Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Paolo Sartori

Esercizi di fisica generale

di Paolo Sartori

Libro: Libro in brossura

editore: ESCULAPIO

anno edizione: 2016

pagine: 184

19,00

Quid

di Paolo Sartori

Libro: Copertina morbida

editore: Silele

anno edizione: 2016

pagine: 124

Si tratta di un racconto lungo (o romanzo breve, o esperimento linguistico) dove la parola cerca di sconfiggere il tempo e lo spazio. L'autore, prendendo come semplice pretesto il genere "fantascienza", utilizza la parola come una sorta di microscopio elettronico dei sentimenti. Attraverso l'uso del linguaggio, ricco di suggestioni beckettiane, l'autore compie un viaggio della memoria e dello spazio-tempo. In tal modo, narrando sensazioni, situazioni e fatti, procedendo per cellule elementari viepiù delineate, descrive un ritratto del protagonista. Questa prova è un viaggio fantascientifico dove l'autore/protagonista cerca di definire "l'oltre" che parte dalla sicura navicella spaziale del proprio io per giungere alla realtà e alla quiete della casa che risulterà essere la casa paterna.
12,00

Animali non addomesticabili

Libro: Copertina morbida

editore: Exòrma

anno edizione: 2019

pagine: 280

Un bruco sognatore, un cane vagabondo che progetta viaggi in mare, una formica anarchica, una pudica vongola napoletana, un coro di felidi plebei, l'orso Vincenzo dai Monti Pizzi... Aprendo il libro varcheremo la soglia di un geniale e scellerato serraglio, e crescerà il desiderio o il sospetto che queste pagine nascondano una promessa e vogliano essere, in realtà, un'insolita guida; non una guida agli animali di un bestiario verosimile, anche se insolito, ma per animali: gli animali umani che siamo, scommettendo sul personale grado di domesticazione, tutto da verificare, del lettore che è in noi. Nei racconti di Giacomo Sartori, Paolo Morelli, Marino Magliani, gli animali parlano; hanno tutti una grande propensione alla parola. Tanti sono gli animali che hanno già parlato nei miti, nelle stanze dei bestiari di tutti i tempi, nelle tradizionali messe in scena della letteratura, nelle favole, riallestiti in forme ibride, corpi di bestia e sentimenti domestici e scarni, del tutto umani. Questa volta ci chiedono di riconvertire il nostro immaginario: può capitare, ascoltandoli, che non siano loro a umanizzarsi, ma piuttosto sia l'uomo-che-legge a caninizzarsi, dromedarizzarsi, corvizzarsi, vedovanerizzarsi, rinnovando un patto di alleanza con una parte selvatica, ineludibile e salvifica della propria umanità e un patto di sangue con la vita diversa dalla nostra. Appunti in coda di Paolo Albani.
16,50

L'amore e basta

di Paolo Sartori

Libro: Copertina morbida

editore: UNI SERVICE

anno edizione: 2007

pagine: 61

L'ultima prova narrativa di Paolo Sartori ha il sapore di una sfida: undici brevi racconti ispirati al Vangelo, storie che tratteggiano figure umane che hanno incrociato il loro destino con Gesù di Nazareth. "L'agnello sgozzato e squartato, con uno sforzo sovrumano, torse il capo verso me e con il solo occhio aperto violaceo e tumefatto che ormai gli rimaneva accolse e abbracciò tutto il mio niente".
9,50

Nulla di più

di Paolo Sartori

Libro

editore: Youcanprint

anno edizione: 2018

pagine: 112

Il protagonista di questo atipico romanzo è rinchiuso in un rifugio antiatomico. Fuori imperversa una guerra termonucleare globale. La fine di tutto è imminente e vicina. Lui è un poeta drammaturgo che è stato prescelto, insieme ad altri diciannove intellettuali, per salvare un alto pensiero umano e una parola capace di lasciare un segno alle future generazioni, se mai ci saranno. Per realizzare questo improbabile e utopico progetto dovrà effettuare una scelta estrema: interagire con una sorta di monolite nero (esplicito richiamo al monolite di "2001: Odissea nello spazio"), un sofisticato computer quantistico ad altissima tecnologia destinato a diventare la sede della conoscenza della nuova umanità post-apocalisse; esiste tuttavia un'unica controindicazione: chiunque effettuerà il transfert al monolite nero perderà all'istante la propria vita. Attraverso un dialogo continuo con il suo computer che si trasfigura così in archetipo del proprio io e della memoria più profonda, egli giungerà a riscoprire il vero senso dell'agire umano. Il racconto è un viaggio agli inferi, una memoria del sottosuolo e nel sottosuolo con il desiderio di una risalita a riveder le stelle.
11,00

Esercizi di fisica

di Paolo Sartori

Libro: Libro in brossura

editore: ESCULAPIO

anno edizione: 2015

pagine: 164

15,00

Lezioni di fisica

di Paolo Sartori

Libro: Libro in brossura

editore: ESCULAPIO

anno edizione: 2014

pagine: 352

28,00

Lezioni di fisica generale

di Paolo Sartori

Libro: Libro in brossura

editore: ESCULAPIO

anno edizione: 2014

pagine: 428

35,00

Fisica

Libro: Libro rilegato

editore: La Dotta

anno edizione: 2018

pagine: 590

59,00

Fisica generale. Meccanica, termodinamica

Libro: Copertina morbida

editore: La Dotta

anno edizione: 2018

pagine: 374

35,00

Fisica generale, elettromagnetismo, ottica

Libro: Copertina morbida

editore: La Dotta

anno edizione: 2017

pagine: 446

40,00

La nazione nella tradizione Millat nelle riviste degli «Ulamà» di Tashkent (1917-18)

di Paolo Sartori

Libro: Copertina rigida

editore: Fabrizio Serra Editore

anno edizione: 2008

pagine: 112

C'è un generale consenso tra gli storici d'oggi circa l'idea che, all'inizio del Novecento, il Turkestan russo testimoniò lo sviluppo di un ambiente intellettuale musulmano riformista, detto 'jadid'. Oltre ai ben noti progetti di ammodernamento dei curricula di maktab e madrasa di Ismail Bey Gasprinskij, pare che tale milieu avesse mutuato nozioni caratteristiche della moderna cultura occidentale quali 'progresso' e 'nazione'. Benché sia ancora in parte oscuro come queste siano state recepite, rielaborate e diffuse, pochi significativi approfondimenti sono stati dedicati alla produzione intellettuale musulmana centrasiatica a cavallo della dissoluzione dell'impero russo e della costruzione dell'Unione Sovietica. Da questa ultima considerazione discende l'obiettivo di questo studio: esaminare la coscienza identitaria dei musulmani del Turkestan dopo la conquista russa all'interno della produzione pubblicistica in lingue autoctone. Quotidiani e periodici costituiscono infatti una fonte privilegiata per studiare l'elaborazione delle rappresentazioni identitarie collettive dei diversi ambienti intellettuali musulmani locali, visto che tale letteratura occupò un ruolo dominante nel panorama editoriale dei musulmani dell'impero russo. Per esplorare in modo sistematico la concezione identitaria dei musulmani all'interno del contesto della letteratura pubblicistica si è deciso di circoscrivere questo studio ad un campione di tre riviste, pubblicate a Tashkent fra il 1917 e il 1918.
110,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.