Editore Titivillus - Ultime novità

Titivillus

Il teatro partecipativo. Paradigmi ed esperienze. Focus su Roger Bernat_FFF e Rimini Protokoll

di Carmen Pedullà

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 208

Cosa significa parlare di partecipazione dello spettatore nel panorama teatrale contemporaneo? La nozione di teatro partecipativo è oggi particolarmente insidiosa, complice la proliferazione sempre più ampia delle esperienze, unita alla frammentarietà degli studi in materia. Il volume si propone di indagare il fenomeno chiarendone caratteristiche e peculiarità. A partire dall'analisi degli spettacoli contemporanei, lo studio si occupa delle esperienze specifiche che mettono in discussione e ridefiniscono il ruolo dello spettatore. Dalle creazioni immersivo-itineranti che lo definiscono come viaggiatore, agli spettacoli che riconcepiscono la sua stessa funzione rinominandolo spett-attore, alle esperienze che lo coinvolgono nelle vesti di giocatore o di partecipante all'interno di processi creativi condivisi, lo spettatore si trova a interpretare relazioni inedite con la scena. Attraverso l'approfondimento dei fondamenti teorici sullo spettatore e la mappatura delle diverse modalità di interazione teatrale, lo studio propone la definizione dei principali paradigmi partecipativi, dalle esperienze precorritrici a quelle contemporanee.
18,00

L'attore nella casa di cristallo. Teatro ai tempi della Grande Epidemia

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2020

18,00

Cento storie sul filo della memoria. Il «Nuovo Teatro» in Italia negli anni '70

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2017

pagine: 544

Oltre cento testimonianze, storie, testi critici, interventi per rievocare un decennio, i Settanta, di grande creatività e di forti contraddizioni. I contributi raccolti sono per i tre-quarti pensati appositamente per questo volume e per il rimanente sono frutto di attenta scelta antologica. Ne esce un'opera corale che intende rispecchiare la pluralità delle estetiche, lo spirito collettivo dei gruppi artistici, la complessità di una variegata comunità. E soprattutto vuole far "ascoltare" le voci dei tanti protagonisti, che furono e continuano ad essere attori, registi, performer, musicisti, artisti, critici, operatori... tra memoria e riflessione critica. Ricordando rassegne, festival, spettacoli, si racconta anche di un paese in fermento, che ha avuto in alcune città di provincia, tra cui Pistoia, crocevia favorevoli, seppur temporanei, per la diffusione dell'avanguardia teatrale, capace di vivere e di animarsi nelle "cantine" e allo stesso tempo di stabilire, a volte, connessioni di respiro internazionale.
25,00

Giorgio Strehler. Autobiografia per immagini

di Paolo Bosisio, Giovanni Soresi

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2009

pagine: 304

Fotografie che "fermano attimi" e didascalie dalla grande forza evocatrice per ripercorrere l'arte e la vita di Giorgio Strehler, regista di inarrivabile genio, cui molto deve la storia del nostro teatro.
22,00

Tutto è bene quel che finisce. Tre capitoli per una buona morte

di Paola Vannoni, Roberto Scappin

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2022

pagine: 168

Esiste una buona morte? Per poter esistere dovrebbe, innanzitutto, essere pronunciabile. E invece non c'è tabù più grande per un paese come l'Italia, che forse sta vivendo una crisi delle sue radici cattoliche ma non ha ancora messo in crisi il vocabolario che appartiene a quelle radici. Così, in una cultura secolarizzata ma che continua a usare vecchie parole, la morte è un tabù. Un rimosso. Con questi "tre capitoli per una buona morte", la compagnia Quotidianacom dà vita a una drammaturgia che cerca di fare i conti con questa rimozione, allestendo un teatro comico e tragico allo stesso tempo, che indaga sul rimosso attraverso la crepa di senso che si apre tra le parole. E questo già a partire dal titolo dal sapore shakespeariano che designa la trilogia: Tutto è bene quel che finisce. Mancherebbe un avverbio per chiudere la commedia - "Tutto è bene quel che finisce bene" - ma, a quanto ci lascia intravedere il teatro della compagnia riminese, quell'avverbio è proprio la parola che ci manca. Questo volume raccoglie i tre testi della trilogia accompagnati dalle riflessioni di esperti del teatro come Laura Gemini, Graziano Graziani e Andrea Porcheddu.
15,00

