Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Bruno Pedretti

Memoria della malinconia

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2022

pagine: 144

A., «letterato maturo di età e di sconfitte», in vacanza su un'isola viene abbandonato dall'amata, la sua Musa. Precipita così in un vortice di stati d'animo e pensieri malinconici, che inizia ad annotare in quaderni che «conoscono solo il lamento». Le cronache e le figure che scandiscono il soggiorno, i piccoli spettacoli e drammi che ne emergono, le parabole del suo amico, maestro di «catarsi romanzata» anche nel lutto che lo ha colpito, le fiabe allusive che A. improvviserà con la nipotina e i suoi amichetti, persino le tragedie collettive che in quei giorni «anneriscono i titoli dei giornali»: ogni evento viene intrappolato nei segni e nelle scene dell'amore che finisce, nelle fantasie, nei comportamenti e nei sogni conturbanti che commemorano l'amata. Tutto si sottomette allo sguardo analogico e maniacale dell'umore saturnino, tutto obbedisce al «teatro malinconico».
17,00

Il culto dell'autore. Le arti al tempo della civiltà estetica

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: Quodlibet

anno edizione: 2022

pagine: 139

Dal culto dell'autore in un'epoca di «creatività democratica» al kitsch e alla parodia come linguaggi obbligati delle arti, dalle «due modernità» divise tra metafore e formule sino alle dispute intorno al valore civile dell'immagine: cinque saggi sulla funzione egemonica dell'estetico nel mondo moderno. Il culto dell'autore e l'autorialità come compensazione della perduta autorità delle culture artistiche, il ruolo del complessivo sistema delle arti in un mondo di «creatività democratica» ed estetizzazione diffusa, la figura del bricoleur come inatteso depositario del pensiero artistico nell'epoca delle «due culture» divise tra metafore e formule, le dispute intorno all'immagine e alle finzioni della «credulità estetica», sino alla parodia come linguaggio obbligato delle arti in una modernità continuamente attratta dal «principio illusione» del kitsch: questi snodi, concetti e problemi vengono connessi nel libro quali segni della funzione sempre più dominante acquisita dall'estetico nel mondo contemporaneo. Evitando le scorciatoie e rigidità manichee che gravano sulle lamentazioni contro il potere dell'immagine, i saggi qui riuniti si configurano come una «rapsodia» critica, tematica e allo stesso tempo narrativa, volta a ritrarre quella che viene definita la moderna civiltà estetica.
12,00

Il morbo della parola. Una tragedia

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2020

pagine: 96

Un morbo letale e sconosciuto sta colpendo l'intera popolazione. Il contagio disdegna gli animali e le altre forme di vita ma, raggiunto l'uomo, lo elegge a suo ospite prediletto. Il morbo si insinua nei corpi scegliendo di volta in volta gli organi da aggredire, senza che se ne possano capire l'origine e la catena di trasmissione. Davanti a un'epidemia tanto potente e inspiegabile da zittire le parole della scienza medica, anche le leggi di governo si smarriscono e la civiltà nel suo insieme diventa vittima del flagello, amplificando l'ammorbamento dei singoli corpi nella corruzione del corpo sociale. È su questo scenario, dove la realtà drammatica veste le forme di un teatro allegorico, che si muovono le due figure centrali della narrazione: il medico Pato e lo scrittore Ezio, che ci guidano tra i luoghi, i personaggi, le vicende, i discorsi dell'epidemia, fino a che la loro interpretazione del contagio, costretta a fronteggiare un ricatto imposto dai governanti, porterà a un grottesco festino finale.
15,00

Charlotte. La morte e la fanciulla

di Bruno Pedretti

Libro

editore: Skira

anno edizione: 2015

Charlotte Salomon, giovane artista ebrea berlinese, prima di essere travolta dall'uragano nazista fece in tempo a raccontare in pittura la propria vita. Nata nel 1917 in una famiglia segnata da numerosi suicidi e vittima della follia razziale hitleriana, morirà a soli ventisei anni, incinta di quattro mesi, in una camera a gas di Auschwitz. È al suo capolavoro autobiografico Vita? o Teatro? (un'opera pittorica, teatrale e musicale) che si ispira Bruno Pedretti, rintracciando nell'esperienza di Charlotte i segni di un dramma che travalica la storia e precipita come tragedia inappellabile. Carica del peso di un dramma familiare che va oltre il suo personale destino, Charlotte sfidò gli estremi del dolore e dell'offesa riscattandoli con l'arte, per lasciarci in eredità uno dei canti più alti del nostro tempo.
15,00

