Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Massimo Canevacci

Culture extreme. Mutazioni giovanili tra i corpi della metropoli

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: DeriveApprodi

anno edizione: 2021

pagine: 223

Culture eXtreme è stata la prima e più importante ricerca etnografica sulle culture giovanili e i movimenti radicali degli anni Novanta, all'indomani del crollo del Muro e della fine delle «grandi narrazioni». Ha segnato un modo di leggere le trasformazioni, i comportamenti, le abitudini del consumo e più in generale le città contemporanee. Un libro che ha saputo analizzare come, sulla soglia della fine del Novecento, attraverso un insieme di soggetti, gruppi, eventi, zone diversamente abitate, si andasse ridisegnando una metropoli alternativa. Riviste, stili, icone, suoni, simboli che presero i nomi di Fintech, Link, Toretta, Torazine, Fika Futura, Decoder, Pirateria di Porta, Luther Blissett. In poche parole, gli anni Novanta delle metropoli italiane. Espressioni artistico-creative che vagavano nelle «zone temporaneamente autonome» dei rave animati da centinaia di migliaia di persone. Una costellazione sociale che era l'espressione di un mutamento radicale delle forme di vita. La nuova edizione, ampliata e corretta, del libro ripercorre quel momento storico, ricco di trasformazioni e di innovazioni.
14,00

Minima viralia. La solitudine non solitaria di un antropologo in quarantena

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: Rogas

anno edizione: 2020

pagine: 120

"La mia giornata tipo: mi alzo verso le 7.30, bicchier d'acqua a digiuno, caffè solo, mail, lettura di quattro giornali online, colazione caffellatte pane e marmellata, kiwi, ordino casa, Facebook (litigo con Agamben e Joker), letture varie (Odissea, Calypso), musica varia (la 2 di Mahler), ginnastica, occhiata su Netflix, disegno, scrivo sul block notes (poco), mi cucino pasta e pomodoro, qualche telefonata, chat, wapp, pennichella, gioco a palletta, lettura (Kongo, Kazari), jazz blues 7 per una solitudine non solitaria anni Quaranta-Cinquanta, due episodi Netflix (The Sinner), yogurt e biscotti, rilettura rapida dei giornali, mail, Odissea (i Feaci), dormicchio, Facebook, wapp, iphone, agretti e fontina per cena, Montalbano o due Netflix, a letto con Odissea (poche righe). 23.30."
12,70

La città polifonica. Saggio sull'antropologia della comunicazione urbana

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: Rogas

anno edizione: 2018

pagine: 348

«La Città Polifonica è stata la mia prima ricerca empirica basata sull'antropologia urbana. A São Paulo ho appreso a vivere un mix di straniero e familiare; osservare ogni dettaglio con sensibilità micrologica; rifiutare generalizzazioni e stereotipi; percepire le mie reazioni emotive come parte della ricerca; vivere la mia solitudine durante il perdersi nei flussi della metropoli. Riflessività e dialogica imposero il loro metodo: il ricercatore dialoga con i diversi e contrastanti sé che emergono sul campo.»
25,70

Caccia funebre

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: ARACNE

anno edizione: 2017

pagine: 440

"Caccia funebre" narra la crisi dell'università attraverso un delitto. Il genere giallo si intreccia a quello saggistico in forme narrative innovative. Il contesto immaginario ruota intorno alla facoltà di Scienze della Comunicazione di Roma. Qui avviene il primo delitto: un professore di antropologia viene assassinato brutalmente per mezzo della pagina 221 di un libro infilata in bocca. Mentre il commissario Clavicola dirige le indagini, altri studenti, tutti legati all'esperienza con la cultura Bororo in Brasile, vengono violentemente assassinati. Chi è che uccide professori e alunni in nome di un potere accademico immodificabile? Questo l'enigma da risolvere.
20,00

Antropologia della comunicazione visuale. Esplorazioni etnografiche attraverso il feticismo metodologico

