Editore Officina di Hank - Ultime novità

Officina di Hank

Battiato. Incontri

di Giordano Casiraghi

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2022

pagine: 316

Un libro che racconta Franco Battiato attraverso la voce delle persone che l'hanno incontrato e conosciuto: musicisti che sono stati con lui sul palco e che hanno suonato nei suoi dischi, operatori presenti nelle tournée, produttori al suo fianco nei concerti e nei dischi, discografici sorpresi dalla sua straordinaria creatività, ingegneri del suono nelle sale di registrazione, artisti, giornalisti, fotografi. Una raccolta di materiali che l'autore ha collezionato e rielaborato in più di quaranta anni di conoscenza con l'artista, uno dei più grandi di sempre. Un libro che segue l'evoluzione creativa di Battiato dagli esordi fino al capitolo Attraversando il bardo, dedicato alla ricerca mistica e spirituale, sempre al centro della produzione musicale e cinematografica dell'artista. Un capitolo fotografico accoglie un ampio reportage di Uliano Lucas rimasto inedito, con scatti che ritraggono l'artista agli esordi come Gli Ambulanti. Postfazione di Fabio Centelli Anibaldi
27,00

Prediche antiproibizioniste. 10 anni di note antiproibizioniste su Radio Radicale

di Roberto Spagnoli

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2022

pagine: 221

Ogni Lunedi mattina, da dieci anni a questa parte, la voce di Roberto Spagnoli alla radio porta l'ascoltatore, per circa quattro minuti, a riflettere sui controsensi e sul fallimento delle attuali politiche sulle droghe. Le Note antiproibizioniste, dalle frequenze di Radio Radicale, partendo da episodi dell'attualità che riguardano vari aspetti delle politiche italiana e internazionale, provvedimenti legislativi, sentenze giudiziarie, fatti di cronaca legati all'uso e all'abuso di sostanze illegali e no, propongono un punto di vista diverso da quello moralistico e punitivo che sembra continuare a prevalere nel dibattito pubblico. Prediche antiproibizioniste ne raccoglie una ampia selezione, testimoniando quello che potrebbe e dovrebbe essere un approccio laico, razionale ed agganciato a dati di realtà. Una voce spesso solitaria, almeno nel panorama informativo italiano, divenuta negli ultimi tempi rappresentativa di una moltitudine, quella stessa moltitudine che ha cambiato le leggi sulle droghe a suon di referendum negli Stati Uniti e che in Italia sta cercando di superare i disastri del proibizionismo.
17,00

Il sogno di metallo. La mia esperienza nei Rockets

di Alain Groetzinger

Libro

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 212

"Il Sogno di Metallo" è la storia di un ragazzo che, partito dalla provincia agricola francese, entra a far parte di un gruppo che conoscerà, soprattutto in Italia, stagioni di successo davvero esaltanti. La storia della costruzione di un progetto assolutamente innovativo sia dal punto di vista della musica che da quello dell'immagine; la storia del percorso di un uomo che si confronta con gli imprevisti di questa vita così particolare e con le esigenze del mondo dello spettacolo e del mercato. Dalle piccole feste da ballo in campagna, ai maestosi e scenografici concerti tenuti di fronte a migliaia di persone, il percorso dell'autore con i Rockets è eccezionale e costituisce un'esperienza unica, particolarmente intensa e rara.
18,00

Mamma mi faccio le canne. Guida alla cannabis per genitori e figli

di Antonella Soldo

Libro

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 96

Il cavallo di battaglia di ogni oppositore alla legalizzazione è il famoso "per il bene dei giovani". Nell'opinione di chi lo propone, questo argomento risulterebbe inappellabile; una verità auto-evidente in grado di inchiodare alla propria inefficacia ogni tipo di obiezione. E tuttavia, con buone ragioni, si può dimostrare che è vero l'esatto inverso: ovvero che sarebbe proprio la legalizzazione della cannabis a produrre effetti benefici per i giovani. Il rapporto giovani-droghe andrebbe considerato nella sua ampiezza e nella sua delicatezza. Si può decidere di affrontarlo "a gamba tesa", con irruzioni e sequestri nelle scuole, turbando e criminalizzando gli studenti, sollevando inutili polveroni mediatici e soprattutto ottenendo risultati miseri nonostante l'ingente dispiegamento di forze, oppure si può seguire quanto sta accadendo in molti Paesi dove oramai il consumo di cannabis è un fenomeno legale, controllato, che fa addirittura registrare una flessione del consumo tra i minori. In un Paese dove questo tema è espulso dal dibattito pubblico, è arrivato il momento di riaprire un dialogo. Magari ricominciando dal tavolo in cucina, durante una cena in famiglia.
11,00