Mascia e l'Orso

di Bruno Pedretti, Simona Meisser

Libro: Copertina morbida

editore: dino&pulcino

anno edizione: 2015

pagine: 32

"Mascia e l'Orso" è una antica fiaba popolare russa che Gigliola Sarzi, burattinaia e figlia d'arte, porta in scena da anni nella versione del fratello Otello. Bruno Pedretti ha scritto questo racconto ispirandosi al suo spettacolo e Simona Meisser ha illustrato con fantasia. Età di lettura: da 4 anni.
11,00

La sinfonia delle cose mute

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: Mondadori

anno edizione: 2012

pagine: 267

Vienna, 1827. Un'immensa folla riempie le strade, riunita per l'estremo saluto al sommo musicista. Tra gli altri anche il giovane Gerhard von Breuning, scosso dai singhiozzi. Lui ha capito che Beethoven, l'uomo collerico, allergico a ogni servilismo, reso burbero dalla sordità, è colui che più di ogni altro ha saputo attingere dagli abissi primordiali dell'umanità il mistero del suono con cui la vita si dichiara. Tokyo, 1872. Mori Noboru rientra in Giappone dopo cinque anni in Europa. Ha studiato la cultura "barbarica" ed è uno dei più convinti fautori del nuovo. La filosofia e le tecniche più moderne dovranno ispirare l'era inaugurata dall'imperatore Meiji, insieme alla musica per pianoforte e alle sinfonie di Beethoven. Ma l'ostilità all'apertura verso l'Occidente cresce intorno a lui sino alla violenza. Solo l'amatissima sorella Yumi si lascerà contagiare dalla meraviglia arcana della musica insieme a Noboru, fino alla vertigine... Berlino, 1947. Il famoso direttore d'orchestra Wilhelm Furtwangler - reduce dall'umiliante "processo di denazificazione" per aver diretto i Berliner Philharmoniker negli anni hitleriani - giunge nella città colma di macerie, percorsa da figure della follia e del dolore e sente che le ombre della storia continuano a soverchiarlo.
18,00

La forma dell'incompiuto. Quaderno, abbozzo e frammento come opera del moderno

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: UTET Università

anno edizione: 2007

pagine: 100

Come è emerso in epoca moderna il concetto di opera d'arte e dell'ingegno quale forma dell'incompiuto? Le varie tradizioni artistiche e letterarie del quaderno di meditazioni e dell'abbozzo pittorico, del frammento filosofico e del taccuino di viaggio, del collage visivo e del diario autobiografico mostrano come il declino dello statuto tecnico e finalistico dell'opera abbia aperto la strada a uno statuto viceversa cognitivo delle forme espressive moderne, nelle quali - secondo la definizione di Heinrich von Kleist - "il pensiero viene parlando". Per affrontare questa profonda trasformazione culturale, il volume procede anch'esso a frammenti che propongono incursioni tra le fonti artistiche, letterarie e filosofiche che meglio restituiscono il rovesciamento del significato delle opere da teleologico in processuale, non finito, rapsodico e memorialistico, così come esso si manifesta in autori che spaziano da Montaigne a Leopardi e Valéry, da Baudelaire a Wittgenstein e Benjamin, dall'impressionismo al Surrealismo e all'arte gestuale. Il declino della verità finalistica delle opere che doveva portarle - come ha scritto Friedrich Nietzsche - "dalla perfezione al divenire", viene infine analizzato nella deriva verso l'indistinto tra arte e vita, tra finzione e realtà che segna molti fenomeni culturali contemporanei.
11,00

Michele Reginaldi. Disegni e costruzioni. Oratorio della Passione, Basilica di Sant'Ambrogio, Milano

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: Bolis

anno edizione: 2005

pagine: 72

Il volume si pone come guida all'esposizione tenutasi nell'aprile del 2005 nel Museo della Basilica di Sant'Ambrogio a Milano. La mostra ha presentato un'ampia scelta delle opere plastiche in ottone e dei disegni di Michele Reginaldi divise in quattro "famiglie" (morfologie attorno al cerchio, morfologie della verticalità, strutture leggere, costruzioni per l'architettura) e una sezione dedicata a 60 "quaderni bianchi" che racchiudono le riflessioni dell'autore sull'arte astratta dello spazio.
20,00

Patmos

di Bruno Pedretti

Libro: Copertina morbida

editore: Marinotti

anno edizione: 2008

pagine: 266

18,50

Charlotte. La morte e la fanciulla

di Bruno Pedretti

Libro

editore: Giuntina

anno edizione: 1998

pagine: 164

12,39

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.