Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Oscar Wilde

The picture of Dorian Gray

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2021

pagine: 304

7,90

Virgola rimossa. Tutti i racconti e le fiabe di Oscar Wilde. Ediz. a colori (La). Vol. 1

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: Sagoma

anno edizione: 2021

pagine: 140

«Sono stato tutta la mattina per aggiungere una virgola, e nel pomeriggio l'ho tolta». Uno dei tanti aforismi che hanno reso celebre Oscar Wilde, questa volta sull'arte dello scrivere. Ecco allora la raccolta completa dei suoi racconti - dagli scoppiettanti "Il Fantasma di Canterville" e il "Delitto di Lord Arthur Savile" fino alle raccolte di fiabe scritte per i suoi figli - per leggere come la sua arte di scrivere si è affinata fino a trasformarlo in una delle penne più argute di sempre. Con nuove illustrazioni a colori e la prefazione del comico Max Pisu.
14,00

Il ritratto di Dorian Gray

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: Curcio

anno edizione: 2021

pagine: 265

Nella Londra vittoriana del XIX secolo, la vita di un giovane ragazzo di bell'aspetto, Dorian Gray, inizia a essere stravolta quando riceve in regalo dall'amico pittore, Basil Hallward, un ritratto che lo immortala nel pieno del suo splendore. Sotto l'influenza di Lord Henry Wotton, Dorian inizierà a considerare la giovinezza e l'aspetto esteriore come gli unici veri valori per un uomo, tanto da arrivare a invidiare il suo stesso ritratto: sulla tela sarebbe rimasto eternamente bello e giovane mentre, nella vita, sarebbe inesorabilmente invecchiato. L'esaltazione del piacere da cogliere al volo e della bellezza fine a se stessa lo porteranno, però, a stringere un patto pericoloso. Età di lettura: da 11 anni.
15,90

Il ritratto di Dorian Gray

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2021

pagine: 276

«Ci ho messo molto di me. Basil Hallward è come ritengo di essere; Lord Henry è come il mondo ritiene che io sia; Dorian è come vorrei essere - in altri tempi, forse». "Il ritratto di Dorian Gray" è forse l'opera in cui Oscar Wilde si è maggiormente riconosciuto. La storia è quella di un bellissimo giovane, Dorian Gray, che riesce a conservare intatte gioventù e avvenenza, nonostante le dissolutezze cui si abbandona: è infatti un suo ritratto, tenuto nascosto, a invecchiare al suo posto. Accolto dalla critica vittoriana con scandalo e furiose polemiche, il romanzo costituisce una sorta di manifesto del decadentismo europeo, e ancora di più una summa della "filosofia" wildiana. Non c'è solo la ricerca della sensazione intensa e rara, la fede nel piacere come unica guida e nella supremazia dell'artista su ogni convenzione. L'esule irlandese Wilde - «figlio di una patriota, dileggiato dalla grettezza di un popolo che mai lo adottò, e anzi, lo mise alla berlina, lo condannò ai lavori forzati, lo bandì», come scrive Enrico Terrinoni nell'introduzione - critica la società, quella britannica in particolare, dal punto di vista estetico, morale e sociale, e la pone come esempio non da imitare ma da rifuggire. La sua è prima di tutto la battaglia dello spirito e dell'immaginazione contro l'etica utilitaristica. L'estetismo esasperato del "Ritratto di Dorian Gray", con la sua lingua raffinata - e affilata - ai limiti dell'artificio, è solo una superficie: quando parla di arte, di musica, di letteratura, infatti, Oscar Wilde sta parlando di politica, sta parlando di come cambiare il mondo. In nome di quei valori di bellezza, cultura, umanità, che ha incarnato e difeso con la propria esistenza "vissuta come un'opera d'arte".
13,00

Il ritratto di Dorian Gray

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: Giunti-Barbera

anno edizione: 2021

pagine: 320

Malgrado tutte le sue provocazioni, gli sberleffi e gli attacchi alla morale costituita, Il ritratto di Dorian Gray ha molto della storia con una morale bene in vista. Il finale, infatti, mostra il peccatore che, pentito delle sue azioni, attacca, a suo rischio e pericolo, la vera natura della sua oscura perfezione. Siamo, insomma, in pieno Romanticismo nero, dalle parti de L'uomo della sabbia (1815) di Hoffmann o di Scarpette rosse (1845) di Andersen, che lo scrittore irlandese aveva ben presenti. L'ossessione per la bellezza conduce all'abisso ma quel sentiero, scosceso ed esaltante, è necessario percorrerlo fino in fondo.
7,50

