Libri Filosofia: Novità e Ultime Uscite

Filosofia

La memoria dell'amore. Sull'imparare le cose che non si possono insegnare

di Giuseppe Ferraro

Libro: Copertina morbida

editore: Chiarelettere

anno edizione: 2022

pagine: 208

La memoria è la stanza dei sentimenti. È fatta di nostalgia e desiderio, procede per salti e voli. Le parole che l'arredano colpiscono e sorprendono con la perentorietà del vissuto di chi porta un'esperienza da condividere. Se non riusciamo a trovare le parole è perché non viviamo i sentimenti, quindi nemmeno li ricordiamo. Una memoria senza ricordi. Non bastano i database che ci fanno ricordare tutto ma non quello che abbiamo sentito dentro, come vissuto. Siamo lontani dal saggio "filosofico" argomentato secondo una sintassi rigida e conosciuta, secondo un sistema di pensiero chiuso. Qui no. Le parole escono fuori dagli schemi e vanno da sole come tante frecce, ognuna delle quali ne contiene molte altre, svelando e rivelando sensi presenti e inattesi. Il testo che le raccoglie può sembrare un cruciverba senza schema, ma nel suo avanzare c'è un metodo rigoroso, che consente di fissare la memoria dell'amore da moltissime angolazioni. "Bisogna restituire l'amore alla vita e la vita all'amore" è l'affermazione più rivoluzionaria che si possa fare. Un libro sovversivo. Diversi sono i riferimenti al carcere, alla scuola, al quotidiano. In nessun altro testo di filosofia la vita entra così tanto dentro le parole e l'amore ci arriva in tutta la sua urgenza. Perché l'amore non si ripete ma ritorna, basta riconoscerlo. Affinché l'altro non sia soltanto un pericolo di contagio, ma un'offerta d'amore da cogliere in tutta la sua bellezza.
15,00

Inni. Testo greco a fronte

di Proclo

Libro: Copertina morbida

editore: La Vita Felice

anno edizione: 2022

pagine: 72

«Cantiamo la stirpe onorata d'Afrogenia e l'origine grande, regale, da cui tutti nacquero gli immortali alati Amori, dei quali alcuni con dardi intellettivi saettano le anime, affinché punte da stimoli sublimanti [di desideri, agognino vedere le sedi d'igneo splendore della madre [...]»
8,00

Colpa e tempo. Un esercizio di matematica esistenziale

di Eugenio Mazzarella

Libro: Copertina morbida

editore: Neri Pozza

anno edizione: 2022

pagine: 112

Colpa e tempo: l'essere esposti alla finitezza, alla fragilità dell'esistenza, al suo carattere mortale, e al sentimento di colpa che si accompagna a questa esposizione, è ciò che costituisce il tema proprio della riflessione contenuta in queste pagine. Per Eugenio Mazzarella, prima del commercio col mondo, prima di nominare le cose, prima di percepire tutto ciò che ci circonda, la scoperta della propria finitezza è ciò che noi conosciamo in anticipo, è la nostra condizione per eccellenza, la condizione umana come esposizione al bene della vita e, a un tempo, alla sua fallibilità e possibilità estrema: il massimo male, la morte, autentica contropartita della vita saputa, della coscienza. Lungi dal paralizzare la nostra esistenza, questa condizione, in cui si schiude per noi il rapporto tra essere e sapere, è il modo in cui noi ci affacciamo all'esistenza, ci costituiamo come esistenti, cominciamo costantemente la nostra vita. Non c'è, infatti, autentico inizio della nostra vita, in cui sentiamo davvero di esistere, che non sia segnato dal nesso indissolubile di colpa e tempo, dalla coscienza della finitezza del nostro essere al mondo.
14,00

Il chierico tradito. Julien Benda fra cultura e politica (1916-1933)

di Davide Cadeddu

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2022

pagine: 288

Ogni volta che si affronta il problema del rapporto tra cultura e politica, Julien Benda rappresenta senz'altro l'autore più menzionato a livello internazionale. Sono celebri tanto la sua requisitoria sul tradimento degli intellettuali (1927), quanto i suoi discorsi alla nazione europea (1933). Eppure, a partire della posizione da lui assunta durante la Grande Guerra, in particolare attraverso la collaborazione con "Le Figaro", si può rilevare nei suoi scritti una forma di nazionalismo culturale, che mostra in modo evidente la natura contraddittoria del suo lascito intellettuale. Le incoerenze di Benda sono state sottolineate da più parti e in vari modi, ma non è stato mai rilevato, proprio rispetto al tema che lo ha reso celebre, come pochi anni dopo la pubblicazione di La Trahison des clercs egli invochi la necessità di seguire ragioni pratiche e politiche, strumentalizzando volutamente il ruolo intellettuale, per una finalità che riteneva degna di essere perseguita: l'edificazione, morale e politica, di una Europa unita. Il volume è arricchito da una raccolta, tanto ponderosa quanto inedita, degli articoli pubblicati da Julien Benda su "Le Figaro" tra il 1916 e il 1920. È nota la rilevanza che questo sodalizio ebbe nella maturazione intellettuale dell'autore, ma la storiografia non gli ha finora rivolto la dovuta attenzione, limitando l'analisi a una rapida considerazione del "divertissement" letterario Billets de Sirius (1925), pubblicato in seguito alla collezione e all'interpolazione di solo un terzo degli articoli originali.
28,00

