Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Fabio Gabrielli

Il corpo in vetrina. Cura, immagine, benessere, consumo tra scienza dell'alimentazione e filosofia

Libro: Copertina morbida

editore: Springer Verlag

anno edizione: 2010

pagine: 92

L'obesità è una patologia che comporta gravi rischi per la salute ed è in continuo aumento, ma in realtà soltanto il 10% delle persone obese o soprappeso sono a dieta, mentre è a dieta quasi il 20% di coloro che non ne hanno bisogno. È uno dei paradossi del mondo attuale, o meglio, dei paesi industrializzati: nel resto del mondo, gran parte della popolazione soffre ancora di grave malnutrizione, mentre molti di noi si mettono a dieta soltanto per essere più belli; non solo, anche e soprattutto per essere più felici. Oggi chi non sceglie la felicità è considerato un perdente e finisce per sentirsi inadeguato, lacerato dalla vergogna, che nella nostra epoca ha preso il posto della colpa e annulla la stima di sé. Si impone dunque una riflessione profonda sulla nostra vita quotidiana, sul senso delle nostre azioni, sulle finalità che ci proponiamo, sui valori a cui ci affidiamo. Gli autori affrontano il tema spaziando a tutto tondo e toccando tanti argomenti apparentemente diversi tra loro - dalla piramide alimentare alla medicalizzazione della società odierna, dalle strategie contro il consumismo alla rivalutazione del senso del limite - con il fine di orientare le nostre scelte di vita all.interno di una società sempre più complessa e artificiale.
14,95

La relazione e lo schermo. Figure antropologiche del digitale

di Fabio Gabrielli, Marco Bacini

Libro: Copertina morbida

editore: RUBBETTINO

anno edizione: 2021

pagine: 140

Il nostro corpo ha assunto oggi uno stile e un contenuto irriducibili a ogni altra epoca: l'ibridazione con i dispositivi tecnologici della comunicazione e dell'informazione. Il tutto nel segno di una circolarità ininterrotta tra i nostri corpi e il digitale, con ovvie conseguenze sulla nostra identità, sulle scelte che facciamo, sui nostri gusti, sulla memoria di cui siamo depositari. L'ibridazione tra uomo e tecnologie informatiche e della comunicazione è ormai in atto, quindi la sua messa in scena è una realtà da accogliere e pensare a fondo in termini di portata esistenziale e di prospettive. Di conseguenza, una riflessione antropologica seria non deve porsi la domanda se il virtuale, separato indebitamente dal reale, sia buono, ma cosa comporta la realtà aumentata per la nostra vita. Lo scopo sarà quello di ipotizzare una poetica del digitale capace di promuovere unicità, creatività, bellezza comunitaria.
14,00

Tristezza. Dalla rassegnazione alla creatività fragile

di Fabio Gabrielli, Valentina Tettamanti

Libro: Copertina morbida

editore: la Bussola

anno edizione: 2021

pagine: 132

Gli autori, nel libro precedente, "Restare a casa. Piccolo alfabeto del contagio", avevano affrontato la pandemia a partire dal modo con cui l'abbiamo vissuta e attraversata nel chiuso delle case. Una sorta di alfabeto delle cose come riproduzione carnale dei codici dell'anima. In questo nuovo contributo, essi cercano di offrire al lettore una chiave interpretativa della permanenza e della recrudescenza del tempo pandemico alla luce di due diverse modalità di vivere la tristezza. Adesione a una tristezza rassegnata e impotente, oppure a una tristezza intesa come creatività fragile, capace di ergersi contro l'orrore come energia di vita, di promozione della bellezza, dell'operosità, nella consapevolezza, e proprio per questo, dell'incolmabile mancanza, della irriducibile finitezza, della continua esposizione alla vulnerabilità che abitano gli umani.
10,00

Il puzzle della vita. L'arte di vivere tra scienza, filosofia, amori e avventure

Libro: Copertina morbida

editore: Olio Officina

anno edizione: 2021

pagine: 252

Ogni attimo della nostra vita è governato dall'attesa, anche quando ci sembra che nulla possa accadere. È un tempo futuro, senza dimensione. Stare all'altezza dell'attesa, significa stare all'altezza della vita, non di un'esistenza qualsiasi, ma della nostra esistenza. Niente bilanci e giudizi, perché ciascuno vive il proprio percorso personale come crede e come può, nell'illusione che accada sempre il meglio, ma questo meglio può arrivare come non arrivare, e non per questo il passare degli anni deve essere rimpianto, se le cose non sono andate proprio bene, né deve essere esaltato, al contrario, se tutto è andato benissimo. Vivere è un po' come dipingere un grande quadro. Tre autori, tre visioni da tre prospettive differenti: Clara Benfante, studi di economia e amministrazione aziendale; Massimo Cocchi, biochimico della nutrizione; e Fabio Gabrielli, filosofo.
18,00

