Libri Archeologia: Novità e Ultime Uscite

Archeologia

Tutankhamon

di Henry James T. G.

Libro: Copertina rigida

editore: White Star

anno edizione: 2022

pagine: 320

Cento anni fa, nel novembre del 1922, dopo mesi di ricerche infruttuose, il giovane archeologo Howard Carter scoprì un tesoro ineguagliabile: il sarcofago dorato di Tutankhamon, che da allora divenne immagine iconica dell'antico Egitto e dei suoi misteri. La storia di questa straordinaria scoperta è raccontata tra le pagine di questo volume di pregio, arricchito da un ricco apparato fotografico, che accompagnerà i lettori alla scoperta dei segreti di un'antichissima e affascinante civiltà attraverso una delle sue figure più significative, quella del leggendario faraone bambino.
40,00

Ostia antica. I luoghi dell'archeologia

di Carlo Pavolini

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2022

pagine: 148

Ostia fu prima un piccolo avamposto militare di Roma alla foce del Tevere (IV secolo a.C.), poi, fra la tarda Repubblica e l'età imperiale, una colonia e un porto fluviale che si sviluppò fino a raggiungere dimensioni ben più ampie, estendendosi sulle due sponde del fiume. Della città il libro illustra, sulla base delle fonti e della ricca documentazione archeologica ed epigrafica, la storia, le istituzioni, i commerci, l'importanza per l'approvvigionamento dell'Urbe, le produzioni, le associazioni di mestiere, l'architettura abitativa, i culti e le relazioni con gli scali di Claudio e di Traiano, dalle origini al declino nella tarda antichità. Vengono inoltre prese in considerazione la storia degli scavi e degli studi, la fortuna del sito nella cultura moderna e contemporanea e la gestione dell'attuale Parco archeologico.
13,00

La cultura villanoviana. All'inizio della storia etrusca

di Gilda Bartoloni

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2022

pagine: 260

Questo libro descrive l'insieme degli elementi culturali che caratterizzano il momento della storia degli Etruschi definito con il termine convenzionale di "cultura villanoviana", l'esperienza forse più rilevante e dinamica dell'Italia protostorica. È il periodo in cui si assiste al fenomeno della trasformazione degli insediamenti umani più semplici - i villaggi - in nuclei più articolati, protourbani, fino alle soglie della formazione della città. Il processo appare svolgersi in concomitanza con lo sviluppo dello sfruttamento delle risorse agricole e minerarie e degli scambi commerciali a medio e lungo raggio. Con la crescita del sistema economico appaiono le prime concentrazioni di ricchezza e di potere e si delineano forme di differenziazione sociale. Un momento storico, dunque, estremamente vitale in cui entrano in gioco rapporti di interscambio quanto mai interessanti con altre popolazioni e, in particolare, con le genti greche stanziatesi sulle coste dell'Italia meridionale e della Sicilia.
15,00

Archeologia africana. Preistoria, storia antica e arte rupestre

di Savino Di Lernia

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2022

pagine: 324

L'Africa vanta il tempo archeologico più profondo, con i primi strumenti in pietra scheggiati risalenti a oltre tre milioni di anni fa. Ma non solo: testimonianze sull'origine di Homo sapiens, la nascita del pensiero simbolico, l'attestazione delle prime forme di produzione alimentare, l'arte rupestre, l'Egitto predinastico, il Sahara dei Garamanti. Il libro, nell'affrontare questi argomenti, apre una finestra su una straordinaria archeologia, ancora poco conosciuta, rimuovendo i pregiudizi su un continente ritenuto diverso e originale e fornendo basi analitiche e spunti di ricerca. Il lettore è guidato in un percorso cronologico che inizia con i primi ominidi, passa attraverso l'evoluzione della nostra specie, l'affermazione dell'allevamento e dell'agricoltura, la nascita delle società complesse e la formazione dello Stato, per concludersi con alcune riflessioni sul ruolo dell'archeologia africana oggi. A una più ampia descrizione delle evidenze culturali africane si affiancano specifici approfondimenti basati sulle ricerche svolte dall'autore in Nord Africa, in particolare nelle regioni centrali del Sahara.
17,00

Fondazioni greche. L'Italia meridionale e la Sicilia (VIII e VII sec. a.C.)

di Pier Giovanni Guzzo

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2022

pagine: 412

Le ricerche archeologiche, le interpretazioni delle fonti letterarie antiche e le indagini archeometriche della seconda metà del XX secolo e del primo decennio del XXI hanno rinnovato profondamente la visione del fenomeno della "colonizzazione" greca in Italia meridionale e in Sicilia. Parallelamente, si sono compiuti significativi progressi nello studio e nella conoscenza delle culture indigene e dei territori in cui i Greci posero i loro nuovi stanziamenti occidentali. In particolare, si è cercato di studiare e di intendere al meglio la dinamica dei rapporti che si sono intrecciati e sviluppati fra i nuovi venuti e coloro che, in maniere diverse, li ricevettero. Il volume esamina le città greche d'Italia meridionale e di Sicilia fondate per volontà delle rispettive madrepatrie entro la fine del VII secolo e introduce il fenomeno storico di questi stanziamenti, con una breve analisi di quanto si conosce delle navigazioni verso Occidente di Greci, Ciprioti e "Fenici" dalla seconda metà del ii millennio, nel quadro del rinnovamento e dell'ampliamento dei dati che la ricerca, archeologica e storico-critica, ha potuto fornire.
19,00

