Luiss University Press

Le transenne di Piazza del Parlamento. Cultura, valori e competenze della classe dirigente di domani

Le transenne di Piazza del Parlamento. Cultura, valori e competenze della classe dirigente di domani

di Pietro Fiorentino

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 183

Quali competenze sono necessarie per cambiare in meglio il mondo? Sono sufficienti le stesse competenze che avevamo in passato? Possiamo contare su nuove alleanze generazionali all'altezza della gestione del futuro che ci attende, nonostante sembri ormai lontano quell'impegno che ci aveva accompagnato nel tentativo di contribuire alla nascita di una nuova classe dirigente di cui l'Italia ha davvero urgente bisogno? Pietro Fiorentino prova a rispondere a questa serie di questioni in modo chiaro e semplice, attraverso un appassionato dialogo che muove da fatti ed eventi di vita personale e professionale. Si tratta di piccole storie di vita quotidiana che svelano perché il nostro grande Paese, da sempre in grado di fabbricare competenze ineguagliabili, non riesca a generare una classe dirigente all'altezza della sua storia e del futuro che ci attende. Una grave mancanza, che rischia di complicare i precari equilibri del presente e indebolire le prospettive della vita sociale ed economica di domani. Prefazione di Francesco Profumo.
16,00
Nessun futuro. Scritti 1995-2007

Nessun futuro. Scritti 1995-2007

di Nick Land

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 224

A metà anni '90 l'impresa critica di Land inizia a condensarsi in oscuri acronimi, cluster di date, mitologemi esoterici e scivolare in un vero e proprio delirio. Un delirio meticoloso, deliberato. L'avvento del ciberspazio segna per Land un punto di non ritorno: la semiotica capitalista articola la propria natura finzionale rendendo inefficace qualsiasi distinzione ontologica. Non si tratta più di reale e immaginario, ma esclusivamente di virtualità. E così la scrittura si confonde con i processi della modernità capitalista, per fagocitarne la potenza virale. La mitogenesi diventa una macchina da guerra nella lotta contro le strutture repressive della "allucinazione consensuale che chiamiamo realtà". Perché di questo si tratta. Di stregoneria. Di viaggi nel tempo. Di guerra. E tutto può diventare un'arma. La musica jungle, la schizoanalisi, il teorema dell'incompletezza di Gödel; il cabalismo esoterico della tastiera QWERTY. Tutto in questa maniacale trama di occulture trova una collocazione tanto precisa quanto sconcertante. Perduti fra queste contorte macchinazioni testuali a poco a poco qualcosa inizia a fare presa. Non solo l'innocua fascinazione per un'inventiva stilistica che ha indirizzato il percorso di molta filosofia, ma l'inquietante idea che questa follia possa avere perfettamente senso.
25,00
Il mercato siamo noi. Una teoria radicale per l'era digitale

Il mercato siamo noi. Una teoria radicale per l'era digitale

di Eric A. Posner, E. Glen Weyl

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 332

Di fronte a una disuguaglianza sociale in drammatica crescita, le tradizionali ricette di sinistra (più tasse ai ricchi, maggior controllo dello Stato) e di destra (privatizzazioni, meno tasse, deregulation) sembrano ormai del tutto inefficaci. La crisi della competenza ha inoltre mostrato che la tecnocrazia non rappresenta una soluzione, soprattutto per la sua tendenza a trascurare le esigenze di moltissimi. In questo lavoro rivoluzionario, Eric Posner e Glen Weyl presentano un nuovo modello, quello dei "mercati radicali". Partendo dall'idea che i mercati siano il miglior strumento a disposizione per l'organizzazione di una società, gli autori mostrano come essi vadano scollegati dall'idea di proprietà privata e messi invece al servizio della società. Richiamando il lavoro degli "eroi radicali", ossia degli economisti che non hanno seguito il paradigma dominante continuando a elaborare le originali teorie di Adam Smith, gli autori forniscono una teoria completamente alternativa tanto alle derive del neoliberismo quanto alla crisi della democrazia liberale. "Il mercato siamo noi" non è soltanto un lavoro di teoria, ma è anche il manuale pratico per il più importante cambiamento della società occidentale dai tempi della rivoluzione industriale. Prefazione Vitalik Buterin e Jaron Lanier.
24,00
Diario di volo. Come guidare la trasformazione digitale tra innovazione e sostenibilità

Diario di volo. Come guidare la trasformazione digitale tra innovazione e sostenibilità

di Paolo Gallo

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 157

Gli obiettivi dell'Agenda Onu e dei target climatici Ue caratterizzano lo scenario mondiale e guidano le azioni, le scelte e gli investimenti quotidiani, orientandoli verso la tutela del pianeta. Le finalità sono chiare: ridurre, fino a neutralizzare completamente, l'impronta di carbonio connessa all'attività dell'uomo, tagliare le emissioni climalteranti abbandonando progressivamente le fonti fossili più inquinanti; favorire una maggiore produzione di energie rinnovabili e il loro impiego anche differito nel tempo e nello spazio; garantire i consumi riducendo il dispendio energetico attraverso interventi di efficienza. In questo percorso l'innovazione tecnologica rappresenta il principale alleato di governi, imprese e singoli cittadini. La parte più difficile per intraprendere questa rotta è rivoluzionare il nostro modo di pensare il tema energia. Il cambiamento va guidato, stimolato e accompagnato. Paolo Gallo racconta la transizione energetica e digitale partendo dall'esperienza di Italgas alla ricerca della neutralità climatica, un percorso che poggia su pilastri quali l'innovazione, la sostenibilità, la formazione continua e la capacità di leadership, di anticipazione e di messa a terra del cambiamento. La mappa di questa lunga navigazione è fatta di parole e azioni concrete. Ma la meta non è un punto d'arrivo, bensì un viaggio in continuo divenire.
15,00
La vita verosimile. La dissolvenza della verità dallo smartphone al metaverso

La vita verosimile. La dissolvenza della verità dallo smartphone al metaverso

di Carlo Carboni

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 174

Di chi è il volto che vediamo riflesso nello specchio dei nostri smartphone e tablet? Nell'immagine distorta che ci viene restituita possiamo ancora riconoscere noi stessi e la realtà, oppure al vero si è sostituito qualcosa di diverso? Dopo aver esplorato il rapporto tra umani e "gabbia tecnologica" in Magia nera, Carlo Carboni si interroga sulle dinamiche di interpretazione della verità - su questo insidioso "qualcosa" che, a poco a poco, ha eroso completamente lo spazio del vero e del falso, annullando ogni differenza. La pandemia ha innescato nuovi fenomeni e ha fatto accelerare le dinamiche già in corso, facendoci precipitare definitivamente in un'epoca di post-verità. Mark Zuckerberg promette - o minaccia - di trasformare i social network in un metaverso, ma davvero non esistono alternative all'isolamento dell'individuo e alla creazione di una società dell'incertezza? Con La vita verosimile, Carboni tenta un approccio propositivo all'analisi di questi tempi tanto complessi, con un decalogo di proposte per affrontare i temi più urgenti, dalla scuola alle istituzioni, dal lavoro all'economia.
16,00
Intelligenza artificiale. Politica, economia, diritto, tecnologia

Intelligenza artificiale. Politica, economia, diritto, tecnologia

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 184

È oramai opinione diffusa che l'impatto della cosiddetta Intelligenza Artificiale nelle nostre vite abbia determinato un mutamento epocale nella quotidianità e, quindi, nella nostra cultura. Sempre più la pervasività degli strumenti digitali invade il mondo e sempre più si corre il rischio di non riuscire a controllare macchine pensanti che diventano da automatiche autonome. A fronte di questo problema metafisico e pratico, questo libro - curato da Paola Severino - offre una proposta interdisciplinare che include aspetti tecnologici, etici, normativi, economici, filosofici e giuridici. Il libro presenta un tentativo serio di comprendere la natura e di offrire un primo inquadramento da diverse prospettive dei dilemmi più urgenti in questo ambito. La strada per farlo non può infatti che essere multidisciplinare e interattiva. Il nuovo Leonardo, il genio che proporrà soluzioni in materia, non sarà una persona ma un gruppo multitasking di persone con diverse competenze unite da uno scopo comune.
16,00
Fintech, Smart Technologies e governance dei mercati. L'impatto del digitale sul settore bancario, finanziario e sulla regolazione pubblica

Fintech, Smart Technologies e governance dei mercati. L'impatto del digitale sul settore bancario, finanziario e sulla regolazione pubblica