Pace

di Norberto Bobbio

Libro: Copertina morbida

editore: TRECCANI

anno edizione: 2022

pagine: 96

«Piaccia o non piaccia, ne siamo o no consapevoli, la nostra civiltà, o ciò che noi consideriamo la nostra civiltà, non sarebbe quello che è senza tutte le guerre che hanno contribuito a formarla»: queste disincantate parole di Norberto Bobbio sulla guerra, considerata evento Tragico ma immanente alla storia umana, mostrano come di pace si possa parlare solo a partire dal suo opposto. Da qui prende avvio la riflessione di uno dei massimi filosofi della storia italiana: dalla consapevolezza che quello della pace è sì uno dei grandi problemi dell'umanità, ma non è il problema unico, la cui soluzione possa liberarci da tutti i mali e renderci definitivamente felici. Finché le sue radici affonderanno nel terreno instabile dell'equilibrio del terrore instauratosi dopo l'uso delle armi nucleari,la pace sarà sempre uno stato temporaneo, avverte l'autore: D'altra parte, anche Papa Francesco, con le cui parole si è scelto di aprire questo volume, ci ha ricordato che «la storia è un'infinita serie di trattati di pace smentiti da guerre successive, o dalla metamorfosi di quelle stesse guerre in altri modi o in altri luoghi». Pur tuttavia, «la pace va cercata sempre e comunque».
10,00

Filosofia delle forme simboliche. Volume 3\2

di Ernst Cassirer

Libro: Copertina morbida

editore: Ghibli

anno edizione: 2022

pagine: 369

Lo studio delle strutture fondamentali della conoscenza ha caratterizzato tutta la ricerca teoretica di Cassirer. Nell'imponente opera qui presentata il campo delle sue riflessioni si sposta dal mondo della scienza a quello dell'uomo. In entrambi i casi è fondamentale la funzione del linguaggio che, oltre a essere uno strumento di comunicazione, fa da tramite fra l'ambito delle impressioni e quello dell'oggettivazione. Questo passaggio avviene grazie all'espressione simbolica. Cassirer concepisce anche il mito, il linguaggio, la religione, l'arte come forme simboliche per mezzo delle quali lo spirito dà un senso al reale. Un'opera fondamentale, che, mostrando la moltitudine di possibilità e i limiti della conoscenza e rifiutando ogni forma di dogmatismo acritico, incarna la crisi delle certezze che permea lo spirito del XX secolo.
24,00

Filosofia delle forme simboliche. Volume 3\1

di Ernst Cassirer

Libro: Copertina morbida

editore: Ghibli

anno edizione: 2022

pagine: 371

Lo studio delle strutture fondamentali della conoscenza ha caratterizzato tutta la ricerca teoretica di Cassirer. Nell'imponente opera qui presentata il campo delle sue riflessioni si sposta dal mondo della scienza a quello dell'uomo. In entrambi i casi è fondamentale la funzione del linguaggio che, oltre a essere uno strumento di comunicazione, fa da tramite fra l'ambito delle impressioni e quello dell'oggettivazione. Questo passaggio avviene grazie all'espressione simbolica. Cassirer concepisce anche il mito, il linguaggio, la religione, l'arte come forme simboliche per mezzo delle quali lo spirito dà un senso al reale. Un'opera fondamentale, che, mostrando la moltitudine di possibilità e i limiti della conoscenza e rifiutando ogni forma di dogmatismo acritico, incarna la crisi delle certezze che permea lo spirito del XX secolo.
24,00

Filosofia delle forme simboliche. Volume 2

di Ernst Cassirer

Libro: Copertina morbida

editore: Ghibli

anno edizione: 2022

pagine: 366

Lo studio delle strutture fondamentali della conoscenza ha caratterizzato tutta la ricerca teoretica di Cassirer. Nell'imponente opera qui presentata il campo delle sue riflessioni si sposta dal mondo della scienza a quello dell'uomo. In entrambi i casi è fondamentale la funzione del linguaggio che, oltre a essere uno strumento di comunicazione, fa da tramite fra l'ambito delle impressioni e quello dell'oggettivazione. Questo passaggio avviene grazie all'espressione simbolica. Cassirer concepisce anche il mito, il linguaggio, la religione, l'arte come forme simboliche per mezzo delle quali lo spirito dà un senso al reale. Un'opera fondamentale, che, mostrando la moltitudine di possibilità e i limiti della conoscenza e rifiutando ogni forma di dogmatismo acritico, incarna la crisi delle certezze che permea lo spirito del XX secolo.
24,00