Tutankhamon. La sua tomba e i suoi tesori

di Alberto Siliotti

Libro: Copertina morbida

editore: Nuinui

anno edizione: 2022

pagine: 104

Dimenticato per oltre tremila anni, malgrado un regno durato solo un decennio, Tutankhamon è diventato il più famoso di tutti i faraoni della storia d'Egitto grazie a un favoloso tesoro scoperto grazie all'intuito e alla perseveranza dell'archeologo Howard Carter e al generoso sostegno del suo mecenate Lord Carnarvon. Nella sua tomba, la più piccola della Valle dei Re, furono ritrovati oltre quattromila reperti, splendidi gioielli, amuleti magici, scrigni ricolmi di oggetti preziosi, troni, letti cerimoniali, raffinati vasi d'alabastro, e la sua celeberrima maschera funeraria d'oro massiccio. Ma ci sono ancora molti misteri che avvolgono questo giovane re morto all'età di diciotto anni per cause ancora sconosciute e la sua tomba forse nasconde ancora un ultimo segreto.
19,90

Il tempo in rovina. Baia, scavi, paesaggio, fotografia. Parco archeologico dei Campi Flegrei

Libro: Copertina morbida

editore: Gangemi

anno edizione: 2022

pagine: 144

Catalogo della Mostra aperta a Bacoli, Museo archeologico dei Campi Flegrei nel Castello di Baia da Agosto a Novembre 2022 La mostra "Il Tempo in Rovina" racconta la storia della ricerca archeologica attraverso le immagini, le quali diventano oggetto di una narrazione riguardante la lunga storia degli scavi nell'area flegrea, che affondano le radici già nelle indagini presso il cosiddetto Serapeo di Pozzuoli, con alcune focalizzazioni specifiche sull'evoluzione dei metodi e degli strumenti utilizzati, volti a documentare le ricerche attraverso le immagini. Si tratta di eventi di particolare rilievo che hanno l'intento di valorizzare il patrimonio culturale di un'area che si candida ad essere un altro perno portante dello sviluppo territoriale del Golfo di Napoli. La cultura ed i beni culturali, insieme alla ricerca e alla formazione, devono essere sempre più pensati come elementi essenziali all'interno di un sistema organico ed integrato di obiettivi rilevanti e qualificanti. Essi, infatti, costituiscono uno degli elementi qualificanti dell'offerta regionale, una vocazione antica ma sempre attuale con un dialogo aperto con i soggetti sociali del territorio che occorre potenziare stabilmente. Dall'introduzione di Rosanna Romano, Direttore Generale per le Politiche Culturali e il Turismo della Regione Campania.
25,00

Relitti e commercio romano nel Mediterraneo occidentale in epoca romana. Ediz. multilingue

Libro: Copertina morbida

editore: Quasar

anno edizione: 2022

pagine: 136

Atti della sessione RAC (Roman Archaeology Conference) 12, 2016.
25,00

Atlante degli stampi su sigillata africana. Tipologia, produzione, circolazione.

di Viviana Cardarelli

Libro: Copertina morbida

editore: Quasar

anno edizione: 2022

pagine: 584

«Il lavoro si focalizza sulla sigillata africana decorata a stampo prodotta in Zeugitana e Bizacena (odierne Tunisia e Algeria orientale) tra il IV e il VI secolo. La base documentaria è tratta da un lato dalla revisione critica, con ricerca della documentazione originaria, dei tipi già isolati da Hayes (1972, 1980) e dai redattori dell'Atlante; dall'altro dall'esame dei materiali provenienti dai centri di fabbricazione, dai centri di consumo ubicati nella Diocesi italiciana e dai reperti oggetto di analisi archeometriche. Sono stati anche inclusi alcuni manufatti della collezione Wilhelm, poiché il loro studio rappresenta la sintesi più esaustiva finora edita sugli stampi del principale centro della Bizacena: Sidi Marzouk Tounsi5. Infine, vista la necessità di affinare alcune cronologie, si è deciso di rivolgere l'attenzione anche al carico dei relitti. Pur essendo numerosi i ritrovamenti di sigillata decorata a stampo avvenuti in prossimità dei resti di imbarcazioni, per molti se ne esclude la pertinenza al carico, per altri, viste le condizioni dei giacimenti, si rimane nel campo dell'incertezza. Costituiscono due eccezioni, in tal senso, i relitti del Dramont E (a Saint Raphaël) e di Port Miou (presso Cassis), che trasportavano carichi di sigillata riconducibili alle facies morfologico-decorative di Nabeul e della zona settentrionale del Golfo di Hammamet, e che pertanto sono stati considerati nel lavoro. Nel repertorio sono inseriti anche i giacimenti sottomarini che rientrano nei confini della Diocesi italiciana o che sono già stati trattati da Hayes e sull'Atlante9 pur non essendo, probabilmente, riferibili alla merce trasportata» (Tratto dalla introduzione).
60,00