Il diavolo veste Gaga

di Andrea Biscaro

Libro

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 256

Lady Gaga è Arte in ogni sua manifestazione. Questo libro non è solo una biografia, ma il tentativo di afferrare, smembrare e analizzare il corpo dell'opera di una grande artista, dell'ultima grande diva mondiale, le cui canzoni non sono che la punta di un iceberg. Gaga attraversa in modo trasversale musica, moda, cinema, pubblicità, politica, ribaltando il concetto di PopArt. Non più l'arte al servizio della cultura di massa, ma la cultura di massa al servizio all'arte: ArtPop, quindi. Ogni passo, ogni apparizione, ogni album di Lady Gaga è una rivoluzione culturale e di costume. Scandalosa, eccessiva, "Mother Monster" è diventata il simbolo della diversità. Inafferrabile e iconica, Gaga gioca con la sua molteplice personalità, esibendo le mille facce del suo cuore messo a nudo. Angelo e demone, può essere la ragazza acqua e sapone di "A star is born" e nello stesso tempo la diabolica Contessa assetata di sangue di "American Horror Story". Un libro multiforme e camaleontico, proprio come il soggetto narrato.
19,00

Sing backwards and weep

di Mark Lanegan

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 371

Siamo di nuovo sulla scena di Seattle, quella che ha cambiato il volto della musica. C'è un'altra storia da raccontare, fatta di note dolenti e meravigliose, di derive sofferte e nitide affermazioni: è la storia di Mark Lanegan, voce e guida degli Screaming Trees, che ha segnato con i suoi toni cupi e graffianti il sound di un'epoca, quella in cui la città "supersonica" era il centro esatto del Rock 'n Roll. Una carriera lunga e tormentata, una vita di eccessi e di contraddizioni, un artista che si racconta senza indulgenza, ma anche senza cadere nel cliché del sopravvissuto. Attraverso quattro decadi, Lanegan disegna il suo personalissimo orizzonte musicale, composto dalle tante suggestioni e collaborazioni che ha incrociato lungo il suo cammino. Un resoconto sincero fino all'estremo, scritto con uno stile pungente e scanzonato in cui echeggiano i grandi miti letterari della sua epoca, come William Burroughs, Hunter Thompson e Charles Bukowski. Ne viene fuori in ogni caso l'amore disperato per la musica: punto di partenza e di arrivo di un'esistenza avventurosa e randagia.
20,00

In un elaborato impeto d'ira

di Francesco Moneti

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 267

Vinnie Brody, al secolo Vincenzo Brodo, è un musicista che ha assaporato per poco tempo il gusto del successo con un gruppo pop e ora si è reinventato turnista, mercenario delle sette note che affitta agli altri le proprie capacità dietro compenso. Vinnie ha un manager che è quasi una sorta di padre in seconda, Tony, un impresario vecchio stile dai metodi semplici e sbrigativi. E una fidanzata, Vanessa, che lo adora e cerca di smuoverlo dallo stato di apatia in cui è sprofondato. Una vita in stallo, vissuta a basso regime, sotto traccia. È un'Italia più semplice e ingenua, che ha vissuto e deglutito l'opulenza degli anni '80 ed è appena uscita dallo scossone di Tangentopoli. Soprattutto è un'Italia in cui la vita non è scandita da aggiornamenti di profili web, selfie e foto degli aperitivi. È l'estate del '95 e i goffi cellulari servono a fare telefonate, possibilmente molto brevi, visto i costi esorbitanti del traffico telefonico. E quell'estate del '95 Vinnie se la ricorderà per sempre... Prefazione di Drigo.
15,00

Predatori della banca perduta. Autopsia del sistema finanziario italiano e globale

di Enrico Cirone, Franco Corti

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 358

Una storia vera. Che ha di bello lo spirito di fame di giustizia che l'ha animata, e che ha permesso l'aggregazione di molte "vittime", per lo più indifese. Una brutta storia per quello che racconta, esplorando le più ciniche manovre che i predatori della finanza nazionale e internazionale hanno messo in atto, negli ultimi anni, un po' in tutto il nostro Paese. Lo sguardo si apre su Genova, e sulla banca che da sempre è il simbolo del risparmio e degli investimenti dei genovesi, la Carige. Dopo l'esplosione dello scandalo nel 2014 e gli arresti dei vertici della banca, Berneschi in testa, le sorti di quella che era stata una delle pietre angolari dell'economia ligure, e non solo, sono più che compromesse; a farne le spese saranno soprattutto gli azionisti, oltre 26.000, coloro che hanno creduto, investendo, nella funzionalità del "sistema Carige". Tra di loro c'è anche Franco Corti, che ha imparato sul campo come districarsi nelle foreste di numeri della finanza in cui spesso si annidano verità scomode, e decide di dare voce a tutti quelli che avevano mal riposto la loro fiducia, insieme al loro denaro, nelle mani senza scrupoli degli squali della finanza. L'autore, supportato dalla penna puntuale di Enrico Cirone, ci apre lo sguardo su di un universo che per troppo tempo è stato considerato ricolmo di solide certezze ma che, invece, è pieno di crude, spiacevoli, sorprese. Una (brutta) storia vera, raccontata seguendo il sentiero tracciato dai fatti, unico percorso che porta alla verità, con il finale ancora del tutto aperto.
17,00

Depeche Mode. La biografia

di Steve Malins

Libro

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2021

pagine: 320

Scritta in collaborazione con i Depeche Mode, la biografia abbraccia tutta la carriera di una delle band più longeve della storia, che ha saputo attraversare quattro decenni di musica, dal pop al rock. Questo libro racconta la storia di un gruppo riservato, e frequentemente malinteso, che ha venduto oltre 50 milioni di dischi in tutto il mondo, e che è stata descritta da Q Magazine come «La band elettronica più popolare che il mondo abbia mai conosciuto». Il costante successo e l'eccessiva celebrazione che hanno caratterizzato la loro carriera hanno portato con se abuso di droghe, crolli mentali, sbornie colossali e divorzio. Ancora, fronteggiando tutte queste avversità, i Depeche Mode sono sopravvissuti e hanno continuato a produrre musica acclamata dalla critica e gratificata dal successo commerciale. Il libro comprende anche i percorsi solisti di Dave Gahan e Martin Gore e i dettagli sulla realizzazione di Delta Machine, il penultimo album.
19,00

San Siro Rock. Storia dei concerti nello stadio di Milano che ha cambiato la prospettiva della musica in Italia 1980-2020

di Massimiliano Mingoia

Libro

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2020

pagine: 450

La musica negli stadi iniziarono a portarla i Beatles nell'agosto del 1965 allo Shea Stadium di New York. A San Siro il primo concerto si svolse 15 anni dopo, il 27 giugno del 1980, e ad aprire le danze fu Bob Marley. Da allora, quello stadio che per più di cinquant'anni era stato unicamente "La Scala del Calcio", si apriva ad eventi musicali tutt'altro che formali e diventava lo scenario più ambito per esibizioni dei più grandi interpreti della musica rock e pop italiana e internazionale. Da allora, 130 concerti hanno avuto luogo sul prato del Meazza, di 51 tra artisti e gruppi, di cui 30 italiani e 21 stranieri. Quarant'anni di San Siro Rock. L'opera è un viaggio nel tempo scandito dal ritmo degli show che hanno incendiato, ma qualche volta anche deluso, un palco tra i più iconici non solo in Italia, ma in Europa, a partire proprio dagli anni Ottanta. Da Vasco Rossi a Bruce Springsteen, da Ligabue ai Coldplay, da Michael Jackson ai Rolling Stones, da Beyoncé e Jay-Z agli U2, dai Depeche Mode a Tiziano Ferro, dai Duran Duran a Jovanotti. Nel volume, diviso in quattro decadi, si ritrovano le notizie di ogni singolo evento, con articoli dalla stampa dell'epoca, immagini, curiosità e numerose interviste. Un album dei ricordi per una struttura che è diventata epica, e che di questi tempi rischia di vedere messa la parola fine al suo destino.
28,00

