Il tuo browser non supporta JavaScript!

STAMPA ALTERNATIVA

Morire per un libro. Ciro Principessa, una storia proletaria

di Giulio Marcon

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 165

Il 19 aprile del 1979 Ciro Principessa viene accoltellato da un fascista che entra nei locali del Partito comunista di via di Tor Pignattara, a Roma, per chiedere in prestito un libro dalla biblioteca popolare della sezione. Morirà il giorno dopo. Ciro era un giovane come molti altri: allegro, vitale, con la voglia di crescere e migliorarsi. Dopo un periodo di traversie personali, era stato trascinato dalla passione politica e aveva abbracciato la militanza comunista. A porre fine alla sua vita fu un atto di violenza politica, un agguato fascista. Quella di Ciro è una storia di emancipazione, di presa di coscienza, di impegno sociale. Una storia che consente di capire quegli anni così difficili.
13,00

Il vangelo secondo Oscar Wilde

di Leon Guillot de Saix

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 135

Oscar Wilde eccelleva nell'arte della conversazione. Si cimentava di solito in racconti più o meno improvvisati, che ricalcavano altri e più celebri apologhi tratti dalle Sacre Scritture, dai miti greci e latini o dalla tradizione popolare, rielaborandoli in chiave personale, quasi sempre paradossale. La maggior parte di questi racconti sarebbe andata perduta se l'attore e drammaturgo Guillot de Saix (1885-1964) non si fosse adoperato per raccoglierli in volume. Ciascuna di queste fiabe contiene un frammento della impareggiabile fantasia wildiana nel creare storie o parodiarle, cercando in ogni trama una sorta di insegnamento o di rivelazione, un presagio, un segno del destino. Da qui, il nome di "vangelo" per questo florilegio di parabole dal sapore profano ma per nulla prive di religiosità.
14,00

Voglio cambiare il mondo. 18 donne che hanno segnato la Storia

di Consuelo Valenzuela

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 150

Donne coraggiose, temerarie ed eccentriche, ma anche sole, fragili e incomprese, quando non apertamente perseguitate dai loro contemporanei. Donne che non si tirano indietro di fronte al pericolo, all'avventura, sia essa reale o intellettuale. Donne che, per inseguire i propri sogni, lottano contro ogni tipo di avversità e, andando controcorrente, sfidano le convenzioni sociali del tempo in cui vivono. Sono loro le 18 protagoniste di questo libro, provenienti da epoche e paesi diversi: come Fatima Al-Fihri, che nel IX secolo d.C. ha fondato a Fès, in Marocco, la prima università del mondo; oppure Jeanne Baret, che nel '700 si è imbarcata su una nave che circumnavigava la Terra, travestita da uomo, per coltivare i suoi studi di botanica; o Lyudmila Pavlichenko che, in tempi più recenti, insieme ad altre donne russe arruolate nell'Armata Rossa, ha combattuto contro il nemico nazista... Sono, queste, alcune delle donne di cui si narra nel volume: talvolta dimenticate per secoli, tutte ingiustamente cancellate dalla Storia con la s maiuscola nonostante vi abbiano lasciato un'impronta indelebile.
15,00

Ajarn farang. Maestro straniero

di Enrico Corsi

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 144

Un viaggio nell'Asia profonda, verso la Conoscenza di sé stessi e alla scoperta dell'autentica medicina olistica. Due percorsi personali che, intrecciandosi con circostanze storiche ad alta intensità drammatica (il fascismo, la guerra, i campi di concentramento), troveranno nel tempo la loro maturazione. "Se è vero che ogni medaglia ha due facce, che in tutte le cose esiste il lato buono, allora posso dire che quello che ho vissuto ad Auschwitz ha dato un forte impulso all'attenzione che rivolgo all'esperienza interiore. Se la sorte non mi dovesse concedere più di due giorni, me ne andrò sapendo di essere riuscito a conoscere me stesso e di essermi sentito appagato. Se invece mi elargisse altri giorni e altri luoghi, oltre a tanti orribili ricordi, porterò con me la sensazione di interminabili momenti vissuti in profondità sconosciute prima di allora, di sensazioni che non potrei che definire paradisiache, che si contrappongono valorosamente all'inferno circostante."
13,00

