Editore Unicopli - Ultime novità | P. 11

Unicopli

Una repubblica per ogni porto. Venezia e lo Stato da Mar negli itinerari dei Sindici inquisitori in Levante (secoli XVI-XVII)

di Cristina Setti

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2021

pagine: 308

I Sindici inquisitori in Levante furono una magistratura veneziana itinerante nata in modo graduale e accidentato a fine Trecento, in un momento di radicale trasformazione dei rapporti tra il patriziato veneziano e gli abitanti dei suoi domini terrestri e marittimi. Attraverso un'analisi accurata delle origini e delle successive evoluzioni di questo istituto, l'opera intende far emergere attitudini, necessità, strategie e rivendicazioni dei soggetti individuali e collettivi incontrati dai Sindici nelle isole greco-venete (parte del cosiddetto Stato da Mar) nel delicato periodo di transizione tra la caduta del regno di Cipro (1570-'73) e quella dell'isola di Creta (1645-'69) in mano ottomana. La vicenda istituzionale, politica ma anche umana dei Sindici Inquisitori si distingue altresì quale strumento utile per comprendere i fenomeni più tipici dell'area levantina secondo un punto di vista alternativo a quelli proposti tradizionalmente dalla storia navale, economica, culturale e religiosa del Mediterraneo nella prima età moderna.
23,00

Mezzogiorno e integrazione europea. La Puglia dall'intervento straordinario alla regionalizzazione (1957-1993)

di Antonio Bonatesta

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 389

Questo volume si inserisce in un recente filone di studi incentrato su una "storia regionale dell'integrazione europea", volta cioè a indagare caratteri e limiti delle trasformazioni territoriali indotte dalla costruzione comunitaria. Il tentativo è stato quello di soppesare, con strumenti nuovi, la vicenda dello sviluppo del Mezzogiorno in età repubblicana, analizzando i caratteri delle classi dirigenti meridionali attraverso il peculiare intreccio tra ristrutturazione della sovranità in Europa e regionalizzazione dello Stato. Il lavoro ha assunto come caso di studio la Puglia, nel tentativo di indagare le modalità attraverso cui una società ai margini del capitalismo occidentale, un segmento della "semiperiferia" - come Giovanni Arrighi ha definito i paesi dell'Europa meridionale - è divenuto oggetto di forme di integrazione nazionale e comunitaria, subendo e reagendo ai cambiamenti geopolitici ed economici nel cuore dell'egemonia mondiale.
25,00

La maggioranza silenziosa della Controriforma. Il cardinale bergamasco Giovanni Girolamo Albani (1509-1591)

di Lorenzo Comensoli Antonini

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 286

Nella prima metà del Cinquecento la Chiesa di Roma dovette misurarsi anche in Italia con la contestazione protestante. In questa lotta, la fazione più intransigente si avvalse di quei membri dei ceti dirigenti che, per tradizione e interessi, rimasero fedeli al papato. A questa maggioranza silenziosa, meno studiata dalla storiografia rispetto alla costellazione eterodossa, appartenne il giurista bergamasco Giovanni Girolamo Albani. Nei suoi trattati, scritti alla vigilia della stagione tridentina, egli prospettò quella esorbitante potenza della curia romana che, decenni più tardi, Paolo Sarpi avvertirà come nefasto esito del Concilio. Pur guardando a Roma, però, Albani rimase a lungo un laico a servizio della Serenissima, per divenire cardinale in età avanzata, grazie al favore di Pio V. Laico e chierico, dunque, la biografia del quale rileva dinamiche e tratti salienti della vita sociale e religiosa del secolo XVI.
20,00