In catene. I giorni di Layne Staley e gli Alice In Chains

di Giuseppe Ciotta

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2020

pagine: 368

Gli Alice in Chains fanno parte dei Quattro Grandi del Grunge, con Nirvana, Pearl Jam e Soundgarden. La loro storia è fatta di dura abnegazione, musica dalla profondità emotiva e autodistruzione, ma non solo. Layne Staley resta uno dei più grandi e rimpianti cantanti della sua epoca, in cui la band ottenne il primo Disco d'Oro del Seattle Sound. Dopo il bestseller Dirt, gli Alice In Chains piazzarono due lavori consecutivi in vetta alle chart statunitensi, stabilendo exploit discografici mai toccati prima; nonostante i testi espliciti su droga e sofferenza, hanno raggiunto il successo globale con oltre trentacinque milioni di album venduti e continuano a perpetrarlo ancora oggi. Sebbene gli eccessi ne abbiano minato la carriera - reclamando le vite dell'iconico frontman Layne Staley e del bassista/fondatore Mike Starr - gli Alice in Chains hanno superato la prova del tempo, grazie al chitarrista/cantante Jerry Cantrell, autore principale, e all'affetto dei fan. Dagli anonimi esordi - fra glam losangelino e metal d'annata - all'esplosione planetaria del grunge, fino alla scomparsa del tormentato vocalist, questi musicisti si sono imposti per l'eccezionale urgenza espressiva e l'intensità disarmante della loro musica, tuttora influente. L'irripetibile lascito artistico di Layne Staley - cantante, compositore, poeta, disegnatore - e dell'epopea che ha coinvolto gli Alice In Chains durante l'ultima età dell'oro del rock, quella di fine anni 80/primi 90, ha generato un'eco che continua a riverberarsi. Il volume racconta tutto questo, basandosi su un lavoro giornalistico maniacale che raccoglie i fatti con interviste, articoli e recensioni, estrapolati da giornali, riviste, libri, documentari, film e siti web di tutto il mondo; un viaggio da Seattle a Los Angeles, con testimonianze inedite e interviste esclusive a colleghi e amici del vocalist - realizzate apposta da Giuseppe Ciotta per questo volume - che hanno reso tangibile quanto appreso dall'autore negli ultimi venticinque anni di studio continuo e appassionato sui fenomeni musicali, ma non solo, dei nineties; centinaia di note e approfondimenti riguardanti Layne Staley, gli Alice In Chains, gli altri gruppi di Seattle, la sua scena, i locali, le TV, le radio, i programmi, i magazine, gli strumenti musicali e gli elementi più importanti che hanno definito il contesto in cui la band ha prosperato; l'analisi critica e testuale di tutte le canzoni del complesso; le caratteristiche tecniche delle registrazioni; le curiosità e i dietro le quinte; la più ampia rassegna di concerti e rarità audio/video della formazione col suo storico frontman; un archivio di fonti e una bibliografia che abbracciano quarant'anni di rock. È l'innocente e dolorosa storia su come Layne Staley e gli Alice in Chains siano emersi per restare.
22,00

Canapa. Una storia incredibile

di Matteo Gracis

Libro: Copertina morbida

editore: Officina di Hank

anno edizione: 2020

pagine: 192

Una pianta che da migliaia di anni (ovvero da sempre), accompagna l'umanità nella sua storia, ma che da circa un secolo è diventata oggetto delle attenzioni di tutte le forze di polizia del mondo. Un ragazzo che incontra questa pianta e i suoi prodotti, quando sono avvolti di quell'aura illecita che attrae e respinge, ma che non sempre fa riflettere. Due storie che si intrecciano, perché mentre il ragazzo cresce e con lui la sua consapevolezza, insieme si sviluppa anche la curiosità sul perché di quei divieti, sul motivo per cui quella pianta è bandita dall'agricoltura, dall'industria, dalla farmacopea, settori in cui aveva dimorato per secoli. Cosi l'autore, parallelamente al suo percorso che lo ha portato prima a fondare un sito web con l'obiettivo di stimolare la discussione verso politiche di liberalizzazione della pianta, e poi a creare e dirigere Dolce Vita, la più importante rivista italiana sulla cultura della Canapa e gli "stili di vita alternativi", ci racconta la tormentata vicenda del più controverso vegetale nella storia della nostra civiltà, cercando nuove domande e ottenendo alcune significative risposte. Due storie davvero incredibili: quella di Matteo che dai banchi dell'Università abbandonati in fretta si è inventato imprenditore di successo nel settore della comunicazione, e quella della Canapa che, con estrema fatica ma altrettanta forza, sta riemergendo dal limbo dell'illegalità in molte parti del mondo e da ultimo, almeno in versione "light", anche nel nostro paese. Una "rivoluzione verde" che ha un solido retroterra culturale, ben oltre il cosiddetto uso ludico, narrata da uno dei suoi protagonisti.
18,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.