Antropologia della lacrima. Escursioni filosofiche e letterarie

Libro: Copertina morbida

editore: Minerva Edizioni (Bologna)

anno edizione: 2017

pagine: 256

Un saggio a più mani sulla lacrima, forse la più radicale delle esperienze umane. Diviso in due sezioni, filosofica e letteraria, la cui continuità è più esistenziale che concettuale, questo contributo, ad opera di due filosofi e un critico letterario, cerca di intercettare nella lacrima, tra stupore e lacerazione, l'apertura sempre aperta degli umani al mondo. Sulla scorta delle riflessioni capitali di Lévinas, Nancy, Deleuze, Derrida, Bataille e Baudrillard, gli autori rintracciano nel pianto il luogo privilegiato di demistificazione delle fotologie - i presunti sguardi esattissimi sull'altro delle metafisiche violente -, come espressione di procedure di controllo, nel segno del tutto presenza. Le voci letterarie, accompagnate da puntuali schede critiche, contribuiscono, con le loro atmosfere e suggestioni, a rimarcare l'infinito segreto dell'alterità, il suo continuo darsi e ritrarsi, la dismisura del suo pudore, nel pianto di gioia o di congedo dal mondo.
25,00

Topi e uomini. Conservarsi nell'essere

di Massimo Cocchi, Fabio Gabrielli

Libro: Copertina morbida

editore: Olio Officina

anno edizione: 2021

pagine: 52

Il tempo pandemico alla luce del principio di fragilità. Un breve saggio, in forma di corrispondenza, tra il biochimico della nutrizione Massimo Cocchi e il filosofo Fabio Gabrielli. Nella convinzione che contro ogni indebita pretesa antropocentrica l'animale umano sia solo una parte della Natura, e che la sua specificità come essere parlante, fornito di un linguaggio, non implichi la sua pretesa di ergersi come dominus del mondo, gli autori ci propongono una visione della Natura come relazione tra parti, ognuna con una propria dignità, una propria consistenza ontologica, una propria vitalità. Laddove la parte umana cerca di imporsi come misura di tutto, la Natura si ribella con fisiologiche forme di resistenza che il nostro tempo sta vivendo con dolorosa evidenza. La conservazione dell'ambiente richiede un patto ontologico con tutte le sue componenti.
10,00

L'angoscia pandemica. Le parole della cura

di Massimo Cocchi, Fabio Gabrielli

Libro: Copertina morbida

editore: Olio Officina

anno edizione: 2020

pagine: 96

Nell'epoca più tecnologicamente avanzata e scientificamente assistita, ci si trova per la prima volta a fare i conti con la sopravvivenza biologica. L'irruzione del Covid-19 ha determinato una frattura profonda. Ne è scaturito un tempo di incertezza e angoscia che a differenza della paura si nutre sempre dell'indeterminato e dell'incerto. Il biochimico Massimo Cocchi e il filosofo Fabio Gabrielli attraverso la loro analisi offrono parole terapeutiche che fungano non da soluzione conclusiva ed esaustiva, ma da pista di ricerca e fecondo confronto per quanti non si rassegnano al carattere intimidatorio e apparentemente immodificabile del mondo. Siamo chiamati a far circolare la vita, non le pratiche di morte; siamo chiamati al coraggio, che non è la temerarietà e nemmeno la vigliaccheria. Così, in due distinte sezioni, una filosofica, l'altra biologica-biochimica, si prende in esame l'attuale situazione esistenziale e psicologica prodotta dalla pandemia, individuando in una nuova cultura del corpo, con le pratiche comunitarie della tenerezza, come nell'accuratezza farmacologica e nell'ausilio della probiotica, le possibili terapie dell'anima.
14,00

Breve dialogo sulla natura e sull'uomo. Tra filosofia e scienza

di Massimo Cocchi, Fabio Gabrielli

Libro: Copertina morbida

editore: Olio Officina

anno edizione: 2020

pagine: 68

C'è scienza dove c'è errore, c'è filosofia dove c'è dialettica, c'è vita dove c'è custodia, c'è spirito dove c'è carne. L'approccio iniziale al controllo del coronavirus, messo in atto, forse, con giustificabile fretta e in assenza di considerazioni biologiche e cliniche accurate, ha certamente lasciato spazio a errate interpretazioni di alcuni aspetti della corretta dinamica patogenetica sviluppata dallo stesso virus. Sono occorsi tempi lunghissimi prima che l'uomo avesse piena consapevolezza che oltre a lui esistono anche altri organismi. Un filosofo, Fabio Gabrielli, e uno scienziato, Massimo Cocchi, alla luce di esperienze culturali diverse, eppure per certi versi anche convergenti, si interrogano su alcune figure, modalità, posture dell'uomo nei confronti della natura.
14,00

Restare a casa. Piccolo alfabeto del contagio

di Valentina Tettamanti, Fabio Gabrielli

Libro: Copertina morbida

editore: ARACNE

anno edizione: 2020

pagine: 108

Queste pagine non hanno la pretesa di un discorso apocalittico sul momento virologico che stiamo vivendo, neppure intenti edificatori o consolatori, ancora meno finalità accademiche, pregne di tecnicismi filosofici. In realtà, cercano di intercettare in qualche modo, alla luce di pudiche briciole di filosofia, il segno aspro, duro, profondo che ci ha lasciato questo tempo. Una riflessione che muova dal modo di vivere casalingo l'angoscia del contagio, sulla base delle cose, delle posture, dei volti, delle dinamiche relazionali attorno a cui si coagulano le nostre case, proponendone la lettura per voci. Un esercizio filosofico che richiede un pathos che lo animi e lo sostanzi: lo stupore, una sorta di stordimento, di ammirazione mista a sgomento, da cui germina la nostra apertura sulle cose e il senso che attribuiamo loro.
10,00

Responsabilità medica e valutazione del danno

di Fabio Donelli, Mario Gabrielli

Libro

editore: Maggioli Editore

anno edizione: 2017

pagine: 350

La mancata risoluzione del problema non attribuibile all'operato del medico rappresenta una complicanza che deve essere prospettata al paziente con una corretta informazione e quindi accettata dal paziente sottoscrivendo il Consenso Informato. Aggiornata alle novità introdotte dalla Riforma Gelli (L. 8 marzo 2017, n. 24), questa nuovissima Opera chiarisce al Professionista legale la metodologia per stabilire se l'inadempimento del medico sia ascrivibile a errore oppure no, in particolare attraverso lo studio della documentazione sanitaria e della cartella clinica. Vengono approfonditi nella prima parte della trattazione, le tematiche relative al consenso, alle conseguenze derivanti dalla mancata obbligazione informativa, ai doveri del medico e all'assicurazione R.C. sanitaria. La seconda parte invece, fornisce un'utile raccolta di casi concreti derivati dall'osservazione clinica e medico-legale, che esemplificano le problematiche più ricorrenti (infezioni, embolia polmonare, lesioni iatrogene nell'endoscopia, alcune tematiche della sfera ostetrico-ginecologica e della chirurgia vascolare ecc.), senza tralasciare i risvolti assicurativi e di valutazione del danno.
38,00

Il debito fenomenologico. Un tracciato teoretico

di Enrico Garlaschelli, Fabio Gabrielli

Libro

editore: Glossa

anno edizione: 2018

pagine: 390

Gli interrogativi sollevati da una rilettura della tradizione fenomenologica ed ermeneutica del Novecento, da alcuni elevata a paradigma filosofico, sono numerosi e non riassumibili in un singolo testo. L'intento è soprattutto quello di ricostruire l'unità del pensiero fenomenologico-ermeneutico, restituendo legami in grado di suggerire una direzione ad un panorama filosofico frastagliato e prospettico. Viene così affrontata nei diversi autori l'ispirazione fenomenologica che, sia pure in nuce con esiti teorici alquanto differenziati, ha comunque caratterizzato unitariamente e originalmente una grande stagione filosofica, annettendo nuovi motivi al tradizionale quadro teorico (Husserl - Heidegger - Gadamer), come il rapporto tra Gadamer e Derrida e il debito fenomenologico di autori quali Lévinas e lo stesso Derrida. Le indagini svolte e gli spunti provocati vorrebbero dimostrare l'importanza e l'attualità di una impostazione di pensiero che ha dovuto fare i conti, fino a considerarsi superata, con le nuove tendenze filosofiche impegnate a ribattere in modo parassitario i risultati delle scienze positive.
35,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento