Medicina

Le competenze educative e pedagogiche nelle professioni di cura

di Tiziana Lavalle, Laura Tibaldi

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2020

pagine: 134

Il volume presenta approcci pedagogici applicati in sanità attraverso il metodo clinico e l'utilizzo di strumenti per la lettura del contesto sociosanitario. L'introduzione dei settori disciplinari delle medical education e delle medical humanities risponde all'esigenza di una cura che richiede relazioni interprofessionali costruttive e cooperative, accoglienza e competenza nella relazione con il malato. Per fornire supporto agli operatori sanitari e ai caregiver, al fine di promuovere la cultura del paziente/caregiver esperto, il libro presenta strumenti ed esempi di educazione terapeutica rivolti a persone affette da malattie croniche (come diabete, BPCO, asma) o da particolari sintomi (quali il dolore cronico) o utili per fronteggiare condizioni difficili quali la diagnosi di AIDS.
14,00

Piccole vite sospese. La sindrome PANDAS tra evidenze scientifiche e storie personali

di Cinthia Caruso

Libro: Copertina morbida

editore: Carocci

anno edizione: 2020

pagine: 97

Può un tic essere causato da un'infezione da streptococco? Esiste un legame tra disturbi ossessivo-compulsivi manifestati all'improvviso da alcuni bambini e infezioni autoimmuni? La comunità scientifica non ha una posizione condivisa. Il volume non pretende di dare soluzioni a queste domande, ma fornisce alcune testimonianze per guardare questi temi da più vicino. Vicende di bambini normali che da un giorno all'altro si trasformano, di famiglie che combattono contro una sindrome dai contorni indefiniti (la Pandas/Pans) in una società che per varie ragioni non può ancora riconoscerla appieno. Storie di chi ne è uscito e di chi sta ancora lottando, di vite appese, sospese. Questi racconti, rivolti a tutti i protagonisti del sistema di cura, ma anche ai genitori, sono accompagnati da interviste ad alcuni neurologi pediatri che fanno il punto su quello che oggi è realmente noto riguardo a tali patologie, su quello che non lo è e su ciò che la scienza dovrebbe ancora spiegare per poter offrire a coloro che ne sono affetti migliori prospettive di cura che mettano sempre al centro il loro benessere al di là di ogni etichetta diagnostica. Prefazione di Alberto Villani. Premessa di Raffaele Falsaperla.
12,00

Gestione dell'anoressia nervosa grave e di lunga durata. Guida clinica

Libro: Copertina rigida

editore: Positive Press

anno edizione: 2020

pagine: 331

Partendo dall'unico studio controllato randomizzato basato sulle evidenze e allo stesso tempo dagli stessi pazienti che soffrono di anoressia nervosa grave e di lunga durata, il libro usa i risultati di tale studio per proporre un nuovo paradigma per il trattamento. Questa nuova opera informativa ha raccolto gli scienziati più eminenti di vari continenti per fornire una panoramica completa delle loro scoperte e stimola l'interesse nei confronti dello sviluppo di nuovi approcci psicosociali. Studenti, medici e ricercatori scopriranno quanto questo volume sia un'opera di consultazione di grande valore per la gestione dei pazienti che soffrono di anoressia nervosa.
46,00

