Il tuo browser non supporta JavaScript!

Fotografia e fotografi

Sicilia. La buona terra. La natura immutata nel tempo in 100 scatti d'artista. Ediz. italiana e inglese

di Nadia Scanziani

Libro: Copertina morbida

editore: FLACCOVIO DARIO

anno edizione: 2019

pagine: 128

"'Sicilia' è un corpo di lavoro che celebra la campagna siciliana, realizzato con calma contemplazione e con una mentalità capace di vedere il profondo ovunque rivolge lo sguardo." (Grazia Neri)
16,50

Sempre Milan 1899-2019

di Carlo Pellegatti, Umberto Zapelloni

Libro: Copertina morbida

editore: Skira

anno edizione: 2019

pagine: 400

«È il fedele compagno della nostra vita. Lo è stato per i nostri nonni, per i nostri papà, lo sarà per i nostri figli. Così da 120 anni e per gli anni futuri. Sì, Sempre Milan, la squadra delle gioie, delle emozioni, delle vittorie, dei trionfi su tutti i campi del mondo, raccontati in pagine sempre avvolte dall'amore per questi colori, il rosso e il nero. Sì, Sempre Milan, il club dei giocatori che hanno onorato la maglia, degli infiniti campioni che hanno regalato divertimento e spettacolo, degli indimenticabili fuoriclasse che hanno reso leggendaria la sua storia. Sempre Milan dunque, dal giorno della fondazione in una fredda e nebbiosa sera di dicembre fino a questi primi anni del terzo millennio. Un tiro, il pallone entra in rete, i giocatori si abbracciano. Il brivido per un gol del Milan è sempre lo stesso, forte da 120 anni».
55,00

The way out. New york oltre Manhattan. Fuga in sella a una Ducati

di Marco Campelli

Libro: Copertina rigida

editore: Skira

anno edizione: 2019

pagine: 155

L'anima di New York viene raccontata in questa storia attraverso i volti e le storie di chi vive la città fuori da Manhattan. Un viaggio metropolitano dai connotati forti e d'impatto, che diventa la figura retorica di un percorso interiore. Ducati Diavel sarà il potente mezzo grazie al quale si realizzerà la fuga di chi decide di rompere le regole e lasciarsi alle spalle schemi di una vita diventata troppo convenzionale per andare alla ricerca di libertà, fisica ma non solo. Il fermento artistico di Bushwick, la vita sotto i ponti del Queens e di Harlem, l'esclusività creativa di Williamsburg e le viste su Manhattan da DUMBO e Long Island, saranno il palcoscenico di un racconto caratterizzato da un taglio fotografico d'impatto reso ancora più intenso dall'aspetto umano dei protagonisti.
35,00

Giocarsi la vita. Storie di detenzione in Cina. Ediz. italiana, inglese e cinese

di Guozheng Niu

Libro: Copertina morbida

editore: Officina Libraria

anno edizione: 2019

pagine: 179

Niu Guozheng è ormai un signore in pensione, nato e vissuto nella regione dello Henan, la più popolosa della Cina, ma a lungo esclusa dallo sviluppo economico delle città costiere. Spinto da un grande e autentico afflato egualitario e da un profondo senso della giustizia, Niu Guozheng per più di trent'anni scelse di testimoniare realtà "impresentabili" del suo paese, certo dell'importanza e del valore della memoria. Impiegato nei ranghi della Pubblica Sicurezza a Pingdingshan, il capoluogo di una zona mineraria molto attiva, entrò presto in contatto con alcune situazioni che il suo senso della giustizia riteneva ingiustificabili. Si dedicò quindi, con un profondo e assai raro senso di responsabilità storica, a registrare le vicende umane all'interno di alcune case mandamentali (in cinese shoushensuo , istituti, ormai quasi tutti dismessi, nei quali sono detenute le persone in attesa di giudizio per reati lievi, oppure condannate a pene fino a un anno), ritenendo che il trattamento riservato ai detenuti non facesse onore al suo paese. La sua attività di poliziotto munito di macchina fotografica, accettato o tollerato dai colleghi e dai detenuti, è durata quasi dieci anni, e deriva dalla convinzione che solo la conoscenza dei fatti possa portare alla soluzione dei problemi. Scegliere questa posizione equivale però a rinunciare alla visibilità, in un paese in cui le notizie che non abbiano un lieto fine non vengono rese pubbliche. Infatti la serie sulle case mandamentali a tutt'oggi non è mai stata pubblicata in Cina ed è stata mostrata solo una volta, per breve tempo, all'Accademia di Belle Arti di Beijing (CAFA). La fine della sua attività di testimone nelle case mandamentali coincide con la chiusura delle stesse perché le loro condizioni sono state riconosciute ai margini della legalità. Le immagini di Niu Guozheng, crude e sconvolgenti in alcuni casi, teneramente poetiche in altri, denotano un occhio che affianca all'intento documentario una qualità estetica molto accentuata che ci rimanda ai classici della fotografia. Il suo anacronismo, dovuto all'isolamento del suo paese in quegli anni, ci fa meglio capire la realtà di un'epoca appena trascorsa che sembra ormai molto lontana.
45,00

