Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Donald Sassoon

Il trionfo ansioso. Storia globale del capitalismo

di Donald Sassoon

Libro: Copertina rigida

editore: Garzanti

anno edizione: 2022

pagine: 828

Le imprese capitaliste esistono, in varie forme, sin dall'antichità, ma solo in tempi molto recenti il capitalismo si è impadronito del mondo. Per la prima volta nella storia dell'umanità, oggi un sistema economico è capace di garantire un alto livello di benessere e di consumi alla maggioranza di cittadini che hanno la fortuna di vivere all'interno dei suoi confini. Con questo libro Donald Sassoon, tra i più brillanti storici europei, analizza l'impatto che il capitalismo ha avuto nella formazione degli stati moderni, in che modo la creazione di comunità nazionali, del welfare state e di una regolamentazione del mercato hanno contribuito a rafforzarlo, e come esso si sia sempre dimostrato capace di innovarsi nella ciclica e inevitabile alternanza di vincitori e vinti, di trionfi e catastrofi. Ed è proprio da questa cronica e ansio - sa instabilità che nasce anche il bisogno del capitalismo di disciplinarsi e darsi regole. "Il trionfo ansioso" getta nuova luce sulle questioni economiche, politiche, sociali del recente passato e offre una nuova chiave di lettura per interpretare con rigore il nostro presente.
30,00

Sintomi morbosi. Nella nostra storia di ieri i segnali della crisi di oggi

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Garzanti

anno edizione: 2021

pagine: 324

«La crisi consiste appunto nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere: in questo interregno si verificano i fenomeni morbosi più svariati.» Così scriveva Antonio Gramsci oltre ottant'anni fa nella prigione fascista di Turi. Muovendo da questa intuizione, lo storico Donald Sassoon, profondo conoscitore del nostro paese, si chiede quali sono oggi i segnali della crisi che sembra stia condannando al declino la civiltà occidentale. Dalla proliferazione di movimenti nazionalisti e sovranisti alle sempre più frequenti manifestazioni razziste e xenofobe, dalla sfiducia nei partiti tradizionali all'aumento delle diseguaglianze, l'impressione è di trovarsi in un cruciale momento di passaggio, in quell'interregno fra il tramonto del vecchio e l'affermazione del nuovo in cui si corrono i rischi maggiori di rapide regressioni. Al centro della sua analisi vi è la crisi che sta attraversando il Vecchio Continente, le probabilità di una sua implosione, ma anche le motivazioni e le ragioni della sempre più evidente disaffezione nei confronti di un'Europa unita che subisce attacchi da ogni fronte e viene troppo debolmente difesa da chi dovrebbe rappresentarla.
14,00

L'alba della contemporaneità. La formazione del mondo moderno, 1860-1914

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Padova University Press

anno edizione: 2019

«Il capitalismo come lo conosciamo può diventare globale senza danneggiare il nostro globo? Questa è la domanda più importante che si presenta a tutti noi, e come tutte le domande veramente importanti non è di facile risposta.» (D. Sassoon)
12,00

Sintomi morbosi. Nella nostra storia di ieri i segnali della crisi di oggi

di Donald Sassoon

Libro: Copertina rigida

editore: Garzanti

anno edizione: 2019

pagine: 322

«La crisi consiste appunto nel fatto che il vecchio muore e il nuovo non può nascere: in questo interregno si verificano i fenomeni morbosi più svariati.» Così scriveva Antonio Gramsci oltre ottant'anni fa nella prigione fascista di Turi. Muovendo da questa intuizione, lo storico Donald Sassoon, profondo conoscitore del nostro paese, si chiede quali sono oggi i segnali della crisi che sembra stia condannando al declino la civiltà occidentale. Dalla proliferazione di movimenti nazionalisti e sovranisti alle sempre più frequenti manifestazioni razziste e xenofobe, dalla sfiducia nei partiti tradizionali all'aumento delle diseguaglianze, l'impressione è di trovarsi in un cruciale momento di passaggio, in quell'interregno fra il tramonto del vecchio e l'affermazione del nuovo in cui si corrono i rischi maggiori di rapide regressioni. Al centro della sua analisi, la crisi che sta attraversando il Vecchio Continente: le probabilità di una sua implosione, ma anche le motivazioni e le ragioni della sempre più evidente disaffezione nei confronti di un'Europa unita che subisce attacchi da ogni fronte e viene troppo debolmente difesa da chi dovrebbe rappresentarla. Da «ebreo nato in Egitto con passaporto britannico, con studi in Francia, Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti», Donald Sassoon è in una posizione privilegiata per interpretare senza pregiudizi la moltitudine di umori, sensibilità, scelte di vari paesi, e ci offre la lezione di un grande storico capace di decifrare la complessità dell'oggi sciogliendo con maestria gli intricati fili provenienti dal nostro passato.
19,00

