Il tuo browser non supporta JavaScript!

Altre branche della medicina

Psicoterapia esistenziale

di Irvin D. Yalom

Libro: Copertina morbida

editore: Neri Pozza

anno edizione: 2019

pagine: 638

Nel 1892 Sigmund Freud trattò con successo il caso di una giovane donna che soffriva di difficoltà deambulatorie psicogenetiche e attribuì il buon esito della terapia alla tecnica psicoanalitica della riemersione dei desideri e dei pensieri traumatici. Se si fruga, tuttavia, tra i suoi appunti, come indica Yalom in queste pagine, si scopre agevolmente che Freud fece ricorso a numerose altre attività terapeutiche. Interagì con la famiglia a favore della paziente, aiutò la donna ad affrontare i complessi problemi familiari, e a più riprese la consolò e la rassicurò sui suoi sentimenti di colpa. Si avvalse, insomma, di «aggiunte» che sfuggono alla teoria formale, ingredienti elusivi, difficili da definire e insegnare, così come è difficile definire e insegnare la compassione, l'attenzione, il toccare il paziente a un livello più profondo. Queste «aggiunte» costituiscono il cuore della «psicoterapia esistenziale» esposta in questo volume. Una psicoterapia che, attraverso il suo approccio dinamico, «si focalizza sulle preoccupazioni radicate nell'esistenza dell'individuo». Come il filosofo rivolge il suo pensiero alle questioni della vita e della morte, così anche il terapeuta deve, per Yalom, incoraggiare l'individuo a guardare dentro di sé e a occuparsi della propria situazione esistenziale. Una cura di sé che non può sottrarsi alle quattro preoccupazioni ultime radicate nell'esistenza dell'individuo: la morte, la libertà, l'isolamento e l'assenza di senso. Ciascuno di noi brama l'idea del perdurare, dell'avere fondamento, della comunità e del senso; e tuttavia dobbiamo tutti fronteggiare la morte, l'assenza di fondamento, l'isolamento e l'assenza di senso.
20,00

Risonanze della psiche. Il disegno narrativo condiviso

di Gianluigi Passaro

Libro: Copertina morbida

editore: Armando Editore

anno edizione: 2019

pagine: 175

Disegnare e raccontare assieme a un paziente in psicoterapia presuppone uno scambio ricco di ritmi differenti, con musicalità proprie, pause, dissonanze, momenti di sintonia e di co-creatività. Il libro presenta il gioco terapeutico del Disegno Narrativo Condiviso in percorsi clinici con pazienti adulti e sottolinea l'importanza di un'attitudine ludica alla narrazione tanto nella terapia con i bambini quanto nell'incontro con l'adulto. Con un contributo di Stefania Baldassari.
17,00

Il colloquio in psichiatria e psicologia clinica

Libro: Copertina morbida

editore: Giunti Psychometrics

anno edizione: 2019

pagine: 720

Questo libro posiziona il colloquio psichiatrico e psicologico nel contesto degli imponenti e continui progressi che si sono verificati nella psichiatria biologica e descrittiva. La relazione interpersonale tra paziente e clinico ha un ruolo sempre più rilevante, l'alleanza terapeutica è diventata un elemento fondamentale e i pazienti, attualmente, sono più informati e desiderano un coinvolgimento attivo nelle decisioni. Il colloquio in psichiatria e psicologia clinica tiene conto di questo rapporto e aiuta il clinico a coltivare la relazione con il paziente in modo da ottenere risultati terapeutici ottimali. Si rivelerà uno strumento utile per i clinici che si occupano di salute mentale, sia esperti sia in formazione, garantendo loro competenze aggiornate e conoscenze all'avanguardia.
90,00

Disconnessi. Come riconnettere i nostri figli digitalmente distratti

di Thomas Kersting

Libro: Copertina morbida

editore: Piano B

anno edizione: 2019

pagine: 139

Li vediamo ovunque - al parco, al ristorante, nelle nostre case, in macchina - bambini e adolescenti connessi ai loro smartphone e disconnessi dal mondo reale che li circonda. Secondo le ultime ricerche, il tredicenne medio trascorre incollato a uno schermo otto ore al giorno, sette giorni su sette. In Italia 8 bambini su 10 tra i tre e i cinque anni sanno già usare i cellulari dei genitori. È solo di pochi giorni fa la direttiva dell'OMS che raccomanda il divieto di smartphone per bambini al di sotto dei due anni di età. Eppure le statistiche di utilizzo sono sempre più allarmanti, e sono sempre più numerosi i bambini e i preadolescenti che si scoprono dipendenti dai dispositivi digitali e dai contenuti che questi veicolano. Disconnessi. Come riconnettere i nostri figli digitalmente distratti, dello psicoterapeuta e scrittore statunitense Tom Kersting, con uno stile chiaro e diretto, esamina e illustra le numerose evidenze scientifiche che collegano l'uso eccessivo di dispositivi digitali a vari problemi di tipo cognitivo e comportamentale: in sostanza, l'utilizzo compulsivo di devices elettronici sta letteralmente trasformando la conformazione della corteccia cerebrale dei nostri ragazzi in modi del tutto imprevisti. Il rischio che stiamo correndo è che un'intera generazione di bambini stia per andare incontro a futuri problemi di perdita di concentrazione e memoria, oltre a seri problemi di tipo relazionale ed emotivo.
10,00

Erotismo e aggressività nei disturbi gravi di personalità

di Otto F. Kernberg

Libro: Copertina morbida

editore: Cortina Raffaello

anno edizione: 2019

pagine: 345

In questo suo ultimo lavoro, Otto Kernberg, tra i più autorevoli psicoanalisti contemporanei, riflette sul contributo della psicoanalisi alla comprensione e al trattamento dei disturbi gravi di personalità. Il volume si articola in una serie di scritti che, in un continuo processo di integrazione tra sapere teorico, esperienza clinica e ricerca empirica, esplorano tematiche rilevanti nella clinica dei pazienti gravi. In particolare, Kernberg analizza il ruolo dell'aggressività e dell'erotismo nei disturbi gravi di personalità, la complessa relazione tra teoria delle relazioni oggettuali e neurobiologia, le modifiche tecniche che consentono di utilizzare efficacemente l'approccio psicoanalitico nel trattamento dei pazienti gravi e il significato profondo di alcune problematiche tipiche di questi pazienti (patologie sessuali e lutti irrisolti).
29,50

Il caso Ellen West

di Ludwig Binswanger

Libro: Copertina morbida

editore: SE

anno edizione: 2019

pagine: 219

"'Avendo io sempre subordinato ogni mia azione alla considerazione se avesse come conseguenza di rendermi magra o grassa, ben presto ogni cosa perse per me il suo vero senso, persino il lavoro'. Ellen, qui, parla anche dell'angoscia, presente all'inizio solo come sottile presentimento, di poter cadere in servitù di una potenza sinistra in grado di distruggere la sua vita, dell'angoscia che ogni sviluppo inferiore cessasse, che ogni divenire e crescere restasse soffocato, perché un'unica idea riempiva tutta la sua anima. La 'coazione' a dover pensare senza tregua al cibo la perseguita come uno spirito maligno, dal quale non ha scampo. Tale coazione fa del suo mondo una caricatura, della sua vita una vana, tormentosa battaglia contro mulini a vento, un inferno. Da quando si è sepolta in se stessa e non riesce più ad amare, tutto si è fatto grigio (senza senso): ogni tendere a uno scopo e il suo compimento sono un cupo, greve incubo del quale ha terrore. È presa in una rete in cui sempre più si aggroviglia e le cui maglie sempre più saldamente le si stringono intorno. Il suo cuore è diaccio, attorno a lei non c'è che solitudine e gelo: 'Se mi vuoi bene, concedimi di morire!'". "Il caso Ellen West", documento sulla vita lacerata e sulla morte di una donna straordinaria, è la più celebre indagine di Ludwig Binswanger (1881-1966), psichiatra di nazionalità svizzera, fondatore dell''analisi esistenziale', che si basa sulle teorie di Husserl e di Heidegger applicate a fini psicoterapeutici.
23,00