Selfie. Sentirsi nello sguardo dell'altro

di Giovanni Stanghellini

Libro: Copertina morbida

editore: FELTRINELLI

anno edizione: 2020

pagine: 152

Ogni giorno facciamo esperienza del nostro corpo in modi diversi. Possiamo "sentirlo" propriamente, senza alcuna mediazione: la carne è l'oggetto di questo sentire. Oppure lo "vediamo" dall'esterno, come quando guardiamo la nostra immagine riflessa allo specchio. L'equilibrio fra queste due modalità è la condizione ideale per sentire le nostre emozioni, che ci radicano in noi stessi e nel mondo. È così che si costituisce l'identità. Tuttavia, la nostra è un'epoca in cui il tempo vissuto diventa sempre più frammentato; il nostro universo somiglia sempre più a una sequenza sincopata di eventi isolati. Improvvisamente, spiega Giovanni Stanghellini, la vista è divenuta il senso che meglio degli altri si accorda alla frammentazione del mondo. Con la profondità dello sguardo clinico, Stanghellini esplora una nuova modalità di fare esperienza del corpo: siamo in grado di sentirlo solo quando è oggetto dello sguardo altrui. Il selfie è un sintomo eloquente del nostro tempo. E la sproporzione che il selfie mette in luce è la stessa dalla quale scaturiscono l'anoressia e i disturbi del comportamento alimentare. Sviluppare un rapporto diretto, singolare e necessariamente complesso con il nostro corpo, con la carne, è sempre più difficile. Una guida per riconoscere il rapporto mediato e posticcio con la nostra immagine e ritrovare l'esperienza dell'intimità con noi stessi.
18,00

Obesità e sovrappeso. Un corpo per nascondersi

Libro: Copertina morbida

editore: L'Asino d'Oro

anno edizione: 2020

pagine: 145

L'obesità è ormai un fenomeno epidemico a livello globale e i dati più preoccupanti riguardano proprio le nuove generazioni. In questo testo sono esposte le principali ipotesi formulate per 'spiegare' perché una persona arrivi a fare delle abbuffate o a piluccare tutto il giorno fino a ingrassare a dismisura. È una ribellione alla società che predilige l'apparire anziché l'essere e che equipara la bellezza alla magrezza? L'obeso è una persona poco funzionante, pigra e indolente, come un forte stigma sociale spesso propone? Oppure la causa va cercata nella genetica? Le autrici del volume arrivano alla constatazione che il comportamento alimentare che porta a un sovrappeso è solo la punta dell'iceberg di qualcosa da indagare nel pensiero non cosciente: un'alterazione dell'identità della persona, avvenuta precocemente, di cui spesso l'eccesso ponderale è l'unico sintomo. Un corpo in cui nascondersi, che si è ingigantito non solo per sentirsi meno malati, ma per sentire meno.
14,00

Il secondo cervello. Gli straordinari poteri dell'intestino

di Michael D. Gershon

Libro: Copertina morbida

editore: UTET

anno edizione: 2020

pagine: 378

«Sappiamo che, per quanto il concetto possa apparire inadeguato, il sistema gastroenterico è dotato di un cervello. Lo sgradevole intestino è più intellettuale del cuore e potrebbe avere una capacità "emozionale" superiore. È il solo organo a contenere un sistema nervoso intrinseco in grado di mediare i riflessi in completa assenza di input dal cervello o dal midollo spinale. L'evoluzione ci ha giocato uno scherzetto. [...] Il sistema nervoso enterico è una curiosità, un residuo che abbiamo conservato dal nostro passato evolutivo. Di certo, non pare qualcosa che possa attirare l'interesse di tutti, invece dovrebbe. L'evoluzione è un revisore potente. Le parti del corpo futili o non assolutamente necessarie hanno poche possibilità di farcela a superare le difficoltà della selezione naturale. Tuttavia, un sistema nervoso enterico è stato presente in ciascuno dei nostri predecessori nel corso dei milioni di anni di storia dell'evoluzione che ci separa dal primo animale dotato di spina dorsale. Quindi, il sistema nervoso enterico deve essere più di una reliquia. Il sistema nervoso enterico è, di fatto, un centro di elaborazione dati moderno e pieno di vita, che ci consente di portare a termine alcuni compiti molto importanti e spiacevoli senza alcuno sforzo mentale.». Con e-book scaricabile fino al 30 giugno 2020.
16,00

Elementi di genetica medica

di Maurizio Clementi

Libro

editore: EDISES

anno edizione: 2020

pagine: 208

Il volume presenta in maniera essenziale e concisa gli aspetti fondamentali della genetica medica, illustrando i meccanismi alla base delle malattie genetiche, le loro modalità di trasmissione e le tecniche di indagine per la loro diagnosi.
22,00

