Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Emilia Restiglian

Valutazione della qualità nei servizi per l'infanzia. Sistemi e strumenti

di Emilia Restiglian

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2020

pagine: 200

La qualità nei contesti educativi è un concetto polisemico e difficilmente definibile in modo univoco o esaustivo. Essa è infatti ricerca, progettualità, innovazione, confronto, miglioramento, professionalità. In Italia da molto tempo la qualità è ambito di ricerca e di azione nei nidi e nelle scuole dell'infanzia e risulta fondamentale se intendiamo collocare il pensiero pedagogico-educativo entro un quadro di riferimento nazionale ed europeo, soprattutto dopo l'emanazione del decreto legislativo 65/2017, che ha istituto il sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni. Il testo riflette sulle motivazioni e sugli strumenti che possono supportare la valutazione della qualità nei nidi e nelle scuole dell'infanzia, offrendo un panorama comparativo su gran parte dei dispositivi di valutazione sviluppatisi nel nostro paese, con l'intento di promuovere e contribuire a diffondere la cultura della qualità tra educatori e insegnanti.
18,00

Valutare nella scuola e nei contesti educativi

Libro: Copertina morbida

editore: CLEUP

anno edizione: 2019

pagine: 298

Il volume intende riportare il tema della valutazione al centro dell'attenzione di educatori e insegnanti, come momento determinante all'interno dei processi di insegnamento e apprendimento. Si tratta di un testo rivolto agli studenti dei corsi preparatori alle professioni educative e all'insegnamento, ma anche a quei docenti che decidono di accettare la sfida della valutazione, ossia di (ri)affrontare un tema spesso vissuto come critico nella scuola e che necessita di una riflessione profonda, oltre che di essere padroneggiato con metodi e strumenti efficaci. Il lettore ha la possibilità di approcciare l'argomento muovendo dagli spunti teorici offerti nei primi capitoli o cominciando dalla lettura delle pratiche proposte nella seconda parte, o, ancora, affrontando gli elementi critici di alcune delle recenti prospettive della ricerca valutativa delineati nella parte conclusiva. L'elemento di originalità del volume risiede nei riferimenti concreti a contesti autentici prospettati e delineati da insegnanti e formatori, che hanno messo in atto le pratiche illustrate.
21,00

Progettare al nido. Teorie e pratiche educative

di Emilia Restiglian

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2012

pagine: 287

Saper progettare percorsi educativi è la competenza più richiesta all'educatore della prima infanzia e qualifica una professione in costante ascesa, sostenuta oggi dai curricoli universitari a essa dedicati, ma che rischia ancora di configurarsi come mera attività assistenziale praticabile da chiunque. Il testo illustra gli elementi fondanti della progettualità educativa in un servizio per bambini da 0 a 3 anni e, a partire dai concetti di programmazione e progettazione, arriva a definire format di micro e macroprogettazione. La riflessione inoltre spazia su elementi collegati quali: il ruolo e le competenze dell'educatore nella sua relazione con i bambini, con le famiglie e con il personale della struttura e la predisposizione del setting educativo per quanto concerne tempi, spazi e materiali, soprattutto nell'ambito delle routine. Il volume intende porsi come strumento sia per la formazione degli operatori del settore, sia per lo studio universitario, ma è utile a chiunque voglia avvicinarsi al lavoro progettuale dell'educatore a partire da riferimenti teorici chiari e definiti, legati a strumenti pratici e aggiornati.
22,00