Urgenze in psichiatria. Come e quando intervenire

Libro: Copertina morbida

editore: L'Asino d'Oro

anno edizione: 2019

pagine: 134

Può capitare, nella vita di ognuno di noi, di trovarci di fronte al malessere psichico di una persona cara, di un amico, di un compagno di scuola, che si presenta come una vera e propria crisi. E allora sono tante le domande che ci poniamo: sarà il caso di rivolgersi al pronto soccorso? Quali sono i sintomi che devono allarmarci? Cosa possiamo fare di fronte a una situazione di emergenza? A queste e a tante altre domande, il testo risponde con un linguaggio chiaro, ma senza perdere di vista la complessità di un tema dalle molte sfaccettature. Gli autori spiegano cosa si intende per 'urgenza' ed 'emergenza' in psichiatria, quali sono le patologie che più frequentemente nei giovani sono causa di accessi in pronto soccorso; ci guidano al suo interno, anche attraverso l'utilizzo di casi clinici: dalla fase del triage alla visita psichiatrica, fino all'eventuale ricovero in reparto. Nel descrivere le crisi acute più comuni, sottolineano che esse, e una tempestiva visita psichiatrica in urgenza, anziché uno stigma, una condanna, possono diventare determinanti per la cura e la guarigione.
14,00

La follia che è anche in noi

di Eugenio Borgna

Libro: Copertina morbida

editore: Einaudi

anno edizione: 2019

pagine: 130

La fenomenologia ha portato a considerare la psichiatria finalmente non solo come una scienza naturale, ma anche come una scienza umana, che nella cura delle interiorità ferite segue sentieri conoscitivi nutriti di gentilezza e di sensibilità, di etica e di umanità, sondando aree solo apparentemente estranee alla psichiatria, ma a questa vicine nel loro comune retroterra emozionale. Le emozioni ferite entrano a fare parte delle diverse forme di sofferenza psichica, e non solo di quelle depressive. Ma le emozioni accompagnano la nostra vita in ogni sua circostanza, si voglia o non si voglia, quando stiamo male e quando stiamo bene e non solo nelle condizioni di malessere, anche se non sempre ne siamo consapevoli. In questo libro Eugenio Borgna intesse le sue riflessioni su passato, presente e futuro della psichiatria con frammenti della sua vita «rapsodici e serpeggianti, nei quali sono confluite esperienze lontane e vicine nel tempo».
12,00

Il doc Chisciotte. Ovvero: come smetterla di lottare contro i mulini a vento e uscire dal disturbo ossessivo compulsivo

Libro: Copertina morbida

editore: Positive Press

anno edizione: 2019

pagine: 95

Un adolescente subisce un grave lutto: perde la madre, malata di cancro. Eppure aveva pregato per la sua guarigione in ogni modo a lui noto. Gli rimane una ferita che non si rimargina: qualche anno dopo, ormai brillante universitario, mille dubbi si affollano nella sua mente: se avrà fatto male a comportarsi in certi modi, anche quotidiani; se Dio possa essere arrabbiato con lui per qualche motivo; se possa aver commesso qualunque tipo di sbaglio. Con i dubbi iniziano anche i rituali protettivi: controlla e ripassa mentalmente il proprio operato fino allo sfinimento; ripete gesti, pensieri, orazioni obbligandosi a tenere massimamente desta l'attenzione. Più cerca di rassicurarsi, più sorgono nuovi dubbi, via via più subdoli, angoscianti e difficili da tenere sotto controllo. Il ragazzo cade nella patologia mentale grave: si tratta di un Disturbo Ossessivo Compulsivo. Dapprima cerca di contrastarlo con le proprie forze, poi chiede aiuto medico e alla psicoterapia cognitivo comportamentale. Il ragazzo combatte, cade, si rialza, più volte. Oggi è un uomo di successo, sano e professionalmente affermato. La storia di tale percorso è in questo libro, vero e proprio inside out di una vicenda umana di caduta e di risurrezione. Una lettura utile ed istruttiva per chi, come il protagonista, sia vittima di tale disturbo, ma anche per le persone vicine che vogliano saperne di più e per il terapeuta interessato ad una intelligente e raffinata lettura dall'interno di questo complesso fenomeno psichico.
20,00