Brexit. Buona fortuna, Europa

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Luca Sossella Editore

anno edizione: 2017

pagine: 68

E dunque eccoci ancora una volta a discutere dell'Europa. Qualcuno pensa sia ovvio: non abbiamo sempre discusso dell'Europa? In realtà no: noi europei abbiamo cominciato a discuterne solo di recente, a partire dalla seconda guerra mondiale. Quando l'Europa era il centro dell'universo, più di centocinquant'anni fa, gli europei non parlavano dell'Europa, ma delle rispettive nazioni. Ma ora che ogni nazione europea, perfino la Francia, perfino la Gran Bretagna, perfino la Germania, appartiene alla periferia del mondo, parliamo incessantemente dell'Europa, ci domandiamo quale sia il suo ruolo, dove vada. La Gran Bretagna è tutta sola e l'Europa è più disunita che mai proprio nel momento in cui il mondo deve fare i conti con Donald Trump. Buona fortuna, Europa!
8,00

Quo vadis Europa?

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2016

pagine: 41

Quale Europa stiamo consegnando alle nuove generazioni nate nell'ultimo decennio del XX secolo? Un'Europa disunita, un'Europa ancora meno centrale per i destini del mondo di quella degli anni Sessanta, un'Europa timorosa del cambiamento, pronta a incolpare altri. Sarà anche un'Europa più povera, dove le possibilità per i giovani di trovare lavoro saranno assai inferiori a quelle esistite nell'epoca aurea degli anni Sessanta e Settanta. Ma forse, se abbastanza persone domandano "Quo vadis Europa?", una strada si troverà.
5,00

Quo vadis Europa?

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2014

pagine: 42

L'Europa non è mai esistita come singola entità, e gli europei ne hanno cominciato a parlare solo quando è scivolata dal centro alla periferia del mondo. Malgrado la retorica, non c'è molto di integrato nell'Unione Europea e non basta certo la moneta unica per farne uno Stato. Ciò nonostante, perché tanta delusione? Gli europei non hanno mai vissuto un periodo così lungo di prosperità e di pace. Interrogandosi sull'incerto futuro del continente, Donald Sassoon bilancia il pessimismo dell'analisi con l'invito a cercare una strada ancora percorribile e a riconoscere "il miracolo di un'associazione di ventotto Paesi che non hanno molto in comune ma che, malgrado tutto, cercano di trovare un modo di convivere".
6,00

Buoni e cattivi nella cultura popolare

di Donald Sassoon

Libro

editore: Aragno

anno edizione: 2012

3,00

Intervista immaginaria con Karl Marx

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2014

pagine: 64

Sassoon "resuscita" Karl Marx per un'intervista esclusiva, nella quale il grande filosofo dimostra di averne per tutti: rivendica la validità del suo pensiero quale chiave di comprensione del mondo contemporaneo, spara a zero sui mostri sacri del pensiero economico e politico, ribadisce l'essenza delle sue idee contro gli abusi e le distorsioni di epigoni e detrattori. Affrontando personaggi e argomenti come Bill Clinton, Hegel, Stalin o il femminismo, il Marx di Sassoon diventa allora il mezzo per una ricapitolazione della storia della sinistra e per una riflessione sui suoi errori e sul nucleo ancora vitale delle idee che l'hanno sostenuta.
6,00

