Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Guillem Balague

CR7. Cristiano Ronaldo raccontato ai ragazzi

di Guillem Balague

Libro: Copertina rigida

editore: Piemme

anno edizione: 2019

pagine: 242

Un bambino che corre per le stradine di un'isoletta lontana con il pallone incollato ai piedi. Una giovane promessa del calcio, sicura di sé ma insicura del mondo. Un goleador micidiale che piange di commozione e di rabbia. Da un quartiere povero di Madeira ai club più importanti d'Europa, Cristiano Ronaldo ha plasmato una carriera straordinaria che gli ha permesso di tagliare traguardi mai raggiunti prima. Ma qual è la differenza tra un grande giocatore e una leggenda? Questa è la storia di un campione che ha sempre saputo fare gol nel momento più importante, in campo come nella vita. Senza smettere di migliorarsi, al di là di ogni critica. Età di lettura: da 8 anni.
15,00

Messi Ronaldo

di Guillem Balague

Libro: Copertina morbida

editore: Piemme

anno edizione: 2018

pagine: 790

Un ragazzino di dodici anni lontano da casa, in un aeroporto con al collo un cartello scritto rozzamente a pennarello: «Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro». Si guarda intorno in attesa delle persone che lo guideranno nella confusione di una vita nuova allo Sporting Lisbona. Un altro ragazzo, di poco più grande, seppellisce la faccia nel cuscino, perché il padre non senta i suoi singhiozzi disperati per il dolore quasi fisico e la nostalgia del suo Paese, l'Argentina, della mamma e degli amici. Hanno inizi molto simili le carriere dei due più grandi calciatori del millennio, le origini modeste e l'impegno viscerale, maniacale, assoluto che hanno messo per dare forma al loro sogno e per inseguire il loro insopprimibile talento. Il primo, Cristiano, un adone dal fisico perfetto, che vuole avere il mondo ai suoi piedi e ha bisogno di un entourage che lo aiuti a brillare. Messi, un genio capace di fare cose straordinarie con il pallone, e vuole che le persone fidate che lo circondano da quel mondo, invece, lo proteggano. La biografia autorizzata di Lionel Messi e quella completa e definitiva di Cristiano Ronaldo tratteggiano luci e ombre dei due fuoriclasse più attesi ai Mondiali 2018 e illuminano le somiglianze, le differenze, e le ragioni della loro lunga rivalità. Che, come ogni grande rivalità dello sport, esula dal solo agone calcistico e assume dimensioni epiche. Ogni generazione crea un calciatore unico, un Pelé, un Cruyff, un Maradona, un Platini. Noi dovremmo rallegrarci di avere il privilegio di vedere non uno bensì due dei più grandi calciatori della storia scendere in campo l'uno contro l'altro. Non ricapiterà tanto presto.
20,00