Henri Cartier-Bresson. In Cina

di Michel Frizot, Su Ying-lung

Libro: Copertina rigida

editore: Contrasto

anno edizione: 2019

pagine: 287

Questo libro analizza un momento fondamentale nella carriera di Henri Cartier-Bresson: il periodo trascorso in Cina nel 1948-1949. In seguito a una richiesta della rivista Life, infatti, dal dicembre 1948 al settembre 1949 HCB compie il suo primo viaggio in Cina, nell'esatto momento della transizione tra il regime nazionalista di Chiang Kai-shek e il regime comunista di Mao Zedong. Le immagini che realizza, e che si impongono per la straordinaria capacità poetica, testimoniano gli eventi di quei giorni e le consuetudini quotidiane di un tipo di vita ormai sul punto di scomparire. Colpito dal paese e dalla sua cultura, come dai cambiamenti politici che l'avevano segnato. HCB tornerà in Cina nel 1958 per osservare gli effetti del cambiamento politico e la testimonianza di questo secondo soggiorno in qualche modo completa le realizzazioni del primo, per risonanza e per opposizione. L'opera - la cui selezione fotografica è stata realizzata dagli autori, Michel Frizot e Ying-lung Su, in collaborazione con la Fondation HCB - analizza e organizza un corpus fotografico, documentario e storico senza precedenti ed eccezionalmente esteso, grazie al quale si comprende la pratica, le intenzioni e l'audacia di una delle figure più importanti della fotografia, riferimento del fotogiornalismo internazionale.
69,00

Urban photography. Ediz. italiana

di Tim Cornbill

Libro: Copertina morbida

editore: GRIBAUDO

anno edizione: 2019

pagine: 192

L'ambiente urbano offre moltissimi spunti e soggetti, anche nelle città di provincia più piccole o sperdute. Nel tempo che impieghi per percorrere giusto un paio di strade puoi fotografare skyline, persone al lavoro o di passaggio, architettura del passato e del presente, parchi e vita frenetica. Basta sapere dove puntare la fotocamera. Questo libro è un invito a leggere la città dal punto di vista fotografico, grazie a consigli tecnici e ispirazionali. Panorami: i migliori scatti in qualunque città, con qualsiasi condizione atmosferica e a qualsiasi ora del giorno o della notte. Street photography: cattura il momento perfetto nella vita di tutti i giorni. Leggende: impara dai maestri grazie alle immagini evocative contenute nel libro. Fotografa la città di notte con Brassaï, o le persone calate nel loro quotidiano con Martin Parr. Abilità: che tu sia un appassionato o un professionista del settore, perfeziona ogni aspetto: dalle tecniche di composizione all'equipaggiamento ideale.
19,90

