Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Furio Biagini

Concedi la pace. La guerra nel pensiero ebraico dalla Torah al sionismo

di Furio Biagini

Libro: Copertina morbida

editore: L'Ornitorinco

anno edizione: 2020

pagine: 200

Il tema della guerra, come ricorda il rabbino Riccardo di Segni, "è presente nella Bibbia ebraica dall'inizio alla fine, dalla storia di Caino alle guerre che devono porre fine al regno di Babilonia, raccontate nel libro di Daniele, a tutte le visioni sulle guerre che ci saranno nel corso della storia. [...] Nella storia ebraica la guerra è una costante, ma la caratteristica delle varie guerre cambia notevolmente secondo le varie epoche." Per questo, quando si esamina la posizione della tradizione ebraica riguardo alla violenza, alla guerra e di conseguenza alla pace, è necessario riferirsi principalmente alla Torah, il Pentateuco, interpretata dal Talmud e commentata dai rabbini nel corso dei secoli. La ricerca di Furio Biagini parte dunque dai testi della tradizione, la Bibbia ebraica, il Talmud e le interpretazioni rabbiniche medievali, il pensiero di Maimonide per pervenire alla elaborazione moderna, con particolare riferimento agli scritti dei maggiori rappresentanti del sionismo.
10,00

Giudaismo contro sionismo. Storia dei Neturei Karta e dell'opposizione ebraica al sionismo e allo Stato di Israele

di Furio Biagini

Libro: Copertina morbida

editore: L'Ornitorinco

anno edizione: 2009

pagine: 252

I Neturei Karta, in aramaico Guardiani della città, sono un movimento ebraico ultraortodosso che in nome del giudaismo rifiuta di riconoscere l'autorità e la stessa esistenza dello Stato di Israele. Fondato nel 1938 a Gerusalemme da ebrei appartenenti alla antica comunità ortodossa che da molte generazioni vivevano in Terra santa, combatte l'idea che sia possibile stabilire uno Stato ebraico nel tempo presente perché contraria all'autentica tradizione religiosa ebraica. Rigidi interpreti della Legge, secondo i Neturei Karta la terra attualmente occupata dallo Stato di Israele, di cui non riconoscono la legittimità, appartiene a coloro che vi hanno sempre abitato: gli arabi, a qualsiasi confessione appartengano, gli ebrei del vecchio Yishuv, come è chiamata l'antica comunità ortodossa di Palestina, e gli altri gruppi che vivevano pacificamente in quel territorio.
25,00

Mussolini e il sionismo (1919-1938)

di Furio Biagini

Libro

editore: M & B Publishing

anno edizione: 2002

pagine: 200

Il volume analizza i rapporti intercorsi tra il sionismo e il fascismo ed in particolare l'atteggiamento che Mussolini assunse verso il movimento sionista, atteggiamento che non può essere separato dalle sue posizioni nei confronti dell'antisemitismo in generale. Come ogni regime totalitario il fascismo tendeva a concentrare nelle sue mani il massimo potere e ad imporre la sua influenza su ogni aspetto della vita politica, sociale ed economica. Nel suo tentativo di controllare la vita della nazione, il fascismo non poteva non scontrarsi con il problema ebraico e non poteva esimersi dal prendere posizione nei suoi confronti. Due considerazioni opposte determinarono di volta in volta la politica di Mussolini: da una parte il sostegno degli ebrei agli interessi italiani in Medio Oriente e dall'altra i vantaggi di un avvicinamento agli arabi, al Vaticano e infine alla Germania nazista.
12,91