Togliatti e il partito di massa. Il PCI dal 1944 al 1964

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2014

pagine: 380

Una nuova edizione del classico della storiografia sul Partito comunista italiano di Donald Sassoon, arricchita da un'introduzione inedita dell'autore e dalla prefazione di Eric J. Hobsbawm all'edizione inglese. Coprendo un arco di tempo che va dagli ultimi anni del secondo conflitto mondiale fino alla morte di Palmiro Togliatti, il libro è uno studio meticoloso e articolato della complessa figura del leader comunista, di cui viene messa in risalto l'unicità all'interno del panorama politico occidentale del dopoguerra. Sassoon mostra con grande chiarezza espositiva come l'azione politica di Togliatti si sia sviluppata in uno dei periodi più difficili della recente storia italiana e internazionale, ovvero durante la nascita e il consolidamento del precario equilibrio della guerra fredda e la concomitante rifondazione delle democrazie postbelliche. Proprio in questi anni prende forma la peculiare esperienza politica di Palmiro Togliatti e del suo partito comunista: il più grande sconfitto e, insieme, uno dei protagonisti decisivi della rinascita dell'Italia democratica e liberale.
25,00

La cultura degli europei. Dal 1800 a oggi

di Donald Sassoon

Libro: Copertina morbida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2011

pagine: 1741

Un ambizioso viaggio nella cultura. Ma quale cultura, e soprattutto quella di chi? È partendo da questa domanda che Donald Sassoon, in una monumentale analisi comparativa delle opere che hanno costruito l'immaginario europeo degli ultimi secoli, smantella la tradizionale distinzione tra cultura alta e bassa. Con l'occhio penetrante dello storico ne ripercorre lo sviluppo: da un mondo quasi analfabeta, disseminato di blocchi di conoscenza isolati da comunicazioni imperfette, fino a un presente interconnesso in cui un sapere fluido è accessibile a tutti. In particolare negli ultimi anni abbiamo assistito a un'esplosione dei consumi e la cultura si è rideclinata "come impresa e come professione": produce e distribuisce i propri artefatti su un mercato di massa, che si tratti di carta stampata, radio, cinema, televisione, fino alle più recenti tecnologie digitali. Partendo da questa concezione allargata e moderna di un concetto antico, Sassoon analizza i pezzi più amati del repertorio culturale dell'intera Europa, spaziando con naturalezza dal romanzo storico di Walter Scott alle strisce comiche di Asterix, dalle opere di Verdi ai brani pop scaricabili da internet, da Quo Vadis? a Harry Potter, da Godard a Dallas. Perché la cultura vive e si evolve nutrendosi di se stessa, in un continuo trasformarsi che conosce sì improvvisi scarti di gusto, ideologia, morale, ma in fondo oscilla continuamente tra la citazione e la dissacrazione.
17,90

Come nasce un dittatore. Le cause del trionfo di Mussolini

di Donald Sassoon

Libro: Copertina rigida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2010

pagine: 189

Un'Italia devastata e in crisi; un Parlamento fragile e passatista; la debolezza sul piano internazionale e la crisi economica; il malcontento della classe operaia e dei braccianti; il timore di una rivoluzione rossa; un Paese ancora incapace di concepirsi unito. È questa la congiuntura di eventi che creò le condizioni di una dittatura destinata a essere abbattuta solo dopo la più distruttiva delle guerre. Questo libro racconta l'ascesa di un politico avveduto e calcolatore che seppe usare la retorica futurista - a partire dal suo giornale - per cavalcare un desiderio di rinnovamento diffuso e insieme tranquillizzare le élite sociali assumendo i toni di un governo liberale. Sottovalutato dagli oppositori e dai suoi stessi alleati, si presentò come il leader carismatico di un partito che, dapprima ininfluente, conquistò rapidamente il gradimento degli elettori. Sfruttò le debolezze di un sistema parlamentare corrotto e le spaccature interne all'opposizione per affermarsi come unico portavoce di un progetto forte. Investito dal consenso popolare, il 29 ottobre 1922 l'homo novus attraversò un'Italia fantasma sul treno notturno Milano-Roma per ricevere dal re l'incarico di formare il nuovo governo, guidando da Presidente del consiglio la simbolica marcia su Roma in testa al corteo delle camicie nere. Ebbe così inizio il Ventennio. In quatro libro, Sassoon mette a fuoco le ragioni storico-politiche e le dinamiche sociali e culturali che hanno portato all'ascesa trionfale del Duce.
17,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.