Editore Silvana - Ultime novità | P. 5

Silvana

Picasso, De Chirico, Dalì. Dialogo con Raffaello

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 248

Le opere di Raffaello hanno esercitato un grande ascendente sugli artisti nel corso dei secoli, giungendo a influenzare profondamente anche tre protagonisti della pittura del '900: Picasso, de Chirico e Dalí. Il volume propone un'indagine inedita e approfondita su questo tema, analizzando il diverso approccio dei tre artisti verso l'arte del maestro rinascimentale, e la rielaborazione che ne hanno offerto: i tre autori moderni scelsero infatti di reinterpretare l'arte dell'Urbinate secondo un peculiare repertorio estetico, non solo nel periodo del cosiddetto Ritorno all'Ordine europeo, ma in vari momenti delle loro lunghe carriere. A illustrare questo fecondo dialogo con l'antico, una ricca selezione di circa 70 opere - tra dipinti, disegni, incisioni - provenienti dalle più importanti collezioni pubbliche e private internazionali, accompagnate da un interessante repertorio di documenti (lettere, manoscritti, cataloghi, fotografie).
37,00

Lisette Model. Street life

Libro: Copertina rigida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 160

Il volume, edito in occasione della prima antologica a lei dedicata in Italia, ripercorre la fortunata opera di Lisette Model, artista di origine austriaca che ha avuto grande rilievo negli sviluppi della fotografia degli anni cinquanta e sessanta del secolo scorso. Parallelamente all'attività di insegnamento - ebbe fra i suoi allievi autori poi divenuti celebri come Diane Arbus e Larry Fink - Lisette Model è stata una fotografa ironica e dissacrante, capace di cogliere nei suoi scatti gli aspetti più grotteschi della società americana del dopoguerra. Accanto alle serie più note - come Promenade des Anglais composta a Nizza, o le fotografie dedicate agli abitanti di New York o quelle, molto suggestive, nei locali jazz - il volume propone progetti meno conosciuti, che rendono conto del suo linguaggio personale e irriverente. Le inquadrature ravvicinate, l'uso ricorrente del flash, i contrasti esasperati sono gli espedienti che l'autrice utilizza per accentuare le imperfezioni dei corpi e la gestualità sguaiata dei suoi soggetti, trasformati nei personaggi di una beffarda commedia umana: un approccio alla realtà, quello di Lisette Model, che l'ha resa precorritrice di un modo di utilizzare la fotografia che troverà piena realizzazione nei decenni seguenti.
32,00

Vedere la musica. L'arte dal Simbolismo alle avanguardie. Segantini, Boccioni, Kokoschka, Kandinskij

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 304

Il dialogo tra suoni, forme, colori e musica s'inserisce in una storia di relazioni e corrispondenze che dalla stagione simbolista a quella delle avanguardie primo novecentesche conobbe una vera rivoluzione. Un periodo che riveste una particolare importanza anche per il fatto di essere caratterizzato da una quasi costante aspirazione a un'integrazione, a una ricerca di parallelismi, talvolta a una fusione tra le arti visive e la musica, ovviamente declinata in maniera sempre differente. Il volume, curato da Paolo Bolpagni, frutto di anni di studio e ricerca, affronta questo tema per la prima volta in maniera organica attraverso circa centosettanta opere di artisti di fama internazionale, tra i quali Renoir, Toulouse-Lautrec, Segantini, Bistolfi, Wildt, Fortuny, Klimt, Kandinskij, Klee, Picasso, Le Corbusier, Boccioni, Balla, Depero, Chagall, Casorati e Savinio. Saggi di: Fabio Benzi, Paolo Bolpagni, Pierre Guénégan, Philippe Junod, Jolanda Nigro Covre, Francesco Parisi, Benedetta Saglietti, Alessandra Tiddia, Monica Vinardi.
28,00

Dante. La visione dell'arte

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 528

Il volume intende fornire una rilettura della figura di Dante e della sua opera attraverso le immagini che lo hanno reso celebre in tutto il mondo, in un arco temporale che va dal Duecento al Novecento, con l'obiettivo di presentare le molteplici traduzioni figurative della sua potenza visionaria. Sono circa 300 le opere presentate, di artisti quali Cimabue, Giotto, Ambrogio Lorenzetti, Beato Angelico, Lorenzo Lotto, Michelangelo, Federico Zuccari, Giovanni Stradano, Guido Reni, fra coloro che si cimentarono con l'iconografia dell'Inferno e del Giudizio universale; e ancora Andrea del Castagno, autore di una delle prime prove della raffigurazione dell'immaginedel poeta; fino all'esaltante riscoperta romantica della Commedia (da Ary Scheffer a Henry James Holiday e Dante Gabriel Rossetti), e in particolare dell'Inferno, visto come uno straordinario repertorio di temi sublimi dove emergono personaggi come Paolo e Francesca e il conte Ugolino, Farinata e Pia de' Tolomei, destinati a diventare universali e a entrare nell'immaginario collettivo sostituendo l'antica mitologia. Da Tintoretto a Canova, da Previati e Sartorio a Casorati, infine, l'ultima sfida, quella di sperimentare immagini in grado di restituire le visioni non rappresentabili del Purgatorio e del Paradiso. Saggi: Marco Antonio Bazzocchi, Alessandro Betori, Jan Blanc, Lina Bolzoni, Gianfrancoo Brunelli, Alberto Casadei, David Ekserdjian, Mario Finazzi, Francesco Leone, Fernando Mazzocca, Alessia Mistretta, Francesco Parisi, Paolo Procaccioli, Paola Refice, Lorenzo Riccardi, Ulisse Tramonti.
34,00

The story of (my) exhibitions. Ediz. italiana e inglese

di Germano Celant

Libro: Copertina rigida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 728

Il libro, cui Germano Celant lavorava da anni, viene pubblicato postumo e rappresenta il testamento professionale e spirituale del curatore, noto e stimato a livello internazionale. Il volume racconta la logica dell'esporre che ha caratterizzato il lavoro di Celant (Genova 1940-Milano 2020), presentando, in ordine cronologico, una selezione di 34 mostre (da Arte povera - Im-spazio, Genova, 1967, a Post Zang Tumb Tuuum: Art Life Politics. Italia 1918-1943, Milano, 2018, passando per Identité italienne. L'art en Italie depuis 1959, Parigi, 1981; Futuro Presente Passato, 47. Esposizione Internazionale d'Arte di Venezia, 1997; When Attitudes Become Form. Bern 1969/Venice 2013, Venezia, 2013; e Arts & Foods. Rituals since 1851, Milano, 2015), che si è voluto ricostruire sia a livello ideativo sia a livello visivo, attraverso i testi teorici apparsi nei rispettivi cataloghi e oltre 400 immagini di allestimenti. Emerge così l'evoluzione nella pratica curatoriale di Celant, dall'interpretazione personale all'attenzione per il documento storico, con lo sguardo sempre rivolto verso i media non tradizionali (libro, disco, fotografia) e verso gli sconfinamenti tra i diversi linguaggi (arte, architettura, design).
70,00

Cento anni di storia del Vittoriale degli Italiani. L'incantevole sogno

di Valentina Raimondo

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 224

La storia del Vittoriale degli Italiani ha inizio un secolo fa, nel 1921, quando Gabriele d'Annunzio, dopo l'impresa di Fiume, sceglie il lago di Garda quale propria dimora e luogo di pace. La villa, situata in località Cargnacco, è trasformata dal Poeta, insieme all'architetto Gian Carlo Maroni, nella sua ultima e grandiosa opera d'arte. Il volume ripercorre la storia dei primi cento anni di questo luogo iconico, a partire dall'arrivo di d'Annunzio fino alle vicende dei giorni nostri. Il racconto si sviluppa in due parti: la prima dedicata agli anni in cui la casa e i suoi dintorni sono trasformati dagli interventi del Poeta Imaginifico; la seconda ripercorre la storia della Fondazione Il Vittoriale degli Italiani che, istituita per volontà di d'Annunzio, tutela e valorizza il complesso monumentale. La storia dell'istituzione è letta attraverso l'operato dei suoi presidenti che si sono succeduti dal 1937 a oggi. Introduzione di Giordano Bruno Guerri.
25,00

Scritti su Cesare Brandi 1946-2017. Un incantevole compagno di strada

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 368

Il volume raccoglie un'antologia ragionata di scritti su Cesare Brandi. Una raccolta di ampio respiro, suddivisa in cinque sezioni - lo scrittore, il filosofo, la forma del saggio, il teorico del restauro, il critico e lo storico dell'arte - che dà conto della varietà e della vastità dell'area culturale in cui si colloca l'opera dello studioso. Se il manuale teorico sul restauro, tradotto in molte lingue, ha reso il nome di Brandi conosciuto in tutto il mondo, la sua fama postuma è affidata soprattutto alle riflessioni in qualità di scrittore e di filosofo dell'arte più che di critico, come testimoniano i molti interventi qui riportati. Un omaggio a una figura di grande rilievo per la cultura italiana, attraverso gli scritti di personalità di indubbia caratura, che hanno tratto dall'insegnamento di Brandi spunti di riflessione che meritano di essere riportati all'attenzione del pubblico. Introduzione di Giuseppe Appella.
28,00

Domus sapienter staurata. Scritti di storia dell'arte per Marina Righetti

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 880

Il volume raccoglie gli studi che amici, colleghi e allievi hanno voluto dedicare a Marina Righetti in occasione dei suoi settant'anni. Allieva di Angiola Maria Romanini, con cui si è formata dopo essersi laureata con Cesare Brandi, Marina Righetti si è distinta per l'intensa attività scientifica e d'insegnamento, condotta principalmente alla Sapienza di Roma. I suoi studi si sono imposti nel panorama italiano e internazionale per la chiarezza e il rigore con cui ha perlustrato alcune tematiche, in particolare il mondo cistercense - che ha ispirato il titolo di questo libro -, Roma, l'alto Medioevo e l'età longobarda. Altre linee di ricerca hanno riguardato l'architettura in Sabina e Abruzzo, la scultura nel Meridione, il mondo monastico nel Nord Italia. Tale ampiezza di interessi si riflette nella ricca articolazione del volume in suo onore, i cui saggi, distribuiti in sei sezioni, spaziano per cronologia e àmbito geografico dal Mediterraneo tardo-antico all'Europa contemporanea.
50,00