Il ritratto di Oscar Wilde

di Oscar Wilde

Libro: Copertina rigida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2021

pagine: 696

Dal romanzo, con la storia di culto del "Ritratto di Dorian Gray", al teatro, con commedie brillanti come "L'importanza di chiamarsi Ernesto", fino alla favola e alla poesia: Oscar Wilde ha lasciato il suo segno - il segno del genio - in ogni genere della letteratura. Questo ricco volume raccoglie i suoi testi più amati, restituendo l'immagine a tutto tondo di un grande artista e un grande uomo.
28,00

Il fantasma di Canterville

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: HarperCollins Italia

anno edizione: 2021

pagine: 96

Hiram Otis, ambasciatore degli Stati Uniti in Inghilterra, si è appena trasferito a Canterville Chase con la moglie e i quattro figli quando scopre che tutto ciò che il precedente proprietario gli ha raccontato è vero, il castello è infestato da un fantasma: una sinistra macchia di sangue compare sul pavimento della biblioteca, e le notti sono funestate da inquietanti cigolii di catene, tonfi, lamenti. Gli Otis però non si lasciano intimidire, e a tutti i tentativi di spaventarli reagiscono con il tipico pragmatismo degli americani: lavano via la macchia di sangue, offrono al fantasma del lubrificante per le catene, e i pestiferi gemelli gli giocano ogni sorta di orribili scherzi. L'unica a provare un briciolo di compassione è la piccola Virginia... Ma avrà la forza di aiutarlo a trovare la pace? Pubblicato in due puntate sulla rivista "The Court and Society Review" nel 1887, "Il fantasma di Canterville" è uno dei più celebri racconti di Oscar Wilde, una raffinata favola gotica che mette a confronto con sottile ironia l'alta società inglese e la borghesia americana, ma al tempo stesso invita a riflettere sul significato della vita e della morte, dell'amore e del perdono, e sull'importanza di saper accettare chi è diverso da noi.
8,90

The selfish giant

di Oscar Wilde

Libro

editore: ELI

anno edizione: 2021

6,90

The picture of Dorian Gray

di Oscar Wilde

Libro

editore: Hoepli

anno edizione: 2021

8,90

The Giant Rumbledumble

di Oscar Wilde

Libro

editore: ELI

anno edizione: 2021

6,90

The Canterville Ghost

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: ELI

anno edizione: 2021

6,90

Vera o i nichilisti

di Oscar Wilde

Libro: Copertina morbida

editore: FELTRINELLI

anno edizione: 2020

pagine: 192

"Vera, or the Nihilists" è il primissimo scritto per il teatro di Oscar Wilde. L'eroina principale, Vera, unitasi ai Nichilisti, ha in animo di sovvertire l'ordine monarchico russo dopo aver assistito alla deportazione in Siberia del fratello che apparteneva al gruppo di sabotatori rivoluzionari. La sua ambizione è tra le più grandiose: assassinare lo zar. L'ambientazione del play è la Russia di fine Settecento ma in controluce si legge l'Irlanda e il suo rapporto con l'oppressore coloniale, l'Impero britannico. La storia prende spunto dal tentato omicidio, da parte di Vera Ivanovna Zasulich, del governatore di San Pietroburgo Fëdor Trepov, nel 1878. Trepov si era reso famoso per la brutale repressione dei polacchi durante le rivolte del 1830 e poi nel 1863, e Vera aveva deciso di agire in seguito alla fustigazione di un prigioniero politico che da lui era stata decisa. Nel ricamare sull'episodio, Wilde modifica alcuni nomi e luoghi in questione, anche per evitare di incorrere in possibili censure, e nonostante l'evidente difficoltà di poter mai produrre in Inghilterra un play che avesse a che fare con i Romanov, dati i rapporti stretti tra la monarchia inglese e lo zar, non abbandonò presto le speranze di vederlo prodotto a teatro. Debuttò senza troppo successo a New York nel 1883. Apparentemente lontano per spirito dalle commedie successive di Wilde, tutte improntate alla brillante critica sociale delle classi alte della società inglese, è proprio qui che il drammaturgo punta di più sulla cultura del suo paese d'origine, l'Irlanda, e spiana la strada per il fondamentale saggio L'anima dell'uomo sotto il socialismo e per le istanze di libertà che animano le sue fiabe.
9,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento