Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Claudio Gatti

I demoni di Salvini. I postnazisti e la Lega

di Claudio Gatti

Libro: Copertina morbida

editore: Chiarelettere

anno edizione: 2019

pagine: 274

Chiedersi se Matteo Salvini sia fascista non è solo un esercizio inutile, è un grave errore. Perché vuol dire cercare quello che non c'è. Il fascismo è finito con Mussolini. Quella che non si è mai spenta è la fiamma culturale e ideologica che lo ha alimentato. Grazie al racconto di una gola profonda e ad altre testimonianze esclusive, l'autore rivela l'identità e la storia dei principali protagonisti di una macchinazione senza precedenti. A condurla è stato un manipolo di persone che, dopo aver metabolizzato fascismo e nazismo, con una strategia classificabile come postnazista ha saputo trarre vantaggio da debolezze e difetti della democrazia liberale per egemonizzare il dibattito culturale e prendere il controllo di quello politico. Un progetto di restaurazione del vecchio pensiero reazionario a vocazione autoritaria e plebiscitaria, dissimulato però come una formula nuova che supera i vecchi schemi politici attraverso un veicolo diverso da tutti gli altri: la Lega Nord.
16,90

Enigate

di Claudio Gatti

Libro

editore: PaperFIRST

anno edizione: 2018

pagine: 269

La storia di quella che la Procura di Milano considera la più grande tangente della storia italiana viene raccontata in esclusiva dal giornalista che l'ha portata alla luce. Il libro contiene documenti esclusivi. Prefazione di Milena Gabanelli.
15,00

Viaggio nel cuore dell'informazione: l'ANSA

di Claudio Gatti

Libro

editore: PAGINE

anno edizione: 2014

17,00

Fuori orario. Da testimonianze e documenti riservati le prove del disastro FS

di Claudio Gatti

Libro: Libro in brossura

editore: Chiarelettere

anno edizione: 2009

pagine: 240

Claudio Gatti è riuscito a trovare testimonianze, rapporti riservati e email di dirigenti ed ex dirigenti, consulenti, imprenditori, fornitori: parole che rivelano un quadro allarmante frutto di disorganizzazione, sbagli, truffe, ruberie ripetute per anni e che continuano nonostante le severe denunce della Corte dei Conti. Le Ferrovie italiane come specchio della situazione e della storia del nostro paese. Casi paradossali che sfiorano il ridicolo come la guerra tra aziende di pulizia, carri merci scomparsi (anche perché qualcuno si rivende i pezzi al mercato nero), percorsi cambiati per puro interesse elettorale, lenzuola sporche fatte passare per pulite, gare truccate, dirigenti che intrattengono rapporti incestuosi con i fornitori, treni in ritardo fatti passare per treni in orario, locomotive rotte che continuano a rompersi, legionellosi ignorata anche dopo la morte di un ferroviere, porte di vagoni che volano via, treni vecchi fatti passare per nuovi (Frecciarossa)... Tutto provato. E regali, favori, ma anche minacce, licenziamenti e vendette per la minoranza che osa opporsi. Ciò che conta non è la qualità del servizio ma la distribuzione di almeno 6 miliardi che ogni anno affluiscono nelle casse di Fs: per alimentare un sistema di collusione diffusa contro qualsiasi tentativo di cambiamento e che comporta per ciascuna famiglia italiana una tassa occulta di almeno 273 euro all'anno.
15,00

Gianluigi Brancaccio. Archetipi della pittura

Libro: Libro in brossura

editore: Lubrina-LEB

anno edizione: 2010

pagine: 120

30,00
22,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.