Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di PERICOLI TULLIO

Incroci

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina morbida

editore: ADELPHI

anno edizione: 2019

pagine: 97

A volte sembra che Tullio Pericoli scriva con la stessa matita che usa per disegnare - magari quel mozzicone minuscolo che tiene sempre pronto in tasca per ogni evenienza. Ma la matita di Pericoli è anche il suo contrario, una gomma che serve per cancellare tutto quanto appare superfluo. Lo dimostra questo libro, dove Pericoli schizza a memoria ventidue profili di persone che ha incontrato, e che hanno segnato altrettanti punti di svolta. Può trattarsi di amici di una vita, come Umberto Eco, di bizzarri mecenati come Livio Garzanti, o anche di personaggi illustri abbordati in un attimo di incoscienza - come Eugenio Montale, incrociato per caso nell'androne del «Corriere», poi accompagnato a casa in 500, in un silenzio surreale che trasforma l'incontro in una micropièce dell'assurdo. In quasi tutti questi racconti lunari e sorridenti, intervallati da ritratti che disegnano una sorta di libro parallelo, ci sono pause improvvise, o reticenze che a volte spiazzano: ma sono solo un piccolo trucco, un piccolo effetto speciale di Pericoli per farci sentire meglio il suono - inconfondibile - della sua matita al lavoro.
12,00

Forme del paesaggio 1970-2018

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina morbida

editore: Quodlibet

anno edizione: 2019

pagine: 256

Il tema del paesaggio, che Tullio Pericoli aveva affrontato fin dagli esordi della sua carriera, è tornato da alcuni anni al centro dell'opera dell'artista, restituendo nuova vita al rapporto - comunque mai interrotto - con la sua terra natale. Sono però ora le "parti senza un tutto" del territorio marchigiano a dar forma alla sua pittura, sempre tuttavia plurale, soggetta a continue e imprevedibili variazioni. Come scrive Salvatore Settis nel saggio introduttivo: "Costruiti mutando il punto di vista ma non lo spirito sperimentale, questi dipinti, se presi tutti insieme, acquistano, anche senza volerlo, un marcato carattere inventariale. Sono il repertorio, il registro, il lessico di un linguaggio: la lingua madre di Tullio Pericoli, delle sue Marche. E, per sineddoche, della nostra Italia". Il presente volume accompagna la mostra ospitata ad Ascoli Piceno presso Palazzo dei Capitani dal 22 marzo 2019 al 3 maggio 2020 e propone un percorso antologico con una selezione di 168 opere realizzate dal 1970 al 2018, un viaggio a ritroso nei quasi cinquant'anni di ricerca che l'artista ha dedicato al paesaggio. Il periodo iniziale si identifica nel ciclo delle "geologie" (1970-1923), costituito da immagini stratificate, sezioni materiche, strutture sismiche. La fase successiva (1976-1983) pone in evidenza un diverso trattamento del tema paesaggistico con vedute luminose e lievi - acquerelli, chine e matite su carta -, spazi aerei che l'artista concepisce come orizzonti immaginari, memorie di alfabeti, tracce di antiche scritture. L'esplorazione di nuove morfologie paesaggistiche si avverte in un consistente gruppo di opere (1998-2009) che, dopo aver rappresentato lo scenario dei colli marchigiani, va progressivamente esplorando i dettagli della natura, i segni e i solchi delle terre. Il paesaggio, dipinto per frammenti, è una mappa costruita con equilibri diversificati, rapporti instabili che l'artista coglie nella trama di stratificazioni materiche. L'esposizione documenta infine in modo ampio e articolato la stagione più recente (2010-2018) in cui Tullio Pericoli ha individuato nuove profondità del paesaggio, con continui rinnovamenti dell'esperienza pittorica. Prefazione di Salvatore Settis. Con scritti di Claudio Cerritelli e Silvia Ballestra.
25,00

Tullio Pericoli. Scritture e figure

di Tullio Pericoli

Libro: Libro in brossura

editore: Skira

anno edizione: 2017

pagine: 104

Quando la terra era ancora nuova e gli uomini primitivi, "uno di loro, quasi senza pensarci, prese un tizzone dal fuoco ormai spento, lo appoggiò sulla parete della caverna e lo strofinò da sinistra verso destra facendo comparire un segno..." Assistiamo all'inizio della storia umana, alla nascita della linea, lo strumento istintivo e potente che ha permesso di descrivere e comprendere quello che ci circonda. Il pezzetto di matita, che Pericoli tiene sempre in tasca e che diventa il suo sesto dito, è lo strumento semplice e complesso, acuto e sensibile, da cui è nato tutto un mondo di immagini, di alfabeti, di paesaggi, di storie e di parole. È l'universo artistico di Pericoli e in questo piccolo libro l'autore ricrea il proprio processo creativo, che si rispecchia in una raffinata raccolta di opere che ben descrivono un'area della sua ricerca artistica.
14,00

