Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di G. Manconi

Il senso della vita. Conversazioni tra un religioso e un pococredente

di Luigi Manconi, Vincenzo Paglia

Libro: Copertina morbida

editore: Einaudi

anno edizione: 2021

pagine: 200

Un confronto tra due concezioni del mondo distanti e, per certi versi, inconciliabili: una ispirata da un profondo senso religioso, l'altra immersa nella società e nella concretezza delle sue contraddizioni e delle sue sofferenze. Ma entrambe tese a cercare, di fronte ai dilemmi che attraversano la vita quotidiana, il significato delle nostre scelte. Un arcivescovo, Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, e un sociologo e militante politico, Luigi Manconi, si interrogano intorno alle grandi questioni che costituiscono «il senso della vita»: la libertà e i suoi limiti; l'autodeterminazione del singolo e la responsabilità verso gli altri; le preferenze sessuali, le nuove famiglie e il significato attuale di genitorialità; l'accanimento terapeutico e l'eutanasia; l'ingiustizia e il peccato. Il contrasto su temi cruciali per la nostra esistenza e le nostre relazioni interpersonali sembrerebbe negare la possibilità di un progetto comune. Eppure questi due punti di vista, che restano distanti su molte problematiche, potrebbero forse convergere nel profilo di un nuovo umanesimo, dove la riscoperta di un «noi» solidale, nella prospettiva di una cittadinanza universale, sappia valorizzare, e non mortificare, l'autodeterminazione dell'individuo. «L'umanesimo non ha fallito perché ateo, bensì perché non ha realizzato il suo fondamento costitutivo. Ovvero il rispetto incondizionato dell'umano». (Luigi Manconi). «Se la nostra vita è sempre mortale, abbiamo la speranza che non lo sia il mistero di amore in cui essa risiede». (Vincenzo Paglia)
16,50

Per il tuo bene ti mozzerò la testa. Contro il giustizialismo morale

di Luigi Manconi, Federica Graziani

Libro: Copertina morbida

editore: Einaudi

anno edizione: 2020

pagine: 259

«Beati gli affamati di giustizia perché saranno giustiziati». Questo vertiginoso aforisma illumina con esattezza il clima di sospetto che imperversa in Italia. Si diffonde l'idea che la società debba perseguire un modello assoluto di legge e ordine, senza scampo per nessuno e senza spazio per i dubbi della prudenza e della clemenza. È un orientamento, traducibile nello slogan «più carcere per tutti», che si nutre di un esteso rancore sociale. Un umore con radici profonde che produce e alimenta il populismo, soprattutto nella sua veste penale. Partendo da tali considerazioni, Luigi Manconi e Federica Graziani tracciano un quadro ampio e allarmante dell'odierna mentalità giustizialista che trova il suo campione in Marco Travaglio, il cui metodo è analizzato in diverse pagine del libro. Con lucidità, ne investigano radici e degenerazioni politico-culturali. Ed evidenziano come l'unico argine possibile sia, nel nostro tempo, la cultura del garantismo, che va affermata a partire dal suo concetto cardine: la tutela delle garanzie individuali, sancita dallo stato di diritto e dalla Costituzione. Il contenuto di questo libro sta tutto nel sottotitolo: contro il giustizialismo morale. Quell'orientamento culturale e politico che persegue un concetto assoluto e astratto di giustizia e pensa di affidarne la realizzazione alla spada dei tribunali, a prescindere dalle forme, dalle garanzie processuali e dai diritti individuali. Viviamo in un Paese in cui alcuni versano in condizioni disumane, altri stentate e in cui il sistema delle pene insegue le inquietudini della sicurezza pubblica, ricorrendo a un inasprimento delle sanzioni buono solo a far crescere l'angoscia collettiva. In questa società e in questo clima trovano largo spazio campagne di opinione tese a incentivare la voglia di rivalsa sociale e a offrirle facili bersagli. Il libro ripercorre gli ultimi anni di storia nazionale. Anni in cui, mentre le tutele individuali in campo penale si affievolivano e processi pubblici e gogne mediatiche si moltiplicavano, si diffondeva l'idea che ciò che è peccato è reato. E l'esito è stato tanto l'abbassamento del livello di civiltà giuridica quanto la mortificazione del senso collettivo di giustizia. Da tutto questo nasce il quesito che, attraverso 11 casi esemplari, il libro pone ai lettori: siete garantisti o giustizialisti? Un test per verificare quale sia il vostro grado di rispetto dei principî e delle regole dello stato di diritto.
17,50

