Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libri di Umberto Bottazzini

Istanti fatali. Quando i numeri hanno spiegato il mondo

di Umberto Bottazzini

Libro: Copertina rigida

editore: Laterza

anno edizione: 2019

pagine: 171

Nelle vicende umane c'è sempre un prima e un dopo. Un prima e un dopo separati da un istante decisivo per i secoli a venire. Milioni di uomini sono stati generati prima che nascesse lo sconosciuto scriba che ebbe l'intuizione geniale che con lo stesso simbolo astratto si potesse indicare la stessa quantità di animali o di cose; che una coppia di fagiani e un paio di giorni fossero entrambi espressioni del numero 2; o che presso i popoli dell'Asia o dell'America centrale prendesse corpo l'idea straordinaria che il vuoto e il nulla possono essere espressi con un simbolo speciale che si trasforma in un numero... Di questi e altri istanti fatali che hanno illuminato le vicende umane questo libro racconta le storie. Questo è un libro di racconti matematici. La sua trama e il suo ordito sono le storie che circondano i numeri. Lo zero, i numeri irrazionali, i numeri immaginari, rintracciati nell'istante fatale in cui la lunga catena di cause ed effetti precipita e rovescia il corso delle cose. Gli attori di questi racconti hanno i caratteri prevalenti del mito, come Pitagora; si sono misurati con problemi impossibili, come la quadratura del cerchio; hanno impegnato le loro intelligenze nelle arti matematiche più segrete e creato mondi immaginari. Scopriremo leggendo che è proprio vero quello che diceva a proposito della matematica l'americana del romanzo Altezza reale di Thomas Mann: «Non saprei immaginare niente di più divertente. È un gioco dell'aria, per dir così. Anzi, addirittura fuori dell'aria».
18,00

L'infinito

di Umberto Bottazzini

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2018

pagine: 278

L'infinito è un concetto che corrompe e altera tutti gli altri. Per Nietzsche non c'è niente di più terribile. Più prosaicamente, per gli Accademici di Berlino è una teoria che vale i cinquanta ducati del premio che hanno bandito a un secolo dalla nascita del calcolo infinitesimale. Dalla storia di quel premio ha inizio un viaggio nell'infinito che si nasconde nelle pieghe dei ragionamenti di Zenone e dei paradossi di Galileo. Nella filosofia di Aristotele e Democrito. Nel metodo di Archimede, nella guerra dei gesuiti contro gli indivisibili e nella metafisica del calcolo di Leibniz e Newton. Nell'infinità dei mondi di Bruno e di Pascal, nella teodicea di Spinoza, di Cartesio, di Leibniz. Nella dialettica di Hegel, nelle antinomie di Kant e della teoria degli insiemi. Nel paradiso del transfinito di Cantor, e nei numeri che si biforcano all'infinito come i sentieri del giardino di Borges.
15,00

Numeri

di Umberto Bottazzini

Libro: Copertina morbida

editore: Il Mulino

anno edizione: 2015

pagine: 201

I numeri sono protagonisti di una grande avventura che ha inizio migliaia di anni fa nella civiltà babilonese, in quella egizia, in Cina, e poi nella cultura inca e maya. Numeri che esprimono rapporti indicibili per i seguaci di Pitagora. Simboli per il nulla e cifre arcane che dalle regioni dell'India vedica si diffondono in Occidente e nel resto del mondo. Astratti interpreti di una storia al tempo stesso sacra e profana, dove la perfezione della Creazione si coniuga con i libri mastri dei mercanti medioevali, e i loro numeri "falsi" con i numeri reali e immaginari creati dalla fantasia dei matematici.
14,00

La patria ci vuole eroi. Matematici e vita politica nell'Italia del Risorgimento

di Umberto Bottazzini, Pietro Nastasi

Libro

editore: ZANICHELLI

anno edizione: 2013

pagine: 448

Chi sono gli "eroi" che affollano le pagine di questo libro? Sono gli uomini di scienza, e in primo luogo i matematici, che nell'arco del lungo Risorgimento sono stati protagonisti della vita politica del nostro paese. Alla guida delle istituzioni nelle "Repubbliche sorelle" nate dalle baionette delle armate di Napoleone; combattenti nelle battaglie del Quarantotto; protagonisti della "rivoluzione", come la chiamò Manzoni, che ha portato all'Unità d'Italia. Matematici come Federico Menabrea, esponente di spicco della Destra cattolica e oltranzista, deciso oppositore di Cavour e primo ministro nello Stato unitario; e come Francesco Brioschi e Luigi Cremona, fieri anticlericali, impegnati nel progetto politico e culturale di portare il nuovo Stato al livello delle più avanzate nazioni europee. Fondatore del Politecnico e a lungo punto di riferimento della vita politica ed economica milanese, dopo Porta Pia Brioschi è impegnato nel "progetto cosmopolita", come lo chiamò Sella, di fare della nuova capitale la Roma della scienza, dopo quella dei Cesari e dei Papi. E come lui Cremona, l'amico dei fratelli Cairoli che conclude la sua carriera politica come ministro e vice-presidente del Senato.
27,00

Le città di mare e lo spirito scientifico per Federigo Enriques

Libro

editore: Agorà

anno edizione: 2001

pagine: 96

20,00

Va' pensiero. Immagini della matematica nell'Italia dell'Ottocento

di Umberto Bottazzini

Libro

editore: Il Mulino

anno edizione: 1994

pagine: 328

Qual era la situazione della ricerca matematica in Italia all'inizio dell'Ottocento? Chi furono i protagonisti di quella generazione risorgimentale che portò la matematica italiana ad affermarsi alla fine del secolo su posizioni di riconosciuta avanguardia in Europa? Quali erano i centri e i gruppi di ricerca? Quali i campi di indagine, le teorie e i metodi della scuola italiana? Quale fu l'esito delle battaglie che impegnarono i matematici sul terreno culturale e filosofico? Sono alcuni degli interrogativi affrontati nelle pagine di questo volume, dove le "immagini" della matematica consentono di tratteggiare, secondo una prospettiva inedita, un capitolo di storia politica e culturale del nostro paese.
24,79

La serva padrona. Fascino e potere della matematica

di Edoardo Boncinelli, Umberto Bottazzini

Libro

editore: Cortina Raffaello

anno edizione: 2000

pagine: 220

Che cos'è la matematica? Qual è la natura dei numeri e delle figure geometriche? Perché è così potente da permettere l'invio di un carrello su Marte e così elegante da suscitare una sorta di piacere estetico? Nessuno oggi ne contesta l'efficacia, ma scienziati e filosofi continuano a disputare sulle ragioni di un tale successo. Un matematico con la passione della storia e un fisico passato alla biologia sperimentale ne discutono, in questo volume, mettendo a confronto i diversi punti di vista.
19,00

Il flauto di Hilbert. Storia della matematica

di Umberto Bottazzini

Libro: Copertina morbida

editore: UTET

anno edizione: 2007

pagine: 463

Il matematico tedesco Hermann Weyl, allievo di David Hilbert e affascinato dalle sue lezioni sul concetto di numero, non esitò a paragonare il maestro al celebre pifferaio magico della fiaba: con l'irresistibile richiamo del dolce flauto, lo attirava nel profondo fiume della matematica. Un aneddoto che esprime il fascino "estetico" di una disciplina di cui l'autore ripercorre con rigore, chiarezza e competenza la storia più che secolare, dal nuovo calcolo infinitesimale di Leibniz e Newton fino all'età del computer. Come scriveva lo stesso Hilbert, vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento, "nella storia di ogni teoria matematica si possono distinguere chiaramente tre fasi: quella formativa, quella formale e infine quella critica"; e proprio questa definizione suggerisce a Umberto Bottazzini la chiave interpretativa storica che dà anche il titolo a questo volume aggiornato e rivisto ampiamente in questa nuova edizione: perché, se la matematica attraversa fasi distinte, questo significa appunto che, in tempi diversi, si guarda a essa con occhi diversi e inoltre che sono mutati il quadro teorico e la prospettiva in cui si colloca ogni teoria. L'autore, ha scritto Ludovico Geymonat, "ha saputo esporre in forma storica precisa non solo le grandi linee dell'articolato sviluppo della matematica dal Seicento a oggi, ma il contenuto tuttora valido dei teoremi via via presi in esame, il metodo con cui vennero dimostrati, e soprattutto il loro significato più profondo".
24,50

Il flauto di Hilbert. Storia della matematica

di Umberto Bottazzini

Libro: Copertina morbida

editore: UTET UNIVERSITA

anno edizione: 2004

pagine: 463

Il matematico tedesco Hentarm Weyl, allievo di David Hilbert è affascinato dalle sue lezioni sul concetto di numero, non esitò a paragonare il maestro al celebre pifferaio magico della fiaba: con l'irresistibile richiamo del dolce flauto, lo attirava nel profondo fiume della matematica. Un aneddoto che esprime il fascino "estetico" di una disciplina di cui l'autore ripercorre la storia più che secolare, dal nuovo calcolo infinitesimale di Leibnìz e Newton fino all'età del computer.
24,50

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.