Il tuo browser non supporta JavaScript!

Architettura

La centrale termoelettrica di Augusta di Giuseppe Samonà, Un monumento alla tecnica

di Laura Sciortino

Libro: Copertina morbida

editore: OFFICINA

anno edizione: 2019

pagine: 239

Opera dell'architetto Giuseppe Samonà e premio In/ Arch Sicilia nel 1961, la Centrale termoelettrica Tifeo è simbolo della storia dell'industrializzazione siciliana di fine anni Cinquanta. La recente dismissione, a distanza di quasi sessant'anni dalla sua apertura, ha stimolato la necessità di voler individuare e delineare quegli elementi identitari originari e quei principi fondativi che potessero permettere di definire tale architettura quale documento emblematico di un'epoca. La dignità, la libertà e l'unicità dell'opera ne compongono il suo carattere monumentale, pregno di un certo sapore classico che sembra accentuarne la sua atemporalità ed eterna solennità. La presente pubblicazione è frutto delle ricerche condotte, all'interno della più ampia tematica del "Restauro del Moderno", nell'elaborazione della tesi di Dottorato in Architettura/Progettazione Architettonica di Palermo, XXVI ciclo, dal titolo «La Centrale termoelettrica di Giuseppe Samonà, 1955-56. Progetto di restauro», Tutor Prof. Emanuele Palazzotto, Co-Tutor Prof. Marcello Panzarella, in accordo con la società ENEL. La ricerca ha permesso di precisare le ragioni per il riconoscimento dell'opera come monumento alla tecnica, per approdare, infine, al progetto di riuso della Centrale di Augusta quale strumento da cui innescare nuovi possibili processi di sviluppo territoriale. L'ampiezza e la complessità delle questioni legate al recupero di un'architettura inserita all'interno di un'area industriale in crisi, ma ancora operante, ha motivato la necessità di assumere il metodo progettuale come mezzo per elaborare un'idea di futuro possibile, il cui criterio operativo fosse comprensivo di metodologie valide in generale nel campo del riuso di edifici industriali dismessi, che pur possono contare su di un contesto ricco di potenzialità, come in questo caso, dal punto di vista archeologico, naturale, infrastrutturale e logistico.
23,00

Tra classico e moderno. Le centrali termoelettriche di Giuseppe Samonà-Between classical and modern. Giuseppe Samonà power plants

di Flavia Zaffora

Libro: Copertina morbida

editore: OFFICINA

anno edizione: 2019

pagine: 239

Il presente volume è l'esito della ricerca di dottorato in Progettazione Architettonica, XXVI ciclo, svolta presso il Dipartimento di Architettura di Palermo tra il 2013 e il 2015, e condotta sotto la guida del professore Andrea Sciascia, sul tema delle centrali termoelettriche progettate da Giuseppe Samonà e dal suo studio nell'ambito del programma di sviluppo elettrico che coinvolse la Sicilia tra la fine degli anni Cinquanta e l'inizio degli anni Sessanta. Il testo si dedica, in particolare, alle centrali realizzate a Termini Imerese, vicino Palermo, demolita nel 2012, e a Trapani, quest'ultima anch'essa parzialmente smantellata: attraverso lo studio e la ricostruzione grafica di tali opere, l'obiettivo era aggiungere un tassello alla comprensione della poetica di uno dei protagonisti della scena architettonica italiana del Novecento, indagandone la formazione di matrice classica in continua dialettica con le istanze moderne. In posizione baricentrica rispetto alla totalità dell'opera del progettista palermitano, le centrali elettriche costituiscono un valido punto di partenza per verificare l'appartenenza, definita "imperfetta", di Samonà al Moderno e il suo equilibrio tra "spirito apollineo» e "spirito dionisiaco" che ne fanno, invece, un architetto dell'Ottocento. Nell'inquadrare le centrali di Samonà in una visione generale della sua produzione nonché nell'ambito dell'architettura elettrica del XX secolo, il volume è arricchito da un apparato di ridisegni delle due centrali, fine e, insieme, strumento di ricerca, con lo scopo di comprenderne analogie e differenze e di preservarne la memoria. Il progetto di architettura sulla centrale di Trapani, con cui si conclude il libro, vuole verificare i principi classici alla base della concezione delle centrali con l'ulteriore intento di inserirsi nel dibattito sui monumenti industriali moderni in Italia e sulla possibilità del loro riuso, in risposta alle esigenze della città contemporanea.
23,00

La Mole Antonelliana. Torino. Meraviglie d'Italia da costruire

di Stefano Trainito

Libro

editore: GRIBAUDO

anno edizione: 2019

pagine: 32

L'Italia è uno dei Paesi più visitati al mondo per il suo patrimonio artistico. La Mole Antonelliana, situata nel cuore di Torino, è uno dei suoi tesori. Scopri le meraviglie di un monumento unico: grazie agli step fotografati, spiegati passo per passo, potrai cimentarti nella costruzione del modellino che riproduce fedelmente l'originale. Inoltre, nel libro troverai informazioni, curiosità e aneddoti sulla storia della Mole. 1 libro + 8 fogli fustellati con 157 elementi per il montaggio del modellino.
16,90