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2022

pagine: 608

Il volume "Fintech, Smart Technologies e governance dei mercati" offre contributi di ricerca sugli impatti delle nuove tecnologie sul settore bancario e finanziario al fine di analizzare, da prospettive multiple, i profili di maggiore complessità dell'interazione tra diritto e digitalizzazione che si pongono all'attenzione del giurista contemporaneo. Dalle criptovalute nel mercato monetario alle nuove forme di finanziamento dell'impresa, dalla tutela dei dati nei sistemi di digital payment all'abusivismo bancario, il libro propone una panoramica ampia ed esaustiva della materia. "La crescita dimensionale del fenomeno Fintech e le questioni ad esso connesse hanno indotto le Autorità ad una crescente produzione di documenti di analisi e soft law, tesi a rilevare le caratteristiche e le implicazioni del fenomeno, a misurarne le potenzialità e i rischi ed a definire possibili modelli per la sua regolazione, trasversalmente o rispetto alle sue singole manifestazioni. Tale processo di indagine e di intervento appare ancora agli albori e lascia tutt'ora aperti interrogativi sull'approccio più efficace onde indirizzare queste nuove esperienze del mercato e assicurarne un ordinato sviluppo. Resta obiettivo imprescindibile la ricerca del delicato equilibrio tra le istanze di mercato e la necessità di chiarezza normativa, al fine di garantire la stabilità del sistema finanziario nel suo complesso e la tutela degli investitori (e degli utilizzatori delle soluzioni tecnologiche), senza al contempo pregiudicare le opportunità connesse all'innovazione" (Dall'introduzione di Antonio Nuzzo).
25,00
Il grande giudice. Il tempo e il destino dell'Occidente

Il grande giudice. Il tempo e il destino dell'Occidente

di Romano Ferrari Zumbini

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2021

pagine: 343

Riscoprire la prismaticità del reale. Si potrebbe sintetizzare così, icasticamente, l'obiettivo programmatico de Il grande giudice, annunciato fin dalle premesse. "Questo libro tiene conto della cancellazione della Storia" dichiara l'autore, attribuendo alla "disintegrazione del senso del Tempo", a un pensiero collettivo ideologicamente schiacciato su un eterno presente, anche la crisi del linguaggio. Tempo e logos sono i due protagonisti di questo saggio, entrambi da recuperare per poter disporre di perni di riflessione. È un'operazione che si snoda attraverso punti che creano linee che possono confluire in nuove traiettorie argomentative. Si parte dall'esigenza di (ri)definire parole che fanno parte dell'esperienza pubblica, cominciando dal lemma forse più significativo di tutti, "Costituzione", e ci si addentra nei percorsi storico-culturali delle civiltà occidentali per approdare ai lemmi della contemporaneità - comunicazione e Big Tech, sovranità e legittimazione, post-democrazia e iper-mo-rale, solo per citarne alcuni - scoprendo in loro significati inediti e riproponendo in modo più assertivo l'iniziale "Perché?".
35,00
Lo Stato al sicuro. Intelligence e democrazia

Lo Stato al sicuro. Intelligence e democrazia

di David Omand

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2021

pagine: 340

Come si può mantenere la sicurezza, primo dovere del buon governo, a un costo ragionevole e sostenibile? Come evitare che i rischi per la sicurezza diventino un'ossessione e che i benefici della sicurezza ci si rivoltino contro se i metodi usati per garantirla risultassero aver compromesso e persino violato gli stessi valori che cerchiamo di difendere? Sono queste le domande che in futuro distingueranno sempre di più quelli che considereremo i segni del buon governo da quelli del cattivo governo. L'analisi fornita in questo libro è presentata nella speranza che possa aiutare accademici e professionisti, politici e giornalisti, sostenitori e detrattori a capire più chiaramente dove si trova il miglior equilibrio tra i diversi interessi in fatto di sicurezza e dove si collocano le secche e gli scogli del cattivo governo, e come navigare tra loro.
35,00
Ora o mai più. Il futuro dell'economia italiana dopo la grande paura