Il topolino Riccardo in Egitto

di M. Valeria Manconi

Libro: Copertina morbida

editore: CTL (Livorno)

anno edizione: 2020

pagine: 24

Età di lettura: da 5 anni.
9,00

Disaccordi e proposte. Dieci interventi

di Luigi Manconi

Libro: Copertina morbida

editore: Edizioni dell'Asino

anno edizione: 2018

pagine: 52

Lunga vita a Luigi Manconi, che celebra il 24 febbraio il suo settantesimo compleanno. L'opuscolo in cui abbiamo voluto raccogliere alcuni suoi interventi recenti ed esemplari, è un piccolo segno del rispetto, dell'affetto, dell'amicizia che gli portiamo. Anche quando più critici nei confronti delle nostre istituzioni, noi abbiamo continuato a pensare che fosse giusto portare al loro interno il senso di quella "lunga marcia" che venne teorizzata in anni lontani, sul modello dei verdi tedeschi ai loro inizi, dei radicali nei loro momenti migliori e, ancora una volta, di Alex Langer. I testi che seguono esprimono preoccupazioni contingenti ma convinzioni durature, persuasioni intime e profonde. E una "linea di condotta" che non è cambiata nel tempo ma che ha saputo trovare, anno dopo anno, il giusto sentiero, un "chiaro cammino" pur se in mezzo a tanti trabocchetti, forti di certezze profonde e di fedeltà rivendicate ed esplicite.
3,00

La Sardegna nel Mediterraneo. Ambienti, flora e fauna marine e costiere

di Antonello Manconi

Libro: Copertina rigida

editore: EDES

anno edizione: 2017

pagine: 120

Questo secondo volume contiene la descrizione delle grandi categorie (phyla) del mondo animale presenti nell'ambiente marino e costiero della Sardegna e di buona parte del Mediterraneo, con cenni di morfologia, fisiologia ed ecologia delle diverse specie. I testi sono corredati da immagini che descrivono un ambiente ecologicamente quasi intatto, un complesso di forme viventi con colori brillanti, intensi e affascinanti di organismi che sembrano provenienti da altri e alieni mondi ma spesso invece sono a pochi metri sotto l'acqua. Il volume si conclude con una serie di schede sui poriferi (spugne), uno dei più primitivi livelli di organizzazione tra gli organismi pluricellulari.
30,00

Non sono razzista, ma. La xenofobia degli italiani e gli imprenditori politici della paura

di Luigi Manconi, Federica Resta

Libro: Copertina morbida

editore: FELTRINELLI

anno edizione: 2017

pagine: 150

Gli italiani sono razzisti? Ovviamente no: nessuna categoria può essere definita come un blocco unico e omogeneo e, dunque, catalogata attraverso un'etichetta spregiativa generale. Ma è altrettanto vero che oggi in Italia si manifestano forme di razzismo nel linguaggio pubblico, negli atteggiamenti sociali e nelle politiche. "Non sono razzista, ma" illustra un meccanismo psicologico che mira a prendere le distanze dalle parole e dagli atti che contraddicono ciò che pensiamo di essere, o che vogliamo far intendere di essere. È un'espressione che si sente sempre più spesso, perché l'interdizione morale nei confronti di termini e comportamenti xenofobi si è indebolita. Quella sorta di presidio culturale e sociale, che agiva contro il ricorso a pratiche e linguaggi discriminatori, sembra esaurito. Questo pamphlet è anche un grido d'allarme. L'intolleranza etnica ha trovato spazio nella sfera politica, per opera di figure pubbliche che, nonostante il proprio ruolo istituzionale, contribuiscono alla produzione di ostilità xenofoba. E a ciò corrisponde un tessuto di piccoli e grandi imprenditori politici dell'intolleranza (concetto elaborato da Laura Balbo e Luigi Manconi in un saggio di un quarto di secolo fa). E tuttavia, dicono Luigi Manconi e Federica Resta, il termine razzista non va utilizzato per colpevolizzare individui e gruppi che vivono con fatica il rapporto con gli stranieri. Ciò che si manifesta nel nostro paese è, piuttosto, una diffusa xenofobia: la paura dello straniero. E, contrariamente a quanto si crede, il passaggio da quest'ultima al razzismo è tutt'altro che scontato. Manconi e Resta argomentano come è possibile evitare che questo accada. "Non sono razzista, ma" è un libro utile per evitare l'errore di indugiare nel "peccato dell'indifferenza".
15,00

