Editore Perrone - Ultime novità | P. 7

Perrone

TACCUINO DELLA POESIA

Film

produzione: Perrone

anno edizione: 2021

12,00

TACCUINO DEL CINEMA

Film

produzione: Perrone

anno edizione: 2021

15,00

Judo

di Salvatore La Porta

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 203

La sconfitta è una delle tappe formative di ogni individuo: non possiamo diventare chi siamo senza conoscere ciò che sappiamo fare, e ancora meno senza conoscere ciò che non sappiamo fare e che in noi ha dei limiti. È per questo che una delle prime cose che impara un judoka è cadere, assecondare il flusso degli eventi in attesa di rialzarsi. La pratica del judo somiglia al Giappone, che ha vissuto cambiamenti, virate e grandi cadute. Salvatore La Porta inizia da lì, tratteggia il Giappone di fine Ottocento, sferzato da venti nuovi e violenti: è arrivato lo straniero che ha scompaginato il vecchio ordine e le sue antiche tradizioni, aprendo una frattura nel Paese del Sol Levante che lo fa piombare in uno stato di crisi e incertezza. In questo periodo il maestro Jigorò Kanò dà vita a una disciplina inedita e fonda il Kódókan, attorno al quale si raccolgono i migliori lottatori, da Shirò Saigó a Tsunejirei Tomita. Judo non è un manuale, non insegna le migliori tecniche di lotta, al contrario racconta come sia possibile accogliere la propria feconda fragilità. In periodi traballanti, l'unica salvezza è una disciplina che si occupi di mente e corpo, che sia educazione di sé e apprendistato alla vita, come lo è il judo: con tale allenamento, si può allora essere in grado di attraversare invasioni, terremoti, pandemie, eruzioni e tutte le tragedie che la storia può presentare, accettando Io squilibrio, l'unico stato in cui è possibile imboccare una nuova direzione.
17,00

L'età dell'uva

di Mattia Tarantino

Libro: Copertina rigida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 200

L'età dell'uva è un libro sui morti. Sui morti che ci parlano, sui morti cui parliamo. Il tentativo di decifrare la lingua che parlano e dimenticano - la lingua che parlano appena ci dimenticano. Una lunghissima preghiera perché ci mostrino il solco che divide il loro mondo dal nostro e lo cancellino; lo tatuino, oppure, appena appena sulle labbra. Come un breviario laico, L'età dell'uva conserva e indaga i volti, i nomi e i gesti di chi, con gli occhi chiusi ormai per sempre, ancora e nonostante cammina in mezzo a noi. Un libro di memorie, uno strumento: ogni verso andrebbe recitato, sussurrando, prima di dormire - per vegliare e custodire, forse un po' tremando, i morti nella voce e, a poco a poco, imparare a congedarli. A riconoscerli, oppure, per strada quando li chiamiamo e loro, sorridendo, si voltano una volta ancora: l'ultima, la prima.
15,00

Vascello fantasma

di Marietta Salvo

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 200

La cifra poetica di "Vascello fantasma" si muove tra l'assenza degli affetti perduti e la visionarietà immaginifica dei luoghi. La città dello Stretto, la sua storia reale o narrata dalle voci familiari e dalle leggende dei cantori. I flussi, le invasioni, i saccheggi, gli attraversamenti violenti che ne hanno determinato le strade e le sponde. È come se l'autrice rivisitasse con i colori e gli odori e i versi propri questa commistione di eventi, mischiando i flussi vecchi e nuovi, i vecchi e nuovi imbarbarimenti, le invasioni reali e immaginifiche. I due mari, lo Stretto, le onde, i rumori isolani, l'invasività esterna ma anche quella interiore del dolore causato dalla perdita. La poesia segue ancora la musica della corporeità. Anche nella liricità più ricercata emerge, a contrasto, l'abisso estremo del dolore o del piacere che il corpo detta. La sperimentazione del verso e la promiscuità dei suoni porta sempre al corpo, carne e sangue, e al dolore, generato dall'assenza del corpo stesso. Le ossessioni si intrecciano ai sentieri percorsi e la Città di Sabbia, lingua stretta tra le colline e i due mari, è un territorio vacillante dove i sentimenti devono farsi strada tra fantasmi e relitti.
15,00

Per un pugno di storie

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 175

Il Premio Nazionale per la Narrativa "Velletri Libris", alla sua terza edizione, prosegue l'ambizioso percorso intrapreso dalla Fondazione De Cultura alla ricerca di nuovi talenti di ogni età e impegnati nella scrittura in diversi generi letterari. La Giuria di qualità, sotto la presidenza onoraria di Dacia Maraini e composta da Nadia Terranova, Cinzia Leone, Eugenio Murrali, Paolo Di Paolo, Diego De Silva, Daniele Mencarelli e Giulio Perrone, ha attentamente selezionato i quindici racconti pubblicati e le due menzioni speciali individuando tra centinaia di testi quelli ritenuti migliori. Prefazione Dacia Maraini. Postfazione Rocco Della Corte.
17,00

I negativi

di Daniele Morgese

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 357

Andrès ha vent'anni, vive a Parigi con la madre e non ha mai conosciuto ,il padre, Jean-Luc Auteuil, al secolo Gianluca Auterri, fotografo celebrato e ammirato, che è1 riuscito a imprimere la storia in un'immagine. A pochi giorni dall'inaugurazione della mostra dedicata al proprio lavoro, Gianluca si toglie la vita, confessando in una lettera di essere un imbroglione. Andrès è arrabbiato: si può perdere due volte una persona che non si ha mai avuto accanto per davvero? Come può piangere un padre che lo ha abbandonato? Di certo non può abbandonare la madre, Martina, che lo ha cresciuto con amore e ha forgiato un legame unico e indistruttibile. Mamma e figlio partono allora per Milano, c'è il funerale a cui partecipare, l'appartamento del defunto da riorganizzare: è proprio qui che Andrès si imbatte in una stanza tappezzata di proprie foto. La sua unica certezza crolla: perché il padre li ha abbandonati? Era davvero l'uomo egoista e superficiale che ha sempre immaginato? Il tarlo inizia a rodere fino a portarlo di notte nell'appartamento del padre, dove trova una lettera, e il suo diario. In quelle pagine scopre la versione di Gianluca sul successo inaspettato, sulla storia con Martina, sulla propria nascita. A chi dare ragione? Qualcuno ha ragione? Rovistando nel passato dei genitori, Andrès scopre l'unica verità possibile, che non esiste verità. Daniele Morgese, con una scrittura che gronda dolore, insegna che ogni storia ha il suo negativo, la sua versione inversa e speculare e soprattutto che figli e genitori sono umani allo stesso modo, con sogni, insicurezze, paure e meschinità, sono immagine gli uni degli altri, mutui specchi di scampoli di vita.
20,00

Carne blu. Studio su «Un Orlando» di Federica Rosellini

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 96

Sulla Luna, molte maree fa è nato Orlando, ed è nato di mille anni e tre mesi e quarantadue e quattro anni. È nato piccolo ed è nato vecchio. È nato libero dal Tempo, perché sulla Luna il Tempo è nel Vallone delle cose perse. È nato umano più degli uomini, ma un po' più fragile di tutti loro, perché Orlando nella cassa toracica non ha il cuore. Sotto la sua tuta da palombaro troppo grande, sotto la canottiera bianca, a sinistra, ha una tasca di stoffa in cui nuota Sunny, un pesciolino dorato. L'unico Tempo che Orlando conosce è scandito dal battito della coda di Sunny sul torace, perché Sunny è il suo cuore. Quando lo libera in acqua, Orlando cambia genere e natura, inizia un viaggio di metamorfosi: i suoi capelli scivolano fuori e si arrotolano dentro, i seni spuntano e si ritirano, il sesso si allunga o nidifica nel ventre. Orlando è: è le domande di tutti i bambini, è una fiaba nera, la ricerca delle cose perdute e mai dimenticate, la messinscena di ciò che è sotto l'epidermide, è la storia dell'acqua, della maternità dei padri, della nascita delle madri. Agli occhi insegna come vedere al buio, al cuore come essere libero. Dallo scambio epistolare tra Virginia Woolf e Vita Sackville-West nacque Orlando, l'idea e il libro, l'uomo e la donna; cosa accade quando dopo un secolo il gioco si ripete, ma le scrittrici sono tre? Federica Rosellini ha dato alla luce "Carne blu" e Fiona Sansone e Nadia Terranova si sono fatte ostetriche. Insieme si muovono come esperte astronaute nella più mitica delle scenografie: anelano all'incanto nella cornice realista. Scelgono il satellite più vicino alla Terra, vicino abbastanza da essere visto a occhio nudo, ma sfuggente al punto da nascondersi sempre per metà.
15,00