Autismo al femminile. Una guida pratica per riconoscere, comprendere e lavorare con bambine e ragazze con autismo lieve e Sindrome di Asperger

di Fiona Fisher Bullivant

Libro

editore: EDRA

anno edizione: 2020

pagine: 168

Darcey non sa gestire l'ansia quando è sopraffatta dagli stimoli sensoriali. È ipersensibile ai rumori, tanto che le voci di una strada affollata possono farla precipitare in una crisi emotiva. Milly non riesce a riconoscere le emozioni in un test sulle espressioni facciali stampato su un foglio di carta. Esther a scuola non interagisce con i coetanei: preferisce rimanere in disparte e guardarli mentre giocano. Spesso si rifugia nel mutismo e volta le spalle all'insegnante. Darcey, Milly ed Esther sono bambine che diventano giovani donne in un mondo che fatica a comprenderle. I loro percorsi si intrecciano in questo testo appassionato e rigoroso che esplora l'autismo lieve e la sindrome di Asperger. L'autrice, partendo dalle scoperte maturate nella concreta esperienza clinica, ha composto un saggio che è anche una narrazione coinvolgente. Il libro offre a terapeuti ed educatori precise indicazioni per lavorare con bambine e ragazze nello Spettro ma non mancano spunti anche per tutti coloro che vogliono comprendere meglio cosa succede nella vita di una donna autistica. Uno dei suggerimenti più preziosi riguarda la necessità di un approccio libero da stereotipi, perché l'unicità di ogni persona non può essere imprigionata in etichette omologanti. Come ci ricorda Darcey, gli Asperger non sono tutti fotocopie di Sheldon Cooper e possono avere talenti diversi da quello per la matematica.
20,00

Il processo di counseling. Metodi e strumenti di lavoro

di Vittorio Soana

Libro: Copertina morbida

editore: SAN PAOLO EDIZIONI

anno edizione: 2020

pagine: 206

Il volume presenta il processo di counseling nella sua struttura e nelle sue fasi: il primo colloquio, che farà cogliere al counselor e al suo cliente come stare nella relazione e come attivare il percorso di crescita e di cambiamento, l'intuizione quale elemento necessario nella relazione, la supervisione, che sarà l'elemento di verifica perché tutto questo processo possa essere compiuto nel rispetto e nella coerenza di una piena unitarietà metodologica. La novità di questo metodo consiste nello strutturare il processo di counseling in quattro fasi all'interno di quattro piani di lavoro così da fornire all'operatore un sistema di riferimento scientificamente valido in ogni momento del suo intervento. Lo scopo qui è quello di fornire ai counselor un aiuto concreto per superare i rischi di genericità e superficialità del loro intervento, per fare una corretta lettura dei dati evitando le interpretazioni fuorvianti, per ottenere una maggior precisione nella dimensione diagnostica e quindi nella definizione dell'intervento possibile e appropriato al caso. Con la Prefazione di Andrea Bobbio.
18,00

La febbre non è una malattia. Il «fuoco» che aiuta a guarire, dalla visione moderna alle medicine tradizionali

di Gianpaolo Giacomini

Libro: Copertina morbida

editore: OM

anno edizione: 2020

pagine: 111

La febbre non è una malattia, è semplicemente una risposta biologica temporanea - che coinvolge sistemi ed apparati in modo "olistico", automaticamente prodotta dal corpo quando esiste un "problema da risolvere", sia esso di natura infettiva, infiammatoria o psico-emotiva. L'aumento di calore corporeo è la risposta più diffusa, innata e frequente in tutto il regno animale, uomo incluso, e comprenderne il profondo significato biologico può aiutare a rimanere sobri e consapevoli di fronte alle paure immotivate da essa generate. Questo testo spiega in modo semplice e alla portata di tutti quale è il vero significato biologico della febbre e perché non dobbiamo averne timore, ma comprensione e "rispetto". È una guida, per chiunque, alla comprensione del ruolo che la risposta febbrile ha nel corpo, aiutando il lettore anche meno esperto a tranquillizzarsi di fronte alle paure che si manifestano di fronte a questo fenomeno biologico.
15,00

Un viaggio difficile. Gli ultimi 15 anni di sanità pubblica tra equità e sostenibilità

Libro: Copertina morbida

editore: VITA E PENSIERO

anno edizione: 2020

pagine: 216

Il volume documenta la storia degli ultimi tre lustri del nostro Servizio Sanitario Nazionale (SSN), affrontando i principali temi trattati attraverso le dinamiche temporali, evidenziando i tratti distintivi, i punti di forza e le criticità, al fine di suggerire possibili linee di sviluppo e alcune raccomandazioni per il futuro della Sanità Pubblica. I contributi testimoniano che la sopravvivenza è andata aumentando nel corso degli anni, ma ciò non è andato di pari passo con il miglioramento delle condizioni patologiche per le quali è forte il ruolo della prevenzione e degli stili di vita. In merito alla dimensione economico-finanziaria, i dati e i confronti internazionali mostrano che il SSN spende meno della media europea ed è riuscito a bloccare la dinamica espansiva della spesa, a contenere la formazione di nuovi disavanzi e a riassorbire quelli accumulati, allineandosi alle disponibilità finanziarie dello Stato. Tuttavia, le riflessioni contenute nelle analisi riguardo al buon andamento dei risultati economici non sono del tutto positive, poiché il rientro dal debito non è andato di pari passo con la garanzia dei Livelli Essenziali di Assistenza. L'invecchiamento della popolazione è un tema delicato richiamato nel volume poiché, da un lato, rappresenta un successo per il SSN, dall'altro, porta con sé il problema dell'aumento delle fragilità. Tale scenario è stato simulato all'interno della Monografia; le stime effettuate prevedono l'incremento delle persone in condizione di non autosufficienza, dei malati cronici e della spesa sanitaria pubblica. Sulla base del quadro prospettato, uno dei suggerimenti più urgenti è quello di un cambio di paradigma per la Sanità Pubblica, non più basato su un'assistenza funzionale all'organizzazione del Sistema, ma su progetti incentrati sul cittadino e sulle sue esigenze di cura, con un'organizzazione che favorisca l'integrazione tra i livelli di assistenza in un processo di tipo circolare.
20,00

Patient-centred care approach. Strategie per la progettazione di un'unità di degenza umanizzata

di Michele Di Sivo, Claudia Balducci

Libro: Copertina morbida

editore: Pisa University Press

anno edizione: 2020

pagine: 180

Il tema dell'umanizzazione delle cure, intesa come attenzione alla persona nella sua totalità, fatta di bisogni organici, psicologici e relazionali, risulta oggi come non mai di grande attualità. Le crescenti acquisizioni in campo tecnologico e scientifico, che permettono oggi di trattare anche patologie una volta incurabili, non possono essere disgiunte nella quotidianità della pratica clinica dalla necessaria consapevolezza dell'importanza degli aspetti relazionali e psicologici dell'assistenza. L'interesse verso una medicina in grado di accompagnare i pazienti e le famiglie lungo il percorso della malattia, umanizzando le cure e sostenendo gli assistiti oltre il routinario approccio al malato e alla sua patologia, è un campo di ricerca sempre più al centro dei piani strategici delle aziende sanitarie, indice di una sanità moderna e in evoluzione. L'evoluzione della medicina con il suo approccio parcellizzato alla malattia e ai singoli organi e all'ospedale come luogo di cura dei malati di ogni categoria sociale si è accompagnata, negli anni, a una costante riflessione sul tema dell'umanizzazione dell'assistenza sanitaria e dei luoghi di cura. Tale riflessione ha sia inteso richiamare l'attenzione di tutti a considerare l'uomo come "centro" delle cure ed allo stesso tempo ha promosso un passaggio dalla medicina "Desease-Centered" a una medicina "Patient-Oriented" producendo una molteplicità di declinazioni del concetto di umanizzazione.
21,00

Iscriviti alla nostra newsletter

Per restare aggiornato sulle novità in uscita, ricevere anteprime, contenuti aggiuntivi e promozioni

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.