Editore Stampa Alternativa - Ultime novità

Stampa Alternativa

Dietro la porta

di Emily Dickinson

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2021

pagine: 184

Segregata volontaria, per quasi metà della sua vita, Emily Dickinson da dietro la porta invia nel mondo le sue lettere e le sue poesie: quasi duemila liriche, di cui solo sette pubblicate in vita! L'ossimoro, la metafora, l'enigma sono la cifra della lirica della più alta creatrice di poesia statunitense, che in essa riversava la propria stessa vita, immolata, nella solitudine, alla scrittura. Questa scelta di Luciano Parinetto ne traduce l'essenziale, mettendone in risalto nel saggio introduttivo gli aspetti più segreti. Chiude il libro un contributo di Pino Landonio, un dialogo immaginario con la poetessa che di lei riesce ad offrire una immagine più intima e non convenzionale.
14,00

L'ultimo barbudo. Diario inedito di Abraham Nubes

di Isacco Nuvoloni

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2021

pagine: 160

Abraham Nubes, un orfano cubano senza speranze né ambizioni, si trova a far parte, per caso, della Rivoluzione di Fidel Castro. Dall'assalto alla caserma Moncada all'entrata trionfale a L'Avana, dalla Baia dei Porci alla crisi dei missili, dalla visita di Giovanni Paolo II a quella di Obama, diventa protagonista della storia cubana dal 1953 fino ai giorni nostri. Attraverso la voce di questo fedele combattente si delineano gli avvenimenti più significativi, le difficoltà di realizzazione del socialismo, l'amicizia con Guevara, Cienfuegos, Raúl Castro e gli altri barbudos, l'incontro coi personaggi che hanno modificato il corso del Novecento e della storia recente, da Nixon a papa Francesco. Uno spaccato di vita sincero e puntuale dell'ultimo testimone della Revolución in cui si raccontano i successi e i fallimenti di un'idea che è ancora viva e presente nella discussione politica odierna.
14,00

Cent'anni di veleno. L'ACNA di Cengio e la Valbormida: storia di un fiume rubato

di Alessandro Hellmann

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2021

pagine: 160158

Edizione definitiva, ampliata e aggiornata di un classico della letteratura resistente, salutato dalla critica come un capolavoro di tecnica narrativa. Tra teneri ricordi d'infanzia, conflitti drammatici e risvolti grotteschi si snocciola la vicenda incredibile, epica e struggente della lotta della gente della Val Bormida contro la "fabbrica della morte", rivelando i meccanismi perversi attraverso cui il potere politico ed economico ha operato uno sfruttamento sistematico delle persone e delle risorse naturali in nome di un progresso illusorio. In filigrana, tra pane e veleno, guerra e pace, scorrono cento anni di storia del nostro Paese. Con una prefazione di Gianni Farinetti.
14,00

L'altra metà del pop. L'emancipazione femminile rappresentata nelle più belle copertine dei dischi

di Paolo Mazzucchelli

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2021

pagine: 88

Il "ritorno del vinile" è stato accompagnato negli ultimi anni da una rinnovata attenzione nei confronti delle copertine dei dischi, che hanno spesso rispecchiato i cambiamenti della società, compresi quelli che riguardano il ruolo della donna e il suo cammino di emancipazione. Il lavoro di Mazzucchelli, unico nel suo genere, segue due binari, paralleli ma strettamente correlati. Nella prima parte emerge come le majors abbiano rappresentato la donna uniformandosi ai modelli che il momento storico e il contesto socio-politico offrivano di volta in volta, facendo delle copertine dei dischi uno specchio fedele dei tempi. Nella seconda parte, l'attenzione si sposta su quelle artiste che, con determinazione e a volte coraggio, hanno scelto di non delegare ad altri la rappresentazione della propria immagine. Un intero capitolo è poi dedicato ad una significativa rappresentanza di quelle donne che - non più disposte ad essere considerate "l'altra metà" di qualcosa o qualcuno - si sono occupate direttamente del processo creativo, ricoprendo ruoli sino ad allora destinati quasi esclusivamente agli uomini. Prefazione di Grazia Di Michele.
18,00

Il primo sciopero e altri racconti

di Han Ryner

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2021

pagine: 96

Sono 'favole d'amore e d'anarchia' questi racconti di Han Ryner, scrittore anarchico e pacifista. Utopie appassionate e disperate si alternano a satire spietate, fino a quel piccolo capolavoro che è "Il dono del pastore", una sorta di visionario Canto di Natale per il proletariato di ogni tempo. Tra parabole e parodie, compendi di apocalissi e apologhi dell'anarchia, le narrazioni di Ryner ci offrono favole lucide e a volte amare, con radicali riscritture di racconti popolari della tradizione europea. Mai raccolti prima in volume e inediti in Italia, questi racconti ci avvicinano ad una visione della società in bilico tra anticlericalismo e spirito evangelico, in equilibrio tra anarchia e stoicismo.
13,00

Pensavo dormissi

di Gianfranco Salvatore

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2021

pagine: 128

Un panforte senza pamphlet e senza pianoforte sulla musica, il teatro, il cinema, la danza, la poesia e sulle arti amatorie in generale.
7,00

Mussolini ha sempre ragione. I decaloghi del fascismo

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2020

pagine: 272

Nella propaganda di un regime reazionario di massa come quello mussoliniano, i decaloghi occupano un ruolo chiave: condensano in massime brevi e chiare lo stile di vita dell'uomo nuovo fascista. Elementare strumento di formazione e controllo delle coscienze rivolto al popolo, il decalogo è ripreso, come il catechismo, dalla tradizione religiosa, ma ha anche altri precedenti nella Rivoluzione francese. La propaganda fascista ne abusò: oltre a quello, celeberrimo, di Leo Longanesi (per il quale «Benito Mussolini ha sempre ragione»), altri decaloghi si moltiplicano per le più varie categorie: balilla e militi, piccole italiane e donne, imprenditori, madri, coloni dell'Africa Orientale, ma anche sposi e puerpere, pedoni e ciclisti... Raccogliendo materiale spesso trascurato, Carlo Galeotti esplora con efficacia modi e metodi dei decaloghi fascisti, che vengono inseriti nel loro contesto storico e commentati. Ne esce un catalogo curioso, che illumina la natura profonda del totalitarismo all'italiana - ma anche la velleità di certe sue ambizioni. In appendice al libro, il Vade-mecum del perfetto fascista di Leo Longanesi che contiene il decalogo, anzi l'endecalogo elaborato dal grande giornalista. È l'esempio più significativo e importante di questi materiali, che servivano a indottrinare gli italiani durante il ventennio fascista. Il Vade-mecum del perfetto fascista rappresenta inoltre un'interessante testimonianza di un clima culturale, di una temperie sociale e politica che ha visto gli italiani osannare Benito Mussolini.
18,00

Jeanne e Modì. Artisti a Parigi. A 100 anni dalla scomparsa

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2020

pagine: 112

I ritratti, le vite appassionate e l'intensa attività artistica di Jeanne Hébuterne e Amedeo Modigliani - attivi a Montparnasse tra Prima guerra mondiale e primo dopoguerra - attraverso le parole di testimoni del tempo: scritti di Margherita Sarfatti, Ardengo Soffici, Jean Cocteau, Gino Severini, Blaise Cendrars, Francis Carco, E. Brummer, Ortiz de Zarate, Chantal Quenneville, Léopold Zborowski, e la corrispondenza di Amedeo Modigliani.
16,00

Non avrai altro Dio all'infuori di me spesso mi ha fatto pensare. La buona novella di Fabrizio De André, 50 anni dopo

di Mario Bonanno

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2020

pagine: 124

La buona novella non è il disco dell'abiura. Non è il disco in cui Fabrizio De André ripiega su sponde confessionali o, addirittura, metafisiche. La buona novella si offre all'ascolto piuttosto come album cruciale, che aggiorna il peace & love della cultura hippy alla protesta pre e post sessantottina. Per i suoi tratti contenutistici e formali l'album si staglia ancora come insuperato, assoluto, fulgido esempio di concept-album italiano. Il precoce testamento etico - e artistico - della discografia del grande cantautore genovese. Cinque canzoni-stazioni con dentro vicende e personaggi anteriori alla nascita di Gesù. E cinque gravitanti attorno al tema della sua morte. Spazio a figure "minori", ai derelitti taciuti dai vangeli ufficiali e qui caricati di valenze aggiunte che ripudiano l'agiografia tradizionale. Cinquant'anni dopo la pubblicazione di La buona novella, questo libro ne racconta l'attualità. Ragionandoci intorno, attraverso analisi dei testi, interviste e dichiarazioni dello stesso De André.
15,00

Il jazz dentro. Storia e cultura nel fumetto a ritmo di jazz

di Flavio Massarutto

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2020

pagine: 180

Il jazz è stato ed è più di una semplice ambito della vita culturale e sociale che non abbia attraversato, condizionato e trasformato. Non a caso il Novecento è stato definito "il secolo del jazz". Ma lo stesso si può dire del fumetto. Questo libro analizza come i fumetti abbiano raccontato l'impatto del jazz sulla società americana ed europea, e lo fa attraverso una serie di capitoli dove le questioni dell'identità nazionale, razziale, di genere e di orientamento sessuale rivelano paure e desideri inconfessati, stereotipi ancora oggi presenti, istanze di liberazione sociale ed esistenziale. Particolare attenzione è poi rivolta all'immagine del musicista di jazz e alla complessità e contraddittorietà della sua rappresentazione. I cinque capitoli, organizzati per aree tematiche, sono accompagnati da un ricco corredo iconografico di pubblicazioni spesso rare e introvabili e da una storia completa disegnata da Davide Pascutti.
20,00

Uno splendido caos. Racconti dalla musica alle parole

di Piero Brega

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2020

pagine: 120

"Venti racconti che ripercorrono momenti di cerniera nella vita di un paroliere narrati da lui stesso. Non ho cercato il perché prima d'ora, l'ho scritti per passatempo. Ma deve pur esserci un legame nascosto che li tiene insieme, un legame del tutto nuovo. Né versi né musica, tuttavia non sono molto dissimili dal fare canzoni, sempre pensare, perdere tempo, lasciarsi andare, illuminarsi e ricordare e immaginare e ritornare avanti e indietro. Ecco, s'è fatto il sentiero. Scrivere una canzone è come scrivere una storia dove la musica aggiunge ciò che la sintesi non può dire, la luce di un lampione nella nebbia, un treno che passa. Cose che in un racconto si possono dire. La differenza con la canzone sta nell'avventurarsi nel silenzio. La mia vita ha lo stesso andamento di quella di chiunque altro, ci sono periodi di continuità e momenti di cambiamento, più o meno importanti, come stecche e cerniere. Ma a volte ci sono discontinuità non così facili da individuare quando si preannunciano. Esperienze che non sentiamo arrivare. A volte non sappiamo vederle neanche quando tutto è già successo. Credo che i brevi racconti del libro abbiano proprio questo in comune, essere annunci o conseguenze di un cambiamento"
13,00

Lotte di note. La contestazione tra musica e parole: 1968-1977

di Maria Rossi

Libro: Copertina morbida

editore: Stampa Alternativa

anno edizione: 2020

pagine: 304

Quali canzoni e generi prediligono i giovani contestatori degli anni 1968- 1977? Soltanto i canti e gli inni politici e sociali? Perché si chiedono se il rock sia rivoluzionario? Se sia "musica del popolo" oppure no? Preferiscono il progressive o l'hard rock? Apprezzano il jazz? E i cantautori? Quali motivazioni sottendono le loro scelte musicali? Il libro cerca di rispondere a queste domande attraverso la ricostruzione del dibattito sui vari generi musicali che si sviluppa negli anni Settanta sui periodici vicini alla nuova sinistra e tra i giovani partecipanti al movimento e, soprattutto, attraverso l'analisi testuale e sonora delle principali canzoni da essi apprezzate: da Contessa di Paolo Pietrangeli alle ballate di Ivan Della Mea e dell'operaio Alfredo Bandelli, dagli inni delle formazioni politiche extraparlamentari alle liriche di De André, dalla musica dei Rolling Stones e dei Beatles al rock di Jimi Hendrix e dei Led Zeppelin, dal progressive degli Area al jazz. Il libro si conclude con l'interpretazione dei più significativi testi dei due cantori del movimento del Settantasette: Gianfranco Manfredi e il compianto Claudio Lolli.
20,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.