Cinquanta sfumature di oro bianco

di Matteo Bogazzi

Libro

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 161

Il marmo di Carrara, esportato in ogni angolo del globo, è ambito, agognato da avidi mercanti e ricchi oligarchi. Ma nonostante l'"oro bianco", Carrara è uno dei comuni più indebitati della penisola. I suoi abitanti digrignano i denti, protestano, discutono degli scandali e denunciano i governanti, cercando soluzioni virtuose di fronte allo sfacelo economico, ambientale e culturale in atto. Ci vorrà una funesta alluvione per innescare la scintilla della rivolta: le responsabilità delle istituzioni locali sono schiaccianti, così migliaia di cittadini assediano l'edificio comunale, luogo simbolo del potere, dando vita a un'azione dal basso fatta di presidi, marce, trattative politiche e sgomberi. Un'esperienza, ispirata a vicende realmente accadute, sinonimo del risveglio della coscienza civile e sociale di tante persone.
13,00

Suicidi d'autore

di Antonio Castronuovo

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 190

Il suicidio è generalmente considerato l'esito di una sofferenza, di una incapacità, di una delusione: un atto debole e negativo. Ma in un caso può assumere il senso di qualcosa di compiuto: quando ad attuarlo è un artista, un poeta, un grande pessimista. Allora sembra adeguatamente concludere un'esistenza, e renderla compiuta. Il libro narra venticinque storie di uomini e donne che hanno vissuto nell'arte e che hanno scelto il suicidio come suggello della loro esistenza, o come culminante pensiero di ribellione.
14,00

Piovono pietre sui bus di Google. Come la crescita è diventata nemica della prosperità

di Douglas Rushkoff

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2019

pagine: 339

I manifestanti che hanno mandato in frantumi i finestrini di un autobus di Google carico di dipendenti erano animati da una rabbia comprensibile, ma male indirizzata. Il vero conflitto della nostra epoca non è quello tra disoccupati ed élite digitale, e neppure tra il 99 e l'1 per cento. La realtà è che il nostro programma economico è stato risucchiato in un vortice di innovazioni tecnologiche sfuggendo così al controllo; l'intera umanità - i manifestanti e i dipendenti di Google, così come gli azionisti e i dirigenti - è in questa trappola e ne paga le conseguenze. È ora di revisionare la nostra economia, per metterla al servizio degli esseri umani. In questo libro sorprendente, il celebre mediologo e autore Douglas Rushkoff ci spiega come possiamo combinare il meglio della natura umana con il meglio della moderna tecnologia. Intrecciando fili apparentemente molto diversi - i big data, l'ascesa dei robot e dell'intelligenza artificiale, il ruolo crescente degli algoritmi negli scambi azionari, la gig economy, il collasso dell'eurozona e il risorgere dei nazionalismi - Rushkoff ci offre un ritratto variegato di un mondo di uomini e commerci giunto a un crocevia fondamentale, e ci indica una possibile via d'uscita.
24,00

Il teatro musicale del rock. Avanguardie, frontmen, light-show

di Gianfranco Salvatore

Libro: Copertina rigida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2018

pagine: 395

La performance, nel rock, non è solo un concerto. È uno spettacolo, nel senso che presenta qualcosa da guardare, oltre che da ascoltare. Ma è anche di più. È teatro, nel modo in cui il teatro è stato ridefinito dagli artisti, dagli storici e dai teorici moderni. Jim Morrison e Alice Cooper conoscevano bene i princìpi della rivoluzione teatrale di Artaud, Bowie quelli del mimo e del teatro Kabuki, e molti artisti rock si appassionarono alla scrittura scenica del Dadaismo o del Bauhaus. Fin dagli anni Sessanta e Settanta anche i musicisti dall'approccio più ruspante furono colpiti dall'interesse che i media popolari concedevano a provocatorie proposte sceniche e performative come quelle del Living Theatre e altri gruppi d'avanguardia dell'epoca. Gli artisti britannici avevano nei loro cromosomi la tradizione della pantomima; altri, nell'Europa continentale e negli Stati Uniti, erano attratti dalle varie forme nazionali del teatro di varietà. Più in generale, tra gli elementi nucleari del teatro il rock ha ripreso e sviluppato in modo sfavillante la costumistica, il make-up, l'illuminotecnica, spesso anche la scenografia, e soprattutto la presenza carismatica e attoriale del performer e del frontman. Questo libro ricostruisce le affinità fra lo spettacolo rock e il teatro moderno, ripercorrendo anche le reciproche influenze tra rock, body art e performance art. Capitoli specifici sono dedicati alla teatralità di Mick Jagger, Arthur Brown, Alice Cooper, David Bowie, Iggy Pop, Keith Emerson e lan Anderson, ma puntuali sono anche i riferimenti a Elvis Presley, Frank Zappa, Fugs, Jimi Hendrix, Velvet Underground, Who, Pink Floyd, Bonzo Dog Doo-Dah Band, Move, Led Zeppelin, Peter Gabriel, Kiss, Rick Wakeman, Sex Pistols, Devo, Throbbing Gristle, Daft Punk, Residents, U2, e alla scena rock e pop più recente.
24,00

