richieste. Dal Presidente della Repubblica Sandro Pertini, in diretta con temperature polari dalla Val Gardena, al senatore Giulio Andreotti, ironico e puntiglioso tifoso della Roma, fino al Presidente del Consiglio e Presidente del Milan, Silvio Berlusconi. E ancora: grandi colleghi, scrittori e registi. Un Biscardi inedito, vero, dove la carriera è solo il filo conduttore per un'analisi del personaggio che, attraverso una raccolta delle sue memorie più belle, narra la storia calcistica e sportiva degli ultimi cinquant'anni.
16,00

Ho visto un Re. Luciano Re Cecconi, l'eroe biancoazzurro che giocava alla morte ed è morto per gioco

di Carlo D'Amicis

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 144

"Ho visto un Re" è il romanzo della vicenda umana e sportiva di Luciano Re Cecconi, infaticabile centrocampista nella Lazio che vinse lo scudetto nel 1974, ucciso per un tragico equivoco, poco più di due anni più tardi, in una oreficeria romana. Dalla stentata infanzia, nella quale sviluppa un'attitudine alla corsa e alla fatica, fino alla consacrazione come calciatore in una squadra ricca di individualità complesse, dalla prima volta allo stadio Olimpico alle partite solitarie nel salotto di casa, dagli allenamenti all'oratorio all'incontro con la squadra del cuore durante un ritiro, il racconto in prima persona della vicenda di Luciano Re Cecconi si avventura nelle pieghe più nascoste della personalità del campione, rivelando episodi e retroscena curiosi e appassionati fino a rimettere in discussione la dinamica della sua morte. Un'appendice di articoli, interviste e documenti rivela anche il volto pubblico di uno dei campioni ancora oggi più amato dai tifosi biancoazzurri.
10,00

Il piccolo aviatore. Vita e voli di Gilles Villeneuve

di Andrea Scanzi

Libro: Copertina morbida

editore: Lìmina

anno edizione: 2012

pagine: 172

Lo chiamavano "aviatore", Gilles Villeneuve, perché passava più tempo in cielo che a terra, e questo libro ne racconta la vita e i voli. Gli esordi sulla neve, le vittorie in Formula Atlantic. L'approdo in Ferrari, voluto dal Drake contro tutti: lui, uno sconosciuto, chiamato a sostituire Lauda. A quello sconosciuto, Enzo Ferrari vorrà bene come a un figlio. Il rapporto con Joann, con i figli. I testacoda, gli errori voluti. La scelta di non maturare, di rinunciare alla razionalità, per fedeltà insondabile a se stesso. Le vittorie, mai tantissime. L'inguaribile tristezza sul podio. La sua purezza. L'identificazione, oggi impensabile, della gente, che lo amerà come nessun altro. Una vita vissuta con l'acceleratore saldato a terra, come se avesse sempre saputo che per lui il tempo era già in scadenza. Poi, il tradimento di Imola, tredici giorni prima di morire. Una Formula 1 ridotta a mattanza, dove i piloti erano martiri e comparse. La disillusione delle ultime ore, il presagio della fine. L'ultimo volo a Zolder, senza aereo né armatura. Se n'è andato guardando le stelle, Villeneuve. Se n'è andato chiudendo un'epoca.
10,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento