Acquista libri e DVD su GoodBook: libreria online comoda ed economica

Libri di Rainer Maria Rilke

L'ora di ginnastica e altri racconti

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: Ibis

anno edizione: 2022

pagine: 95

Nei racconti di Rainer Maria Rilke (1875-1926), pur nei limiti di uno stile letterario ancora in costruzione, non mancano tracce di quello che sarà il Rilke maturo: il distacco e l'ironia nella malinconia, ad esempio. Sono anche già presenti i temi fondamentali della poetica rilkiana: l'amore per gli umili, gli oppressi, i falliti, gli infelici. Lo spettro di una vita non vissuta, di un'esistenza che passa senza lasciare tracce. Insomma questi racconti, pur ripudiati, sono figli di quello stesso sforzo di creare dal nulla, di costruire sul vuoto, da cui nasceranno alcuni anni più tardi, con ben diversa padronanza della parola e con maggior distacco, prima il Malte e poi le Elegie duinesi.
7,00

Finestre

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: Genesi

anno edizione: 2022

pagine: 68

Nuova traduzione della raccolta di Rainer Maria Rilke Les Fenêtres, pubblicata a Parigi nel 1927 con dieci acqueforti di Baladine Klossowska. La traduzione, o libera versione, è accompagnata da dieci disegni in bianco e nero di Diego Mazzaferro. In questa alleanza tra traduttore e artista, si propone un nuovo adattamento dell'opera, non soltanto sul piano testuale, ma anche visivo, tenendo conto dell'edizione originale della raccolta, come fu concepita dallo stesso Rilke.
10,00

Noi siamo le api dell'invisibile. Lettere da Muzot

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: De Piante Editore

anno edizione: 2022

pagine: 121

Febbraio 1922: improvvisamente, d'assalto, la poesia occidentale si compie. Nel maniero di Muzot, in Svizzera, nell'arco di venti giorni, Rainer Maria Rilke, scrive i Sonetti a Orfeo e risolve le Elegie duinesi, a cui lavorava da dieci anni. Sembra una rivelazione, l'attimo perfetto, incuneato come una perla nell'anno memorabile: nel '22 vengono ideati alcuni capolavori senza tempo - l'Ulisse di Joyce, la Terra desolata di T.S. Eliot, Il castello di Kafka -, muore Marcel Proust. Rilke, l'autentico asceta dell'arte, aveva preparato con dedizione quel momento: nel 1919 si congeda dalla figlia, dagli amici, dal tempo; dal 1921 sale a Muzot, donatogli da un ammiratore, Werner Reinhart. Le lettere, qui in una selezione curata da Franco Rella, sono il modo con cui il poeta comunica con il mondo, costituiscono uno degli epistolari più vertiginosi della storia della letteratura. È un libro per chi ama gli epistolari mozzafiato e ha un animo lirico, un libro che insegna a vivere poeticamente, in obbedienza al proprio destino.
14,00

Elegie duinesi-Duineser Elegien

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: Castelvecchi

anno edizione: 2022

pagine: 88

Le "Elegie Duinesi", composte fra il 1912 e il 1922, condensano il travagliato passaggio tra la fine dei grandi imperi europei e lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, dando voce al sentimento di crisi che si accompagnò a quel tempo di profonda trasformazione. Il nuovo secolo, nelle parole di Rainer Maria Rilke, appare sin da subito lacerato fra due dimensioni della vita individuale: l'esperienza della realtà esterna, sempre più invadente e alienante, e lo «spazio interiore del mondo», nel quale ritrovare quel raro e pacificante senso di infinito. Ma è proprio nella condizione di straniamento che Rilke evoca la missione dei poeti, «api dell'Invisibile» che trasportano e salvano, nel linguaggio poetico, tutte quelle forme di vita minacciate dalla caducità e dall'estinzione. L'opera fondamentale di Rilke è qui presentata in una nuova traduzione.
12,00

Elegie duinesi-I sonetti a Orfeo. Testo tedesco a fronte

di Rainer Maria Rilke

Libro

editore: Ensemble

anno edizione: 2021

Nel giugno del 1922, quattro mesi dopo aver completato la stesura delle due raccolte a cui è maggiormente legata la sua fama, Rilke scrive che i percorsi poetici delle Elegie e dei Sonetti gli appaiono «meravigliosamente paralleli». Tre anni dopo, in una lettera al suo traduttore polacco, aggiungerà che ai suoi occhi le due raccolte «si sostengono a vicenda e di continuo», e che è stata per lui «una grazia infinita... aver potuto gonfiare con lo stesso soffio queste due vele: la piccola vela color ruggine dei Sonetti e quella immensa e bianca delle Elegie». La lettura ravvicinata delle due raccolte non può che confermare il rapporto di vera e propria simbiosi realizzatosi, in pochi giorni di febbrile creatività, tra le composizioni dedicate al dio del canto poetico e le ultime a nascere delle loro - la definizione è ancora di Rilke - «sorelle maggiori». Questa edizione presenta insieme, per la prima volta in Italia, solo le Elegie e i Sonetti, con un'introduzione e due commenti particolarmente attenti ai temi e alle immagini comuni alle due raccolte, nell'intento di dare il maggiore risalto possibile alla rilevanza e all'unicità di tale simbiosi creativa, che ha prodotto due tra le massime espressioni della poesia del Novecento. In una nuova traduzione, mirata alla ricerca del giusto equilibrio tra il rispetto della lettera e l'efficace resa in italiano della ricchezza del pensiero del poeta praghese.
15,00

Poesie d'amore. Testo tedesco a fronte

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: Passigli

anno edizione: 2021

pagine: 96

Come ricorda Sabrina Mori Carmignani nella prefazione a questo volume, a un giovane poeta che nel 1903 gli chiedeva consigli sui propri versi, Rilke risponde senza traccia d'esitazione: «Non scriva poesie d'amore», e questo monito non può non essere letto anche e soprattutto in direzione dello stesso Rilke. Il quale, in realtà, aveva sì scritto 'poesie d'amore', e in particolar modo negli anni giovanili (fra l'altro un'intera raccolta dedicata a Lou Andreas-Salomé dal titolo "In tuo onore"), ma aveva anche avvertito piuttosto precocemente il limite di un'ispirazione inserita entro l'esperienza vissuta in prima persona. E non è certo un caso che poi molte delle liriche dedicate a Lou non siano state da lui pubblicate. Per questa ragione, selezionare e raccogliere un'antologia di liriche amorose nell'ambito della pur vasta opera rilkiana impone il difficile confronto con un orizzonte tematico aperto. Come spesso avviene nell'opera dei poeti più grandi ogni singolo componimento rappresenta una sorta di tutto compiuto; e in Rilke questo accade in maniera ancor più evidente, poiché tutta la sua straordinaria evoluzione di poeta, pur nella molteplice complessità della sua voce, tende a un assoluto rigore espressivo, a una sorta di 'congiunzione' dei temi, che ne rivela - si pensi ai "Sonetti a Orfeo" e al canto estremo delle "Elegie Duinesi" - la natura profondamente poematica. D'altra parte, proprio questa antologia ci permette di interrogare l'opera di Rilke da un versante nuovo e originale; e la risposta è ancora una volta straordinaria, in un insieme di liriche d'amore che sono fra le più belle dell'intero Novecento poetico.
10,00

Del paesaggio e altri scritti

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: Adelphi

anno edizione: 2020

pagine: 216

«Dobbiamo diventare bambini, se vogliamo raggiungere il sublime». Queste parole, che Rilke scrisse in un testo sull'arte del paesaggio, si possono leggere come il condensato della sua percezione delle cose, di una sensibilità che con lui nasce e con lui muore. Una sensibilità che si esprime con rara intensità in tutti gli scritti offerti in questo volume - raccolti e tradotti da Giorgio Zampa, che di Rilke è stato uno dei massimi interpreti -, attraverso meditazioni e memorie, confessioni e impressioni di viaggio, lettere (come quelle a un giovanissimo Balthus) e visioni oniriche. Una sensibilità che si trasmette al lettore grazie a una prosa tra le più alte del Novecento tedesco, aerea e profonda, lucente e umbratile. Una sensibilità capace di cogliere il riverbero dell'assoluto in ogni oggetto a cui si volge: dall'arte («Proprio dell'artista è amare l'enigma. Ché ogni arte è solo amore riversato sopra enigmi») all'«essenza infantile e portentosa» del poeta, all'erotismo («una cosa affatto incommensurabile che gli uomini non si stancano di aggredire con norme, misure, regolamenti»). E in grado di spingersi «là dove la realtà conosciuta e quella inconoscibile si concentrano in un solo punto, si completano e diventano un unico possesso» - dove l'esteriore e l'interiore formano «uno spazio ininterrotto in cui, arcanamente protetto, resta un solo punto di purissima, profondissima coscienza». Con una Nota di Marco Rispoli.
14,00