Filosofia delle forme simboliche. Volume 1

di Ernst Cassirer

Libro: Copertina morbida

editore: Ghibli

anno edizione: 2022

pagine: 336

Lo studio delle strutture fondamentali della conoscenza ha caratterizzato tutta la ricerca teoretica di Cassirer. Nell'imponente opera qui presentata il campo delle sue riflessioni si sposta dal mondo della scienza a quello dell'uomo. In entrambi i casi è fondamentale la funzione del linguaggio che, oltre a essere uno strumento di comunicazione, fa da tramite fra l'ambito delle impressioni e quello dell'oggettivazione. Questo passaggio avviene grazie all'espressione simbolica. Cassirer concepisce anche il mito, il linguaggio, la religione, l'arte come forme simboliche per mezzo delle quali lo spirito dà un senso al reale. Un'opera fondamentale, che, mostrando la moltitudine di possibilità e i limiti della conoscenza e rifiutando ogni forma di dogmatismo acritico, incarna la crisi delle certezze che permea lo spirito del XX secolo.
24,00

Filosofia felina. I gatti e il significato dell'esistenza

di John Gray

Libro: Copertina morbida

editore: Rizzoli

anno edizione: 2022

pagine: 204

Gli uomini non possono diventare gatti; eppure, se mettessero da parte il convincimento di essere superiori, forse riuscirebbero a intuire in che modo i felini riescono a vivere così." Animali alteri e intelligenti, i gatti appaiono come depositari di un'antica saggezza che lo scrittore e filosofo John Gray indaga per provare a rispondere alle grandi domande che da sempre si pone la filosofia: qual è il segreto di una vita felice? Come si comporta un uomo giusto? Come si fa ad amare gli altri, e a esserne amati? Secondo l'autore, infatti, i felini possono essere sorprendenti maestri di vita: non conoscono l'ansia e l'angoscia di vivere; gestiscono i complicati rapporti con i loro simili e con gli umani; sanno affrontare con serenità e dignità la morte, propria e altrui. Alternando riflessioni e aneddoti di gatti "esemplari" - dal famoso gatto di Montaigne al felino Meo veterano della guerra in Vietnam, fino alla gatta della scrittrice Colette, Saha - Gray ci guida con passione e divertimento alla scoperta della "filosofia felina" e ci ricorda quanto della condizione umana si possa comprendere più a fondo osservando con occhi diversi da quelli degli uomini.
12,50

Elogio alla follia

di Erasmo da Rotterdam

Libro: Copertina morbida

editore: 2M

anno edizione: 2022

pagine: 110

"L'Elogio della follia" rappresenta un'esaltazione allegorica della figura della follia, rappresentata come dea in vesti di donna. Erasmo da Rotterdam, servendosi delle dolci parole della dea, pone in discussione tutto un mondo e un sistema di vita. Il libro, quindi, è una satira della teologia scolastica, dell'immoralità del clero ed elogio della follia del vero cristiano che impronta la sua vita sulla fede. L'ironia è assai poco velata, prendendosi apertamente gioco di molti concetti e pregiudizi di quel tempo. In tutta la narrazione l'autore afferma che la follia è la vera dominatrice dell'intera civiltà, con le sue leggi e le sue usanze. Una follia che con le sue ali circonda ed abbraccia ogni persona, i laici e gli ecclesiastici, gli umili e i potenti, gli ignoranti e i sapienti. Un testo straordinario ricco di riflessioni lucide e taglienti come lame, nel quale la follia è una divinità che rappresenta tutti gli errori e tutte le debolezze dell'essere umano.
4,90

L'arte della guerra

di Tzu Sun

Libro: Copertina morbida

editore: 2M

anno edizione: 2022

pagine: 68

Composto in Cina ben 500 anni prima della nascita di Cristo, "L'Arte della guerra" è il più antico trattato di strategia militare. Il suo contenuto ha largamente condizionato, nei secoli, la filosofia orientale, e ancora oggi questo testo viene utilizzato, anche nelle scuole di management in tutto il mondo. Sun Tzu, l'autore, non si limita a dare le regole per sconfiggere i nemici sul campo di battaglia, ma insegna a gestire ì conflitti in maniera approfondita e mai devastatrice, perché anche nella nostra vita quotidiana "la miglior battaglia è quella che vinciamo senza combattere". Appassionante e ricco dì contenuti, questo trattato aiuta a crescere e se non ci si lascia influenzare dal pregiudizio del titolo, insegna molte strategie utili a districarsi negli ostacoli e conflitti che ogni giorno sì presentano nella vita dì ognuno.
4,90

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.