Fotografia di moda. Una raccolta completa delle migliori pose fotografiche per aspiranti fotografi e professionisti

di Eliot Siegel

Libro: Copertina rigida

editore: Il Castello

anno edizione: 2019

pagine: 320

Oltre 1000 immagini attentamente selezionate, dalle quali potrete trarre ispirazione, stimolando la vostra creatività. Le pose sono presentate con ambientazioni fotografiche, suggerendo le scelte da preferire o da evitare. Lo schema di illuminazione aiuta nella scelta della posa indicando chiaramente come è stata realizzata la foto. Una varietà di foto scattate utilizzando diversi tipi di rig di illuminazione, di accessori e di ambientazioni, in studio o in particolari location: un libro adatto per applicazioni in campo commerciale e in campo editoriale. Scoprite i segreti che si nascondono dietro al successo dei professionisti e imparate come ottenere i migliori risultati nel vostro lavoro. Inoltre, la sezione tecnica vi fornirà preziose istruzioni sugli angoli di ripresa, sull'illuminazione, sullo styling e altro.
22,00

Monte Rosa e Gressoney

di Vittorio Sella, Domenico Vallino

Libro: Copertina morbida

editore: PRIULI & VERLUCCA

anno edizione: 2019

pagine: 64

«Quando nasce quest'opera, nel 1890, Vittorio Sella è appena tornato dalla sua prima spedizione extraeuropea e già si prepara a partire per la seconda. Affermato fotografo di montagna, in Caucaso aveva scelto di rivolgere l'obbiettivo anche all'elemento umano. Il successo riscosso da quelle immagini stimola Vittorio a fare altrettanto nelle valli di casa e a realizzare, con Domenico Vallino, uomo di cultura dalla spiccata sensibilità etnologica e dotato della stessa sua passione per fotografia e alpinismo, questo lavoro dall'alto valore documentario. In linea con il motto baconiano "Art is man added to nature" gli autori si impegnano, come dichiarano nell'introduzione, a "cogliere l'immagine dell'uomo e delle sue occupazioni" oltre ai magnifici paesaggi che lo circondano. Vogliono lasciarne documento ai posteri in vista delle inevitabili mutazioni che sarebbero sopraggiunte. Pensavano al livellamento culturale che il progresso tecnologico avrebbe determinato su usi e costumi; ma certamente non potevano prevedere l'influenza di altre variabili sull'ambiente naturale, come quella climatica oggi tanto nota e rispetto alla quale le foto di Vittorio sono testimonianza quanto mai preziosa di confronto. Nel corso del 2018 abbiamo seguito la nascita di questo volume anche attraverso l'epistolario tra gli autori e il barone Louis de Peccoz - che ne fu sponsor e dedicatario - e abbiamo raccontato la vicenda in un articolo apparso nel numero 50 della rivista Augusta, di Issime. Questo studio ha confermato il valore e l'attualità dell'album di Sella e Vallino. A centotrent'anni dalla pubblicazione e a quasi quattro decenni dalla prima ristampa, la conoscenza della storia di questi luoghi alpini e delle tradizioni walser si è molto diffusa. Dedichiamo dunque un pensiero grato a quest'opera, insieme alle altre che hanno lasciato il segno, e siamo grati all'editore che sceglie ancora una volta di presentare Monte Rosa & Gressoney al pubblico, a beneficio di tutti coloro che ancora ne vorranno trarre ispirazione e diletto.» (Angelica Sella)
35,00

Paris. Ediz. italiana e inglese

di Michael Wolf

Libro: Copertina rigida

editore: 5 CONTINENTS EDITIONS

anno edizione: 2019

pagine: 76

"Michael Wolf è un essere umano (quasi) come tutti. anche lui guarda. E consegna il suo sguardo alla carta. Come fa nel libro che avete in mano. Ma quello che a lui piace osservare, che preferisce, è ciò che la maggior parte di noi non vede. La vita nelle sue pieghe, la luce fra le righe, l'immagine dietro la superficie, il volto dietro il vetro, la profondità dietro la facciata. " (Jojan-Frédèrik Hel Guedj)
35,00

Walter Breveglieri. Fotografo

di AA.VV.