Nella terra di Pakhet. Carnet de voyage nelle province centrali dell'Alto Egitto. Appunti di trent'anni di esplorazioni

di Maurizio Zulian, Graziano Tavan

Libro: Copertina morbida

editore: Marsilio Arte

anno edizione: 2022

pagine: 576

"Nella terra di Pakhet" non è una guida archeologica tout court né un libro fotografico sull'Egitto, ma è un viaggio, emozionale e scientifico al contempo, alla scoperta di un Egitto "nascosto", lontano dai percorsi turistici, perché sostanzialmente chiuso ai visitatori - e spesso anche agli stessi studiosi -, in quello che gli egittologi chiamano "Medio Egitto", ma che più correttamente è l'Egitto Centrale, dal governatorato di Beni Suef, appena a Sud del Cairo, a quello di Sohag, che finisce ad Abydos. Ad accompagnarci in questo viaggio di scoperta ed esplorazione è Maurizio Zulian, che in trent'anni, come un novello Flaubert, ha girato in lungo e in largo per quei luoghi, visitando anche più volte i siti, raccogliendo sui suoi taccuini una messe di informazioni, archiviando decine di migliaia di fotografie (oggi parte dell'Archivio on line della Fondazione Museo Civico di Rovereto), incontrando direttori di missioni archeologiche da ogni parte del mondo e confrontandosi con loro. Con più di 800 foto inedite e il racconto in prima persona sui 31 siti archeologici più importanti dell'Egitto Centrale, il lettore si immedesima esploratore al fianco di Zulian, entra nelle tombe precluse al pubblico, ammira i vasti paesaggi della valle del Nilo, conosce riti millenari e usi e costumi moderni. Ma "Nella terra di Pakhet" è anche occasione di ricerca e approfondimento, grazie al ricco apparato curato da Graziano Tavan: bibliografia, indici analitici, glossario e tavole cronologiche.
65,00

Vedo cose meravigliose. Come la tomba di Tutankhamon ha plasmato cento anni di storia

di Christina Riggs

Libro: Copertina rigida

editore: Bollati Boringhieri

anno edizione: 2022

pagine: 506

Quando fu scoperta nel 1922 - in un Egitto appena diventato indipendente dall'Impero Britannico - la tomba di Tutankhamon, vecchia di 3300 anni, produsse un'enorme onda d'urto in tutto il mondo. Da un giorno all'altro il nome del «faraone bambino» divenne familiare, dando vita a un'ossessione internazionale che dura ancora oggi. Dalla cultura pop alla politica, dal turismo all'economia della cultura, è impossibile immaginare gli ultimi cento anni senza Tutankhamon. Eppure gran parte della storia del ritrovamento della tomba e delle molte vicende che seguirono rimane sconosciuta. Chi si ricorda che Jacqueline Kennedy fu la prima ad accogliere il giovane faraone in America? Che un revival di Tutankhamon negli anni sessanta ha contribuito a salvare gli antichi templi della Nubia egizia? O che la grande mostra di Tutankhamon al British Museum, nel 1972, rimane il maggior successo di sempre del museo? Ma non tutto ciò che riguarda il «Re Tut» luccica: le esposizioni dei suoi tesori negli anni settanta andavano mano nella mano con gli eccessi del capitalismo e la politica della guerra fredda; i suoi resti sono stati sfruttati in nome della scienza e il racconto della scoperta della sua tomba ha escluso gli archeologi egiziani - che pure ne sono stati protagonisti. Christina Riggs intreccia le avvincenti analisi storiche con i racconti delle vite toccate o, come la sua, cambiate per sempre dall'incontro con Tutankhamon. La storia del giovane faraone che ne emerge è nuova e audace, e ha tanto da dirci sul nostro mondo quanto sul suo. Perché l'archeologia, nello stesso modo di molte altre discipline, non è affatto un sapere neutrale: si alimenta invece delle convinzioni e degli interessi della cultura che l'ha prodotta. La storia del rinvenimento e della notorietà della tomba di Tutankhamon riflette gli squilibri di potere fra gli Stati coinvolti e le tante contraddizioni che ne derivano: ipocrisie e infingimenti, cupidigia e ambizione, nazionalismi e velleità neoimperiali. L'ombra scura celata dietro l'ammaliante splendore della maschera del faraone bambino.
28,00

I pantomimi nelle città dell'Italia romana

di Silvia Evangelisti

Libro: Copertina morbida

editore: Quasar

anno edizione: 2022

pagine: 208

Cap. 1. Il pantomimo a. Origine del nome e della specializzazione b. Le prosopografie dei pantomimi Cap. 2. Il pantomimo nella società romana di età imperiale a. Status giuridico e onomastica b. Infamia e aspetti giuridici legati all'esercizio della professione c. Formazione d. Onori, riconoscimenti e patrimonio e. Esibirsi in Italia f. Cala il sipario: dopo il ritiro dalle scene g. Legami familiari h. Personale subalterno Cap. 3. Prosopografia dei pantomimi attivi in Italia (Catalogo).
15,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.