Narrazione e documentazione educativa. Percorsi per la prima infanzia

di Marina De Rossi, Emilia Restiglian

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2013

pagine: 207

La documentazione è un'esigenza diffusa nei servizi per la prima infanzia, ma, per una serie di ragioni complesse, non sempre viene realizzata in forma sistematica e continua. Sono innegabili, comunque, la significatività e le potenzialità offerte, per le quali sembra importante riservare maggior spazio alla riflessione scientifica. Documentare significa rendere visibile la natura sia dei processi di apprendimento e delle strategie cognitivo-emotive usate da ciascun bambino, sia dei metodi, delle tecniche e degli strumenti messi in campo nell'azione educativa. Il volume si focalizza in modo particolare sulla documentazione narrativa e digitale, introducendo il lettore all'uso di strumenti efficaci in relazione alla progettazione, all'osservazione e alla valutazione. Ipotizzando un modello di documentazione narrativa digitale volto allo sviluppo di comunità di pratica professionali, la documentazione viene posta come strumento di eccellenza nello sviluppo di processi trasformativi che si giocano tra realtà e memoria, di sicura utilità per la formazione dei professionisti dell'educazione.
16,00

La formazione iniziale degli educatori della prima infanzia

di Emilia Restiglian

Libro: Copertina morbida

editore: Zeroseiup

anno edizione: 2017

pagine: 68

La formazione degli educatori della prima infanzia è un argomento che interessa e coinvolge da tempo ricercatori e operatori del settore. Lo sviluppo delle competenze professionali in quest'area, infatti, risulta oggi fondamentale per progettare, realizzare e valutare esperienze educative nei nidi d'infanzia e molti atenei italiani hanno attivato lauree di primo livello della classe "Scienze dell'Educazione e della Formazione", talora specifiche per la prima infanzia, proprio per questo motivo. In molti casi però, l'offerta formativa comprende percorsi di formazione iniziale generalisti, che guardano al profilo dell'educatore non sempre concentrandosi sulle specificità per il target prima infanzia. Il lavoro analizza i percorsi di L19 "Scienze dell'educazione e della formazione" degli atenei italiani che hanno indicato l'educazione della prima infanzia tra gli sbocchi occupazionali, ponendo alcune questioni fondanti e utili a un'eventuale riformulazione dei piani di studio che tenga conto della specificità del sistema di educazione e di istruzione dalla nascita sino a sei anni disegnato dal Decreto 65/2017.
8,40

Giocare con i suoni. Esperienze e scoperte musicali nella prima infanzia

di Emilia Restiglian, Silvia Azzolin

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2013

pagine: 191

Giocare con i suoni, esplorarli, toccarli e "farsi toccare" da loro è una delle esperienze più significative della prima infanzia. Ogni persona ha una sua musicalità che nasce e si sviluppa proprio da queste precoci esperienze. Questo volume è dedicato a caregiver, educatori, genitori che vogliono scoprire perché e come è importante giocare con i suoni e le musiche sin dalla nascita. A partire da un'analisi della letteratura scientifica in materia, il testo cerca di dare ragione a una progettazione musicale condivisa per un servizio alla prima infanzia e offre una panoramica sulle esperienze italiane più significative in merito. Ampio spazio è dato a semplici suggerimenti, accompagnati da esempi musicali (disponibili on line) che possono costituire tracce di lavoro per un approccio educativo globale dove mente e corpo si integrano nell'esperienza sonora e musicale.
13,00

Valutare. Sviluppi teorici, percorsi e strumenti per la scuola e i contesti formativi

Libro: Copertina morbida

editore: CLEUP

anno edizione: 2017

pagine: 260

Il libro, attraverso un linguaggio semplice, seppure corredato di termini specifici propri del campo d'indagine, offre una panoramica sui diversi aspetti che caratterizzano la valutazione nei contesti educativi, offrendo la possibilità di riflettere su questo tema attraverso molteplici percorsi di lettura. Esso, infatti, lascia al lettore la scelta di approcciare l'argomento, muovendo dagli spunti teorici offerti nei primi capitoli, o cominciando dalla lettura delle pratiche proposte nella seconda parte, o ancora, affrontando gli elementi critici di alcune delle recenti prospettive della ricerca valutativa, delineati nella parte conclusiva. Elemento di originalità dell'opera risultano i suoi riferimenti concreti a contesti autentici, prospettati e interpretati dagli stakeholder, dirigenti, insegnanti, formatori, che hanno messo in atto le pratiche illustrate.
20,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.