Il duomo di Milano. Meraviglie d'Italia da costruire

di Stefano Trainito

Libro

editore: GRIBAUDO

anno edizione: 2019

pagine: 32

L'italia è uno dei Paesi più visitati al mondo per il suo patrimonio artistico. Il duomo di Milano, situato nel cuore della città, è uno dei suoi tesori. Scopri le meraviglie di un monumento unico: grazie agli step fotografati, spiegati passo per passo, potrai cimentarti nella costruzione del modellino che riproduce fedelmente l'originale. Inoltre, nel libro troverai informazioni, curiosità e aneddoti sulla storia del duomo.
16,90

Il castello estense. Meraviglie d'Italia da costruire

di Stefano Trainito

Libro

editore: GRIBAUDO

anno edizione: 2019

pagine: 32

L'Italia è il Paese con il maggior numero di Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco. Il castello estense, situato nel cuore di Ferrara, è uno di questi tesori. Scopri le meraviglie di un monumento unico: grazie agli step fotografati, spiegati passo per passo, potrai cimentarti nella costruzione del modellino che riproduce fedelmente l'originale. Inoltre, nel libro troverai informazioni, curiosità e aneddoti sulla storia del castello. 1 libro + 12 fogli fustellati con 205 elementi per il montaggio del modellino.
16,90

Il ponte di Rialto. Venezia. Meraviglie d'Italia da costruire

di Stefano Trainito

Libro

editore: GRIBAUDO

anno edizione: 2019

pagine: 32

L'Italia è il Paese con il maggior numero di Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco. Il ponte di Rialto, situato nel cuore di Venezia, è uno di questi tesori. Scopri le meraviglie di un monumento unico: grazie agli step fotografati, spiegati passo per passo, potrai cimentarti nella costruzione del modellino che riproduce fedelmente l'originale. Inoltre, nel libro troverai informazioni, curiosità e aneddoti sulla storia del ponte. 1 libro + 8 fogli fustellati con 148 elementi per il montaggio del modellino.
16,90

La cattedrale di Santa Maria del Fiore. Firenze. Meraviglie d'Italia da costruire

di Stefano Trainito

Libro

editore: GRIBAUDO

anno edizione: 2019

pagine: 32

L'Italia è il Paese con il maggior numero di Patrimoni dell'Umanità dell'Unesco. Santa Maria del Fiore, situata nel centro storico di Firenze, è uno di questi tesori. Scopri le meraviglie di un monumento unico: grazie agli step fotografati, spiegati passo per passo, potrai cimentarti nella costruzione del modellino che riproduce fedelmente l'originale. Inoltre, nel libro troverai informazioni, curiosità e aneddoti sulla storia della cattedrale. 1 libro + 8 fogli fustellati con 107 elementi per il montaggio del modellino.
16,90

San Marco. La basilica di Venezia. Arte, storia, conservazione

Libro: Copertina rigida

editore: Marsilio

anno edizione: 2019

Lo splendore di una basilica sospesa a metà fra Oriente e Occidente che racchiude tesori inestimabili di fede e di arte. Il racconto di trent'anni di storia, restauri e rilievi attraverso le voci di oltre 60 esperti che hanno studiato la basilica di San Marco. Un volume definitivo e necessario che offre spunto per aspetti ancora non indagati e rivede temi e dubbi che sembravano ormai risolti. Le fotografie a piena pagina offro la possibilità per il lettore di inoltrarsi negli angoli più segreti della basilica. Saggi rigorosi e gradevoli alla lettura, scritti dai massimi studiosi della basilica con uno stile chiaro e comprensibile, ma ineccepibile dal punto di vista storico e scientifico, fotografie a colori e in bianco e nero, queste sono gli elementi che rendono questo volume adatto a un vasto pubblico e non solo agli studiosi. I risultati dei rilievi e dei restauri propongono nuove interpretazioni e nuovi studi su angoli nascosti della basilica, su capolavori da sempre sotto gli occhi di tutti, ma di cui poco si sapeva. La basilica di san Marco a Venezia è un concentrato di storia, arte e fede che da oltre mille anni attira milioni di visitatori spinti dalla devozione, dal desiderio di conoscere, dalla ricerca delle origini di un processo storico e religioso che appartiene a tutti noi.
270,00