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: Postmedia Books

anno edizione: 2017

pagine: 276

L'ipotesi del libro muove verso un'antropologia-non-antropocentrica, estesa nelle sensorialità biografiche di cose-oggetti-merci e di animali-piante-minerali tra ecologie mentali, animismi digitali, paradossi vincolanti. A tal fine, il feticismo metodologico disloca le diverse genealogie del feticcio per dirigersi verso le liberazioni possibili di un meta-feticismo oltre le reificazioni. I mass media tradizionali definiscono sempre meno la rivoluzione digitale: il concetto di massa è morto; si sta esaurendo la "mediazione" dei media tra industria culturale e un pubblico compatto; infine, nelle culture digitali ciascun soggetto può decentrare la sua narrativa. Il concetto di social network è un paradosso linguistico. Il network (e il web) dissolve la società nel suo significato industrialista; per cui l'uso inglese di social indica un genere tipologico deprivato della connotazione storica di società. Social trasforma società in codice.
24,00

La linea di polvere. La cultura bororo tra mutamento e auto-rappresentazione

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: Meltemi

anno edizione: 2017

pagine: 297

Il libro - basato su una ricerca etnografica svolta durante il Funerale Bororo con Kleber Meritororeu in Mato Grosso (Brasile) - focalizza tensioni, conflitti e scambi tra tradizione e mutamento nelle aldeias (villaggi) di Meruri e Gargas. Parola chiave in senso metodologico, politico e narrativo è auto-rappresentazione. I Bororo sono performers e interpreti del loro funerale attraverso istanze sacrali e tecnologie digitali, coinvolgimenti alterati e svolgimenti filosofici. L'autore sperimenta composizioni narrative diversificate prima, durante e dopo il rituale, mescola concetti sensoriali, foto emozionali, logiche innovative. La linea di polvere è frontiera immateriale e porosa tra il mestre dos cantos José Carlos Kuguri e lo stesso antropologo, durante la trasfigurazione della moglie morta in cranio vivo: in arara, pappagallo ancestrale. Per i Bororo, vita e morte sono un transito tra corpo-vivo (body) e corpo-morto (corpse), tra umani e animali, piante e divinità. Il rituale non ripete solo le tradizionali cosmologie, quanto tenta di elaborare soluzioni ai mutamenti crescenti dentro e fuori i villaggi.
24,00

Fake-in-China. Viaggio di superficie nel paese che sta cambiando il mondo

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: ARACNE

anno edizione: 2014

pagine: 244

È un testo falsovero, oltre copy-right e copy-left, un romanzo etnografico che mescola i generi, intriso di frammenti personali: i momenti di vita sentimentale, le difficoltà del mangiare, l'impegno per insegnare a studenti diversi, la complessità di una cultura "altra" eppur prossima. Si muove su itinerari non lineari lungo diversi spazi del paese: le grandi metropoli di Nanjing, Shanghai, Hong Kong. E Macao, che ha superato Las Vegas come capitale mondiale dei casinò; Shozou, presentata come la Venezia cinese; Chong Qing, con più di trenta milioni di abitanti. E poi l'isola tropicale di Sanya, con spiagge chiare, hotel-indiani, resort in stile "Cinecittà", un parco tematico della cultura "nativa" Li. E il fiume Yangtze Kiang tra gole limpide e fabbriche infernali, dove - improvvisa - l'enorme testa dell'imperatore Ming che sta diventando un hotel con vista sulla Città Fantasma.
15,00

Sincretika. Esplorazioni etnografiche sulle arti contemporanee

di Massimo Canevacci

Libro: Copertina morbida

editore: Bonanno

anno edizione: 2014

pagine: 240

SincretiKa è il risultato di una ricerca empirica più che decennale tra Italia, Brasile e "resto-del-mondo" basata su una idea chiara: i processi globali e locali (glocal) di mutamento culturale stanno affermando il rapporto tra culture e soggetti diversi come una ricchezza potenziale del presente-futuro. Anziché chiusure nei rispettivi recinti identitari, oscillanti tra razzismo esplicito ed etnocentrismo praticato, il testo afferma prospettive in cui le differenze culturali si incrociano, mescolano, scambiano, confliggono fino a produrre nuove visioni teoriche e pratiche nel campo delle arti, intese in senso esteso.
22,00

Le magma constitutif de l'imaginaire social contemporain. Ediz. italiana e francese

Libro: Copertina morbida

editore: ARACNE

anno edizione: 2013

pagine: 168

13,00
18,40
17,20
20,66

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento