Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Fuani Marino

Svegliami a mezzanotte

di Fuani Marino

Libro

editore: Einaudi

anno edizione: 2019

pagine: 168

Un tardo pomeriggio di luglio in un'anonima località di villeggiatura, dopo una giornata passata al mare, una giovane donna, da poco diventata madre, sale all'ultimo piano di una palazzina. Non guarda giú. Si appoggia al davanzale e si getta nel vuoto. Perché l'ha fatto, perché ha voluto suicidarsi? Non lo sappiamo. E forse, in quel momento, non lo sa nemmeno lei. Ma quel tentativo di suicidio non ha avuto successo e oggi, quella giovane donna, vuole capire. Fuani Marino è sopravvissuta a quel gesto e alle cicatrici che ha lasciato sul suo corpo e nella sua vita. Ma le cicatrici possono anche essere una traccia da ripercorrere, un sentiero per trasformare la memoria in scrittura. Marino decide cosí di usare gli strumenti della letteratura per ricostruire una storia vera, la propria. In parte memoir, in parte racconto della depressione dal di dentro e storia di una guarigione, anamnesi familiare e storia culturale di come la poesia e l'arte hanno raccontato il disturbo bipolare dell'umore, riflessione sulla solitudine in cui vengono lasciate le donne (e le madri in particolare) e ancora studio di come neuroscienze, chimica e psichiatria definiscano quel labile confine tra salute e sofferenza: "Svegliami a mezzanotte" è un testo incandescente nel guardare senza autoindulgenza, anzi a tratti con affilata autoironia, in fondo al buio. Disturbante come a volte è la vita, ma luminoso nella speranza che sa regalare.
17,00

Il panorama alle spalle

di Fuani Marino

Libro: Copertina morbida

editore: Scatole Parlanti

anno edizione: 2017

pagine: 110

Lo scenario è quello di Posillipo, quartiere alto-borghese di una Napoli rappresentata nel suo dualismo resistente, tra turbamenti privati, ville signorili, "belle giornate" e un paesaggio spalancato sul golfo. È il lato elitario della città partenopea, ma allo stesso tempo è quello di cui si parla meno. Gli uomini sono sempre fuori casa, impegnati nelle loro carriere; le donne si consumano chiuse fra quattro mura, corrose da delusioni, sogni infranti, morfina e psicofarmaci. Sara ha avuto un figlio, ma non ha mai assunto davvero il ruolo di madre. Diletta ha divorziato e ha abbandonato il posto di lavoro nella redazione del giornale cittadino. Fra le due donne esiste da anni un'attrazione sospesa. L'amore, tuttavia, non è il sentimento dominante del romanzo: una crudeltà sottile aleggia oscura sui personaggi e sulle loro azioni.
12,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.