Libro

editore: Minerva Edizioni (Bologna)

anno edizione: 2019

29,00

This hard land. Sulle strade di Springsteen

di Gino Castaldo, Daria Addabbo

Libro: Copertina rigida

editore: JACA BOOK

anno edizione: 2019

pagine: 269

Bisogna aspettare la notte per sentire la voce di una città che piange. Bisogna aspettare la notte per incontrare un certo tipo di deragliati eroi, per vedere demoni e fantasmi circolare liberamente per le strade. E guarda caso eroi, fantasmi e demoni sono esattamente le creature che più attraggono Springsteen. Basta sfogliare i testi delle sue canzoni, uno dopo l'altro, per scoprire una verità inconfutabile: a dispetto di quell'abbagliante immagine da guerriero di ogni battaglia, da lucifero portatore di luce, la stragrande maggioranza delle sue canzoni è ambientata di notte. Anzi, interi dischi sono ambientati di notte. Dunque la sua arma nascosta è l'ambiguità, l'ingannevole e onirica opacità della notte, perché solo lì può parlare il linguaggio dei sogni, liberare i demoni come animali selvaggi tenuti troppo a lungo in gabbia, è il momento in cui la realtà si fonde e confonde coi suoi simboli, è il momento in cui i fantasmi reclamano al mondo dei vivi il loro diritto di cittadinanza.
50,00

Da 0 a 4810. Viaggio fotografico nelle Alpi

di Luigi Dodi, Cristina Zerbi

Libro: Copertina rigida

editore: Editoriale Domus

anno edizione: 2019

pagine: 165

"Come in un'inevitabile allusione inconscia, quando si pronuncia la parola montagna si sottintendono automaticamente le Alpi. Può sembrare un'esagerazione, ma le Alpi sono le montagne per antonomasia, e racchiudono l'immaginario di ogni altra cima del mondo, come una parte per il tutto. Persino popoli montanari di altri continenti vedono in buona parte le loro vette attraverso lo sguardo formatosi negli ultimi due secoli sulle Alpi. Non a caso 'alpinismo' è un termine universale, usato per le scalate in tutti i continenti. Il Cervino è addirittura la pietra di paragone, il canone estetico al quale accostarsi per avvalorare la bellezza di altri profili di monte: esiste un 'Cervino dell'Himalaya' (lo Shivling); un 'Cervino degli antipodi' (il Fitz Roy). Ma non solo, il toponimo Alpi è stato assegnato ad altre catene: Alpi Scandinave, Alpi Albanesi, Alpi Meridionali (Nuova Zelanda). Nel suo arco, concavo verso sud e lungo 1200 chilometri, il sistema alpino raggruppa i caratteri orogeografici che si trovano su ogni catena della Terra (ed è ciò che si è voluto documentare in queste pagine): lunghi ghiacciai incassati tra le pareti, vaste calotte glaciali, scudi di granito alti quasi mille metri, creste innevate che si distendono per chilometri, altipiani carsici. Ma anche scogliere a picco sul mare, perché dal punto di vista della geografia fisica lo spazio alpino arriva a quota zero. E poi ci sono le Dolomiti, che fanno sempre parte delle Alpi, ma sono uniche nel loro genere. Il presente volume contiene un 'viaggio per immagini' attraverso la catena alpina, da est a ovest. Il viaggio è suddiviso in tre parti distinte, che non corrispondono alla tripartizione Alpi Orientali, Centrali e Occidentali (peraltro superata, risalente al IX Congresso geografico italiano tenutosi a Genova nel 1924, e oggi corretta dalla classificazione Soiusa), ma a un'interpretazione tutta arbitraria di come affrontare un ideale itinerario alpino, seguendo luci, atmosfere, immagini divenute mitiche. La prima parte: il mondo delle rocce sedimentarie e le grandi pareti dei Monti Pallidi, fino al Passo Resia. La seconda parte: le Alpi dell'Engadina e dei Quattromila, dal Bernina al Gran San Bernardo. La terza: dal Grand Combin al Monviso, fino alle Alpi del Mare. Un pulviscolo di differenze, una continua variazione di temi, come se si attraversasse l'insieme di tutte le montagne." (dall'introduzione di Marco Albino Ferrari)
27,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.