Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Giandomenico Romanelli

The Scuola Dalmata dei Santi Giorgio e Trifone

di Giandomenico Romanelli

Libro: Copertina morbida

editore: Lineadacqua

anno edizione: 2021

pagine: 80

12,00

La Scuola Dalmata des saints Georges et Triphon

di Giandomenico Romanelli

Libro: Copertina morbida

editore: Lineadacqua

anno edizione: 2021

pagine: 80

12,00

La Scuola Dalmata dei Santi Giorgio e Trifone

di Giandomenico Romanelli

Libro: Copertina morbida

editore: Lineadacqua

anno edizione: 2021

pagine: 80

12,00
18,00
10,00

I Vivarini

di Giandomenico Romanelli

Libro: Copertina morbida

editore: Giunti Editore

anno edizione: 2016

pagine: 52

Un dossier dedicato ai Vivarini. In sommario: Antonio, il capostipite; Bartolomeo, l'affermazione di una scuola; Alvise, lo sperimentatore. Come tutte le monografie della collana Dossier d'art, una pubblicazione agile, ricca di riproduzioni a colori, completa di un quadro cronologico e di una bibliografia.
4,90

Ritratto di Venezia. Ediz. russa

di Giandomenico Romanelli

Libro

editore: Skira

anno edizione: 2014

Simbolo di un matrimonio eterno tra gli uomini e il mare, Venezia si scopre seguendo i rumori dell'acqua e le suggestioni dei suoi palazzi, per giungere alle meraviglie di Piazza San Marco, scrigno della Basilica e del Palazzo Ducale. Porta d'Oriente, città d'arte e potenza navale, nei secoli Venezia si è arricchita di opere straordinarie. La sua vocazione all'arte e alle scienze vive ancora oggi nella Biennale, nel ponte di Calatrava e nella Mostra del Cinema. Tutt'attorno si estende la Laguna, costellata di isole come Burano e Torcello, dal 1987 Patrimonio Mondiale dell'Unesco. Attraverso centocinquanta fotografie, il libro propone un affascinante itinerario tra le architetture, i capolavori e gli angoli più romantici di Venezia. Un volume in grande formato per ammirare scorci inusuali e luoghi più noti, campi, ponti, calli, di una delle città più belle del mondo e meta ogni anno di milioni di visitatori.
18,90

Guardi

di Giandomenico Romanelli

Libro: Copertina morbida

editore: Giunti Editore

anno edizione: 2014

pagine: 52

Un dossier dedicato a Francesco Guardi. In sommario: Nascita, apprendistato e "questione Guardi"; La svolta vedutistica e il pubblico degli acquirenti; La stagione dei capolavori; Questioni di stile. Come tutte le monografie della collana Dossier d'art, una pubblicazione agile, ricca di riproduzioni a colori, completa di un utile quadro cronologico e di una bibliografia.
4,90

Il pittore prigioniero

di Giandomenico Romanelli

Libro

editore: Marsilio

anno edizione: 2014

Un grande e misterioso graffito emerge durante i restauri in una delle celle più nascoste dei Pozzi di Palazzo Ducale. Rappresenta una "sacra conversazione" secondo i moduli della pittura veneziana tra quattro e cinquecento. Chi ne è l'autore? Come ha potuto realizzare un capolavoro di quelle dimensioni e di quella qualità nel buio di una reclusione durissima e in condizioni di vita impensabili? Lentamente si dipana la storia vera di un inedito intreccio artistico e storico. Ne è protagonista un piccolo pittore di Conegliano, catturato e imprigionato per eresia nel 1549. Nuovamente catturato vent'anni dopo e condannato a morte, sarà bruciato nella piazza di Conegliano all'inizio del 1569. Sullo sfondo lo scontro insanabile tra Giovanni Della Casa, il famoso autore del Galateo, nunzio papale a Venezia e Pier Paolo Vergerio, vescovo di Capodistria, che abbraccerà la riforma luterana e sarà costretto a trovare rifugio in Svizzera. Tra artisti e letterati, grandi dame e monsignori; tra fughe precipitose e libri proibiti, dispute teologiche e controversie sulla lingua, le disperate rime di Gaspara Stampa e i roghi dell'Inquisizione, si consuma tra Venezia e le colline di Conegliano uno dei periodi più tormentati e vivaci della cultura rinascimentale, prima del grande gelo della Controriforma.
16,50

