Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Alessio Lega

La nave dei folli. Vita e opere di Ivan della Mea

di Alessio Lega

Libro: Copertina morbida

editore: Agenzia X

anno edizione: 2019

pagine: 374

La prima biografia di Ivan Della Mea, scritta a dieci anni dalla morte, si apre su un'infanzia che sembra tratta da un libro di Dickens o di Zola, sullo sfondo dei Navigli, di Brera e delle atmosfere nere di Scerbanenco. Figlio della guerra, abbandonato in brefotrofio a Lucca, portato a Milano dove visse il mondo dei clochard e dormì spesso in strada. La gioventù di Ivan è la stessa di quei pochi ribelli dei primi anni sessanta che scoprirono improvvisamente l'utopia politica, la sessualità, la musica e la letteratura. Questa rivoluzione culturale gli diede la possibilità di allacciare la sua vita estrema alle più importanti esperienze di ricerca in campo etnomusicale: Il nuovo Canzoniere italiano, i Dischi del Sole e le Edizioni Avanti!. La nascita del folk revival e della canzone d'autore fece di Ivan Della Mea uno dei protagonisti degli anni settanta, i suoi canti furono la colonna sonora delle lotte operaie e delle conquiste sociali. "Cara moglie" è una delle poche canzoni che si diffusero per trasmissione orale, nelle fabbriche e nei cortei. "El me gatt", "La canzon del Navili", "A quel omm", i romanzi noir e le memorie, lo collocano insieme a Jannacci e Bianciardi fra i massimi poeti e narratori urbani del Novecento. Alessio Lega, attraverso testimonianze inedite di collaboratori e familiari, racconta l'epopea di un intellettuale ancora tutto da scoprire.
16,00

Nella corte dell'Arbat. Le canzoni di Bulat Okud?ava

di Alessio Lega

Libro

editore: Squilibri

anno edizione: 2019

pagine: 48

Padre della canzone d'autore russa, Bulat Okud?ava forma con Vladimir Vysockij e Aleksandr Gali? la triade sacra dei "bardi", i "poeti con la chitarra" che riannodarono con ballate essenziali il filo della speranza nel cosiddetto periodo della stagnazione (1960-1985). Le sue canzoni sono un patrimonio di poesia che affonda melodicamente nel ricco folklore georgiano e armeno (le terre del padre di Bulat, fucilato durante il terrore staliniano, e della madre inghiottita dal Gulag) e linguisticamente nel gergo popolare degli abitanti dell'Arbat, il quartiere-mondo di Mosca paradigma della vita, della guerra e dell'arte. Alessio Lega fa rivivere in italiano la magia e l'incanto di questi piccoli miracoli espressivi che, affidati a melodie semplici ma irresistibili ed annodati attorno a storie minime, riflettono le tensioni e le speranze di un intero popolo come accade soltanto nei capolavori della letteratura mondiale e della grande canzone d'autore. Alessio Lega è riuscito a rendere in italiano non soltanto il senso delle poesie canzoni di Bulat Okud?ava ma, soprattutto, lo spirito che le ha caratterizzate nel tempo. (Gian Piero Piretto)
15,00

Bakunin, il demone della rivolta. Tra insurrezioni, complotti e galere i tumulti, le contraddizioni e l'incontenibile passione rivoluzionaria dell'anarchico russo

di Alessio Lega

Libro: Copertina morbida

editore: ELEUTHERA

anno edizione: 2015

pagine: 191

Michail Bakunin (1814-1876), nato nobile e morto in miseria, attraversa impetuosamente il suo secolo in nome di un'idea esagerata di libertà che sconvolge l'immaginario politico europeo. Pensatore rivoluzionario che tempra le sue idee nel fuoco dell'azione, accorre in difesa delle barricate di mezza Europa, collezionando condanne a morte in vari imperi e sopravvivendo a carcerazioni durissime. Deportato in Siberia, scappa - su slitte, cavalli, treni e velieri - per tornare lì dove la rivoluzione lo chiama: in un'Europa in ebollizione in cui lo aspettano altre barricate e altre insurrezioni. Vinto ma non domato, muore usurato da una vita segnata da mille sfide mentre irresistibilmente - sta progettando nuove rivoluzioni e nuovi mondi.
14,00

E ti chiamaron matta

di Alessio Lega, Rocco Marchi

Libro: Prodotto in più parti di diverso formato

editore: NOTA

anno edizione: 2018

pagine: 40

Il volume contiene i testi di Gianni Nebbiosi e Alessio Lega, autore anche di un accorato excursus storico che ci porta dai tempi della riforma della psichiatria di Franco Basaglia ai nostri giorni attualizzando il tema della "malattia mentale" anche attraverso la forma canzone. Un articolato intervento dello psichiatra "riluttante" Piero Cipriano completa il booklet prestando doverosa attenzione allo stato della psichiatria a 40 anni dalla così detta Legge Basaglia. Il CD ripropone un produzione discografica ormai introvabile del 1972 di Gianni Nebbiosi (psichiatra e musicista, anche con il Canzoniere del Lazio). Alle 6 canzoni di Nebbiosi si aggiunge una inedita ballata registrata con la partecipazione di Ascanio Celestini dedicata a Franco Mastrogiovanni (vittima di un noto e terribile "fatto di cronaca" nel 2009).
15,00