CR7. La biografia

di Guillem Balague

Libro: Copertina rigida

editore: Piemme

anno edizione: 2018

pagine: 355

«Cristiano Ronaldo è un'ala destra? Anche. Cristiano Ronaldo è un'ala sinistra? Pure. Cristiano Ronaldo è un centravanti? Quando vuole. Cristiano Ronaldo è un difensore? A volte. Cristiano Ronaldo segna di testa? Sì. Segna di destro? Ovvio. Segna di sinistro? Certamente. E in rovesciata? Se serve.» I media non smettono di cantarne le gesta. Perché Ronaldo è un fenomeno, una macchina da record, anzi: il calciatore che i record li ha polverizzati tutti. Quando il 3 aprile del 2018, a Torino, tutto lo Juventus Stadium si è alzato in piedi per omaggiarlo dopo lo strepitoso gol contro i bianconeri, uno dei più belli mai visti, sembrava il tributo a un dio irraggiungibile. «La Juve mi piace sin da bambino», aveva dichiarato CR7. Nessuno allora poteva immaginare che il sogno si realizzasse. Ma adesso Ronaldo è qui, per una stagione che sembra far rivivere l'epoca d'oro del calcio italiano, quando sul campo si potevano ammirare Platini, Van Basten, Zico, Maradona. Della sua carriera sportiva si sa tutto o quasi, poco o nulla si conosce dell'uomo. Quarto figlio non voluto di una famiglia povera di Madeira in Portogallo, padre alcolizzato e assente, Cristiano sin da bambino non si staccava dal pallone. È un narcisista e un perfezionista, un maniaco dell'allenamento e della forma fisica, il primo a iniziare gli allenamenti e l'ultimo ad andarsene, in eterna sfida con se stesso e con il limite. Il ragazzino che si è costruito fuoriclasse. Guillem Balague ha seguito le tracce del campione, ha parlato con amici, allenatori, ex compagni di scuola, e decine di altre persone a lui vicine. Ora svela tutto. E finalmente sapremo perché Ronaldo è il più grande.
19,50

Pulce. La vita di Lionel Messi

di Guillem Balague

Libro: Copertina morbida

editore: Piemme

anno edizione: 2016

pagine: 568

È solo un bambino gracile e con seri problemi di salute, quando sale su un aereo che scavalca l'oceano. Dal campetto del Granduli, in Argentina, tutto buche, sassi e pezzi di vetro, conficcato tra palazzoni di cemento, a Barcellona, dove ha sede una delle più prestigiose squadre di calcio del mondo: il Barça. Lo chiamano "la pulce", "il nanerottolo", e non sempre con rispetto. Così gracile, ha senso che qualcuno ci perda tempo, fatiche e soldi? Suo padre Jorge crede di sì. Un dirigente della squadra crede di sì. Al punto da siglare un accordo su un tovagliolo di carta, al ristorante. È l'inizio di notti passate a piangere. Lontano dalla madre e dal resto della famiglia, che ha riposto tutte le speranze in lui. La partenza per un viaggio che molti intraprendono, ma ben pochi portano a destinazione. Una sfida contro se stesso, cominciata quando palleggiava centinaia di volte senza sbagliare, con qualsiasi cosa gli capitasse a tiro. Quando dormiva stringendo un pallone. Leo, passa! Ma Leo non passa. E dribbla uno dopo l'altro gli avversari. Incurante di strappi e fratture, forte nonostante invidie e gelosie. Il bambino che non passava la palla ha alzato al cielo, unico al mondo, quattro Palloni d'Oro. E sta lottando per passare definitivamente alla storia alla testa della Nazionale argentina. Come nasce una leggenda? Seguendo il cuore. Non arrendendosi mai. È questo che insegna la storia di Lionel "Leo" Messi. Il bambino che non riusciva a crescere, oggi è un gigante.
11,90

CR7. La biografia

di Guillem Balague

Libro: Copertina morbida

editore: Piemme

anno edizione: 2016

pagine: 398

"Cristiano Ronaldo è un'ala destra? Anche. Cristiano Ronaldo è un'ala sinistra? Pure. Cristiano Ronaldo è un centravanti? Quando vuole. Cristiano Ronaldo è un difensore? A volte. Cristiano Ronaldo segna di testa? Sì. Segna di destro? Certamente. E i gol di sinistro? Se gli capita." I mass media non smettono di cantarne le gesta. Perché Ronaldo è un fenomeno, una macchina da record. Ha segnato 100 gol in un anno. È stato il primo giocatore a vincere nella stessa stagione Premier League, Champions League e Coppa del mondo per club Fifa con il Manchester United. Il primo calciatore portoghese ad aver vinto tre Palloni d'oro, nel 2008, 2013 e 2014. Il primo ad aver segnato contro ogni squadra nella Liga spagnola in una sola stagione. Ha anche il record per il maggior numero di gol segnati in una stagione per il Real Madrid e per aver realizzato più di 50 gol in cinque stagioni consecutive. Il suo trasferimento dal Manchester al Real nel 2009 per 94 milioni di euro è stato per anni il più oneroso della storia del calcio. Della sua carriera sportiva si sa tutto, ma poco o nulla si conosce dell'uomo. Quarto figlio non voluto di una famiglia povera di Madeira in Portogallo, padre alcolizzato e assente, Cristiano sin da bambino non si staccava dal pallone. È un narcisista e un perfezionista, un maniaco dell'allenamento e della forma fisica, il primo a iniziare gli allenamenti e l'ultimo ad andarsene...
10,90

CR7. La biografia

di Guillem Balague

Libro: Copertina rigida

editore: Piemme

anno edizione: 2015

pagine: 398

"Cristiano Ronaldo è un'ala destra? Anche. Cristiano Ronaldo è un'ala sinistra? Pure. Cristiano Ronaldo è un centravanti? Quando vuole. Cristiano Ronaldo è un difensore? A volte. Cristiano Ronaldo segna di testa? Sì. Segna di destro? Certamente. E i gol di sinistro? Se gli capita." I mass media non smettono di cantarne le gesta. Perché Ronaldo è un fenomeno, una macchina da record. Ha segnato 100 gol in un anno. È stato il primo giocatore a vincere nella stessa stagione Premier League, Champions League e Coppa del mondo per club Fifa con il Manchester United. Il primo calciatore portoghese ad aver vinto tre Palloni d'oro, nel 2008, 2013 e 2014. Il primo ad aver segnato contro ogni squadra nella Liga spagnola in una sola stagione. Ha anche il record per il maggior numero di gol segnati in una stagione per il Real Madrid e per aver realizzato più di 50 gol in cinque stagioni consecutive. Il suo trasferimento dal Manchester al Real nel 2009 per 94 milioni di euro è stato per anni il più oneroso della storia del calcio. Della sua carriera sportiva si sa tutto, ma poco o nulla si conosce dell'uomo. Quarto figlio non voluto di una famiglia povera di Madeira in Portogallo, padre alcolizzato e assente, Cristiano sin da bambino non si staccava dal pallone. È un narcisista e un perfezionista, un maniaco dell'allenamento e della forma fisica, il primo a iniziare gli allenamenti e l'ultimo ad andarsene...
19,90

Pep Guardiola. Un altro modo di vincere. La biografia

di Guillem Balague

Libro

editore: LIBRERIA DELLO SPORT

anno edizione: 2013

pagine: 352

Guardiola ha iniziato la sua parabola nel mondo del calcio affermandosi come centrocampista nel Barcellona, il club dove ha passato la maggior parte della sua carriera. Dopo il ritiro come giocatore e aver viaggiato per il mondo, è diventato allenatore della squadra riserve del Barcellona e un anno dopo, nel 2008, è stato promosso ad allenatore della prima squadra. Stagione dopo stagione ha guidato il club a straordinari successi (ha vinto 13 delle 16 competizioni a cui le sue squadre hanno partecipato) ed è diventato il più giovane allenatore di sempre a vincere la Champions League. Guardiola si è guadagnato una lunghissima lista di riconoscimenti come allenatore e manager del Barcellona, culminati nel gennaio del 2012 quando è stato nominato Allenatore dell'Anno dalla FIFA. Alla fine della stagione 2011/12 ha rassegnato le sue dimissioni da allenatore del Barça dopo quattro anni di risultati che non hanno precedenti nella storia del calcio. Alcuni la chiamano rivoluzione, altri evoluzione, ma in ogni caso l'influenza di Guardiola va ben oltre il calcio. Rappresenta uno stile, un club, una nazione e anche dei valori, in un momento in cui non se ne trovano molti in giro. Questo libro di Guillem Balague va in profondità nel raccontare come Pep Guardiola è riuscito a farcela, giocando bene a calcio e vincendo.
17,90

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.