Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Caterina Varzi

Una passione libera. In forma di autobiografia

di Tinto Brass, Caterina Varzi

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio

anno edizione: 2021

pagine: 256

Su Tinto Brass circolano tanti falsi miti. Questa autobiografia si ripropone di sfatarli, per consegnare ai «posteriori» un ritratto intimo, una confessione schietta e irriverente che rimette alla loro «ardua sentenza» l'anima, il pensiero, la vita tutta dell'uomo e del regista. L'occasione per farlo viene dal recupero della memoria perduta, dal ricordo del passato che, grazie all'amorevole aiuto della moglie Caterina, musa e compagna, rivive nelle parole appassionate del «re dell'eros», salvate dall'oblio a cui la malattia ha rischiato di condannarle. Nato a Milano ma profondamente legato a Venezia, città che gli è «madre, moglie e amante», ha fin da piccolo un'indole ribelle. Insofferente a ogni forma di autorità, ben presto rompe con la famiglia, che lo considera un giovane scapestrato e libertino, un viveur che ama dare scandalo. Affacciatosi all'universo cinematografico come proiezionista e assistente al montaggio alla Cinémathèque française di Parigi, di ritorno in Italia entra a gamba tesa nel mondo della regia con Chi lavora è perduto, l'opera d'esordio che segnerà l'inizio delle battaglie contro i critici e la censura. A chi nei suoi film «non vede altro che culi», il «nipotino di Orson Welles» replica con sillogismi aristotelici e decaloghi eticofilosofici, difendendo la sua produzione erotica a suon di stoccate al perbenismo borghese e ai tabù di una società ipocrita e ottusamente bigotta. Forte dell'appoggio di giganti come Rossellini, Fellini e Pasolini, porta in scena una critica politica e sociale che, dal primo all'ultimo film - dai più militanti a quelli accusati di essere «frivoli e superficiali» -, esprime una sete inestinguibile di libertà.
18,00

Madame Pipì

di Tinto Brass, Caterina Varzi

Libro: Copertina rigida

editore: Bompiani

anno edizione: 2014

pagine: 140

Antoinette ha 40 anni e lavora come addetta alla sorveglianza delle toilettes in una brasserie parigina. Qui conosce François, dieci anni più giovane di lei, vicedirettore di un istituto di cura di patologie psichiatriche. L'attrazione che scatta subito fra di loro è contraddistinta dall'ossessione di lui per l'ordine e la disciplina e dal bisogno di lei di trovare nell'altro la sicurezza che non ha mai avuto, per avere la quale è pronta a ogni genere di sottomissione. Padrone e schiava, vittima e carnefice, entrambi persi in un gioco di seduzione forte e imprevedibile. In mezzo, a turbare questo idillio perverso, il figlio di Antoinette, Charlot, un bambino affetto da una lieve forma di autismo. Normalità e follia si implicano a vicenda: dove finisce luna e inizia l'altra? E il richiamo di eros, non aggirabile, quale dimensione preferisce per scatenarsi? Nell'amore il sovvertimento della "norma" coincide con la follia! Dove tutto scorre "normalmente" siamo di fronte a qualcosa di anormale. Le ambivalenze e le contraddizioni dell'amore, la ferocia della manipolazione che assume la maschera di una razionalità calcolatrice, la follia sono i temi del primo inquietante romanzo degli autori.
13,00

Ma io vedo più in là. Autobiografia dello sguardo più eretico del cinema italiano

di Tinto Brass, Caterina Varzi

Libro: Copertina rigida

editore: TEA

anno edizione: 2014

pagine: 300

Incalzato dalla voce di Caterina Varzi, psicanalista e sua ultima musa ispiratrice, Tinto Brass si racconta in un libro autobiografico che per la prima volta ripercorre tutto la sua vita e la sua carriera di regista. Dall'infanzia a Venezia alla formazione a Parigi, dalla contestazione a Londra alle provocazioni di Roma, i retroscena, gli incontri e gli scontri con registi, attrici, produttori, critici... ci scorre davanti un percorso artistico assolutamente unico, fatto di ricerca, trasgressione, erotismo e soprattutto grande libertà creativa e di pensiero. Una libertà sempre difesa e pagata a caro prezzo con incomprensioni, attacchi, insulti e vera e propria censura. "Ma io vedo più in là" è la testimonianza più autentica di tutto questo, grazie anche allo straordinario apparato di fotografie e documenti estratti con pazienza dai due autori e complici dallo sterminato e pressoché inedito archivio privato del regista. Un libro visionario.
39,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.