L'arte di soffrire. La vita malinconica

di Stefano Scrima

Libro: Libro in brossura

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2018

pagine: 91

La malinconia ci sprona a pensare, a entrare nei vicoli più stretti della nostra psiche, a elaborare un senso per il nostro malessere, mostrandoci nella sua più profonda realtà la dialettica vitale luce/ombra. Già solo per questo può dirsi arte, una delle più raffinate. Ma, in più, è fonte di creazione, arte vera e propria. L'arte di soffrire si impara sulla propria pelle, non ha metodo né stili. Ognuno la forgia, se avrà il coraggio, secondo la forma dei propri organi. Per questo troverete qui dentro tante malinconie per quanti uomini ne hanno incontrate e vissute, in un viaggio in compagnia di Baudelaire, Beethoven, Nick Drake, Ficino, Freud, Goethe, Huysmans, Ippocrate, Kant, Keats, Leopardi, Melville, Pascal, Pavese, Sartre, Shakespeare e Van Gogh.
12,00

Così chiamò l'eterno

di Guia Risari

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2018

pagine: 196

Nella Genesi si assiste alla creazione del mondo, di Adamo ed Eva, di Lucifero e degli angeli e alla cacciata dal Paradiso. Ma cosa succede se il Piano Divino è il risultato di una serie di approssimazioni? Se alla sacralità della Creazione si sostituisce un fare artigianale? Se l'Eterno si annoia e soffre di solitudine? Se la natura angelica è sopraffatta dall'eros? Se l'Ineffabile non ha il senso del tempo e si distrae facilmente? Intanto le sue creature scampano ai pericoli, folleggiano, sfidano i limiti e si ritrovano confinate sulla Terra. L'Immane deve ammettere che la materia, con la sua carica di imperfezione e caoticità, ha vinto. Lascia perciò ai serafini istruzioni dettagliate e si assenta un istante, che, nella prospettiva dell'Eternità, non si sa quanto durerà. In quest'affresco colorato e divertito, piccole perle di saggezza parlano della creazione, dell'amore, della curiosità, della finitezza, della giustizia e del potere.
16,00

Pow

di Luca Damiani

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2018

pagine: 140

"Quali sono i motivi che spingono un padre ad abbandonare repentinamente e senza ragioni apparenti, una moglie colta e bella e un figlio appena dodicenne, per fare ritorno in Africa laddove fu prigioniero in guerra? Pow è un acronimo dal suono onomatopeico che ben rappresenta il ritmo serrato e senza fiato che caratterizza l'opera. La musica, pur restando sullo sfondo, ha un ruolo importante: è l'arte attorno alla quale ruota la vita dell'autore, il quale sceglie di scrivere affidandosi all'ascolto di soli quattro brani scelti, per trarne simboli, profumi e ispirazioni. Ma di questo aspetto nel libro non si parla. Si dipinge invece una storia dura e avvincente di legami famigliari e, soprattutto, della ricerca delle ragioni di quell'abbandono, che porta con sé conflitto e sofferenza. Un'ombra irrisolta che influenza le scelte e i rapporti affettivi del figlio e che il padre s'attende di sciogliere; un velo opaco generato dalla sua abiura al fascismo che al suo rimpatrio, finita la guerra, non ha più ragion d'essere." (Claudio Farinone)
13,00

Formiggini. Un editore piccino picciò

di Antonio Castronuovo

Libro: Copertina morbida

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2018

Si nasce editori come si nasce poeti, disse una volta Formíggini. Proprio vero: l'editoria, così come la poesia, non s'improvvisa. E lui con quella dote riuscì anche a diventare l'editore meno noioso del suo tempo. Il fatto è che Formíggini fu talmente tante cose da ingarbugliare ogni tentativo di classificazione: uomo ironico, ebreo che si sentiva italiano, editore, fondatore di riviste, scrittore, filosofo dell'umorismo. La sua vita di ebreo assimilato fu interrotta nel 1938 dalla tegola delle leggi razziali, contro cui decise di protestare col gesto più eclatante che ci sia: il suicidio. Questo libro narra la vita di un uomo straordinario, ma attraversa anche drammi e scempiaggini di quel ventennio fascista in cui fu attivo.
14,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.