Incontri di teatro in tempo di Covid. Le interviste di UTOPIA

di Marco Renzi, Maurizio Stammati

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 200

Dal mese di ottobre 2020 a quello di maggio 2021, il teatro italiano ha conosciuto uno dei momenti più neri della sua storia, con il blocco totale di qualsiasi attività. Centinaia di imprese, piccole e grandi, hanno dovuto fronteggiare un nemico di cui non avevano neppure ipotizzato l'esistenza. Migliaia di lavoratori dello spettacolo si sono trovati senza lavoro e questo non ha determinato solo una difficoltà di ordine economico, ma anche di tipo psicologico. In questo tempo anomalo e sospeso, UTOPIA, Associazione Italiana Teatro per Ragazzi, ha lanciato un suo giornale online attraverso il sito www.utopiateatroragazzi.it. Attraverso questo spazio sono state pubblicate una serie di interviste che hanno coinvolto persone provenienti da ambiti anche molto diversi tra loro: teatro ragazzi, comico, contemporaneo, danza, circuiti, musica ecc. A distanza di tempo questi contributi ci restituiscono una fotografia di quel momento davvero impressionante. Quello che ne viene fuori è un mosaico fatto di paure, speranze, slanci, disperazioni e volontà di riscossa - tutto frullato insieme.
16,00

Teatro. Anatomia comparata. Io lavoro per la morte. Elettra, biografia di una persona comune

di Nicola Russo

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 112

I testi di Nicola Russo entrano in un libro dopo aver già preso corpo sulla scena. E non sarà un caso, per la storia stessa dell'autore, che è arrivato alla scrittura dopo aver frequentato a lungo il palcoscenico. È il motivo per cui questi tre testi raccontano e segnano i momenti di un'esperienza che lui ha condotto in prima persona, [...] l'attore si è fatto autore, cominciando una sorta di circumnavigazione attorno all'umano, nel senso della persona che nei suoi rapporti e nei suoi riflessi si proietta verso l'altro da sé. Non si può dire se quel percorso fosse già stato programmato fin dall'inizio, ma appare piuttosto evidente ora che si è compiuto. E questi tre testi lo testimoniano. [...] L'elemento sorprendente della scrittura è come questi dialoghi interiori siano in ogni momento semplici e comprensibili al vissuto di ogni spettatore, con una capacità di penetrazione che fa delle creature sulla scena strumento di emersione di situazioni e problematiche profonde. Dove la difficoltà di quel vivere, dietro le apparenze del quotidiano, svela parti nascoste o volutamente accantonate da ognuno. (dalla prefazione di Gianfranco Capitta)
12,00

Ernesto

di Paolo Leoncini

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 168

Michela ha un po' più di otto anni, una sorella che sta per dare la maturità e genitori preoccupati e disorientati dal suo problema: da quasi tre anni ha smesso di parlare. Una sera al circo le scappa uno strillo, reazione istintiva allo sberleffo di un clown. Qualche giorno dopo il babbo le regala un pupazzo a grandezza naturale raffigurante un pagliaccio, a cui viene dato il nome di Ernesto (come il clown del circo). Quel pupazzo di pezza con gli occhi di vetro sembra avere qualcosa di magico: parla con Michela? Scruta nell'anima dei familiari? O è solo lo specchio delle coscienze di chi gli sta davanti? Una piccola favola "per grandi" (giocosa, ma troppo seria per essere da bambini) sulle difficoltà del fare i genitori e più in generale sui rapporti interpersonali, raccontata come testimonianza dei protagonisti.
12,00

Le irriverenti. Quattro monologhi oltre lo specchio

di Isabella Carloni

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 184

Una passione che va oltre la storia, un amore sbilenco, una vita scandalosa, un mito rovesciato: le figure femminili che si ritrovano nei quattro scritti per la scena, che l'autrice qui seleziona dalla sua ricerca drammaturgica, sono figure in bilico, portatrici di un disagio, di un sogno, di un'utopia politica, incapaci di adattarsi alle convenzioni, ribelli alle strade tracciate, ai confini imposti. La rilettura che la stessa autrice ne fa in originali controcanti che accompagnano i testi teatrali riconnette quelle passioni a un sogno più grande e alimenta un'altra visione dell'umano, che il teatro rigenera, lasciando intravedere un diverso modo di abitare il mondo.
15,00