L'integrazione europea e l'opinione pubblica cattolica. Ambienti ecclesiali, circoli intellettuali e associazionismo alla vigilia dell'unione (1945-1954)

di Luca Barbaini

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 201

Il volume ripercorre le tappe salienti del dibattito sul processo di integrazione europea che aveva attraversato il mondo ecclesiale italiano, dal 1945 al 1954, attraverso le principali riviste cattoliche. Speciale attenzione è stata riservata alla stampa legata all'associazionismo ufficiale, dall'Azione Cattolica al Movimento Laureati, ai vari periodici a vocazione intellettuale e, in particolar modo, alle riviste che avevano visto la luce in questa fase grazie all'iniziativa di studiosi e accademici destinati a svolgere un ruolo di primo piano nel corso degli anni Cinquanta. Particolarmente interessante il caso della rivista bresciana «Humanitas», su cui si è focalizzato l'ultimo capitolo del volume, per il suo carattere paradigmatico. Ne sono emersi diversi indizi - per quanto provvisori - sui tentativi profusi nei circoli intellettuali e in specifici ambienti dell'associazionismo ufficiale per corroborare, anzitutto sul piano intellettuale, le scelte politiche messe in campo durante questi anni dai governi guidati da Alcide De Gasperi, altrimenti difficilmente metabolizzabili da parte significativa del mondo ecclesiale e, in special modo, da alcuni settori della nuova generazione cattolica.
19,00

I cori alpini. Musiche, testi, esperienze, storia

Libro

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 435

Un organismo oggi con centinaia di migliaia di soci come l'Associazione nazionale alpini gemma sempre attività ricreative e organismi a carattere di svago. Per l'Associazione degli alpini, però, l'imponente numero di cori alpini che ad essa fanno riferimento (oggi, quasi centocinquanta) rappresenta qualcosa di più di un momento di distrazione dei propri soci. La coralità alpina è divenuta infatti uno dei segni distintivi e di riconoscimento per l'Associazione, una sua carta di identità. Non sono mancate nel passato pubblicazioni sugli alpini e sui suoi cori. Questo volume però mette assieme per la prima volta musicologi, storici e direttori di cori alpini. Esso analizza, da più versanti e grazie a studiosi di varia formazione, l'esperienza ormai quasi centenaria della coralità alpina, ne rilegge i testi con attenzione nuova, ripercorre l'intera storia dei cori alpini. In particolare, in un suo ampio studio, Filippo Masina ricostruisce per la prima volta l'intreccio di questa coralità popolare e istituzionale con la storia generale nazionale, fornendo anche - tramite uno spoglio dei maggiori canzonieri editi lungo un secolo - un elenco dei canti cantati da questi cori. Canti di montagna, canti di lavoro, canti militare, canti di guerra, canti popolari: da sempre i cori alpini cantano tutto ciò assieme. Questo volume ne offre una introduzione musicologica e storica di grande rigore scientifico.
30,00

Civili mutilati e ciechi di guerra, 1940-1945. Cause, conseguenze ed esperienze

di Fabio De Ninno

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 560

Fabio De Ninno torna ad arare l'eccezionale archivio storico dell'Associazione nazionale vittime civili di guerra. Dopo aver fornito nel precedente studio una visione d'assieme, interroga adesso quelle carte esaminando due delle molte tipologie di vittime civili di guerra: i ciechi e i mutilati. Per i civili italiani, fra 1940 e 1945, fu purtroppo tragicamente più facile perdere la vista a causa delle nuove caratteristiche dei sistemi d'arma e delle nuove tattiche di guerra. Coinvolti adesso nella guerra totale, i civili si trovarono a far fronte a bombe d'aereo, mitragliamenti, spezzonamenti, colpi d'arma da fuoco, esplosioni di mine e di munizioni ecc.: una panoplia di situazioni che li avrebbero invalidati per sempre. Ancora più numerosi furono i mutilati di guerra. Quella che era stata una delle conseguenze più vistose e diffuse della prima guerra mondiale fra i combattenti divenne adesso molto frequente anche fra i civili. Civili coinvolti nelle operazioni e che subivano le conseguenze dei combattimenti non solo durante la guerra ma anche dopo che essa fu finita. Tristemente nota la vicenda dei 'mutilatini', cioè di quei ragazzi che nell'Italia postbellica perdevano arti a causa della dispersione in strade e campagne di ordigni inesplosi. La riproduzione di una ricca documentazione originale correda il volume.
20,00