L'eglise de la Madonna dell'orto

di Giandomenico Romanelli

Libro

editore: Marsilio

anno edizione: 2012

Già qualche decennio dopo la costruzione, forse per carenze di progetto o di esecuzione, la chiesa appariva in cattive condizioni di conservazione registrando dissesti e crolli tanto da dover essere massicciamente ristrutturata, se non proprio rifabbricata, in più fasi successive nel corso del XV secolo. Sono, infatti, documentati interventi vari nel periodo compreso tra il 1440 e il 1443, negli anni '60 e attorno al 1480. L'edificio, come altri della stessa epoca e magari dei medesimi architetti e decoratori, rappresenta un interessante momento del passaggio dal gotico al primo Rinascimento: le sue stesse dimensioni e le proporzioni lasciano il gigantismo esasperato delle chiese dei francescani e dei domenicani o, magari, dei serviti (come quelle dei Frari, dei santi Giovanni e Paolo, di santa Maria dei Servi) per proporre un equilibrio e un'armoniosità di forme di rara eleganza. Il corpo dell'edificio, come sempre nel gotico veneziano e veneto, è realizzato in cotto ma le profilature, i pinnacoli, le edicole e le statue in bianca pietra d'Istria alleggeriscono e nobilitano l'insieme. Originale della Madonna dell'Orto è poi la bicromia ottenuta con l'accostamento della pietra d'Istria e del marmo rosso di Verona, che contrappunta finestre e portale.
7,00

The church of Madonna dell'orto

di Giandomenico Romanelli

Libro

editore: Marsilio

anno edizione: 2012

Già qualche decennio dopo la costruzione, forse per carenze di progetto o di esecuzione, la chiesa appariva in cattive condizioni di conservazione registrando dissesti e crolli tanto da dover essere massicciamente ristrutturata, se non proprio rifabbricata, in più fasi successive nel corso del XV secolo. Sono, infatti, documentati interventi vari nel periodo compreso tra il 1440 e il 1443, negli anni '60 e attorno al 1480. L'edificio, come altri della stessa epoca e magari dei medesimi architetti e decoratori, rappresenta un interessante momento del passaggio dal gotico al primo Rinascimento: le sue stesse dimensioni e le proporzioni lasciano il gigantismo esasperato delle chiese dei francescani e dei domenicani o, magari, dei serviti (come quelle dei Frari, dei santi Giovanni e Paolo, di santa Maria dei Servi) per proporre un equilibrio e un'armoniosità di forme di rara eleganza. Il corpo dell'edificio, come sempre nel gotico veneziano e veneto, è realizzato in cotto ma le profilature, i pinnacoli, le edicole e le statue in bianca pietra d'Istria alleggeriscono e nobilitano l'insieme. Originale della Madonna dell'Orto è poi la bicromia ottenuta con l'accostamento della pietra d'Istria e del marmo rosso di Verona, che contrappunta finestre e portale.
7,00

Gustav Klimt: Giuditta II. Un ritorno annunciato

di Giandomenico Romanelli

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio

anno edizione: 2012

pagine: 79

1910: IX edizione della Biennale di Venezia: Gustav Klimt è presente con una personale di 22 dipinti tra cui la celebre Giuditta II (Salomé) carica di conturbante erotismo. Nino Barbantini, giovanissimo direttore della Galleria d'Arte Moderna di Ca' Pesaro, da poco istituita, rimane folgorato e sedotto da questa figura elegante, misteriosa e provocante. Sull'onda dell'emozione egli pubblica su un giornale (il glorioso milanese "La Perseveranza") una recensione alla mostra che è uno dei testi più originali e più ricchi sull'arte del grande viennese. Barbatini afferma che in Italia, intorno al nome Klimt, si sta vivendo un "momento di battaglia acceso e non senza asprezza", e tuttavia, nella sua veemente polemica, egli anticipa e propone strumenti critici e linee di lettura che saranno riproposti solo molto anni più tardi, ivi compreso il prezioso ricchissimo scritto di Jean Clair del 1988 che accosta e compara emblematicamente Klimt al Picasso delle Demoiselles d'Avignon. Del breve saggio dimenticato di Barbantini parte la inedita ricostruzione di un ambiente culturale e della risonanza che vi ebbe lo "spitio klimtiano" per forme, gusto e scelte d'arte e di vita. Fino a un'enigmatica "apparente" tarda sconfessione, scritta dallo stesso Barbantini, della sua precoce interpretazione del 1910: ma si tratta davvero di una sconfessione?
12,50

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento