NFC Edizioni

La fortuna visiva di Raffaello nella grafica del XVI secolo. Da Marcantonio Raimondi a Giulio Bonasone. Un dialogo tra le arti a Bologna nel segno di Raffaello. Catalogo della mostra (Bologna, 4 marzo-7 giugno 2020)

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 200

Il tema del rapporto di Raffaello con la stampa e della fortuna visiva delle sue invenzioni è uno dei più frequentati dalla critica degli ultimi decenni, oggetto di numerosissimi studi che hanno interessato in particolare Marcantonio Raimondi, ma anche altri incisori e artisti della stretta cerchia di Raffaello o che dallo stesso hanno derivato, più o meno direttamente, idee ed invenzioni, in un circolo vorticoso di rimandi tra disegno, pittura, incisione e un'ampia serie di prodotti delle cosiddette arti applicate o, come le definiva Giorgio Vasari, le "arti congeneri". L'idea di presentare a Bologna una rassegna delle incisioni realizzate in rapporto a, o derivate da, Raffaello, proviene dalla volontà, nel quinto centenario della morte dell'artista, di valorizzare l'importante fondo grafico del Gabinetto Disegni e Stampe della Pinacoteca Nazionale di Bologna dove risultano più di 700 incisioni legate ad invenzioni del maestro. Lungi in questa sede dal poter affrontare questa mole di opere, che potrà essere oggetto di studi successivi, il raggio di indagine di questa esposizione parte dagli anni delle prime relazioni certe tra Raffaello e Marcantonio Raimondi...
40,00

Il piccolo pastore

di Antonio Anastasio

Libro: Copertina morbida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2020

pagine: 31

Età di lettura: da 7 anni.
10,00

Raffaello. La Madonna Diotallevi. La vicenda storico-critica

di Giulio Zavatta

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 136

La vicenda critica che si è concentrata su quest'opera annovera pertanto i più importanti nomi della storia dell'arte, che quasi concordemente la considerano autografa. Considerando le sue peculiarità, non è mancato chi, come Adolfo Venturi, volle riconoscerla come opera di una personalità altra da Raffaello o dal maestro Perugino, ipotizzando l'esistenza di un "Maestro della Madonna Diotallevi". Roberto Longhi ha invece insistito sulle differenze che si possono osservare tra la Madonna, più "primitiva" e peruginesca, e le figure del Bambino e San Giovannino, che sembrano quantomeno prefigurare il periodo fiorentino del Sanzio: la tavola sarebbe stata quindi "dipinta a più tornate". Se la vicenda critica del dipinto, comprensibilmente, può annoverare decine di opinioni e testi redatti dai più importanti critici, la sua storia collezionistica - che le dà il nome - è rimasta pressoché sconosciuta, in conseguenza della sua vendita avvenuta tra il 1841 e il 1842.
35,00

La favola della Juventus. Da Platini a Ronaldo: quarant'anni con l'obiettivo puntato sulla Vecchia Signora e i suoi eroi

di Salvatore Giglio

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 180

Dal 1975, quando Italo Cucci direttore del Guerin Sportivo lo ha chiamato a far parte dell'antica famiglia giornalistica, Salvatore Giglio è semplicemente il Fotografo della Juventus, una militanza che racchiude fra due nomi, due storie, due glorie: Michel Platini e Cristiano Ronaldo. Questo libro raccoglie le fotografie più belle e originali, alcune inedite, di un quarantennio bianconero narrato anche dal testimone del tempo, Italo Cucci.
24,00

B-archive. Le opere donate all'Archivio della Biennale Disegno Rimini

Libro: Copertina morbida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 130

Nel corso delle tre edizioni della Biennale del Disegno (2014, 2016, 2018) molti artisti e collezionisti hanno deciso di donare un'opera - un disegno - al Museo della città di Rimini. La conservazione, la valorizzazione e l'implementazione di questo primo nucleo di opere d'arte sono stati all'origine dell'Archivio Biennale Disegno. Il lavoro appassionato di Franco Pozzi, Piero Delucca, Annamaria Bernucci e della sottoscritta, con l'appoggio incondizionato dell'ex assessore alle Arti del Comune di Rimini, nonché curatore della Biennale Disegno, Massimo Pulini, si è concentrato, pertanto, in un primo momento, nell'acquisizione di nuove opere d'arte. Nei giorni conclusivi della Biennale 2016, in particolare, e 2018, sono stati organizzati, infatti, dei momenti di incontro con la cittadinanza per presentare pubblicamente i disegni donati, con relativa eco della stampa. Solamente alla fine dell'edizione 2018 ci si è resi conto che il numero delle opere donate era davvero rilevante e che questo primo nucleo poteva rapidamente crescere e trasformarsi in una collezione vera e propria. Il Museo di Rimini non possiede una collezione di disegni in senso stretto e anche per questa ragione...
30,00