Poesie francesi

di Rainer Maria Rilke

Libro

editore: Crocetti

anno edizione: 2020

pagine: 192

Le "Poesie francesi" di Rainer Maria Rilke segnano, assieme alle "Elegie duinesi" e ai "Sonetti a Orfeo", il vertice della produzione lirica del poeta austriaco. Composte in francese nell'ultima parte della sua vita, segnata dalle orribili sofferenze della malattia, queste liriche, potentemente pervase da quella che Gide ha chiamato una "nuova gioia", costituiscono un estremo inno alla vita, l'ultimo tentativo di trasformare il poeta in strumento di trasfigurazione poetica del mondo, che si realizza attraverso l'uso di una lingua per lui straniera. Accanto alla vita, anche la morte compare come protagonista di queste liriche: vita e morte anzi racchiudono il cerchio arcano dell'esistenza, e ricompongono in unità le varie esperienze vissute dal poeta.
16,00

Vita di Maria-Marienleben. Illustrata da immagini sacre gardesane

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: Liberedizioni

anno edizione: 2020

pagine: 152

Un viaggio nella poetica di Rilke, traduzione e cura di Pia Dusi. Con un saggio critico di Herfried Schlude "Rilke in Arco-Die Rilke Promenade" e immagini di Giancarlo Ganzerla.
16,00

Da qualche parte nel profondo. Lettere 1897-1926

di Rainer Maria Rilke, Lou Andreas-Salomé

Libro: Copertina morbida

editore: Passigli

anno edizione: 2021

pagine: 160

Quando si conoscono a Monaco il 12 maggio 1897, Rainer Maria Rilke è un giovane poeta ventiduenne, uscito pochi anni prima dalla scuola militare in cui aveva trascorso la propria non facile adolescenza, Lou Andreas-Salomé un'affascinante intellettuale trentaseienne con alle spalle anni di ricerca, un matrimonio, viaggi, frequentazioni con figure magistrali dell'epoca come Nietzsche e Freud. L'incontro inaugura un rapporto che durerà fino alla morte di Rilke il 29 dicembre del 1926. Straordinaria testimonianza di questa lunga relazione sono le moltissime lettere che i due si scambiarono, di cui questo libro offre una significativa selezione sotto il titolo ricavato da una di esse: «Là, da qualche parte nel profondo», scrive infatti Lou a Rainer, «ha inizio di nuovo ogni arte, un'evocazione dell'esistenza umana dai suoi abissi ancora inesplorati». E là 'da qualche parte nel profondo' prende anche avvio questo straordinario incontro che per il poeta praghese doveva rivelarsi un vero e proprio spartiacque nella sua maturazione esistenziale e letteraria; una svolta, un «nuovo inizio» che, come scrive Sabrina Mori Carmignani nella prefazione, inaugura anche «un rapporto d'amore nel senso più vasto del termine»: amore fra l'uomo e la donna, certo, ma, soprattutto, il grande amore «dove l'interno e l'esterno si congiungono in modo completamente nuovo, e che comprende in una volta tutti i suoi tesori».
12,50

La vita comincia ogni giorno. Lettere di saggezza e commozione

di Rainer Maria Rilke

Libro: Copertina morbida

editore: L'orma

anno edizione: 2017

pagine: 64

Armato della mitezza degli inflessibili, un grande poeta insegna a guardare il mondo come fosse il primo giorno della creazione, e ad affrontare le difficoltà come occasioni per scoprire se stessi. Le lettere di Rainer M. Rilke sono tesori di ambiziosa saggezza, straboccano di quotidiana audacia e contengono le altissime riflessioni maturate da un uomo che seppe richiedere alla vita la misura della perfezione.
7,00

Lettere a un giovane poeta

di Rainer Maria Rilke, Franz Xaver Kappus

Libro

editore: Mondadori

anno edizione: 2019

pagine: 80

Tra il 1903 e il 1908 Franz Xaver Kappus, un giovane allievo dell'accademia militare di Wiener Neustadt, inviò a Rainer Maria Rilke alcune sue prove poetiche. Ebbe così inizio un intenso carteggio: dal poeta maturo scaturisce una sorta di lezione fatta di consigli stilistici e, soprattutto, di insegnamenti spirituali. Rilke esorta Kappus a indagare se veramente lo scrivere sia per lui una necessità, gli indica il peso e la grandezza dell'essere artista, lo esorta alla solitudine come unico mezzo per giungere alla maturazione di sé. Ma soprattutto, prescindendo dal destinatario, si pone davanti a uno specchio straniante e rivelatore che lo aiuta ad analizzarsi e a definirsi.
9,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.