La casa ideale di Robert Louis Stevenson

di Tullio Pericoli

Libro: Libro in brossura

editore: ADELPHI

anno edizione: 2017

pagine: 68

Questo piccolo libro è forse il lavoro più personale, e anche più segreto, di Tullio Pericoli. E lo è al punto che, a tredici anni dalla sua prima edizione, Pericoli ha deciso di ridisegnarlo, avvicinandolo in modo ancora più preciso all'idea da cui era nato. Allora, infatti, "La casa ideale" era stato presentato come un piccolo film tutto di carta su Robert Louis Stevenson, e sulla sua fantasia dello spazio in cui sarebbe possibile una vita perfetta. Bene, quel piccolo film oggi Pericoli lo ripresenta nella veste in cui si è reso a poco a poco conto di averlo sempre pensato: in un bianco e nero assoluto, cioè, dove le immagini si possono anche leggere, e le parole - a loro volta presentate come fotogrammi - si possono anche guardare. Da un punto qualsiasi fra quelle due pellicole parallele è ricominciato il sogno di Pericoli e Stevenson: e da un altro punto ancora può ricominciare, adesso, quello del lettore.
12,00

Piccolo teatro

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina morbida

editore: ADELPHI

anno edizione: 2016

pagine: 94

Il nuovo, sorprendente gioco di Tullio Pericoli: trentasette "ritratti sonori" di Toni Servillo.
14,00

Storie della mia matita

di Tullio Pericoli

Libro

editore: HENRY BEYLE

anno edizione: 2015

75,00

Attraverso l'albero. Una piccola storia dell'arte

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina morbida

editore: ADELPHI

anno edizione: 2012

pagine: 80

Come i grandi artisti, da Giotto a Saul Steinberg, hanno immaginato, disegnato, dipinto gli alberi. E come Pericoli li ha reinterpretati, nel suo album più personale.
8,00
70,00

Pensieri della mano. Da una conversazione con Domenico Rosa

di Tullio Pericoli

Libro: Libro in brossura

editore: ADELPHI

anno edizione: 2014

pagine: 128

Anche per chi abbia familiarità col suo universo visivo - disseminato di figure, paesaggi, oggetti, e disegni dentro disegni dentro disegni - lo sguardo di Tullio Pericoli non è facile da ricostruire. Almeno fino a quando non si coglie un dato essenziale e singolarissimo, e cioè che a guidare quello sguardo non è soltanto l'occhio, ma un organo più irrequieto e nervoso, che si lascia dirigere solo fino a un certo punto, e da lì in poi asseconda, prima di tutto, i propri imprevedibili talenti: la mano. In questa conversazione con Domenico Rosa, Pericoli ne parla per la prima volta apertamente, con il gusto e spesso la sorpresa di scoprire via via, insieme a chi ascolta e poi a chi legge, i meccanismi e gli incantesimi del proprio lavoro: sciogliendone vari enigmi, e avvicinandoci, nel modo più attraente, a quella singolare "sapienza" che è nella mano.
13,00

I paesaggi

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina morbida

editore: ADELPHI

anno edizione: 2013

pagine: 496

Per tutto l'arco del suo percorso d'artista Tullio Pericoli ha ritratto il paesaggio - secondo una maniera più astratta agli inizi, e una invece molto più fisica negli ultimi tempi. Ma qui non ha voluto semplicemente raccogliere il lavoro di oltre quattro decenni, bensì costruire un libro, e prima ancora un racconto: per immagini, certo, ma anche attraverso le parole, così da mostrare in modo molto evidente che cosa nel paesaggio abbia sempre cercato e che cosa, almeno a volte, abbia trovato. Per farlo, Pericoli è ricorso essenzialmente al montaggio, accostando le tavole nell'ordine o secondo il caso che le hanno viste nascere, organizzandole in lunghi, emozionanti piani sequenza, improvvisamente intervallandole con brevi testi degli scrittori, degli artisti, dei poeti, dei pensatori che lo hanno accompagnato, anche solo con un frammento di prosa o con un verso. Il risultato è un lungo film in bianco e nero e a colori che non si riesce a smettere di guardare e rivedere, rimanendone ogni volta attratti, o sorpresi, per una ragione nuova.
36,00

Tullio Pericoli. Moby Dick. Opere 2008-2012

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina morbida

editore: Lubrina-LEB

anno edizione: 2012

pagine: 94

30,00

80 ritratti per 10 scrittori

di Tullio Pericoli

Libro: Copertina rigida

editore: MONDADORI

anno edizione: 2012

pagine: 104

"Tullio Pericoli, uno dei più estrosi artisti italiani, si è messo, con i suoi disegni, sulla pista delle identità altrui. I suoi 'ritratti' sono dei sospetti, delle insinuazioni, delle ipotesi, delle letture critiche. E come è confortante vedere che solo una lettura critica, spesso filtrata dalla figura dell'ironia, si avvicina più di ogni altra cosa al nostro je-ne-sais-quoi, o al nostro presque-rien." (Antonio Tabucchi). "Credo che, quando Pericoli ha riflettuto abbastanza sul mondo del suo soggetto, proceda senza più guardare le immagini di repertorio. Il soggetto viene visto 'dall'interno' - ma non è chiaro se dall'interno di lui, o lei, o dall'interno di Pericoli, che è ormai diventato l'altro." (Umberto Eco)
13,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.