Memorabilia. Teatro L'Uovo, metamorfosi di un impegno artistico, sociale, civile

di Antonio Massena

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 312

"Questo racconto, oltre a voler essere la memoria di un progetto culturale e artistico che ha attraversato trentasette anni, è anche l'intreccio di più storie e momenti di una città che, dal 1978 a oggi, ha vissuto profondi e radicali mutamenti sociali, culturali e industriali. Storie di persone, di luoghi, di attività e realtà che hanno modificato il volto e il tessuto umano dell'Aquila. È la testimonianza della vita e dell'amore profusi per un'impresa che è giusto rimanga indelebile nel tempo, una testimonianza scevra da ideologismi. Ed è la storia di persone che, con esperienze diverse ma formazione culturale, sociale e politica sortita dalle stesse radici, hanno saputo creare dal nulla un progetto che nel corso degli anni è diventato un punto di riferimento nazionale e non solo: il Teatro L'Uovo." (Antonio Massena)
20,00

Quel che ho visto e udito. Note sul teatro di Fabrizio Crisafulli fra luce e parola

di Benedetta Mazzelli

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2021

pagine: 256

Partendo dall'esperienza laboratoriale del progetto «Luce e Parola», basato su una drammaturgia elaborata da testi della scrittrice Ingeborg Bachmann, il volume riflette sull'importanza dell'elemento Luce che, relazionandosi con Spazio, Movimento, Corpo, diviene generatore simbolico al servizio del processo conoscitivo che caratterizza la creazione teatrale di Fabrizio Crisafulli. Prendendo avvio dal "Teatro dei Luoghi", dove il Luogo - non solo fisico ma anche ambito di relazioni - recupera, mediante la Luce, una propria memoria; lo studio si sofferma su esperienze come "Città delle Ombre", "Il Risveglio Ufficiale del Canarino", "Campo d'Azione", "Spirito dei Luoghi", per proseguire poi nell'analisi - tramite "Sonni"-"Le belle addormentate"-"Centro e ali" e "Senti" - su "Un-certo-tipo-di-spettacolo", ossia sul processo creativo di relazioni reali spesso collegate alla dimensione del "non fare", azioni non predefinite ma attive e ricettive allo stesso tempo, vere possibilità di attraversamento e assorbimento del Luogo, che si fa sintesi tra gli elementi interni ed esterni alla scena cercando un oltre.
18,00

Il «mio» Parsifal. Inveramento di un mito. Guida all'opera cinematografica

di Marco Filiberti

Libro: Copertina morbida

editore: Titivillus

anno edizione: 2020

pagine: 280

Prima di essere una sceneggiatura, un'opera cinematografica, un progetto editoriale o qualunque altra possibile declinazione, Parsifal è una condizione. La più implacabile, terribile e luminosa delle condizioni possibili, quella che può sopraggiungere solo dopo essersi inoltrati nella più oscura foresta di rovi e aver reso l'onore delle armi alla propria disfatta. Quest'opera monumentale e necessariamente poetica si configura, in ogni sua componente e accezione, come mappa misterica, al contempo personale e universale, di un'arte escatologica, sacra, totale e pura, come un tracciato iniziatico estirpabile dalla nostra abnegazione - il mito di ogni Queste, la Santa Cerca - e diretto alle sorgenti della Verità depositata nei grandi lasciti spirituali della storia umana. Questo Parsifal, tracimante di un'esperienza gnostico-esistenziale liminale al soprasensibile e alimentato dalla forza di un eros risacralizzato, delegittima ogni dualità conflittuale per lambire l'Uno platonico passando attraverso l'apoteosi della triade androgina, cellula vivificatrice di quella "creazione di mondo" wagneriana che Filiberti riconosce come sua unica progenitrice generativa nell'Era Moderna.
20,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.