La bonifica umana. Venezia dall'esodo al turismo

di Clara Zanardi

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 252

"Qui i giovani appena possono se ne vanno, i vecchi appena possono muoiono e restano solo i turisti". È una Venezia densa di passato, ma povera di futuro, quella che emerge dalle parole di chi vi abita, trasfigurata da decenni di spopolamento e da un turismo onnivoro. Ma come ha potuto una città che negli anni Cinquanta era sovraffollata, popolare e con un'economia diversificata, trasformarsi così velocemente? È questa la domanda a cui questo libro cerca di rispondere, ripercorrendo attraverso l'analisi storica e l'intervista etnografica le tappe dell'esodo novecentesco da Venezia. Per più di un secolo, infatti, le classi dirigenti hanno promosso la "bonifica umana" della città lagunare, allontanandone i ceti medi e popolari così da poterla destinare a più redditizie funzioni terziarie e di rappresentanza. Una storia ancora troppo poco nota, eppure fondamentale per comprendere come Venezia sia potuta diventare ciò che è oggi e per non rassegnarsi all'idea che l'estinzione sia l'ineluttabile destino della sua millenaria civiltà anfibia.
16,00

Introduzione alla lingua hindi. Corso base

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 476

Il presente volume è frutto dell'esperienza di insegnamento della lingua hindi presso diversi corsi di laurea, atenei e istituti culturali: struttura e contenuti rispondono alle necessità di studio di coloro che rivestiranno il ruolo di mediatore linguistico e culturale. La complessità del percorso è espressione tanto della quantità ed eterogeneità delle competenze e conoscenze richieste, quanto del necessario impegno, spesso teoricamente e umanamente oneroso, a riflettere su implicazioni e presupposti dell'incontro, del confronto e della traduzione socio-culturale fra orizzonti di senso anche profondamente distanti fra loro. Lo studio della lingua infatti non è diretto alla sola acquisizione di competenze di carattere grammaticale, morfo-sintattico e teorico in genere, ma anche e soprattutto allo sviluppo di solide capacità di espressione scritta e orale: la conoscenza teorica deve maturare di pari passo con l'abilità comunicativa. L'ordine e la scelta degli argomenti rispondono proprio al tentativo di favorire un equilibrato apprendimento della lingua, in cui competenze teoriche e pratiche si bilancino, permettendo allo studente di fare della propria conoscenza linguistica lo strumento primo e più efficace per entrare efficacemente in relazione con la ricchezza dell'universo socio-culturale indiano, di cui la lingua hindi è ricettacolo, riflesso e custode.
35,00

Mettere in gioco il passato. La storia contemporanea nell'esperienza ludica

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 340

Da alcuni anni la public history, disciplina nata nel mondo anglosassone negli anni Settanta secondo la quale la Storia si può (si deve) fare (anche) al di fuori degli ambienti accademici in, per e con il pubblico, si è diffusa anche in Italia. Il public historian è un operatore del discorso storico, a conoscenza dei metodi del mestiere, ma anche capace e disponibile a confrontarsi con gli altri attori e le altre agenzie che elaborano una visione del passato per la società in cui vivono, in grado di riconoscere questi attori anche laddove tradizionalmente non si è ritenuto di doverli cercare. Da questo assunto prende le mosse il volume che avete tra le mani: dall'idea cioè che anche il gioco storico, e con lui i giocatori, possano essere tra questi attori da intercettare e con i quali dialogare, riconoscendo piena dignità culturale al gioco anche come mezzo di trasmissione e consumo di Storia. Il rapporto dei giochi con la Storia è complesso e offre svariati spunti di riflessione, dalla narrazione che si costruisce al suo interno, alle nozioni che è in grado di trasmettere, all'interesse per il tema trattato che inevitabilmente il gioco suscita nei giocatori, fino all'idea del gioco stesso come interpretazione e fonte storica. Il tema è affrontato qui da diversi punti di vista e diverse professionalità, toccando le varie problematiche di contesto, i differenti tipi di gioco, i distinti nodi della Storia Contemporanea.
25,00