Uomini e donne

Libro: Copertina morbida

editore: EMP

anno edizione: 2020

pagine: 176

Nell'ebraismo, nel cristianesimo e nell'islam il testo sacro fondatore è stato scritto da uomini e per millenni commentato solo da uomini, anche se il rapporto fra Dio e le donne si pone all'origine di ogni tradizione religiosa. Occorre arrivare alla seconda metà del Novecento per trovare delle donne commentatrici dei testi sacri. Una rivoluzione che per ora interessa più il cristianesimo e l'ebraismo che l'islam. Una rivoluzione ormai irreversibile e foriera di un ritorno alle origini delle religioni quando la donna trovò ampio spazio e ascolto in seguito bloccato dal loro radicarsi in culture patriarcali. Nonostante tali millenarie cecità, il femminile resta il custode del mistero, del futuro, dell'infinito, del sacro. Solo con Gesù di Nazareth è successo un cambiamento: nuova la sua apertura alle donne, speciale e innovativo il suo modo di rapportarsi al femminile. Le donne divengono portatrici protagoniste di un messaggio, non solo simboli muti e passivi del trascendente. Da qui in poi le cose cambiano. Ecco un saggio di queste diverse modalità di approccio al femminile.
11,50

Torà e libertà. Studio sulle corrispondenze tra ebraismo e anarchismo

di Furio Biagini

Libro: Copertina morbida

editore: I Libri di Icaro

anno edizione: 2008

pagine: 272

Ebraismo e anarchismo, due concezioni apparentemente opposte: la prima una tradizione religiosa fondata sull'obbedienza della legge, la seconda una filosofia politica basata sulla libertà da ogni dominio. Tuttavia, espliciti legami sotterranei esistono tra queste due espressioni politiche, religiose e culturali. Il libro, attraverso una lettura personale che l'autore fa dei testi biblici, ne esplora le relazioni profonde. Dalla Torà fino ai fervori chassidici, l'ebraismo afferma con forza il rifiuto di ogni relazione umana basata sulla sudditanza, sulla gerarchia, nonché sulla repressione e l'oppressione. Dalle polemiche contro il potere politico dei profeti all'esplosione dell'energia creativa del chassidismo, il pensiero ebraico è ricco di spunti anarchici che si ritrovano nelle moderne utopie rivoluzionarie, soprattutto nelle tendenze libertarie e antiautoritarie, con la loro idea della assoluta libertà umana e del rifiuto di qualsiasi potere centrale autoritario. Si potrebbe compendiare il contenuto di questo libro con la famosa frase di Thomas Jefferson: "La ribellione ai tiranni è obbedienza a Dio".
12,00

Il ballo proibito. Storie di ebrei e di tango

di Furio Biagini

Libro: Copertina morbida

editore: Le Lettere

anno edizione: 2004

pagine: 174

Fra il 1875 e il 1914 sbarcarono a Buenos Aires più di cinque milioni di stranieri. Molti di questi immigrati erano ebrei provenienti dai più disparati luoghi dell'Europa orientale. Dalla fusione di tutte le culture che in quel paese si erano incontrate nasceva il tango. L'apporto degli ebrei a questa avventura collettiva ha contribuito a fare di questo ballo-canzone un'arte universale. Gli ebrei lottarono duramente per integrarsi in Argentina, paese in cui i sentimenti antisemiti erano largamente diffusi. Per molti di loro il tango, musica e danza scandalosa per la borghesia "porteña", fu un mezzo di assimilazione e non è un caso se entrambi ebbero come comuni nemici sia i militari golpisti, che i movimenti fascisti.
15,00
12,00

Torà e libertà. Studio sulle affinità elettive tra ebraismo e socialismo libertario

di Furio Biagini

Libro: Copertina morbida

editore: Ergot

anno edizione: 2021

pagine: 173

Questo libro, che non è e non vuol essere una introduzione al giudaismo, è appunto il frutto di un solitario viaggio intellettuale e di una personale lettura del testo biblico, sicuramente non conformista, anche se poggiata sugli studi di autorevoli Maestri, gli unici che possono garantire la «catena della ricezione, ossia il nesso generazionale della tradizione orale, così come la garantisce il padre che risponde alle domande del figlio».
13,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.