Sirene

di Ivonne Mussoni

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 96

A svelarsi è la sirena, custode di un canto ininterrotto con le profondità. È sua la voce che attraversa i testi, in dialogo con l'anima, gli abissi, voce che risale dal mare per svelarne i fantasmi. L'andamento è quello dei cerchi sull'acqua, al centro la prima increspatura è una realtà imprevista: la donna sirena in un mondo di uomini non si sente bellissima, si sente a metà. Dalle prime sirene rapaci alla fiaba della Sirenetta, dalla voce in grado di affondare, alla perdita completa del canto, qui tutto trova il suo spazio perché Sirene è un'età della vita, è il passaggio dall'amore cieco all'amore guardato fino al suo punto più profondo.
15,00

Il gioco infinito della poesia. La lettura dei contemporanei da Ungaretti a De Angelis

di Luigi Tassoni

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

pagine: 251

Il gioco infinito della poesia è nato da due domande cruciali: come leggere la poesia?, e perché leggere la poesia? A esse risponde direttamente Luigi Tassoni con la sua interpretazione di dodici poeti contemporanei: da Ungaretti a Montale, da Sinisgalli a Caproni, fino a Zanzotto e De Angelis. Il libro parte dalla gioia e dalla riflessività, e ci guida lungo un percorso esemplare invitandoci ad "assaporare" con competenza e consapevolezza la parola, il testo, la rivisitazione del mondo attraverso il discorso della poesia.
20,00

Storia di una ragazza italiana. Aurelia Sergi Petroselli

di Gaetano Buscemi

Libro: Copertina morbida

editore: Perrone

anno edizione: 2021

Aurelia Sergi Petroselli è nata a Messina e ha vissuto a Viterbo, Roma e Furci Siculo. Questi luoghi fanno da tessere di un puzzle che via via si compone attraverso la trascrizione di una chiacchierata tra amici, una lunga conversazione arricchita da riflessioni sulla vita di Aurelia e dell'autore. "Storia di una ragazza italiana" non vuole essere la biografia della moglie di Luigi Petroselli. Certo, loro due hanno condiviso un «meraviglioso cammino» e questo libro ci offre la possibilità di ricordarlo e conoscere aspetti meno noti del «sindaco dei romani», ma è anche l'occasione di ripercorrere la storia italiana dal dopoguerra a oggi. Gaetano Buscemi ci regala una testimonianza personale e universale al tempo stesso, raccolta con delicatezza e curiosità, impreziosita da approfondimenti culturali e fotografici. La storia di una donna forte, colta e moderna. La storia di una ragazza italiana.
20,00

Campo a due. Dialogo con Maria Rosa Cutrufelli

di Serena Todesco

Libro

editore: Perrone

anno edizione: 2021

"Campo a due", composto tra il 2016 e il 2020 da Maria Rosa Cutrufelli e Serena Todesco, è un confronto generazionale tra due donne che amano la scrittura e condividono la passione politica per il femminismo. Il testo ha una struttura composita, in parte diario, dove Serena Todesco racconta in prima persona, in parte conversazioni. Sono tante le immagini e le suggestioni che si dipanano dalle domande di Todesco e dalle risposte di Cutrufelli: il Sud, l'attivismo, la scoperta e riscoperta del panorama femminile internazionale, la realtà africana, conosciuta da vicino. "Campo a due" è un dialogo ininterrotto e stimolante tra esperienza e sperimentazione, passato e futuro.
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.