Anemoni in viaggio. Il modello sistemico integrato. Nuove rotte per una psicoterapia sensibile ai temi della complessità

di Antonio Restori

Libro: Copertina morbida

editore: Alpes Italia

anno edizione: 2019

pagine: 77

"Cosa significa fare psicoterapia nel nostro tempo? Che modelli ereditiamo dal passato? Al di là dei contesti, pubblici o privati, dovremmo poterci chiedere quali modelli di psicoterapia possono sopravvivere ai cambiamenti sociali che ci attraversano. Può essere ancora sostenibile un'idea di modello rigido di psicoterapia, di approccio tecnico, o invece serve maggiore flessibilità, onestà, umiltà, ascolto, umanità, a fronte di un proliferare di tecnicismi taumaturgici e autoreferenziali?" Cosi Mirco Moroni introduce le questioni aperte dall'autore. Anemoni in viaggio sono i petali dei fiori mossi dal vento e che attraversano rotte ignote, capaci di solcare i mari della complessità umana. L'invito dell'autore è di pensare a un nuovo modo di pensare alla psicoterapia, come danza relazionale che si nutre di bellezza e di fascinazione per il genere umano. Propone al lettore esperto e curioso di provare ad allontanarsi dagli sguardi indiscreti delle ingenue e prosaiche scienze psicologiche lineari che stanno, nel tempo, snaturando il potenziale "poietico" e artistico della danza tra logos (parola), psiche (anima), pneuma (respiro) e soma (corpo).
13,00

Complessità e psicoterapia. L'eredità di Boscolo e Cecchin

Libro: Copertina morbida

editore: Cortina Raffaello

anno edizione: 2019

Quale eredità hanno lasciato i fondatori del Centro Milanese di Terapia della Famiglia? Il primo insegnamento di Boscolo e Cecchin è stato l'infedeltà, intesa come irriverenza nei confronti del dogma. È per questo che gli autori dei saggi qui raccolti partono dal solco dei maestri ma guardano all'innovazione. Il secondo insegnamento, conforme al primo, è la ricerca attiva. Se è vero che la persona, con la sua complessità sempre in divenire, non può essere ridotta a un insieme di sintomi, si deve superare il concetto statico di "guarigione", uscire dalle pareti e dalle regole del setting e insistere sulla cura del paziente intrapresa con partecipazione. Attraverso l'esposizione di riflessioni teoriche e nuove pratiche cliniche, in queste pagine prende forma il lavoro compiuto dagli eredi del Milan Approach in contesti di grande attualità: violenza domestica, psicologia dell'emergenza, situazioni di affido, conflitti familiari e della coppia.
27,00

Clinica del trauma nei rifugiati. Un manuale tematico

Libro: Copertina morbida

editore: MIMESIS

anno edizione: 2019

pagine: 355

Questo libro è figlio di una mancanza e dell'unione di alcune risorse e esperienze. Esiste una differente clinica del trauma a partire da diversi contesti, culture e agenti traumatici? Se i campi dell'etnopsichiatria e della psicotraumatologia hanno registrato un notevole sviluppo, manca però nella letteratura italiana un testo che unisca indicazioni sulla clinica post-traumatica in popolazioni culturalmente differenti, con informazioni sulle influenze che gli eterogenei fattori culturali realizzano sui quadri post-traumatici e sulle modificazioni necessarie nel loro trattamento. A queste mancanze tenta di rispondere questo libro che, frutto delle competenze e delle esperienze di vari operatori in differenti contesti con pratiche diversificate, è un manuale tematico centrato sulle difficoltà teoriche e soprattutto pratiche che emergono nell'incontro con persone che per la loro patologia e cultura possono apparire a una distanza smisurata.
28,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.