Libri di Marco Cappadonia Mastrolorenzi

21 febbraio 1849. Un giorno nella Roma dell'Ottocento

di Marco Cappadonia Mastrolorenzi

Libro

editore: C'era una volta

anno edizione: 2020

pagine: 170

Un inviato speciale viene spedito a Roma per un viaggio nel tempo fino al 21 febbraio 1849. Con l'ausilio di finestre spazio-temporali potrà muoversi liberamente per raccontare dei fatti storici in una visita programmata di un solo giorno. Ma perché proprio quella data? In questo tour insolito si potrà forse incontrare Giuseppe Gioachino Belli, il più grande poeta di Roma e del suo popolo, vederlo all'opera nella sua officina e passeggiare per la città alla metà dell'Ottocento tra ruderi dei fasti antichi, strade, piazze, chiese, palazzi non più esistenti e trattorie tipiche con la migliore cucina romana. Un viaggio nella Roma del secolo XIX per scoprire i grandi cambiamenti urbanistici e storici che hanno portato la Città Eterna a diventare la metropoli che è oggi. Difetti e virtù della città tra le più belle del mondo. Il libro inaugura la Collana Scientia et Litterae, diretta da Marco C. Mastrolorenzi,
15,00

Giornalismo pseudoscientifico. Disinformazione e sensazionalismo tra media e web

Libro

editore: C'era una volta

anno edizione: 2016

pagine: 178

Notizie troppo belle per essere vere, o esageratamente allarmistiche, dati scientifici selezionati ad hoc, largo spazio a pseudoscienziati, un uso ideologico della scienza, confronti tra dati empirici e semplici opinioni. Ogni giorno assistiamo a come notizie circolino trasformandosi da un utente all'altro o peggio, da un giornalista all'altro, dove ognuno è certo di aver letto o ascoltato qualcosa, dimenticando la fonte. Questo libro fa chiarezza su come funzionano i retroscena dell'informazione pseudoscientifica permettendo la comprensione di quali siano le trappole nelle quali il lettore o lo stesso divulgatore può cadere.
15,00

L'ultimo canto di Belli

di Marco Cappadonia Mastrolorenzi

Libro

editore: Youcanprint

anno edizione: 2013

pagine: 182

Il libro raccoglie alcuni studi sulla poesia di Giuseppe Gioachino Belli e sulle condizioni storiche, culturali e linguistiche del popolo di Roma nella prima metà dell'Ottocento. Un viaggio nella letteratura dialettale del nostro paese alla ricerca delle origini della poesia in vernacolo e negli istituti culturali di Roma per scoprire le condizioni di alfabetizzazione del popolo cantato dal poeta romano. Si entra, così, nell'officina segreta dello scrittore per analizzare tecniche, artifici retorici e manipolazioni linguistiche per la costruzione del monumento della plebe.
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.