Cecchini guarda Cecchini. Zoom. Il realismo dell'illusione Stefano Cecchini e Davide Cecchini. Catalogo della mostra

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 80

"Zoom", il termine racchiude in sé un doppio significato: dentro lo zoom, strumento usato per eseguire una carrellata ottica e ridurre la distanza focale, coesiste il lemma di derivazione greca "zoo": animale. Ancora una volta Stefano Cecchini sottolinea la grande passione per la natura e gli animali selvatici, in particolare per il conturbante mondo dei grandi felini. Per farlo, si avvale di un doppio, di un occhio "altro" che prende una navigazione autonoma, ma nella stessa scia d'acqua infranta dal timone della sua pittura. Ed ecco il doppio. "L'altro" sguardo è quello di Davide Cecchini, omonimo giovane fotografo.
20,00

La Gioconda e il suo significato. Leonardo da Vinci e la scuola neoplatonica

di Annalisa Di Maria

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 72

Dalla manica dell'abito indossato da una delle donne più famose del mondo affiora un ritratto. Risalendo dal fondale di stoffa cupa come abisso d'oceano, quel volto lentamente delinea la propria fisionomia, rivelando l'effigie di un filosofo greco tuttora caposaldo della cultura universale. È infatti il viso di Platone, nell'aspetto tramandato da celebri marmi antichi. Perché Leonardo da Vinci ha voluto criptare all'interno della sua Monna Lisa proprio quel filosofo? Cosa desiderava comunicare in segreto il genio toscano a una cerchia senza dubbio ristretta di umanisti? In quale misura la filosofia platonica, nel proprio naturale itinerario verso l'approdo neoplatonico, pur adottata da taluni raffinati cenacoli delle alte gerarchie cattoliche, avrebbe tuttavia potuto influire in modo irreversibile sul diritto alla completa libertà di pensiero, e dunque sulla totale emancipazione delle idee individuali da qualsivoglia vincolo imposto, se quell'artista immenso preferì occultare l'immagine di Platone in un ritratto femminile nelle cui sembianze, peraltro, l'autore volle imprimere le proprie, traslate dal maschile al femminile e dalla vecchiaia alla gioventù?
18,00

Massimo Pulini. Flâneur. Tra i volti del tempo. Catalogo della mostra (Rimini, 27 luglio-30 agosto 2019)

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 96

Chi è il flâneur? Un girovago o un poeta, un fannullone o un esteta, un sognatore o un realista? Secondo Balzac la flânerie non è una posa ma una disciplina vera e propria associata al cammino, che lui definisce "gastronomia dell'occhio". Il flâneur, dal palato, ovvero, dalla pupilla esigente, si serve alla tavola vasta di una città, un buffet aperto da piluccare, scansando i piatti celebri, per saggiare con le dita quelle pietanze rare, di cui si ignorano gli ingredienti. Il flâneur bighellona senza una meta definita ma con un ideale altissimo, la ricerca della bellezza; una bellezza inedita, inaspettata e quasi intonsa da perseguire negli itinerari alternativi, o governati dal caso, fuori dalle rotte consuete. L'occhio parte allo sbaraglio, sceglie, si nutre di ciò che lo sorprende, infine, dato che spesso quell'occhio appartiene ad un artista, restituisce il favore, matura una propria bellezza, crea. Questa parola, che esiste soltanto in francese, sembra coniugarsi direttamente con Parigi, così come l'ha coniata Baudelaire, che ne ha fatto l'archetipo dell'artista moderno, inserito in un contesto preciso, quello appunto della capitale francese di metà Ottocento...
20,00

Revolutions 1989-2019. L'arte del mondo nuovo 30 anni dopo

Libro: Copertina morbida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 96

Crolla il Muro di Berlino e nasce Internet. Un ragazzo cinese si ferma davanti a un carroarmato in piazza Tienanmen e finisce l'Unione Sovietica. Il Milan di Sacchi conquista l'Europa e in Italia si giocano i campionati mondiali di calcio. Il Partito Comunista Italiano diventa Partito Democratico della Sinistra e i Nirvana, con Nevermind, portano al successo il grunge, gli italiani scoprono i telefonini e scoppia la prima Guerra del Golfo. Di quelle esperienze, la mostra Revolutions testimonia, attraverso oltre sessanta opere, l'ottima salute dei giovani italiani, nati generalmente tra gli anni '50 e i '60. Una fitta rete che si estende da nord a sud, dalle metropoli alla provincia, confermando ancora una volta l'Italia come un Paese multicentrico.
30,00

Il gioco cavalleresco nella Bologna del Seicento. Catalogo della mostra (Bologna, 6 febbraio-31 marzo 2019)

Libro: Copertina morbida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 64

"Qualche tempo fa Paola Goretti presentò agli studiosi ed al pubblico una piccola parte delle numerose opere grafiche presenti nel Gabinetto Disegni e Stampe annesso alla Pinacoteca Nazionale di Bologna. In un suo scritto affidato al web la volle battezzare 'Araldica piumata', alludendo, con un alato 'giro di parole', al fatto che i trionfi di piume di struzzo, di pavone, di airone e via dicendo, stretti in aigrette od asprì, alludessero in qualche modo all'araldica bolognese sia nei colori che nelle figure. Quello scritto giungeva dopo che studiosi del calibro di Franco Cardini e Lionello Giorgio Boccia avevano investigato quali fossero i sistemi simbolici e auto-rappresentativi della nobiltà di antico regime, ed in specifico anche bolognese, nel periodo di passaggio tra Rinascimento e Barocco." (Dalla Prefazione di Mario Scalini)
20,00

Rating di legalità. Cos'è, quali sono i benefici, come ottenerlo

di Andrea Casadei

Libro

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2019

pagine: 124

Questo elaborato, nella sua seconda versione aggiornata a dicembre 2018, si propone di sviluppare un'analisi del Rating di Legalità (di seguito anche Rating), strumento di premialità per le imprese virtuose lanciato da Governo e Parlamento ed inserito nelle leggi di conversione del "Decreto Liberalizzazioni" (L. 27/2012) e del "Decreto Commissioni Bancarie" (L.62/2012). Il Rating di Legalità nasce con l'obiettivo di promuovere l'adozione di comportamenti etici e trasparenti da parte delle organizzazioni imprenditoriali, per tradursi poi in benefici concreti quali, ad esempio, un migliore accesso al credito bancario e in migliori possibilità di accesso ai finanziamenti pubblici. Dalla sua introduzione, nel 2012 ad oggi, il Rating è stato incluso in un numero crescente di bandi ed iniziative e, con il varo del d.lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 - pubblicato in Gazzetta ufficiale il 19 aprile ed entrato in vigore nella medesima data - è stato introdotto come criterio premiale anche nel nuovo Codice degli Appalti e delle Concessioni. Alla data in cui si scrive è in corso una rivisitazione del Codice Appalti. Il Rating di Legalità si sta affermando in un momento in cui le imprese nazionali operano in uno scenario economico e sociale ancora fortemente caratterizzato dalla coda di una pesante crisi economica. Il legislatore lo ha inteso quale mezzo volto ad incentivare la partecipazione al mercato di organizzazioni il cui comportamento sia trasparente, virtuoso e sano, non solamente dal punto di vista economico e finanziario, ma anche per quanto attiene alla sfera della Responsabilità Sociale e, più in generale, delle responsabilità dimostrate verso tutti i portatori di interesse e la comunità in cui un'organizzazione è inserita ed opera.
18,00

Disegni antichi della Pinacoteca di Faenza. La collezione Giuseppe Zauli

di Giulio Zavatta

Libro: Copertina rigida

editore: NFC Edizioni

anno edizione: 2018

pagine: 174

Questo volume nasce dal ritrovamento nei depositi della Pinacoteca di Faenza di un corpus di circa 60 disegni provenienti dalla collezione di Giuseppe Zauli. La collezione fu acquistata dalla Municipalità nel 1797 per la nascitura scuola del disegno. Con l'occasione della schedatura scientifica dei fogli ritrovati, quasi tutti inediti, è stata approfondita la figura di Giuseppe Zauli. Sauro Casadei ne ha scritto un profilo biografico: la vita privata, il docente e fondatore della scuola di disegno, gli incarichi pubblici, il conoscitore apprezzato anche da Luigi Lanzi, il collezionista che acquisì la raccolta del grande incisore Giovanni Bernardi conosciuta anche da Vasari, il fondatore della Pinacoteca e tutore del patrimonio artistico della città, per finire con il suo rapporto con l'illustre allievo Tommaso Giulio Zavatta si occupa invece del fondo di disegni ritrovato: una contestualizzazione nell'ambito delle nascenti scuole di disegno ha ampliato notevolmente gli orizzonti: la cattedra fu molto ambita e fu assegnata a Zauli non senza la presenza di agguerriti competitori, come Francesco Alberi. La questione inoltre assunse una dimensione nazionale, e coinvolse il ministro della Repubblica Cisalpina Daniele Felici Cappello e il celebre artista Andrea Appiani. Vengono quindi analizzati gli stretti rapporti di Giuseppe Zauli con il maestro Gaetano Gandolfi e vengono così contestualizzati numerosi disegni gandolfeschi ancora presenti in collezione, oltre ai fogli di Giacomo Cavedone, Felice Cignani, Ercole Graziani, Francesco Monti, Vittorio Maria Bigari, Marcantonio Franceschini. I disegni dimostrano una sostanziale continuità con i gusti dell'Accademia di Bologna, della quale Zauli fu allievo. Un saggio particolare è infine dedicato ai fogli di Ferraù Fenzoni provenienti dalla raccolta Zauli.
40,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.