Domenica Regazzoni. Haiku. Ediz. italiana e inglese

di Yagyu Fujio

Libro: Copertina rigida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 72

Sono chiamate Haiku le celebri, brevissime poesie giapponesi, che in soli tre versi fissano, raccontandolo, il mondo della natura e gli stati d'animo che ne scaturiscono. Traendo spunto da questi componimenti, Domenica Regazzoni raccoglie in questo volume 24 collages polimaterici realizzati tra la fine degli anni novanta e il 2020, in cui trovano sintesi l'impalpabile senso della natura e del tempo che sono il cuore dei componimenti giapponesi. Le opere, accompagnate da altrettanti Haiku di famosi poeti nipponici, offrono una personale e raffinata interpretazione di questa forma d'arte. Il volume accoglie i testi di Silvia Evangelisti e Yagyu Fujio, ed è completato da cenni biografici.
26,00

Capitale e crocevia. Il mercato dell'arte nella Roma Sabauda

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 336

Questo volume raccoglie gli atti della giornata di studio dedicata ai Mercanti, collezionisti e conoscitori nella Roma sabauda (1870-1915) che si è svolta presso la Fondazione Federico Zeri di Bologna il 15 novembre 2017. Da sempre capitale e crocevia della cultura artistica, la Roma postunitaria assiste allo sviluppo di un fiorente mercato dell'arte, che trae alimento dall'indefessa attività di scavo dovuta allo sviluppo urbanistico dell'Urbe e dalla dispersione delle antiche collezioni nobiliari a causa dei dissesti finanziari delle famiglie aristocratiche. Emerge ora una diversa figura di antiquario commerciante, ben esemplificato dai nomi di Alessandro Castellani, Attilio Simonetti e Giuseppe Sangiorgi, in grado di inventare nuove reti e modalità di vendita e di forgiare il gusto dominante in Europa e oltreoceano. I dodici saggi qui raccolti indagano questo cruciale momento storico attraverso metodologie e approcci differenti, che spaziano dalla storiografia alle metamorfosi del gusto, dal ritratto di mercanti e collezionisti di spicco a quello di figure meno note, dalle pratiche di lavoro e divulgazione alle relazioni con illustri storici dell'arte. Nel loro insieme, offrono uno strumento prezioso per lo studio di un fenomeno che, motivato da intenti principalmente economici, ha condotto non solo allo smembramento ma anche alla valorizzazione e conservazione di buona parte del nostro patrimonio artistico.
30,00

La bottega Bongiovanni Vaccaro. Opere a Palazzo Arezzo Donnafugata

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2021

pagine: 112

Il volume presenta una serie di statuine inedite provenienti dalla collezione di Palazzo Arezzo Donnafugata di Ragusa Ibla, una delle raccolte più ricche di soggetti prodotti dalla celebre bottega di figurinai Bongiovanni Vaccaro. Una vera e propria arte quella in cui si era specializzata, nel corso dell'Ottocento, la bottega calatina, riscuotendo un grande successo nella produzione di figurine in ceramica che rappresentano con un'eccezionale resa naturalistica, scene di vita quotidiana caratterizzate da una originale vivacità: dai mendicanti ai calzolai, dalle mamme alle prese con i propri pargoli ai contadini impegnati con gli animali, fino ai borghesi di recente benessere, queste statuine - premiate in diverse occasioni e ricercatissime in Italia e all'estero - offrono uno spaccato della storia siciliana, proprio nel momento di trasformazione sociale raccontato nelle pagine del Gattopardo e delle novelle di Verga. Il volume illustra le opere dal punto di vista storico artistico, antropologico e tecnico, avvicinando i lettori all'attività dei Bongiovanni Vaccaro e dei figurinai di Caltagirone, senza trascurare aneddoti e curiosità.
18,00

Giò Ponti e la concattedrale di Taranto. Lettere al committente Guglielmo Motolese (1964-1979)

Libro: Copertina morbida

editore: Silvana

anno edizione: 2020

pagine: 416

Nel dicembre 1970 fu inaugurata a Taranto la concattedrale "Gran Madre di Dio" progettata da Gio Ponti. In occasione del cinquantesimo anniversario di quell'evento viene pubblicato il carteggio intercorso tra l'architetto e il committente, Guglielmo Motolese arcivescovo di Taranto, conservato nell'archivio personale di quest'ultimo. Le lettere, scritte tra il 1964 e il 1979, mettono in luce il lungo itinerario artistico, spirituale, intellettuale e umano che ha condotto alla realizzazione di un'opera architettonica ritenuta tra le più significative del XX secolo e che il suo artefice considerò la più impegnativa ma anche la più gratificante della sua lunga carriera.
26,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.