Prendersi cura dei legami familiari. Il lavoro clinico a sostegno delle relazioni, tra fragilità e risorse

Libro

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 239

Il libro a più voci, curato da Carla Mazzoleni e Giacinto Bosoni, propone riflessioni sull'agire clinico, nate in un contesto di équipe multidisciplinare che si occupa di legami familiari. Sia nella parte iniziale, che ospita contributi fondativi, sia nella seconda sezione, che riporta riflessioni applicative, emerge una lettura del legame clinico-paziente segnata dalla ricerca costante di un equilibrio tra tecnica ed arte, competenza personale e teoria, accoglienza e provocazione, in un cammino che chiede all'operatore di viversi come inserito in un sistema dinamico e in crescita, a prescindere dal fatto di lavorare con adolescenti, coppie in crisi o in separazione, genitori adottivi... La consapevolezza della spinta vitale e generativa insita nei legami conduce ogni professionista ad interrogarsi, in una costante riflessività, sul contributo che apporta alla dinamica vissuta col paziente, stimolandone l'evoluzione verso forme distese e feconde di scambio e relazione. Il prendersi cura di legami familiari, infatti, non può prescindere da una riflessione costante sull'agire clinico, con le funzioni che svolge e le potenzialità che racchiude, nel saper fornire un contesto, una conversazione e uno spazio relazionale che ha le potenzialità per riattivare un percorso ferito o interrotto.
19,00

Raccontare comunità. La funzione formativa della memoria sociale

di Caterina Benelli

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 163

Il testo affronta il tema oggi più che mai necessario del "raccontare comunità": un dovere sociale, un metodo per sentirsi parte di un mondo più grande, per costruire appartenenze, un processo per farci sentire meno soli. Raccontare comunità è un'opportunità per restituire parole e voci a tutti, anche ai luoghi e alle persone dimenticate o a rischio di oblio ma che varrebbe la pena di ascoltare, conoscere per poi riconsegnare tale patrimonio di storie alla collettività, anche per le prossime generazioni. Raccontare comunità attraverso la funzione formativa della memoria sociale prende in esame la questione sociale a partire da alcune delle teorie pedagogiche che percorrono il secolo tra gli anni Venti del Novecento e gli anni venti del Duemila. Un secolo attraversato da guerre, eventi dolorosi ma anche grandi cambiamenti.
16,00

La mia vita con un Geek

di Maria Benedetta Errigo

Libro: Copertina morbida

editore: Unicopli

anno edizione: 2020

pagine: 157

Chi nella vita non si è mai trovato attorno a un tavolo per provare qualche gioco, magari durante le serate di feste natalizie? Chi non ha mai urlato "ambo" per fare il simpaticone quando lo zio aveva estratto solo un numero della tombola? Ecco, tutti noi abbiamo provato almeno una volta nella vita a giocare a tombola, a Monopoli, a Risiko. Ma c'è qualcuno che i giochi li vive, li studia, a volte li crea: sono i Geek, giocatori a tutto tondo di qualsiasi cosa possa essere studiata e giocata, che siano wargames, boardgames o giochini per non perdere tempo mentre si aspetta il proprio turno di gioco. Ebbene, amici Geek, vi siete mai chiesti come siete visti da chi è accanto a voi? Da chi ogni giorno sacrifica il suo salotto per far sì che ricostruiate la battaglia di Waterloo scala 1 a 1 o vi dona nell'armadio per i vostri giochi il posto che spetterebbe alle lenzuola? In queste pagine troverete il punto di vista di chi vive accanto a un Geek non essendo una Geek e tutte le descrizioni dei vari personaggi che ha potuto "studiare" fino ad ora. Senza pietà.
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.