Resistenza e amore

di Alessio Lega

Libro

editore: NOTA

anno edizione: 2009

pagine: 30

Opera prima di un cantautore che da anni infaticabilmente gira lontano dal mercato per centri sociali, circoli culturali, palchi più o meno grossi di tutt'Italia. Qui s'incontra col gruppo alfiere della "musica componibile" per una produzione musicale impegnata, su molti fronti... "Resistenza e amore" alla sua uscita ha scosso e colpito critica e pubblico. Vince immediatamente la Targa Tenco come miglior opera prima e continua ancor oggi, alla sua terza ristampa, a suonare come acuta e civile denuncia di tante storie che ne compongono una, la nostra storia quotidiana.
15,00

Canta che non ti passa. Storie e canzoni di autori in rivolta francesi, ispanici e slavi

di Alessio Lega

Libro

editore: STAMPA ALTERNATIVA

anno edizione: 2008

pagine: 165

Trentadue ritratti d'autore per una storia mondiale della canzone poetica e sociale e dei suoi interpreti, spesso boicottati dall'industria discografica e poco noti al grande pubblico. Una storia riletta e scritta da Alessio Lega, erede dei cantautori anarchici che hanno segnato con la loro presenza la cultura del nostro tempo. Ferré, Moustaki, Brel, Brassens, Vian, Ferrer, Pagani, Desjardins, Renaud, Yupanoui e molti altri sono i protagonisti indimenticabili di un'epoca della musica. Nessuno come loro ha saputo coniugare anarchia, libertà e amore.
18,00

Sotto il pavé la spiaggia

di Alessio Lega

Libro

editore: NOTA

anno edizione: 2006

pagine: 30

Sedici versioni italiane completamente inedite di canzoni francofone composte tra il 1950 e 2000. Ballate, rock progressive, venature sperimentali, riconversione acustiche, improvvisazione sinfonica ed esplosioni punk, questo il risultato degli arrangiamenti innovativi dei Mokacyclope. Il booklet costituisce la traduzione parallela in immagini delle singole canzoni, attraverso 30 tavole appositamente create da Lorenzo Sartori che illustrano lo svolgersi dell'intero disco. Un affresco sonoro con cui I musicisti hanno accordato l'urgenza sonora di questi classici all'urgenza dei nostri anni.
15,00

Incrocio di sguardi. Conversazione su matti, precari, anarchici e altre pecore nere

di Ascanio Celestini, Alessio Lega

Libro: Copertina morbida

editore: ELEUTHERA

anno edizione: 2012

pagine: 158

Snodando il filo del proprio percorso biografico in una narrazione ricca di aneddoti, provocazioni, idiosincrasie, amori, battute, Ascanio Celestini, grande affabulatore del nostro tempo, esce allo scoperto. Così, questo libro parlato e vivissimo, frutto delle conversazioni con Alessio Lega, cantautore e intellettuale disorganico, diventa un altro spettacolo in cui Ascanio si fa ancora una volta voce plurale, racconto corale attraverso una voce sola. Ma questa volta il personaggio narrato è proprio lui: Celestini Ascanio, figlio di Nino e di Comin Piera... In un continuo rincorrersi di temi e di personaggi, questa storia in prima persona ci consente di cogliere in presa diretta la sua straordinaria poetica del quotidiano, quell'attenzione alle piccole cose della vita di tutti i giorni con cui ci dice che un altro mondo non solo è possibile, ma già c'è.
14,00

Dalla città, le montagne. Torino e il Piemonte attraverso la canzone

Libro

editore: NOTA

anno edizione: 2010

pagine: 302

Quale rapporto fra un territorio e la canzone che lo esprime, da cui trae ispirazione? È quello che ha voluto investigare Isabella Maria Zoppi a Torino e in Piemonte, spaziando dal canto popolare fra Otto e Novecento fino alle più recenti espressioni della musica d'autore. Si disegnano così i confini di un'inedita geografia del Piemonte, dove poter leggere la mappa di un'identità tra le parole cantate. Arricchiscono l'opera due saggi (di Franco Castelli sul "Canto popolare in Piemonte" e di Alessio Lega sulla "Canzone che fa (la) storia") e un compact disc che ripropone in una originale versione acustica, diretta da Roberto Bartoli, un vasto repertorio "piemontese", dalla tradizione a Buscaglione, dai Mau Mau a Paolo Conte, passando per Testa, Farassino, i Cantacronache, Amodei, Dalla, Isa, Lega, Yo Yo Mundi, Maolucci e Cantovivo.
20,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.