Il tuo browser non supporta JavaScript!

Scuola Normale Superiore

Tarsie

di Francesco Arcangeli

Libro: Copertina morbida

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2015

pagine: 155

"Tarsie" uscì in un anno difficile, il 1942. Fu il primo vero saggio di Francesco Arcangeli (1915-1974), protagonista della critica e della storiografia artistica in Italia. Scritto in poche settimane, questo breve libro resta un punto decisivo della sua maturazione. La scelta del tema risaliva però ad Emilio Cecchi, che lo mise fra i primi numeri dei suoi "Quaderni d'arte", anche se furono Anna Banti e Roberto Longhi ad indirizzarlo verso il ventisettenne bolognese. Assieme all'insegnamento di Longhi, si rivelano in Tarsie le forti radici letterarie di Arcangeli: base buona anche per l'intesa epistolare con Cecchi. Dalle lettere scambiate allora, che sono al centro della Postfazione, affiora un'attenzione particolare per la 'forma' del libro, il senso della 'collana', l'efficacia critica delle fotografie. Oltre ad aprire squarci importanti sulla storia dell'editoria d'arte e sul suo pubblico, queste lettere ci danno inaspettate anticipazioni delle scelte di Arcangeli negli anni successivi.
25,00

Luigi Russo Walter Binni. Carteggio 1934-1961

di RUSSO BINNI

Libro: Libro rilegato

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2015

pagine: 286

35,00
28,00

La biblioteca di Montaigne

di Barbara Pistilli, Marco Sgattoni

Libro: Libro in brossura

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 337

I cataloghi sono eccezionali carte geografiche che consentono di entrare nell'officina di un autore - individuando i testi con cui si è confrontato, l'uso che ne ha fatto, la funzione che hanno avuto nel generare, per sintonia o per contrasto, le sue posizioni. Viaggio tanto più affascinante e coinvolgente, specie se si tratta di volumi postillati o commentati che permettono di comprendere il complesso processo da cui scaturiscono opere che si presentano ormai ai nostri occhi con i tratti di un 'classico', fuori dal tempo per la loro stessa perfezione. Montaigne fu un grande lettore, soprattutto dei testi antichi, che cita e utilizza secondo un progetto, e uno stile, letterario assai precisi, inserendoli direttamente nel corpo delle sue riflessioni, quasi fossero il 'secondo' autore dei Saggi, di cui si avverte, come un basso continuo, la presenza pagina dopo pagina, nella trama delle associazioni che le compongono. Perciò questo catalogo della biblioteca di Montaigne è un evento eccezionale per chiunque si interessi della sua persona e del suo 'libro': esso consente di gettare luce sull'una e sull'altro da un punto di vista non comune, attraverso incontri sorprendenti anche per il lettore più accorto e smaliziato.
40,00

La filosofia di Marx

di Giovanni Gentile

Libro: Copertina morbida

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 234

10,00

Dell'imitazione. Furto e originalità

di Gian Biagio Conte

Libro

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 112

10,00

Sommario di istorica

di Johann Gustav Droysen

Libro: Copertina morbida

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 181

10,00

Leibniz e la crittografia

di Nicholas Rescher

Libro: Libro in brossura

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 161

10,00

Togliatti e Gramsci. Raffronti

di Giuseppe Vacca

Libro: Copertina morbida

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 270

10,00

Emporium II. Parole e figure tra il 1895 e il 1964

Libro

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 602

In questo volume, frutto di un convegno di studi svoltosi alla Scuola Normale, è analizzato lo spazio dedicato dalla rivista Emporium alla pubblicità mostrando l'estensione e l'importanza dei collaboratori a questo speciale settore della sua attività, e l'apertura internazionale che la distingue con un'impronta fortemente interdisciplinare. Il lettore potrà così constatare il rapporto della rivista con sfere fondamentali della cultura contemporanea dall'arte all'architettura, dalla letteratura alla fotografia all'illustrazione -, individuandone anche la complessità dei rapporti con il fascismo.
35,00

Valentino Gentile e il dissenso religioso nel Cinquecento. Dalla Riforma italiana al radicalismo europeo

di Luca Addante

Libro

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

pagine: 292

Nel Cinquecento si impongono nuove concezioni delle libertà e nuovi modi di concepire il mondo indipendenti dalla divinità. Sono concezioni, e pratiche, che hanno avuto un'incidenza decisiva nel lungo e contrastato percorso che porta alla Rivoluzione scientifica, all'Illuminismo e alle rivoluzioni politiche del Sei-Settecento. In questa storia ha avuto una funzione decisiva il movimento degli eretici italiani del Cinquecento al quale Delio Cantimori nel 1939 dedicò il suo fondamentale lavoro. Rifacendosi a questa lezione, che ha ormai il valore di un classico, il volume esamina il radicalismo religioso in Italia e ne segue la circolazione europea, concentrando l'obiettivo su uno dei protagonisti più interessanti ma meno noti: Valentino Gentile.
25,00

Eugenio Garin-Ugo Spirito. Carteggio (1942-1978)

Libro

editore: Scuola Normale Superiore

anno edizione: 2014

Si è cominciato a studiare la filosofia italiana della seconda metà del XX secolo da nuovi punti di vista, emancipandosi dalle ricostruzioni dei protagonisti nelle quali vibrava, comprensibilmente, una forte nota di carattere autobiografico. Questo lavoro - che ha già dato notevoli risultati, dissolvendo miti storiografici assai resistenti - è stato reso possibile, oltre che dall'accrescersi della distanza storica, dalla possibilità di disporre di nuovi documenti, sia pubblici che privati. Fra questi ultimi spiccano i carteggi che permettono in molti casi di vedere cosa si agitava dietro le quinte delle discussioni e dei rapporti pubblici, consentendo di individuare la genesi complessa, talvolta tormentata, di lavori che oggi ci appaiono nella veste di classici, quasi estranei al tempo in cui nacquero e in cui vollero invece collocarsi anche come momenti di una battaglia filosofica e culturale, di cui oggi si sono perse le tracce. Il carteggio tra Eugenio Garin e Ugo Spirito è, in questo senso, uno strumento prezioso per la capacità che ha di gettare luce su una lunga, intensa stagione della cultura filosofica italiana attraverso le lettere di due dei suoi principali protagonisti.
25,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.