Ora o mai più. Il futuro dell'economia italiana dopo la grande paura

di Paolo Sestito

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2021

pagine: 290

C'era una volta un'Italia che cresceva. Non sarebbe questo l'incipit di un libro sull'economia italiana prima della pandemia, e non è questo l'incipit del libro di Paolo Sestito, che individua le cause del declino economico del nostro Paese ben prima che la pandemia monopolizzasse gran parte delle analisi sul nostro presente. Dai problemi strutturali all'eterna attesa della "stagione delle riforme", passando per la lunga e dolorosa crisi politica e istituzionale degli ultimi decenni, Sestito delinea la parabola di un Paese rimasto indietro rispetto a molti Stati europei, con una classe dirigente colpevole di scarse idee e poco coraggio. Il declino è quindi inarrestabile? Non necessariamente, ma serve sfruttare a pieno un piano di rilancio che mette nelle mani dell'economia italiana oltre 200 miliardi di euro; serve privilegiare gli investimenti e le riforme, non i mille rivoli della spesa corrente e degli sgravi; serve saper attrarre e integrare chi può compensare il calo della popolazione in un Paese che invecchia. Economia, ambiente, welfare, sanità, istruzione, pubblica amministrazione: l'occasione di ripartire è da prendere, ora o mai più.
18,00
La memoria e il futuro. Alle radici dell'innovazione nell'industria del terzo millennio

La memoria e il futuro. Alle radici dell'innovazione nell'industria del terzo millennio

di Andrea Zaghi

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2021

pagine: 160

Undici storie d'impresa, undici aziende che sono state capaci di attraversare la storia, crescendo e spesso rinascendo, mettendosi continuamente in gioco per perseguire una propria idea di modernità e di prodotto, elaborando una propria cultura del produrre fatta di tecnica e di umanità. La memoria e il futuro racconta le storie di Alberti, Amarelli, Barilla, Bracco, Campari, Cimbali, Intesa Sanpaolo, Lavazza, Piaggio, Pirelli, SAME, imprese molto diverse tra di loro, ma tutte con una grande capacità produttiva e una forte carica umana, sintesi tra tecnica e cultura umanistica. Sono aziende che hanno in comune non solo una grande competitività, ma anche una forte attenzione per la loro storia, valorizzata con la creazione di luoghi come archivi, musei e fondazioni, in grado non solo di conservarne i tratti, ma di renderli attuali e fruibili, oltre che straordinari veicoli di crescita culturale. Prefazione di Antonio Calabrò.
16,00
Post-società. Il mondo dopo la fine della modernità

Post-società. Il mondo dopo la fine della modernità

di Carlo Bordoni

Libro: Copertina morbida

editore: Luiss University Press

anno edizione: 2021

pagine: 192

"Siamo in transito. Non è una metafora. Dopo tanto vagare senza una meta all'interno della società liquida, ci siamo arenati. È un approdo sconosciuto, che assomiglia al mondo che abbiamo lasciato, ma con caratteristiche inedite. In questa nuova fase, si possono scorgere i segni di una modernità in rapido declino propri della società liquida di Zygmunt Bauman, che è stata solo un passaggio temporaneo, un avvertimento di ciò che sarebbe avvenuto di lì a soli pochi anni. L'idea di liquidità, come ultima fase della modernità, conteneva segni evidenti di un disagio sociale: l'insicurezza e l'incertezza nei rapporti umani, la disgregazione della solidarietà, l'individualismo, tradotto in una ricerca frenetica del proprio interesse personale. Questi segnali erano poi accompagnati da più inquietanti dimostrazioni di un cambiamento inarrestabile, tra cui la crisi del lavoro, sempre più precario e smaterializzato, assieme alla supremazia delle nuove tecnologie nella comunicazione, come nei processi produttivi. E infine la sfiducia nella politica, visibilmente privata di un potere effettivo: un potere ormai passato nelle mani di entità sovranazionali e di grandi gruppi finanziari. L'improvvisa diffusione della pandemia da Covid-19 ha contribuito ad accelerare il mutamento, rendendolo necessario nella sua tragicità e nell'urgenza di una risposta quanto più immediata alle esigenze di sicurezza, continuità, riconversione. L'accelerazione ha impresso ritmi inimmaginabili a un processo che era già iniziato a causa della crisi della modernità, ma che avrebbe impiegato più tempo per realizzarsi. Cosa succede ora? Secondo alcuni osservatori, tra cui il sociologo Alain Touraine, ci aspetta un'inquietante prospettiva di 'de-socializzazione' o di fine del sociale. Potremmo allora definire 'post-società' questo tempo nuovo che incombe, una condizione in cui prevalgono le moltitudini, muta la modalità delle relazioni sociali e si alterano i rapporti tra pubblico e privato."
20,00