Alghero fra Medioevo e età moderna

di Francesco Manconi

Libro

editore: CUEC EDITRICE

anno edizione: 2016

pagine: 256

20,00

Corpo e anima. Se vi viene voglia di fare politica

di Luigi Manconi

Libro: Copertina morbida

editore: Minimum Fax

anno edizione: 2016

pagine: 232

"La mia politica muove sempre da un nome, un cognome e un volto e da una storia individuale per raggiungere, quando possibile, una questione generale". Dall'opposizione ai centri di espulsione per migranti alla battaglia per la verità su Stefano Cucchi e Federico Aldrovandi; dalle questioni di fine vita ai diritti delle minoranze sessuali; dal tema della privazione della libertà a quello del disagio psichico: Luigi Manconi racconta come oggi fare politica possa essere uno dei mestieri più belli del mondo. Una conversazione che parte dalle vicende dei singoli per arrivare ai grandi problemi del nostro tempo. E, poi, l'adolescenza a Sassari e l'Università cattolica di Milano, la Pirelli, il movimento studentesco e i piccoli e grandi maestri, il garantismo e l'ecologia, Elio Pagliarani e Marco Lombardo Radice, Giovanni Raboni e Adriano Sofri, Alex Langer e Goffredo Fofi, il parlamento e la piazza e le libertà individuali e collettive. Il corpo e l'anima delle cose e delle persone.
13,00

Una gatta di nome Fiamma. Il rifugio

di Maria Valeria Manconi

Libro: Copertina morbida

editore: CTL (Livorno)

anno edizione: 2020

pagine: 60

Casa nuova, nuovi amici. Fiamma, una gatta come tante, vive con la sua famiglia umana in un appartamento molto grande. Con lei due bambine, la sua mamma umana, un nuovo uomo dai folti capelli ricci, Brillantino il peloso arrogante e Kate una siamese dai profondi occhi blu. Durante le loro uscite, attraverso l'albero di melograni, giungono fino al rifugio dei gatti vicino al porto. Lì un consiglio di "Gattocculati" le chiede aiuto. Un pericolo incombe e rischia di mettere a repentaglio la vita di tutti i felini. Riuscirà a salvare tutti anche questa volta? Una seconda avventura per Fiamma, una gatta qualunque dal cuore grande.
13,00

Una gatta di nome Fiamma

di Maria Valeria Manconi

Libro: Copertina morbida

editore: CTL (Livorno)

anno edizione: 2019

pagine: 78

Fiamma è una gatta come tante altre, ma dentro di sé cela un amore profondo e una grande comprensione per tutti. Il suo passato è stato molto difficile, ignorata da tutti. Ora finalmente ha una famiglia che le vuole bene. Insieme ai suoi nuovi amici, alcuni strani, altri insolenti, cercherà di risolvere un mistero che mette a rischio tutti gli animali del quartiere. Correrà tanti pericoli, ma non perderà mai l'amore verso il prossimo. Età di lettura: da 4 anni.
13,00

Uomini e cose di Sardegna in età spagnola

di Francesco Manconi

Libro: Copertina morbida

editore: EDES

anno edizione: 2015

pagine: 230

Il volume "Uomini e cose di Sardegna in età spagnola" è una raccolta di dieci saggi, selezionati da Francesco Manconi tra quelli pubblicati nell'ultimo quindicennio in Italia e Spagna. I temi trattati toccano importanti aspetti storico istituzionali, politico sociali ed economico militari dell'età moderna e mostrano il grado di omologazione della società sarda con quella dei Regni della Corona d'Aragona, e poi della Castiglia, nel più ampio orizzonte internazionale della Monarchia composita retta dagli Asburgo di Spagna. Nella molteplicità dei contenuti, spiccano l'originale rilettura della compenetrazione politico culturale col mondo catalano aragonese e la svolta in senso castigliano maturata nel corso del XVII secolo; i modi fare politica dei ceti dirigenti isolani nel loro rapporto con la corte madrilena; la crisi dell'aristocrazia vista alla luce del ribellismo signorile e della fedeltà comunque mostrata al sovrano; l'uso strumentale della storia nelle lotte municipalistiche e, infine, la questione del soggiorno di Miguel de Cervantes in Sardegna.
19,00

La pena e i diritti. Il carcere nella crisi italiana

di Luigi Manconi, Giovanni Torrente

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2015

pagine: 275

Attraverso un'analisi socio-giuridica della penalità, il libro propone una riflessione su alcune questioni centrali: il rapporto tra strategie di acquisizione del consenso e allarme criminalità; l'incremento delle fattispecie penali e l'espansionismo penitenziario; la tutela dei diritti fondamentali dei reclusi e la dignità della condizione di privazione della libertà; l'autolesionismo e i suicidi in carcere; la recidiva e la reiterazione del reato; una possibile moralità della pena. Il volume è pensato per studenti e ricercatori, ma anche per gli operatori e chiunque sia interessato a confrontarsi con una delle contraddizioni più acute e dolenti della vita sociale e dello stato di diritto. Prefazione di Stefano Rodotà.
17,50

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.