Maximilian I. und seine Bilderburg Runkelstein

Libro: Copertina rigida

editore: Athesia

anno edizione: 2019

pagine: 312

Il 4 novembre 1501 l'imperatore Massimiliano visitò Castel Roncolo. Vide gli splendidi affreschi di eroi e avventure cavalleresche, nonché i personaggi storici e leggendari nelle triadi della Casa d'Estate, dipinti oltre un secolo prima su commissione della famiglia bolzanina dei Vintler: le figure di Re Artù, Goffredo di Buglione, Carlo Magno, Giulio Cesare o Teodorico da Verona per l'imperatore non erano solo modelli leggendari da seguire, ma personaggi che in un certo senso poteva anche annoverare tra i suoi antenati. Le loro immagini, viste nel Maniero illustrato, hanno profondamente influito sulla cultura memoriale di Massimiliano e sono state modello di opere artistiche e letterarie commissionate dall'imperatore, non per ultimo del suo monumento funebre a Innsbruck vegliato dalle figure bronzee degli eroi e antenati che Massimiliano incontrò anche a Roncolo. Edizione in lingua tedesca.
34,00

Massimiliano I e il suo maniero illustrato Roncolo

Libro: Copertina rigida

editore: Athesia

anno edizione: 2019

pagine: 288

Il 4 novembre 1501 l'imperatore Massimiliano visitò Castel Roncolo. Vide gli splendidi affreschi di eroi e avventure cavalleresche, nonché i personaggi storici e leggendari nelle triadi della Casa d'Estate, dipinti oltre un secolo prima su commissione della famiglia bolzanina dei Vintler: le figure di Re Artù, Goffredo di Buglione, Carlo Magno, Giulio Cesare o Teodorico da Verona per l'imperatore non erano solo modelli leggendari da seguire, ma personaggi che in un certo senso poteva anche annoverare tra i suoi antenati. Le loro immagini, viste nel Maniero illustrato, hanno profondamente influito sulla cultura memoriale di Massimiliano e sono state modello di opere artistiche e letterarie commissionate dall'imperatore, non per ultimo del suo monumento funebre a Innsbruck vegliato dalle figure bronzee degli eroi e antenati che Massimiliano incontrò anche a Roncolo.
34,00

Architettura dello sport. Progettazione costruzione gestione delle infrastrutture sportive

Libro

editore: Maggioli Editore

anno edizione: 2019

pagine: 290

La storia delle civiltà e dei luoghi trasmette l'importanza del ruolo che la cultura dello sport e la gestione colta del tempo libero rivestono nella definizione dell'identità dei popoli e delle comunità. Eleggere tali ambiti a beni culturali da condividere e valorizzare, analizzando le dinamiche di trasformazione della città e del territorio a essi connessi, rappresenta azione consapevole, necessaria ed eticamente corretta. Il contesto dell'architettura esibisce sempre più operazioni trasformative e di insediamento delle strutture multi e poli funzionali sportive, aventi un ruolo determinante e strutturale nella configurazione dei tessuti urbani e del paesaggio. L'attivazione di un dibattito teorico, di base e permanente, rappresenta l'atto fondamentale e strategico per la credibilità e professionalità di un settore che comunica con forza l'esigenza di riammodernare e riqualificare i quadri tecnici, dirigenziali e manageriali tramite un rinnovato approccio culturale. Il volume intende promuovere un'azione di sensibilizzazione e promozione volta alla valorizzazione progettuale dell'infrastrutturazione sportiva, in qualità di bene collettivo promotore identitario di senso civico, attraverso l'analisi dei fattori fisici, immateriali e delle figure atte alla gestione della loro ideazione, costruzione e gestione. Nella sfera dell'architettura contemporanea, la progettazione di opere destinate alla pratica sportiva, offre un'opportunità straordinaria di adattamento e rivalutazione dinamica dell'ambiente e dei suoi luoghi paradigmatici. L'infrastruttura sportiva costituisce, altresì, un'importante occasione di sperimentazione architettonica, progettuale e tecnologica: radiografarne l'anima e valorizzarne le potenzialità rappresenta il principale obiettivo del presente lavoro.
18,00

Trentaquattro domande a Francesco Cellini

Libro: Copertina morbida

editore: CLEAN

anno edizione: 2019

pagine: 96

Francesco Cellini (1944) è nato a Roma dove si è laureato in architettura nel 1969. Dal 1987 è stato professore ordinario di Composizione presso la Facoltà di Architettura di Palermo; poi, dal 1994, presso quella dell'Università degli Studi Roma Tre, di cui dal 1997 al 2013 è stato preside e infine professore emerito. Oltre che responsabile di diversi corsi di progettazione e composizione architettonica, è stato docente, poi direttore, del master internazionale di II livello Architettura i Storia I Progetto. Possiede un'ampia produzione scientifica e di ricerca e una lunga attività professionale, svolta prevalentemente in ambito pubblico attraverso incarichi e vincite di numerosi concorsi nazionali e internazionali. È membro e, dal 2017, vicepresidente dell'Accademia di San Luca.
6,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.